Gennaio - Febbraio 2013

COMMERCIO
ELETTRICO
IL BUSINESS MAGAZINE DEI DISTRIBUTORI E GROSSISTI DI MATERIALE ELETTRICO

ANN...
DA PERSONA

CON RELAZIONI
NEL VIRTUALE

A DIFFUSIONE
VIRALE

VISIBILITÀ VIRTUALE
RISULTATI REALI
DAL CONTENUTO AL CONTATTO...
64 Elenco inserzionisti.indd 80

04/02/2013 12:34:08
COMMERCIO
ELETTRICO

16

Lotta ai ritardi nelle transazioni commerciali, revisione della legge

IL BUSINESS MAGAZINE DEI D...
IMPRESE

ANNO 1, N. 4 - FEBBRAIO 2013 e 7,00
ANNO 4, N. 1 - GENNAIO -NOVEMBRE 2010

Brand reputation e brand protection

1...
Konnex Italia:
semplicemente
connesso

Organizzato da Konnex Italia, si è svolto a Milano lo scorso mese di dicembre il tr...
64 Elenco inserzionisti.indd 80

04/02/2013 12:33:23
Vimar:
controllo
totale di Elvox

CEI:
disponibili le Norme
internazionali IEEE

06 Anno 4, N.1

È stato siglato a fine di...
2013_01_29_Pagina_MetelCommunity_formato_CE.pdf 1 30/01/2013 10:16:23

Metel S.r.l.

T. 02.34536118 - metel@metel.it - www...
Gruppo Came:
partner
tecnologico
di Expo 2015

Paolo Menuzzo,
Presidente del Gruppo Came

Solaris:
nuovo
distributore
per ...
ANIE:
nuovo Presidente
del Gruppo UPS

Alberto Sciamè, nuovo Presidente
del Gruppo UPS di AssoAutomazione

www.commercioel...
Schneider Electric:
accordo con Ford
per la ricarica
dei veicoli elettrici

Vortice:
per una
politica
ecologica
innovativa...
Alstom:
nuovi
investimenti
nel Centro
di eccellenza
veneto

www.commercioelettrico.com

Dallo scorso mese di novembre, Bra...
GE Lighting:
restyling
con illuminazione
a LED

Neri:
cambio
di proprietà

Isacco Neri, Amministratore
Delegato della soci...
Claudio Andrea Gemme,
Presidente di Confindustria ANIE

Confindustria ANIE ha apprezzato l’iniziativa del Governo di avvia...
Konica
Minolta:
acquisizione
in Germania

Helvar:
formazione
degli studenti
sulla gestione
della luce

14 Anno 4, N.1

Lo ...
Rittal:
Collaborazione
con il mondo
accademico

www.commercioelettrico.com

Si sono concluse con successo le prime due gio...
Le richieste
della
distribuzione

Lo scorso mese di dicembre è stato
caratterizzato dall’attenzione posta
da Federazione a...
mento previsto dei giorni di incasso da
150 a 30 rischia di mettere ancora più
in crisi gli operatori delle PMI; FME
sugge...
Un momento
di energia
e positività
Da sempre sensibile alle richieste e alle opportunità offerte dal mercato, MEF promuove...
Luca, Daniele, Christian,
Emilio e Leonardo Giaffreda con,
al centro, Vanda Picone Giaffreda

Attenzione alle nuove tecnol...
Condividere
conoscenze
e competenze
specialistiche
Per Gewa Italia, il Consorzio composto da
72 aziende presenti in 17 reg...
videndo obiettivi e strategie, permetterà
di valorizzare il ruolo dell’imprenditore
sul territorio, con la serenità dell’a...
Evoluzione
continua

Lo scorso 20 dicembre, il Gruppo
Megawatt ha tenuto un incontro che
ha visto la partecipazione di olt...
in cui le aziende di distribuzione del
settore che hanno incrementato il proprio giro di affari si contano sulle dita
di u...
Ancora tensione
nei pagamenti
delle imprese
italiane

Prosegue
il deterioramento
delle condizioni
finanziarie
delle aziend...
www.commercioelettrico.com

ECONOMIA

giormente aumentata la presenza di
imprese in grave ritardo e il numero
di società c...
Brand reputation
e brand
protection

Prima che Internet entrasse così prepotentemente nella nostra vita, quando
un cliente...
www.commercioelettrico.com

per questo è solitamente affidata ad
agenzie esterne;
- engagement: fondamentale per un
marchi...
L’efficienza
energetica
nell’impresa
Le imprese italiane patiscono un importante deficit di competitività sui mercati
inte...
www.commercioelettrico.com

Prezzo dell’energia elettrica per clienti industriali in Europa,
con consumi pari a 2 GWh/anno...
Prezzo del gas naturale per clienti industriali in Europa, con consumi pari a 0,25 GWh/anno - Maggio 2012
(Fonte: www.ener...
Presentata da ANIE Energia la pubblicazione: “La Norma CEI EN 62271-200 sui quadri
elettrici in media tensione”. L’informa...
La sicurezza
elettrica
che non c’è
Secondo l’ISTAT, in Italia ci sono circa 28,8
milioni di abitazioni e circa 2,5 milioni...
Come si può risolvere il problema?
Una soluzione a tutto questo esiste già: si
chiama ReStart Autotest di Gewiss, disposit...
La casa di Italo

Primo operatore privato italiano sulla
rete ferroviaria ad alta velocità e primo al
mondo ad utilizzare ...
BTicino ha contribuito alla
realizzazione dell’impianto
elettrico delle Officine NTV,
seguendo i lavori sin dalla fase
del...
Commercio elettrico gennaio febbraio 2013
Commercio elettrico gennaio febbraio 2013
Commercio elettrico gennaio febbraio 2013
Commercio elettrico gennaio febbraio 2013
Commercio elettrico gennaio febbraio 2013
Commercio elettrico gennaio febbraio 2013
Commercio elettrico gennaio febbraio 2013
Commercio elettrico gennaio febbraio 2013
Commercio elettrico gennaio febbraio 2013
Commercio elettrico gennaio febbraio 2013
Commercio elettrico gennaio febbraio 2013
Commercio elettrico gennaio febbraio 2013
Commercio elettrico gennaio febbraio 2013
Commercio elettrico gennaio febbraio 2013
Commercio elettrico gennaio febbraio 2013
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Commercio elettrico gennaio febbraio 2013

1,027

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,027
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Commercio elettrico gennaio febbraio 2013"

  1. 1. Gennaio - Febbraio 2013 COMMERCIO ELETTRICO IL BUSINESS MAGAZINE DEI DISTRIBUTORI E GROSSISTI DI MATERIALE ELETTRICO ANNO 1, N. 4 - FEBBRAIO 2013 e 7,00 ANNO 4, N. 1 - GENNAIO -NOVEMBRE 2010 1 IMPRESE Federazione Le richieste della distribuzione DISTRIBUZIONE Un momento di energia positiva ECONOMIA Ancora tensione nei pagamenti delle aziende COMMERCIO COMMERCIO ELETTRICO ELETTRICO DISTRIBUZIONE Condividere conoscenze e competenze specialistiche IMPRESE La sicurezza che non c’è NORMATIVA Quadri elettrici in media tensione ECONOMIA L’efficienza energetica nell’impresa IMPRESE Brand reputation e brand protection www.commercioelettrico.com DISTRIBUZIONE Evoluzione continua IMPRESE La casa di Italo Poste Italiane Spa - Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27.02.2004, n° 46), articolo 1, comma 1, DCB Milano www.commercioelettrico.com Organo Ufficiale FME
  2. 2. DA PERSONA CON RELAZIONI NEL VIRTUALE A DIFFUSIONE VIRALE VISIBILITÀ VIRTUALE RISULTATI REALI DAL CONTENUTO AL CONTATTO, DAL CONTATTO ALLA RELAZIONE, FINO ALL’INTERAZIONE. Linkness continua a sviluppare nuove strategie di engagement con gli utenti per incrementare la notorietà del tuo brand. • • • • • • Live Twitting Live posting su Facebook e Blog Social PR Realizzazione di redazionali live Creazione di Team di PR specializzati nei settori ricerca Organizzazione eventi con blogger e influencer ESSERE PRESENTI NEL WEB PUÒ ESSERE SEMPLICE. RIUSCIRE A DISTINGUERSI MENO. 64 Elenco inserzionisti.indd 80 AVETE SMESSO DI CERCARE. ORA SARETE SOLO TROVATI. linkness.com 04/02/2013 12:31:40
  3. 3. 64 Elenco inserzionisti.indd 80 04/02/2013 12:34:08
  4. 4. COMMERCIO ELETTRICO 16 Lotta ai ritardi nelle transazioni commerciali, revisione della legge IL BUSINESS MAGAZINE DEI DISTRIBUTORI E GROSSISTI DI MATERIALE ELETTRICO fallimentare, regolamentazione delle assunzioni delle categorie dei è una pubblicazione Edizione Speciale S.r.l. Via Ariberto 8, 20123 Milano Tel 02 581404 – Fax 02 58140444 E-mail: mail@edizionespeciale.it www.commercioelettrico.com REA 1686261 – P.I. 03580420960 Capitale Sociale 100.000,00 euro i.v. Anno 4 N° 1 – Gennaio - Febbraio 2013 € 7 Direttore Responsabile Antonio Bernardi FEDERAZIONE Le richieste della distribuzione lavoratori protetti: la posizione di FME EVENTI 18 Un momento di energia e positività Appuntamento per tutti gli operatori della filiera elettrica alla Direttore Editoriale Maurizio Gambini maurizio.gambini@commercioelettrico.com Stazione Leopolda di Firenze dal 4 al 6 aprile Redazione redazione@commercioelettrico.com DISTRIBUZIONE Comitato Editoriale Antonio Bernardi, Giancarlo Profeti Hanno collaborato Susanna Bernardi, Davide Cini, Gabriele Contini, Roberto Corti, Ilaria Di Napoli, Elisa Pastorino, Massimo Poletti, Guido Romano, Antonio Russo 20 Condividere conoscenze e competenze specialistiche Grafica e DTP Andrea Piomboni Favorire l’evoluzione verso nuove specializzazioni, per distinguersi nel Coordinamento Editoriale Elisa Pastorino mondo della distribuzione Segreteria Amministrativa Paola Pasqualini Ufficio Vendite e Pubblicità tel: +39 02 581404, fax: +39 02 58140444 mail: ufficiovendite@commercioelettrico.com COMMERCIALE: Coordinatore vendite Italia Gabriele Brocca Romanin mail: gabriele.brocca@commercioelettrico.com tel: +39 02 58 14 04 450 Lombardia, Emilia Romagna Alessandro Martinenghi mail: amartinenghi@commercioelettrico.com cell: +39 335 5258146 Triveneto Paolo Simeoni mail: paolo.simeoni@commercioelettrico.com cell: +39 335 7887092, tel: +39 0422 495967 fax: +39 0422 460066 Ufficio abbonamenti Edizione Speciale Srl Tel: 02 581404 abbonamenti@commercioelettrico.com Condizioni di abbonamento Italia annuale: euro 70 Estero zona 1 e 2 annuale: euro 140 Estero zona 3 annuale: euro 200 22 Evoluzione continua Affrontare l’attuale momento di crisi con una strategia di dinamicità e coinvolgimento ECONOMIA 24 Ancora tensione nei pagamenti delle imprese italiane Prosegue il deterioramento delle condizioni finanziarie delle aziende 28 L’efficienza energetica nell’impresa Soluzioni tecnologiche, fattibilità economica e potenziale di mercato Stampa Multigraphic Srl - Arcore (MB) Tutti i diritti sono riservati. Manoscritti, dattiloscritti, disegni, fotografie non saranno restituiti anche se non pubblicati. Nessuna parte di questa pubblicazione può essere riprodotta in alcun modo senza la preventiva autorizzazione dell’editore. L’editore e gli autori non potranno in alcun caso essere responsabili per gli incidenti o conseguenti danni che derivino o siano causati dall’utilizzo improprio delle informazioni contenute. L’IVA è assolta dall’editore ai sensi dell’art. 74 – 1° comma – lettera C del DPR n. 633/72 e successive modifiche. Ai sensi dell’art. 13 D.lgs 196 del 30/06/2003 il destinatario può avere accesso ai suoi dati, chiederne la modifica o la cancellazione come previsto dall’at. 7 del D.lgs 196/2003, oppure opporsi al loro utilizzo scrivendo a Edizione Speciale S.r.l. o telefonando a Edizione Speciale S.r.l. TEL. 02 581404. Numero registrazione presso il Tribunale di Milano: 156 del 31/03/2010 Iscrizione al Registro degli Operatori della Comunicazione N° 11208 - ISSN 0329-3479 34 www.commercioelettrico.com
  5. 5. IMPRESE ANNO 1, N. 4 - FEBBRAIO 2013 e 7,00 ANNO 4, N. 1 - GENNAIO -NOVEMBRE 2010 Brand reputation e brand protection 1 COMMERCIO ELETTRICO Gennaio - Febbraio 2013 26 LA COPERTINA L’importanza di monitorare e salvaguardare IL BUSINESS MAGAZINE DEI DISTRIBUTORI E GROSSISTI DI MATERIALE ELETTRICO IMPRESE la reputazione del marchio in rete Federazione Le richieste della distribuzione diSTriBUzione Un momento di energia positiva La sicurezza elettrica che non c’è diSTriBUzione Condividere conoscenze e competenze specialistiche COMMERCIO COMMERCIO ELETTRICO ELETTRICO 32 eConoMia Ancora tensione nei pagamenti delle aziende Gli interruttori differenziali proteggono le persone, togliendo corrente iMPreSe La sicurezza che non c’è norMaTiVa Quadri elettrici in media tensione in caso di guasto dell’impianto. Pur essendo molto affidabili, questi eConoMia L’efficienza energetica nell’impresa dispositivi non possono garantire una protezione assoluta nel tempo iMPreSe Brand reputation e brand protection diSTriBUzione Evoluzione continua La casa di Italo Un moderno impianto elettrico assicura le funzionalità Poste Italiane Spa - Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27.02.2004, n° 46), articolo 1, comma 1, DCB Milano www.commercioelettrico.com Copertina.indd 2 Organo Ufficiale FME 05/02/2013 16:54:31 Un gioiello nel cuore di Firenze SOMMARIO Ideallux Via Casinghino, 11 27024 Cilavegna (PV) www.ideallux.it del Centro manutenzione dei treni NTV 36 iMPreSe La casa di Italo www.commercioelettrico.com 34 Un luogo per un soggiorno all’insegna della conoscenza e, insieme, dei piaceri 31 18 NORMATIVA Quadri elettrici in media tensione Vantaggi per la sicurezza delle persone, la continuità del servizio elettrico degli impianti e la salvaguardia dell’ambiente 36 31 16 RUBRICHE 4 38 PROPOSTE 46 www.commercioelettrico.com NEWS stampa tecnica Anno 4, N.1 03
  6. 6. Konnex Italia: semplicemente connesso Organizzato da Konnex Italia, si è svolto a Milano lo scorso mese di dicembre il tradizionale evento “KNX DAY 2012: Semplicemente Connesso”, rivolto ad installatori, architetti e studenti che sono stati coinvolti in workshop tematici e avvincenti competizioni. La giornata è stata scandita dal susseguirsi di sessioni parallele, che hanno permesso a tutti i presenti di scegliere il proprio percorso di partecipazione ideale: - formazione KNX: una reale opportunità per approfondire le potenzialità di ETS, il software di configurazione più completo per le installazioni KNX, e delle nuove APPs KNX disponibili; - competition KNX: una gara che ha permesso ai partecipanti di sfidarsi per scoprire chi è il programmatore più veloce; - soluzioni e professionalità KNX, un binomio vincente: un incontro per imparare ad orientarsi tra le innumerevoli soluzioni KNX, come proporle ai clienti, come formulare adeguatamente un’offerta e come affrontare la gestione di un progetto; - il design nel mondo KNX: un workshop dedicato al design nel mondo KNX e all’integrazione della tecnologia nelle soluzioni abitative. Al termine della giornata sono stati assegnati i “KNX awards 2012” per le migliori realizzazioni, premiate in base al numero e tipologia di funzioni KNX implementate, al livello d’integrazione realizzato, al contenimento dei consumi energetici e all’utilizzo di fonti rinnovabili, oltre a sostenibilità, fattibilità e visibilità dell’intervento: 1) miglior progetto per l’efficienza energetica: progetto “Sicilian home automation”, della Randazzo Energy Team; 2) miglior progetto per il sociale: progetto “Una casa per Luca Barisonzi”, della Curti Vitale Impianti Elettrici; 3) miglior progetto per le strutture recettive: progetto “Devero hotel”; della Avant Service; 4) miglior progetto per la Pubblica Amministrazione: progetto “Centro polifunzionale Dambel”, dello Studio Elettra; 5) miglior progetto nazionale KNX: progetto “Cascina Rubattera”, della Bogetti Impianti di Bogetti Giacomo & C. Inoltre, la giuria ha attribuito tre menzioni speciali ad altrettanti progetti che rappresentano casi davvero particolari nel panorama KNX nazionale: - progetto Auditorium “Il castello” de L’Aquila, di Future Domotic Service; - progetto “3E Lab il polo positivo”, della Comoli Ferrari; - progetto “Montain Lodge Tamersc”, della Elektro Ewald. Prosiel: precisazione sui Patti in deroga 04 Anno 4, N.1 Mantenendo la sua posizione, Prosiel ribadisce l’impossibilità di derogare alla vigente legislazione in materia di impianti elettrici per ambienti domestici e alle relative norme tecniche; l’applicazione solo parziale della Norma, da parte dell’installatore, e su richiesta specifica del cliente, compromette la sicurezza dell’impianto. L’interpretazione della nuova 64-8 è conforme a quanto dettato dal legislatore in ragione del quadro giuridico operante in materia. Infatti, la legge (Legge 186/1968 e DM 37/2008) richiede inderogabilmente che gli impianti elettrici debbano essere realizzati e costruiti a regola d’arte. L’installatore ha a disposizione due alternative: applicare la vigente norma tecnica e, in tal caso, beneficiare della presunzione di conformità alla regola dell’arte; oppure, effettuare lui stesso un’analisi dei rischi dell’impianto, documentando puntualmente nella dichiarazione di conformità le soluzioni tecniche individuate e applicate per azzerare tali rischi. La mera opinione relativa alla possibile applicazione parziale delle norme tecniche, distinguendo gli aspetti prestazionali da quelli di sicurezza, sulla base peraltro di una valutazione del tutto soggettiva dell’installatore, non trova riscontro nelle norme tecniche, per le quali sicurezza e prestazioni appaiono strettamente correlate e parte di unico corpo normativo. Ricordiamo che l’impianto deve essere realizzato a regola d’arte e che gli installatori per legge sono i soggetti responsabili della corretta esecuzione degli impianti, senza che sia possibile scaricare le loro responsabilità sui clienti, sulla base di accordi o patti con i clienti medesimi, trattandosi di responsabilità poste a tutela dell’utente finale. www.commercioelettrico.com
  7. 7. 64 Elenco inserzionisti.indd 80 04/02/2013 12:33:23
  8. 8. Vimar: controllo totale di Elvox CEI: disponibili le Norme internazionali IEEE 06 Anno 4, N.1 È stato siglato a fine dicembre l’accordo con il quale Vimar ha acquisito il restante 25 per cento del pacchetto azionario di Elvox, diventando così l’unico azionista dell’azienda padovana. A un anno dalla precedente operazione societaria, con la quale nel dicembre 2011 Vimar aveva portato al 75 per cento la sua partecipazione al pacchetto azionario di Elvox, questa ulteriore acquisizione s’inserisce in un piano di sviluppo strategico che nell’ultimo anno ha visto una sempre maggior integrazione delle due aziende italiane fino ad arrivare alla nascita di Vimar Group. Caratterizzate da una lunga tradizione e da una forte presenza sui mercati di riferimento, basata su un’elevata qualità tecnica dei propri prodotti, un’intensa attività di Ricerca e Sviluppo e una vocazione al Made in Italy, le due realtà possono ora contare su una rete vendita unificata, in grado di proporre al mercato un pacchetto completo e integrato di soluzioni, sia per l’interno, sia per l’esterno dell’edificio, dedicato al settore residenziale e terziario. Il Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI) e l’Institute of Electrical and Electronics Engineers (IEEE) hanno siglato recentemente un accordo che garantisce all’Associazione italiana il diritto di vendere, pubblicizzare e promuovere le Norme internazionali IEEE. L’IEEE ha sede negli Stati Uniti ed è la più grande Associazione di professionisti che esista al mondo dedicata al progresso e all’innovazione tecnologica a sostegno di una migliore qualità della vita delle persone. Pubblica numerose norme tecniche riguardanti i settori delle comunicazioni, dell’elettronica di potenza, dell’elettronica consumer, del software engineering, del DSP e di tutti i settori più direttamente collegati con l’elettronica e l’elettrotecnica. Le sue pubblicazioni costituiscono una delle più qualificate fonti bibliografiche di riferimento per i relativi settori e hanno definito oltre 900 standard industriali, tra questi gli standard IEEE 802.3, Ethernet, e IEEE 802.11, Wi-Fi, conosciuti in tutto il mondo. In virtù della comunione di intenti tra le due Associazioni, è stato siglato questo Accordo che consente al CEI di vendere in Italia le Norme IEEE nei seguenti formati: - individual PDF format, vendita di singole Norme in formato PDF; - individual print format, vendita di copie cartacee di singole Norme; - hardcopy materials, pubblicazioni originali IEEE. www.commercioelettrico.com
  9. 9. 2013_01_29_Pagina_MetelCommunity_formato_CE.pdf 1 30/01/2013 10:16:23 Metel S.r.l. T. 02.34536118 - metel@metel.it - www.metel.it E’ arrivata metelcommunity.it La prima comunità dell’elettrico aperta a tutti: Produttori, Distributori, Gruppi di acquisto, Agenti, Installatori, Liberi professionisti Un punto di riferimento per condividere e scambiare idee. Ottenere e fornire feedback costruttivi sui diversi servizi. Dialogare in totale liberta ed anonimato con tutti i membri della filiera. Non aspettare iscriviti subito www.metelcommunity.it C M Y CM MY CY CMY K 64 Elenco inserzionisti.indd 80 04/02/2013 12:32:54
  10. 10. Gruppo Came: partner tecnologico di Expo 2015 Paolo Menuzzo, Presidente del Gruppo Came Solaris: nuovo distributore per l’Italia di Grässlin 08 Anno 4, N.1 Una nuova azienda entra a far parte della squadra di Expo 2015: il Gruppo Came, che sarà partner tecnologico dell’evento e si occuperà dei servizi di automazione, gestione e controllo degli accessi alla Digital Smart City dell’Esposizione Universale di Milano. Grazie a questa collaborazione, del valore complessivo di 4,7 milioni di euro, per la prima volta in Italia, il Gruppo svilupperà un innovativo modello di controllo accessi modulare per la sorveglianza, il comando, la regolazione e il controllo dei dispositivi di automazione degli ingressi pedonali e veicolari, dei parcheggi del sito espositivo, dei padiglioni e delle altre infrastrutture. Il sistema, curato insieme al suo partner Best Union, si avvarrà delle soluzioni tecnologiche più innovative disponibili nel 2015 per gestire l’ingresso di 24 milioni di persone, con una media di 140.000 visitatori al giorno e picchi di 250.000, collegandosi al servizio di biglietteria e al sistema controllo centralizzato di Expo Milano 2015. Gli accessi perimetrali saranno dotati di 200 tornelli automatici e la fornitura si completerà con l’integrazione di automazioni per cancelli scorrevoli per barriere stradali e dissuasori per la protezione e la selezione delle entrate perimetrali di passaggi carrai. I sistemi hardware e software consentiranno di regolare l’ingresso nei singoli padiglioni e nelle diverse aree sfruttando differenti tecnologie, dalla RFID ai QR code. «Siamo orgogliosi di essere partner tecnologici di Expo 2015», ha dichiarato Paolo Menuzzo, Presidente del Gruppo Came. «Il modello di controllo accessi che realizzeremo per l’evento è una dimostrazione di come Came interpreti la propria evoluzione nel futuro, con prodotti innovativi, frutto di un’intensa attività di ricerca e sviluppo, nati anche dall’interazione e dalla partnership con realtà di eccellenza come Expo 2015 e Best Union. Sono, inoltre, orgoglioso come italiano di lavorare al fianco di eccellenze italiane per sviluppare un progetto di questo calibro, capace di lanciare un segnale positivo in un momento come quello che stiamo vivendo». Marchio conosciuto in Italia da oltre 40 anni, Grässlin progetta, produce e commercializza sul mercato oltre 1.500 prodotti per il controllo della luce e della temperatura. La società tedesca ha recentemente comunicato che dalla fine del mese di gennaio 2013 ha interrotto la collaborazione con Orieme Italia ed ha affidato, con effetto immediato, la distribuzione dei propri prodotti nel nostro Paese a Solaris, società di Milano già operativa nel settore del fotovoltaico, che amplia così le sue attività sul territorio nazionale. Ivan Mervic, Amministratore Unico di Solaris e il suo team commerciale vantano oltre 20 anni di esperienza nel settore elettrico e industriale, in particolar modo nei controlli del tempo e della temperatura e potranno così assistere in modo ottimale la clientela, offrendo il miglior servizio per tutta la gamma dei prodotti Grässlin. www.commercioelettrico.com
  11. 11. ANIE: nuovo Presidente del Gruppo UPS Alberto Sciamè, nuovo Presidente del Gruppo UPS di AssoAutomazione www.commercioelettrico.com Dal 20 dicembre 2012, Cerved Group ha ottenuto da Consob la registrazione come Agenzia di Rating Europea, un’ulteriore attestazione della qualità del processo di valutazione del rischio aziendale offerto dalla società, in particolare nel segmento che riguarda l’elaborazione e il rilascio dei rating pubblici sulle imprese non finanziarie italiane. Il riconoscimento conferma, inoltre, la piena osservanza da parte di Cerved Group degli elevati standard organizzativi e di governance societaria, che garantiscono l’integrità, l’oggettività e la trasparenza del processo di rating. La possibilità di emettere rating validi in tutta l’Unione Europea apre diverse opportunità di crescita, attraverso processi di cooperazione e d’integrazione con le agenzie di rating già registrate in vari Paesi europei, che consentiranno al Gruppo di supportare ancora meglio le banche e le imprese italiane nel mercato unico continentale. NEWS Cerved Group: registrazione come Agenzia di Rating Europea Responsabile Vendite AC Power per il mercato italiano di Emerson Network Power, Alberto Sciamè è il nuovo Presidente del Gruppo UPS, che, all’interno della realtà di AssoAutomazione, Associazione aderente a Federazione ANIE, rappresenta i costruttori di sistemi di continuità attivi in Italia. Dopo le prime esperienze lavorative presso la Compagnia Elettrotecnica Italiana di Milano con mansioni di tecnico di progettazione di apparecchiature in corrente continua e successivamente presso alcune aziende del settore, nel 1985 Sciamè entra in MGE, azienda del gruppo Schneider Electric, dove ricopre incarichi di Product Manager UPS di grossa potenza, Responsabile Marketing UPS e Responsabile Vendite Italia UPS. Dal 2000 ricopre l’attuale incarico. Nel 2011 il mercato domestico degli UPS ha registrato vendite per circa 166 milioni di euro. La ripresa successiva alla crisi del 2009 ha subìto nel corso del 2012 un rallentamento e, anche per un mercato ormai abbastanza consolidato come quello dei gruppi di continuità, si prevede una tendenza in linea con quello degli altri settori industriali. Importante è il ruolo dell’export, che vale circa il 60% del mercato totale delle imprese operanti in Italia. «Sono entusiasta di presiedere il Gruppo UPS di AssoAutomazione, gruppo storico dell’Associazione che rappresenta oltre il 90% del mercato nazionale e che continua a crescere malgrado diverse operazioni di acquisizione e accorpamento tra aziende», ha dichiarato Alberto Sciamè. «Il futuro si prospetta certamente complesso, come per tutti i settori industriali in Italia, ma vi sono alcuni sviluppi legati principalmente ai moderni concetti di Smart Community che vedono la tecnologia dell’UPS centrale rispetto alla crescente esigenza di continuità elettrica legata alla necessità di trasferire, accumulare e rendere sicura una mole sempre maggiore di dati». Anno 4, N.1 09
  12. 12. Schneider Electric: accordo con Ford per la ricarica dei veicoli elettrici Vortice: per una politica ecologica innovativa 10 Anno 4, N.1 Unite le forze di Ford Motor Company e Schneider Electric per offrire una soluzione di ricarica per veicoli elettrici a privati ed aziende in tutta Europa. La collaborazione tra le due società metterà a disposizione degli acquirenti di veicoli elettrici a batteria (BEV) e di veicoli elettrici ibridi plug in (PHEV), compresi i proprietari della nuova Focus Electric, una soluzione di ricarica veloce, affidabile, sicura e conveniente. La stazione di ricarica elettrica EVlink di Schneider Electric è una soluzione conveniente per i clienti di tutti i mercati europei in cui sono in vendita le auto elettriche a batteria e ibride plug in di Ford. È stata sottoposta a test rigorosi, per assicurare il rispetto degli standard di sicurezza europei e di Ford; sarà offerta con installazione standard opzionale con una garanzia di cinque anni con caratteristiche al top del settore e con supporto tecnico in lingua locale, specifico per i diversi Paesi. Ford e Schneider Electric hanno lavorato insieme per ottimizzare le stazioni di ricarica per i veicoli elettrici. I clienti che acquisteranno una Focus Electric, nei Paesi che hanno specifiche di fornitura elettrica compatibili, potranno caricare completamente le batterie in poco più di tre ore. Una ricarica completa della batteria permetterà una autonomia di 162 km, con un’efficienza energetica di 15,9 kWh/100 km, secondo dati recentemente confermati da Ford. Inoltre, le due società offriranno ai proprietari di Focus Electric la possibilità di acquistare la loro energia da partner specializzati in energia green, offrendo energia rinnovabile certificata sulle nuove installazioni. Questo permetterà ai clienti di rendere la loro esperienza di guida a emissioni zero di CO2, massimizzando il vantaggio per l’ambiente della guida in modalità elettrica. Immancabile l’appuntamento di Vortice Elettrosociali al Klimahouse di Bolzano, Fiera dell’efficienza e sostenibilità in edilizia che si è tenuta dal 24 al 27 gennaio scorsi. Presente con uno stand elegante, dove il verde risaltava su slanciate strutture in metallo di colore bianco e su arredi high tech, l’azienda ha colto questo importante appuntamento per esporre la gamma di prodotti della Ventilazione Meccanica Controllata (VMC), che maggiormente rappresentano l’impegno in una politica ecologica innovativa. Ormai da anni, Vortice investe notevoli risorse nella ricerca e sviluppo di tecnologie applicabili a prodotti per abitazioni con un basso impatto ambientale ed energetico e al recupero del calore attraverso impianti di ricambio dell’aria, sia fredda, sia calda. Per garantire un corretto ricambio di aria negli ambienti residenziali senza dispersioni termiche e con un controllo sulla qualità dell’aria, propone i Sistemi di VMC, che possono essere a semplice o a doppio flusso. Fiore all’occhiello della gamma, e posizione di rilievo dedicatagli nello Stand di Klimahouse, sono i recuperatori di calore ad alta efficienza HRI e HRI-E per applicazioni residenziali, progettati appositamente per installazioni orizzontali in contro soffitto, essendo molto sottili, leggeri e silenziosi. A ciò si aggiungono, inoltre, i bassi consumi energetici dell’HRIE, grazie ai motori brushless a controllo elettronico, classificabili come Energy Saving, in grado di adeguare la prestazione erogata alla conformazione dell’impianto e, tramite appositi sensori, alle condizioni ambientali del momento. Nell’ambito del Klimahouse, Vortice ha anche sponsorizzato il Convegno Biocasa Felice. www.commercioelettrico.com
  13. 13. Alstom: nuovi investimenti nel Centro di eccellenza veneto www.commercioelettrico.com Dallo scorso mese di novembre, Brady Italia ha trasferito le proprie attività nella nuova sede di Gorgonzola (MI). «La nostra nuova sede, oltre a darci la possibilità di ottimizzare i processi produttivi, è anche un live showcase dove Brady ha introdotto tutte le ultime innovazioni in termini di sicurezza e identificazione sul posto di lavoro: una show room operativa al 100% dove i clienti possono verificare direttamente i vantaggi dei sistemi di sicurezza e identificazione offerti da Brady nel mondo» ha dichiarato Fabrizio Stango, General Manager di Brady Italia e Sales Director Central/South Europe & Africa. La nuova sede ha aiutato a migliorare l’efficienza di processi produttivi, permettendo una migliore disposizione dei layout produttivi e del flusso materiali, garantendo, inoltre, possibilità di espansione in vista di sviluppi futuri. Brady ha iniziato la sua attività in Italia agli inizi degli anni ’90 con un ufficio commerciale, espandendo poi l’attività di Direct Marketing con il marchio Seton e nel 2006 con l’acquisizione di Modernotecnica. NEWS Brady Italia: nuova sede Inaugurata nello scorso mese di novembre, nel centro di eccellenza di Alstom Grid Italia a Noventa di Piave (VE), la nuova linea di produzione e di collaudo degli interruttori per il mercato italiano e la nuova area espositiva dedicata ai principali prodotti in alta tensione per le sottostazioni isolate in aria. Realizzate con un investimento di circa mezzo milione di euro, le nuove aree renderanno il sito di Noventa di Piave il riferimento in Italia per la produzione delle principali apparecchiature per le sottostazioni isolate in aria, e ne rafforzeranno il ruolo di Centro di eccellenza del Gruppo per i sezionatori in alta tensione, indispensabili per il miglioramento e il potenziamento delle linee di trasmissione elettrica ad alta tensione. Nella nuova area espositiva sarà, infatti, possibile vedere alcune innovazioni che sono oggi alla base dello sviluppo delle Smart Grid. In particolare come, grazie ai nuovi comandi digitali e al collegamento alla stazione di controllo tramite fibra ottica, sia possibile in tempo reale ed in remoto avere tutte le informazioni di funzionamento e di diagnostica predittiva per gli interventi in sottostazione. «La scelta di continuare a investire in Italia non solo nella produzione, ma anche nella ricerca e sviluppo della trasmissione di energia», ha dichiarato Alberto Galantini, Amministratore Delegato di Alstom Grid Italia, «è un chiaro riconoscimento dell’eccellenza italiana in questo settore. Le sedi italiane di Alstom Grid, progettano e producono tecnologie innovative che dall’Italia vengono esportate in tutto il mondo in progetti di primo piano come le Tre Gole, in Cina, o Rio Madeira, in Brasile, la linea elettrica più lunga al mondo». L’investimento conferma la vocazione all’innovazione della sede di Noventa che, da 40 anni, è dotata di una sala prove qualificata dove vengono effettuati test di tipo dielettrico, di riscaldamento e meccanico, sia per sezionatori e morsetteria, sia per interruttori ad alta tensione. Ogni anno Alstom investe a Noventa, in Ricerca e Sviluppo per i sezionatori, il 3% del fatturato della linea di prodotto; le ricerche riguardano: le applicazioni del concetto digitale alle apparecchiature per un controllo remoto ed una diagnosi completa; i trattamenti particolari per migliorare la conduzione di corrente nei contatti dei sezionatori; i nuovi materiali compositi per incrementare le prestazioni meccaniche e di resistenza negli ambienti estremi. Dalla fabbrica di Noventa di Piave, che deve il 90% del fatturato all’export, sono usciti più di 160.000 sezionatori in alta tensione, installati in oltre 130 Paesi e utilizzati in alcuni dei progetti più importanti nel mondo. Il sito di Noventa, inoltre, supporta lo sviluppo e la crescita degli altri 10 stabilimenti Alstom Grid dedicati a questa attività nel mondo. Anno 4, N.1 11
  14. 14. GE Lighting: restyling con illuminazione a LED Neri: cambio di proprietà Isacco Neri, Amministratore Delegato della società Neri 12 Anno 4, N.1 Nuovo look per Skylogic Italia, azienda che si occupa di servizi di comunicazione satellitare a banda larga dedicati alle imprese, alla pubblica amministrazione e ai privati: ha scelto, infatti, la tecnologia LED di GE Lighting per il restyling dell’illuminazione della propria sede operativa di Torino, in cui aveva la necessità di creare un ambiente più accogliente ed esteticamente piacevole, di ridurre i consumi energetici, migliorando nel contempo il comfort visivo, e di diminuire i costi di manutenzione. Il sistema di illuminazione Lumination LED di GE Lighting ha risposto perfettamente alle nuove esigenze e alle specifiche richieste avanzate dall’ingegner Giacomo Castellano, Facility Manager di Skylogic Italia. Il progetto ha previsto la sostituzione di 100 plafoniere tradizionali equipaggiate con tubi fluorescenti lineari da 18 W con 100 soluzioni Lumination LED 60 x 60, distribuite in tutte le aree della sede Skylogic, dalla hall, ai corridoi, agli uffici, alla sala riunioni. Grazie alle caratteristiche di questa nuova ed innovativa tecnologia, è stato possibile ridurre notevolmente i consumi energetici. La potenza utilizzata con l’impianto di illuminazione di vecchia generazione era, infatti, di 9 kW (32.400 kWh in un anno), pari ad una spesa energetica annua di 6.400,00 euro, mentre oggi, grazie all’utilizzo dei nuovi prodotti, la potenza si è ridotta a 5 W (18.000 kWh in un anno), pari ad una spesa di 3.500,00 euro l’anno, con una riduzione dei costi del 40 per cento. Considerando la lunga durata di vita di questo nuovo prodotto (50.000 ore), si stima, inoltre, un risparmio di circa 80.000,00 euro in 13 anni. Presente in oltre 4.000 comuni italiani come a Piazza San Marco, a Venezia, e Piazza dei Miracoli a Pisa, così come in numerosi siti internazionali, Neri è un’azienda italiana che produce sistemi d’illuminazione e soluzioni per l’arredo urbano esterno, con sede a Longiano (FC) e presente con proprie sedi in India (Bangalore), Russia e Paesi CIS (Kiev), Singapore, Nord America (Miami) e Paesi Arabi (Dubai). Precedentemente ceduta al Gruppo Targetti con un’operazione che prevedeva un concambio azionario, Neri torna ora nelle mani della famiglia che l’ha fondata 50 anni fa e che l’ha gestita facendola diventare una realtà di riferimento nel proprio settore. L’accordo concluso prevede nel dettaglio il passaggio immediato del 100% della proprietà delle azioni Neri alla famiglia Neri, che contestualmente rimane azionista del Gruppo Targetti, mantenendone il 22%. La nuova era Neri passa attraverso la realizzazione del Piano Industriale 2013-2015, sviluppato e redatto dal management aziendale, in particolare da Isacco Neri, Amministratore Delegato, e da Erasmo D’Onofrio, Direttore Generale. Pensato per rendere l’azienda sempre più internazionale, il Piano Industriale prevede una crescita del fatturato, oggi pari a circa 30 milioni di euro, attraverso l’espansione nei principali mercati esteri, dagli Stati Uniti, ai Paesi Arabi e orientali. L’estero, infatti, sarà destinato a contribuire per oltre la metà del fatturato complessivo, anche grazie allo sviluppo di nuove linee di prodotto e alla collaborazione con progettisti e lighting designer di tutto il mondo. Come già avvenuto in passato, il successo dei modelli Neri sarà sostenuto, tra l’altro, da un’attenta attività di R&D, per creare prodotti innovativi Made in Italy e di alta gamma, da prestigiose collaborazioni con partner di livello e da progetti di designer di fama internazionale, fra cui Makio Hasuike. www.commercioelettrico.com
  15. 15. Claudio Andrea Gemme, Presidente di Confindustria ANIE Confindustria ANIE ha apprezzato l’iniziativa del Governo di avviare un ampio dibattito pubblico sulla Strategia energetica nazionale, non solo attraverso lo strumento innovativo della consultazione pubblica, ma anche attraverso audizioni tematiche con le associazioni e le parti. «Attesa la complessità di un piano nazionale unitario in tema di energia», ha dichiarato Claudio Andrea Gemme, Presidente di Confindustria ANIE, «peraltro atteso da anni, ANIE ha chiesto di intervenire nei diversi confronti tematici in corso presso il Ministero dello Sviluppo Economico per portare il contributo di centinaia di aziende che a vario titolo operano nel mercato dell’energia e dell’efficienza energetica, sia nel residenziale, sia nelle infrastrutture. La Federazione è già intervenuta recentemente in audizione per la parte del settore fotovoltaico». «Durante l’audizione», ha spiegato Valerio Natalizia, Presidente di GIFI, la voce fotovoltaica di Confindustria, «abbiamo portato all’attenzione del MiSE le proposte, già ampiamente diffuse e condivise con la base associativa, per il rilancio del fotovoltaico oltre gli incentivi e verso la grid parity: mantenimento della priorità di dispacciamento; detrazioni fiscali stabili nel tempo, sgravi fiscali sulle assunzioni; facilitazione dell’accesso al credito per le imprese; definizione dei Sistemi Efficienti di Utenza e delle Reti Interne di Utenza; ampliamento dello Scambio sul Posto; semplificazione delle procedure autorizzative. Al di là delle linee strategiche occorrono, però, interventi decisi e urgenti perché la certezza e la stabilità delle regole servono all’industria per abbassare i costi ed al mercato per riguadagnare la fiducia degli investitori nazionali ed esteri». «Nel dettaglio», ha proseguito Gemme, «auspichiamo innanzi tutto maggiore attenzione sul tema delle reti infrastrutturali che evolvono in un’ottica smart. L’industria italiana, che da tempo lavora al tema delle reti intelligenti ed efficienti, è pronta a fornire tutta la tecnologia necessaria per dare maggiore efficienza al sistema. Le Smart Grid, infatti, sono strutture e procedure fortemente innovative, che oltre a mantenere un elevato livello di sicurezza e affidabilità del sistema, sono in grado di far fronte ai numerosi problemi legati alla generazione diffusa del sistema elettrico e al controllo dei carichi e permettono un maggiore coinvolgimento del cittadino/utente finale nel consumo. Smart Grid significa, infine, infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici e, dunque, e mobility e conseguente diminuzione delle emissioni inquinanti. Aggiungo che l’industria italiana è molto impegnata anche nella ricerca delle migliori soluzioni tecnologiche per i sistemi di accumulo che permetterebbero di integrare nella rete tradizionale l’energia proveniente da fonti rinnovabili». «Su tutte queste tematiche, su cui si gioca la prossima rivoluzione industriale,» ha concluso Gemme, «ANIE è pronta a contribuire con il grande patrimonio delle sue migliori aziende affinché i principi condivisibili enunciati nella Sen si traducano presto in proposte concrete». Comelit Group: inaugurata la rinnovata sede www.commercioelettrico.com NEWS ANIE: contributo ai temi della Strategia energetica nazionale Azienda di riferimento nei settori della videocitofonia, della domotica, dell’antintrusione e della videosorveglianza, Comelit Group ha inaugurato lo scorso 13 dicembre, alla presenza delle Autorità locali e di un nutrito gruppo di distributori, l’elegante, moderna e funzionale nuova sede di San Lorenzo di Rovetta (BG). Comelit nasce nel 1956, quando l’elettronica è agli albori del suo sviluppo e nel corso di mezzo secolo si rende protagonista di una straordinaria evoluzione tecnologica, grazie al costante impegno in ricerca e innovazione e al vincente modello di business sviluppato dai soci fondatori. Da piccola azienda artigianale, si trasforma in un gruppo internazionale, capace di vincere le sfide del mercato globale e, al tempo stesso, di mantenere un legame col territorio tipico di un’azienda locale. Comelit ha mantenuto negli ultimi anni un trend di netta crescita per quanto riguarda sia il fatturato, sia il numero dei dipendenti, sintomo di un rafforzamento continuo della propria posizione nel settore di riferimento e della grande importanza data dall’azienda al proprio capitale umano. Anno 4, N.1 13
  16. 16. Konica Minolta: acquisizione in Germania Helvar: formazione degli studenti sulla gestione della luce 14 Anno 4, N.1 Lo scorso 3 dicembre, Konica Minolta Optics, società che realizza e vende prodotti ottici e strumenti di misura per applicazioni industriali e medicali, ha ufficialmente annunciato di aver acquisito la Instrument Systems (IS), un importante produttore tedesco di strumenti e sistemi per la misura della luce. Nell’aprile 2012, Konica Minolta Group ha riorganizzato i propri comparti di ottica allo scopo di convertirsi da fornitore di parti e componenti a settori industriali limitati come l’elettronica di consumo digitale e i personal computer, in un gruppo di unità di business concentrate sui mercati con potenziali di crescita futuri. Attraverso questa conversione, il Gruppo punta a dotarsi di una struttura produttiva e commerciale più solida, con una redditività maggiore e più stabile. Nel corso degli anni la divisione Industrial Sensing si è affermata come produttore leader nella misura di display e di sorgenti luminose a colori, fornendo prodotti di alta qualità. La società IS ha conquistato un’ottima reputazione in tutto il mondo come fornitore di strumenti di misura della luce quali spettrometri, imaging fotometri e colorimetri ponendosi ai vertici di settore soprattutto nel settore luce, ma anche nei LED, grazie alla propria lungimiranza competitiva nella tecnologia e nelle vendite. Questa acquisizione fornisce a Konica una linea di prodotti ancora più ampia nel campo della misura dei display e contribuisce, inoltre, a farle conservare la sua posizione nel campo della misura complessiva della luce, comprendente non solo la sorgente luminosa LED in rapida crescita, ma anche gli OLED, dotati di un grande potenziale futuro. Inoltre, il gruppo Konica Minolta si aspetta di creare maggiori sinergie tra il comparto commerciale delle sorgenti luminose e quello delle attrezzature e dei componenti per la prossima generazione di luci, compresi appunto gli OLED. Si è svolto a fine ottobre 2012, presso l’Istituto I.I.S. “Fiocchi” di Lecco, il primo corso introduttivo alla programmazione dei Sistemi di controllo per l’illuminazione Dali di Helvar. Il corso, rivolto al corpo docente dell’Istituto Fiocchi, è stato tenuto da personale qualificato dell’azienda. «Durante la giornata di formazione», ha spiegato l’ing. Mario Menicocci, ex studente del Fiocchi e oggi Sales manager di Helvar, «abbiamo illustrato ai docenti e al personale di laboratorio le caratteristiche e il funzionamento dei sistemi prodotti dall’azienda. Questi stessi prodotti verranno in seguito utilizzati dagli studenti per le attività didattiche, sia teoriche, sia pratiche». L’Istituto ha, infatti, introdotto una nuova figura all’interno del Corso quinquennale di Manutenzione ed assistenza tecnica e prevede la formazione di tecnici qualificati in grado di operare nel tessuto produttivo lecchese con competenze inerenti anche alle nuove tecnologie impiantistiche, quali la gestione dei dispositivi illuminanti attraverso il controllo degli stessi con sistemi intelligenti. «Helvar è da sempre sensibile alla diffusione della cultura del risparmio energetico», ha sottolineato il dott. Roberto Rota, Amministratore Delegato di Helvar Italia, «e parlarne direttamente con le giovani generazioni è un’ottima occasione. Per questo abbiamo deciso di donare all’Istituto Fiocchi alcuni componenti elettronici all’avanguardia utilizzati per la realizzazione di sistemi di controllo illuminazione». Grazie ai materiali messi loro a disposizione, studenti e docenti potranno constatare le potenzialità di tali sistemi, effettuare la programmazione di funzioni evolute come la rivelazione presenza, la lettura della luminosità e le programmazioni orarie e avere documentazione tecnica appropriata a supportare la parte teorica del loro apprendimento. Non solo, ma potranno verificarne dal vivo gli effetti, poiché una porzione dell’Istituto è stata aggiornata con nuovi corpi illuminanti, donati da Disano Illuminazione, equipaggiati con componentistica Helvar e gestiti dai sistemi dell’azienda. In questo modo l’illuminazione delle aule/laboratorio si attiverà solo in presenza di persone, l’intensità sarà regolabile in funzione dell’illuminazione esterna e, di conseguenza, il consumo elettrico sarà sensibilmente ridotto rispetto alla situazione attuale, in cui la luce è sempre al massimo e spesso viene dimenticata accesa. Gli studenti della classe 3C realizzeranno praticamente l’impianto con il montaggio dei corpi illuminanti, la posa dei cavi di energia e di controllo (Bus dati) e la programmazione del sistema via software. www.commercioelettrico.com
  17. 17. Rittal: Collaborazione con il mondo accademico www.commercioelettrico.com Si sono concluse con successo le prime due giornate gratuite di formazione dal titolo “Ricarica auto elettrica: dispositivi di ricarica e modalità d’installazione per ambienti pubblici e residenziali”, che si sono svolte il 7 novembre 2012 nella sede di Scame Parre (BG) e il 12 dicembre 2012, presso la sede di Rener a Sansepolcro (AR). Questi corsi sono rivolti alle aziende di installazione ed ai professionisti del settore elettrico con lo scopo di formare un team di installatori specializzati e certificati Scame per il corretto utilizzo dei prodotti Serie Libera per la ricarica dei veicoli elettrici. «Si tratta di un primo passo importante», ha affermato Omar Imberti, Responsabile Marketing Operativo Scame, «verso la creazione di un team di installatori tecnici e professionisti che possano dare valore aggiunto alle soluzioni di ricarica per le auto elettriche, sia in ambito domestico, che probabilmente sarà sempre più rilevante nel prossimo futuro, sia in ambito pubblico e stradale. Considerata la grande richiesta, sono già stati calendarizzati nei prossimi mesi altri appuntamenti nelle principali regioni italiane, proprio per soddisfare le numerose richieste pervenute». Al termine del corso è stato rilasciato un attestato di qualifica ai nuovi installatori certificati New Mobility Team, autorizzati da Scame all’installazione di prodotti della Serie Libera dedicata ai veicoli elettrici. Entrando nel New Mobility Team, l’azienda garantirà ad ogni membro un’assistenza tecnica costante, corsi di aggiornamento e formazione, segnalazione di eventi ed una serie di vantaggi commerciali a 360° su tutto quello che riguarda il mondo Scame. NEWS Scame: New Mobility Team Continua la collaborazione tra Rittal ed il mondo accademico, per promuovere l’aggiornamento e l’informazione dei professionisti attuali e futuri. In quest’ambito s’inserisce la partecipazione dell’azienda al convegno: “Equipaggiamenti elettrici delle macchine: il componente quadro elettrico e le sue prestazioni”, tenutosi lo scorso 8 novembre 2012 presso l’Aula Magna del Politecnico di Torino. Durante la giornata, organizzata dal Politecnico di Torino, sede di Alessandria, e con il patrocinio di Confindustria, si sono alternati sul podio rappresentanti del mondo accademico, come il professor Vito Carrescia, e industriale, grazie ai contributi di Rittal e Firpo. È stata così offerta un’ampia panoramica, che ha analizzato il tema a partire dalla attuale situazione normativa, per continuare con la valutazione dei principali aspetti rilevanti in termini progettuali e concludere con un focus sull’efficienza energetica. Grazie alla sua esperienza, Rittal ha contribuito a questa giornata fornendo contenuti tecnici di rilievo. Edgardo Porta, Direttore Marketing dell’azienda, ha accompagnato i presenti in un’approfondita analisi dei criteri di qualità legati ai quadri a bordo macchina, sottolineando come i sistemi d’automazione debbano necessariamente essere alloggiati in contenitori in grado di garantirne il sicuro e duraturo funzionamento e come su questa condizione basilare siano da determinare i parametri di scelta del tipo di contenitore più adeguato. Luca de Pari, Product Specialist Climate Control e System & Customer Support, ha, invece, approfondito il tema dell’efficienza dei componenti di condizionamento per i quadri bordo macchina, un concetto da non ridurre al semplice ottenimento di un risparmio energetico, ma da considerare nel complesso dell’intero processo che richiede tale componente attivo. In tal senso, una corretta progettazione e valutazione dei parametri di campo è fondamentale per identificare i prodotti più adatti a garantire affidabilità, risparmio energetico e riduzioni di fermo impianto, rendendo possibile un’efficienza che si concretizza, quindi, anche in un maggiore ritorno dell’investimento legato all’apparecchiatura. Anno 4, N.1 15
  18. 18. Le richieste della distribuzione Lo scorso mese di dicembre è stato caratterizzato dall’attenzione posta da Federazione ad alcune tematiche che toccano da vicino la filiera, che si è concretizzata in 3 lettere inviate, a nome di FME e dei suoi Associati, dal Presidente Giampaolo Ferrari alle Autorità competenti, con la richiesta di interventi specifici. Richiesta interventi a fronte D.L. n. 192/2 012 Un primo intervento, rivolto al Ministero dello Sviluppo Economico e al Ministero dell’Economia, si riferisce alla Direttiva 2001/7/UE, relativa alla Giampaolo Ferrari, Presidente di FME 16 Anno 4, N.1 Lotta ai ritardi nelle transazioni commerciali, revisione della legge fallimentare, regolamentazione delle assunzioni delle categorie dei lavoratori protetti: la posizione di FME lotta ai ritardi nelle transazioni commerciali, recepita nella sua integrità attraverso il Decreto Legge n. 192 del 09 novembre 2012, in merito alla quale, pur nella totale condivisione delle sue finalità, si evidenzia la difficoltà dell’applicazione per il settore della distribuzione, legato alla costruzione o al mantenimento delle infrastrutture, dei Termini Legali di pagamento nelle transazioni commerciali tra imprese indicati nel Decreto Legge in un massimo di 60 giorni (salvo approvazione tra le parti) rispetto all’attuale prassi di incassi del settore, che risulta essere per il 2011 superiore a 150 giorni medi. FME evidenzia come per l’anno in corso i giorni di incasso medi stanno aumentando a seguito dell’insolvenza derivata dalla latitanza del sistema bancario nei confronti delle piccole medie imprese, che costringe la categoria ad assumere un ruolo finanziario oggi non più sostenibile. Per questo motivo richiede: 1) un regolamento applicativo su questo Decreto Legge che non si limiti al recepimento della sola Direttiva, ma che operi affinché l’obiettivo della lotta contro i ritardi diventi realtà anche per il nostro Paese; 2) l’introduzione di un regime sanzionatorio, oggi non previsto, che non rimandi ad aspetti civilistici tra le parti da dirimersi nei tribunali e che tenga conto delle condizioni inique. In termini pratici, il drastico abbassa- www.commercioelettrico.com
  19. 19. mento previsto dei giorni di incasso da 150 a 30 rischia di mettere ancora più in crisi gli operatori delle PMI; FME suggerisce, quindi, una gradualità nell’applicazione del provvedimento, con una riduzione di 30 giorni ogni anno. La costituzione di un osservatorio di settore, per il quale si dichiara fin da ora la disponibilità a partecipare, potrebbe rappresentare un valido strumento per monitorare l’applicazione delle soluzioni proposte. www.commercioelettrico.com Si apre, anzi, una vera “breccia” nel sistema del Codice dei Contratti pubblici, rappresentata dalla possibilità, per l’impresa ammessa al concordato, di partecipare a procedure di affidamento in deroga ad uno dei baluardi contenuti all’articolo 38, comma 1, del Codice. Alla luce, quindi, di queste considerazioni FME richiede una revisione del Decreto in oggetto a tutela e garanzia del creditore. FEDERAZIONE Richiesta interventi a fronte del D.L. n. 83/2 012 Stessi mittenti per il secondo intervento che riguarda le modifiche introdotte dal Decreto 83/2012, GU 147, in particolare quelle con riferimento all’articolo 33 riguardante: “la revisione della legge fallimentare per favorire la continuità dell’impresa”. FME comprende che il legislatore abbia inteso favorire un’emersione anticipata dello stato di crisi, incentivando “l’impresa a denunciare per tempo la propria situazione di crisi, piuttosto che quella di assoggettarla a misure esterne che la rilevino”. Altrettanto evidente è l’intento di preservare il valore dell’impresa in crisi, nell’interesse non solo dell’imprenditore, ma anche e principalmente di tutti i creditori. Se ciò appare condivisibile in linea teorica, in linea di fatto ciò consente all’impresa in crisi di sottrarsi legittimamente e senza conseguenze, dall’adempimento delle proprie obbligazioni: nell’attività di recupero crediti, l’estrema “ratio” era data dalla presentazione dell’istanza fallimentare a seguito della quale il debitore, se non era proprio in crisi, trovava i denari per saldare anche solo parzialmente il dovuto e ricapitalizzare l’impresa. A supporto di quanto affermato, FME osserva che, partendo ancora una volta dalla situazione finanziaria sopra indicata, nella quale la categoria e le imprese si sostituiscono al sistema bancario (pur non avendone riconoscimenti di privilegio), si sta portando – attraverso le nuove forme di concordato sancite, ad esempio, dall’introduzione dell’articolo 186 bis (concordato con continuità aziendale) – le imprese “sane” a pagare un prezzo eccessivo, senza che il mercato possa essere “ripulito”. Richiesta misure urgenti a fronte crisi del settore e sospensiva della Legge 68/99 L’ultimo intervento, infine, porta all’attenzione del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali come l’andamento del mercato nel 2012 abbia registrato un calo del 15 per cento, dovuto, tra gli altri fattori, al blocco del fotovoltaico e del mercato delle costruzioni; condizioni queste che non riescono a garantire la continuità e la salvaguardia degli attuali posti di lavoro. A peggiorare il contesto si registrano dinamiche finanziarie derivate dal mancato rispetto dei termini di pagamento, che contribuiscono al clima di incertezza totale. In relazione a ciò FME ha chiesto ai propri Associati ulteriori sacrifici per cercare di salvare i posti di lavoro in essere, ma è indubbio che la normativa 68/99, relativa alla regolamentazione delle assunzioni delle categorie dei lavoratori protetti, crea in momenti di crisi come l’attuale, ulteriori disagi e difficoltà al settore. Per tali motivi FME richiede interventi sospensivi della legge stessa al fine di tutelare le aziende rappresentate. a cura della Redazione Anno 4, N.1 17
  20. 20. Un momento di energia e positività Da sempre sensibile alle richieste e alle opportunità offerte dal mercato, MEF promuove per il mese di aprile una nuova manifestazione, Mostra Elettrotecnica Firenze, che si candida a diventare punto d’incontro tra le aziende produttrici, nazionali e internazionali, e gli operatori del settore elettrotecnico, all’insegna della formazione, dell’innovazione e del design. Un grande evento concentrato in tre giorni, cui sono previsti oltre 10.000 visitatori che potranno conoscere e informarsi sulle offerte di più di 85 aziende espositrici, ospitate in una prestigiosa sede dal grande valore storico ed architettonico, già conosciuta per aver ospitato importanti eventi legati al mondo dell’alta moda. Le fiere locali hanno ormai, in parte, sostituito quelle istituzionali, grazie probabilmente al potere delle relazioni che il distributore ha sul territorio, frutto della copertura capillare attraverso i punti vendita e del presidio della forza vendita. Tutto ciò si traduce nella capacità di attirare l’attenzione di chi a queste fiere deve partecipare. Diventa per i clienti la fiera organizzata dal suo fornitore. Nel centro Italia, inoltre, non esistono iniziative fieristiche di settore; l’ultima risale a Elettro Toscana 2002. MEF ha perciò ritenuto che fosse arrivato il momento di prendersi la responsabilità di organizzare questo importante momento, credendo nella fiera come strumento propositivo di sviluppo e di consolidamento del mercato, un esempio di positività per un’azienda che guarda avanti e che crede nel futuro, con dinamismo e concretezza. La Mostra, il cui ingresso sarà riservato esclusivamente agli operatori del settore previa registrazione sul sito www.mostraelettrotecnicafirenze.it, sarà un’occasione fantastica a livello di visibilità regionale e multiregionale in un momento storico in cui MEF sta investendo fuori Toscana, un ottimo biglietto da visita per il mercato, ma anche un’opportunità per i partner, fornitori e agenzie, che avranno la possibilità di 18 Anno 4, N.1 partecipare ad un evento che richiamerà, nei tre giorni, operatori del settore, installatori, progettisti ed architetti dalla Toscana, dalla Liguria, dall’Umbria e dal Lazio. «L’obiettivo», hanno spiegato gli organizzatori, «è quello di realizzare un’occasione unica sul territorio per creare un polo di attrazione e stimolo per tutto il mercato e un impulso a reagire positivamente alle difficoltà del momento». Con il logo della fiera, infine, MEF ha voluto mettere in risalto il nome della città, con l’augurio che possa diventare la sede di una fiera di settore, punto di riferimento per il centro Italia, capitale dell’elettrotecnica per 3 giorni. Appuntamento per tutti gli operatori della filiera elettrica alla Stazione Leopolda di Firenze dal 4 al 6 aprile La Stazione Leopolda mette a disposizione uno spazio suddiviso in due campate larghe 15 metri Non solo prodotti Mostra Elettrotecnica Firenze vuole essere non solo un’esposizione di prodotti, ma anche un momento di formazione e aggiornamento professionale per tutta la filiera, grazie ad un ricco calendario di workshop in cui, durante tutti i tre giorni, si affronteranno i temi di più stretta attualità per il settore, analizzati da Mostra Elettrotecnica Firenze, punto d’incontro tra le aziende produttrici e gli operatori del settore elettrotecnico, all’insegna della formazione, dell’innovazione e del design www.commercioelettrico.com
  21. 21. Luca, Daniele, Christian, Emilio e Leonardo Giaffreda con, al centro, Vanda Picone Giaffreda Attenzione alle nuove tecnologie Per offrire nuove motivazioni agli operatori che, per sfruttare ulteriori opportunità di business, si sono impegnati ad introdurre nella loro offerta le innovative tecnologie emergenti, Mostra Elettrotecnica Firenze propone due spazi tematici dedicati rispettivamente al La Stazione Leopolda mondo dell’home automation e dell’illuminotecnica. Un intero padiglione sarà, infatti, riservato alla “Fabbrica delle idee”, un ambiente dove gli specialisti di settore di MEF avranno occasione di presentare le soluzioni realizzative legate alla domotica, all’automazione industriale e all’efficienza energetica, settori in cui l’azienda toscana si è specializzata da anni. Un’altra area vedrà la presenza delle aziende illuminotecniche, capeggiate da “INLuce”, la divisione che si occupa delle tecnologie dell’illuminazione in MEF, con l’esposizione di soluzioni di design e di risparmio energetico legate alle ultime innovazioni tecnologiche del settore. EVENTI diverse prospettive con l’obiettivo di fornire le competenze tecniche e culturali utili per l’attività quotidiana di progettisti ed installatori. Momenti d’incontro necessari per far capire come sta cambiando il mercato, aprendo così un confronto sulle nuove tecnologie e le nuove tendenze, con particolare attenzione alle tematiche di efficienza energetica, sicurezza, domotica, illuminotecnica, senza tralasciare tutti gli aspetti che riguardano le normative. Maurizio Gambini Lo spazio polivalente della Stazione Leopolda è sede di mostre, di incontri culturali e di manifestazioni Mostra Elettrotecnica Firenze si svolgerà nella prestigiosa sede della stazione Leopolda, inaugurata nel 1848, come terminale della prima ferrovia pubblica costruita in Toscana per unire la città di Firenze con quella di Livorno. Progettata in stile neoclassico dall’architetto Enrico Presenti, la stazione, ormai chiusa al traffico ferroviario, ospitò nel 1861 la prima Esposizione Nazionale Italiana, manifestazione espositiva sulle arti, le scienze, il lavoro e le industrie italiane, che durò circa tre mesi ed a cui parteciparono più di 8.500 espositori provenienti da ogni parte d’Italia e d’Europa. Dopo la fine del secondo conflitto mondiale, l’edificio è stato, negli anni, notevolmente modificato ed, infine, trasformato nell’attuale spazio polivalente della Stazione Leopolda, sede di mostre, di incontri culturali e di manifestazioni connesse alla promozione della moda a Firenze. L’immobile si estende su una superficie coperta lorda di circa 6.000 metri quadrati, suddivisa in due aree principali: la Stazione Leopolda e il nuovo spazio denominato Alcatraz per la sua originale architettura che richiama quella del famoso carcere. www.commercioelettrico.com Anno 4, N.1 19
  22. 22. Condividere conoscenze e competenze specialistiche Per Gewa Italia, il Consorzio composto da 72 aziende presenti in 17 regioni e che ha realizzato un fatturato di circa 300 milioni di euro, il 2012 è stato un anno importante, che ha visto un profondo processo di rinnovamento, messo in atto con l’obiettivo di diventare un punto di riferimento per i medio-piccoli distributori di materiale elettrico. In occasione del tradizionale incontro di fine anno, organizzato al Museo della Scienza e della Tecnica di Milano lo scorso 5 dicembre, Fabiana Petrosino, dal mese di maggio 2012 nuovo Presidente del Consiglio di amministrazione di Gewa Italia, ha spiegato come, durante lo scorso anno, il Gruppo si sia rinnovato, scegliendo con chiarezza dove andare e in Favorire l’evoluzione verso nuove specializzazioni, per distinguersi nel mondo della distribuzione che direzione svilupparsi. «Oggi Gewa è fortemente omogeneo e affine, per questo amiamo definirci prima un consorzio di persone che un consorzio di aziende. Gewa rappresenta il sistema delle nostre aziende: attraverso l’aggregazione vogliamo realizzare la condivisione delle conoscenze e delle competenze specialistiche, favorire la crescita e lo sviluppo, valorizzare le esperienze create sui vari territori, la lunga storia che caratterizza ognuna delle nostre aziende e l’imprenditore che è al centro del sistema». La riorganizzazione del Consorzio nasce proprio da questa concezione del proprio ruolo: prevede, infatti, una struttura federale, con una funzione intermedia di coordinamento commerciale che, condi- Il Consiglio di amministrazione di Gewa Italia: da sinistra, Gian Paolo Scartabelli, Vincenzo Rotunno, Fabiana Petrosino, Cristina Nadile, Armando Porrovecchio, Filippo Puliafico 20 Anno 4, N.1 www.commercioelettrico.com
  23. 23. videndo obiettivi e strategie, permetterà di valorizzare il ruolo dell’imprenditore sul territorio, con la serenità dell’appartenenza a un gruppo. «Vista la direzione in cui si sta evolvendo il mercato», ha spiegato il Direttore Generale Vincenzo Rotunno, illustrando più nel dettaglio il nuovo modello organizzativo, «Gewa vuole proporre un modello alternativo che, tramite uno schema federale, permetta di capitalizzare la gestione degli accordi, le condizioni commerciali, le attività di vendita e le promozioni, beneficiando di una struttura nazionale. Gewa si è, quindi, strutturata per operare su aree tematiche, occupandosi dello sviluppo della massa critica di fatturato e di definire i rapporti con fornitori, operando secondo piani di marketing strategico per definire marchi e prodotti da trattare, Fabiana Petrosino, Presidente di Gewa Italia www.commercioelettrico.com DISTRIBUZIONE Vincenzo Rotunno, Direttore Generale di Gewa Italia, ha presentato il modello organizzativo di Gewa Italia sempre tenendo in considerazione l’area geografica di riferimento. I nostri associati, tramite il coordinamento commerciale, diventeranno una rete commerciale aggiuntiva. Inoltre, attraverso ulteriori progetti gestiti da Gewa, andremo a favorire l’evoluzione dei nostri associati verso nuove specializzazioni, per distinguersi da grandi distributori e generalisti». Il riferimento è a Gewa Lighting, ma anche a nuove divisioni come la domotica e il fotovoltaico. «Vogliamo anche lavorare su aspetti di logistica, sperimentando progetti di magazzini virtuali per migliorare il servizio al cliente», ha concluso il Direttore Generale. «Iniziative che saranno sempre portate avanti con un approccio flessibile e dinamico». Maurizio Gambini L’incontro di fine anno di Gewa Italia si è svolto nel prestigioso scenario della Sala delle Colonne del Museo della Scienza e della Tecnica di Milano Anno 4, N.1 21
  24. 24. Evoluzione continua Lo scorso 20 dicembre, il Gruppo Megawatt ha tenuto un incontro che ha visto la partecipazione di oltre 500 persone, tra agenti e funzionari di vendita delle primarie industrie di settore, dirigenti dei principali istituti bancari e collaboratori del Gruppo. Dopo la prima edizione, svoltasi nel 2010 presso la sede centrale della società Megawatt a Casoria (NA), questo evento, che ormai si candida a divenire un appuntamento periodico, si è svolto a Napoli nella favolosa cornice dell’Hotel Continental con il titolo “Time” 2012, acronimo di “Tutti Insieme Muoviamo Entusiasmo”, mette in evidenza la volontà della so- Affrontare l’attuale momento di crisi con una strategia di dinamicità e coinvolgimento cietà di affrontare l’attuale momento di crisi con una strategia incentrata sulla dinamicità e sul coinvolgimento dei collaboratori e di tutti gli attori del mercato di riferimento. Il Gruppo Megawatt oggi, con un fatturato 2012 di 190 milioni di euro, circa 500 collaboratori e 16 punti vendita, ha voluto trasmettere con chiarezza la propria volontà di proseguire nel suo cammino di crescita, in linea con l’head line del Gruppo: “L’evoluzione continua …”. Inoltre, la crescita di fatturato del 7,5 per cento registrata nel 2012 va vista come un risultato davvero straordinario, tenendo conto che è stato un anno Giovanni Marigliano, Presidente di Megawatt 22 Anno 4, N.1 www.commercioelettrico.com
  25. 25. in cui le aziende di distribuzione del settore che hanno incrementato il proprio giro di affari si contano sulle dita di una mano. Questi risultati si sono concretizzati grazie alla forte attenzione al rapporto personale instaurato negli anni tra la famiglia Marigliano e tutti gli attori del settore, la collaborazione di un management giovane e motivato e tanto impegno e passione, che da sempre caratterizzano lo spirito di questa società. Pur con la presenza di qualificati relatori che hanno affrontato una serie di argomenti di attualità, il momento chiave dell’evento si è registrato con l’intervento del Presidente Giovanni Marigliano il quale, con grande umiltà e simpatia, ha ripercorso le tappe della sua crescita come imprenditore, ricordando anche significativi aneddoti della propria infanzia. Molto gradito è stato l’intervento spontaneo in sala del dott. Barbato, top manager della Banca della Campania, che si è a sua volta complimentato con il Presidente per i risultati raggiunti, sottolineando proprio quei valori che da sempre reggono il rapporto instaurato con la clientela e con i propri fornitori partner e che hanno reso il Gruppo Megawatt un’azienda ai vertici nella distribuzio- www.commercioelettrico.com DISTRIBUZIONE La famiglia Marigliano ne di materiale elettrico in Campania e nel Lazio. La determinazione a proseguire sulla strada intrapresa dal padre è emersa nelle battute finali della giornata di lavoro, quando, assieme alla moglie di Giovanni Marigliano, sul palco sono saliti i figli Antonio, Domenico e Luca. Elisa Pastorino Anno 4, N.1 23
  26. 26. Ancora tensione nei pagamenti delle imprese italiane Prosegue il deterioramento delle condizioni finanziarie delle aziende Prosegue anche nel terzo trimestre del 2012 la corsa dei protesti levati alle società italiane, che ormai hanno abbondantemente superato i livelli raggiunti durante la recessione del 2009. Il deterioramento delle condizioni finanziarie delle aziende è confermato anche dai dati sui ritardi nei pagamenti tratti da Payline, il database di Cerved Group che analizza le transazioni commerciali di oltre 2 milioni di imprese. Tra luglio e settembre dello scorso anno sono state protestate quasi 22.000 società: si tratta di un valore record in tutto il periodo osservato, cui corrisponde un incremento del 13 per cento rispetto allo stesso periodo del 2011 e del 4,3 per cento rispetto ai massimi del 2009. Nello stesso periodo dell’anno è scesa quasi ai minimi la percentuale di aziende puntuali nei pagamenti (41,7 per cento) ed è aumentata quella di aziende che hanno accumulato ritardi di oltre due mesi rispetto agli impegni presi con i fornitori, casi che spesso sfociano in mancati pagamenti. Dal punto di vista settoriale, la maggiore diffusione dei gravi ritardi nei pagamenti e l’incremento dei protesti non ha risparmiato alcun macrosettore, ma, mentre nell’edilizia e nei servizi il numero di società protestate nel 2009 è stato abbondantemente superato (rispettivamente del +10 per cento e del +8 per cento), nell’industria rimane ancora al di sotto dei picchi di tre anni fa (-8 per cento). Un’analisi di maggiore dettaglio, condotta sulle tendenze dell’ultimo anno osservate nei singoli settori, consente di individuare quelli in cui è mag- 24 Anno 4, N.1 www.commercioelettrico.com
  27. 27. www.commercioelettrico.com ECONOMIA giormente aumentata la presenza di imprese in grave ritardo e il numero di società con un solo protesto: costruzioni, sistema casa, logistica e trasporti, prodotti si caratterizzano per tendenze particolarmente negative su questi due fronti e per una diffusione dei protesti particolarmente elevata (rappresentata nelle figure dalla dimensione del cerchio). La chimica e la produzione di altri beni di consumo sono, invece, gli unici settori che evidenziano un miglioramento, sia sul fronte dei protesti, sia su quello dei ritardi nei pagamenti. Dal punto di vista geografico, è proseguita la corsa a due velocità dei protesti, con aumenti del 16÷18 per cento nel Centro Sud, in cui i livelli del 2009 sono stati già superati, e incrementi più moderati nel Nord (3÷4 per cento), area in cui la situazione appare meno grave rispetto alla precedente recessione. Ad eccezione di Piemonte, Liguria ed Emilia Romagna, in cui i protesti sono in calo su base annua, in tutte le altre regioni italiane si osservano aumenti sia del numero di società cui è stato protestato almeno un titolo, sia dei gravi ritardi nei pagamenti. Le situazioni più preoccupanti sono proprio tra le regioni del Centro Sud: Sicilia, Campania, Sardegna, Lazio, Puglia e Basilicata fanno registrare aumenti maggiori della media nazionale nelle due dimensioni e una diffusione dei protesti che ha già superato i livelli di guardia. A queste va aggiunta la Calabria, regione in cui i protesti sono aumentati nel corso dell’ultimo anno meno rispetto alla media nazionale, ma in cui la diffusione del fenomeno è la più alta tra quelle osservate in tutte le regioni italiane. Guido Romano Responsabile Ufficio Studi Cerved Group Anno 4, N.1 25
  28. 28. Brand reputation e brand protection Prima che Internet entrasse così prepotentemente nella nostra vita, quando un cliente era soddisfatto o scontento di un prodotto o di un servizio offerto, il massimo che ci si poteva aspettare erano delle congratulazioni o, in caso negativo, lamentele esposte direttamente al rivenditore di fiducia. Ora il cliente/consumatore è sempre più un utente Web che partecipa attivamente con le sue esperienze personali nelle attività che la rete gli permette di intraprendere. Gestire la reputazione di un brand on line è per questo motivo di fondamentale importanza. Ecco alcuni dati che ci permettono di capire l’attività degli italiani nel Web (dati aggiornati a giugno 2012): - navigatori italiani: 28,3 milioni (+7,8 per cento rispetto al 2011); - 14 milioni di utenti nel giorno medio; - tempo medio per persona: 1 ora e 20 minuti/giorno; - pagine per persona: 134/giorno. Altri dati interessanti: - 44 milioni sui siti di video sharing; - 27 milioni su community e social network. L’importanza di monitorare e salvaguardare la reputazione del marchio in rete chiarato che uno dei motivi che li spinge ad acquistare o meno un prodotto è proprio l’opinione che trovano sul Web. Blog, community, forum, social network sono ambienti di aggregazione dove ogni utente/consumatore può condividere la propria opinione con altri utenti, sviluppando vere e proprie discussioni e conversazioni. Il passaparola è ancora oggi lo strumento più diffuso, con la differenza che prima era limitato ad una stretta cerchia di conoscenze, mentre on line ha una diffusione su milioni di persone. Ecco i consigli per un’azienda per salvaguardare e migliorare la “brand reputation”: - brand monitoring: il monitoraggio Una delle principali attività che un consumatore italiano svolge su Internet è quella di cercare prodotti e servizi che gli interessano, dando particolare importanza a commenti e valutazioni che gli altri utenti forniscono di quanto si sta cercando. Un’altra azione, successiva all’acquisto di un prodotto, è quella di condividere su Internet le proprie opinioni, sia positive, sia negative, sullo stesso. Molti utenti hanno, infatti, di- 26 Anno 4, N.1 www.commercioelettrico.com
  29. 29. www.commercioelettrico.com per questo è solitamente affidata ad agenzie esterne; - engagement: fondamentale per un marchio è condividere con l’utente contenuti di qualità, sul brand stesso, sui prodotti, sui servizi offerti. Riuscire a coinvolgerlo con domande, richieste di miglioramento e ascoltare la sua opinione, spinge maggiormente il consumatore ad interagire con il marchio; l’utente finale si sentirà, quindi, maggiormente coinvolto e sarà più motivato a dare il suo contributo per accrescere le prestazioni di un brand o migliorare ciò che non funziona di un prodotto o servizio. Potremmo riassumere questi tre punti con attività semplici, ma efficaci: ascoltare, intervenire, interagire, azioni fondamentali per un approccio positivo del brand sul consumatore, azioni che oggi si sviluppano quasi esclusivamente in rete. Molte di queste attività non permettono l’improvvisazione, come molti brand oggi fanno. Molte aziende si lanciano sui social network del momento solo perché è di moda o perché il loro principale competitor lo sta già facendo. Ovviamente un simile approccio non porta molto lontano. Un consiglio che posso dare è quello di analizzare tutti i fattori e le variabili prima di intraprendere determinate azioni nel mondo Web, o ancor meglio di rivolgersi a una “digital agency” in grado di fornire le soluzioni migliori per perseguire gli obiettivi di crescita aziendali. IMPRESE delle attività di branding sul Web, ovvero sapere cosa si dice sul marchio in rete, è una delle prime cose da fare. È necessario, innanzi tutto, capire dove si parla dell’azienda e vedere dove avviene la maggior parte delle interazioni tra gli utenti, i blog ed i portali di settore. Conoscere le opinioni degli utenti, leggere i commenti dei cosiddetti “opinion leader” e “influencer”, ci permette di adottare la strategia migliore per promuovere un prodotto piuttosto che un altro, nonché il tipo di comunicazione con cui farlo. Esistono vari applicativi realizzati per monitorare la reputazione del marchio e quello della concorrenza, utili poi per rispondere a reclami dei clienti e intervenire nelle questioni critiche che appaiono sul Web, per raccogliere i suggerimenti dei clienti al fine di aiutare lo sviluppo del prodotto e per le ricerche di marketing. Si tratta di tool gratuiti o a pagamento, alcuni personalizzabili, in grado di fornire una reportistica completa di grafici e statistiche; - buzz marketing: “detto anche marketing delle conversazioni o marketing conversazionale, è quell’insieme di operazioni di marketing non convenzionale volto ad aumentare il numero e il volume delle conversazioni riguardanti un prodotto o un servizio e, conseguentemente, ad accrescere la notorietà e la buona reputazione di un brand. Consiste, cioè, nel dare alle persone motivo di parlare circa un prodotto o servizio e nel facilitare quelle conversazioni” (fonte: Wikipedia). Quest’attività viene svolta sui blog e sui forum di settore e richiede una strategia specifica per non risultare inutile, Davide Cini CEO di Linkness Anno 4, N.1 27
  30. 30. L’efficienza energetica nell’impresa Le imprese italiane patiscono un importante deficit di competitività sui mercati internazionali a causa del prezzo dell’energia, che è mediamente di oltre il 25 per cento superiore rispetto alla media europea. Ciò è dovuto in primo luogo al mix energetico del nostro Paese, che si caratterizza per una dipendenza dall’estero superiore all’80 per cento, cui corrisponde una bolletta energetica di oltre 60 miliardi di euro l’anno. Pur essendo sino ad oggi posta in secondo piano nel dibattito pubblico e politico, a vantaggio delle tecnologie per la produzione di energia da fonti rinnovabili, l’efficienza energetica rappresenta un fondamentale strumento per affrontare e risolvere questo problema, tanto che anche la recente bozza della Strategia Energetica Nazionale (SEN) la indica come primo obiettivo strategico per il Paese, accreditandole circa 60 (33 per cento) dei 180 miliardi di investimenti complessivi e 8 (57 per cento) dei 14 miliardi di risparmio da conseguire sulla “bolletta energetica” dell’Italia da qui al 2020. Oltre ad essere un tema “caldo” nel dibattito politico, gli operatori energetici stanno dedicando crescente attenzione all’efficienza energetica come opportunità di business, mettendo a punto prodotti, servizi e proposte commerciali sempre più all’avanguardia. In questo contesto, la seconda edizione dell’Energy Efficiency Report, realizzato dall’Energy&Strategy Group del Politecnico di Milano, che, sulla base di oltre 150 interviste ad operatori ed esperti del settore, intende fornire gli elementi necessari a supportare il dibattito pubblico e ad orientare le scelte degli operatori di mercato sul tema dell’efficienza energetica in ambito industriale. In particolare, lo studio: - analizza l’impatto dei sistemi di rego- 28 Anno 4, N.1 Soluzioni tecnologiche, fattibilità economica e potenziale di mercato lazione ed incentivazione attualmente in essere ed in fase di definizione sul mercato e la filiera dell’efficienza in ambito industriale; - fornisce una stima della fattibilità economica e del potenziale di mercato delle principali soluzioni per l’efficienza energetica nei processi produttivi; - identifica le più importanti leve su cui agire per favorire una più capillare diffusione delle soluzioni per l’efficienza energetica nell’impresa, con particolare riferimento al ruolo delle ESCo, dell’energy manager e degli istituti di credito. L’indagine dimostra come, sommando i risparmi elettrici “teorici” conseguibili a seguito dell’adozione delle tecnologie efficienti (comprensivi anche della produzione da fonti rinnovabili), da qui al 2020 sia possibile risparmiare circa 64 TWh, ossia quasi la metà del fabbisogno attuale del settore industriale. Rispetto al potenziale teorico, tuttavia, l’obiettivo che lo studio ritiene, invece, sia plausibile raggiungere in Italia da qui al 2020 è nell’ordine di 16 TWh, ossia soltanto un quarto di quanto teoricamente a dispo- Dipendenza energetica dei Paesi UE 27 registrata nel 2010 (Fonte: Eurostat) www.commercioelettrico.com
  31. 31. www.commercioelettrico.com Prezzo dell’energia elettrica per clienti industriali in Europa, con consumi pari a 2 GWh/anno - Maggio 2012 (Fonte: www.energy.eu) versione “depotenziata” della Direttiva 32/2006/CE, senza meccanismi di qualificazione prescrittivi e con il fondo rotativo di finanziamento degli interventi (Fondo Rotativo “Kyoto”, previsto dalla Finanziaria 2007) che è divenuto effettivamente operativo solamente nel 2012. Esclusivamente un “manipolo” di operatori industriali si è certificato ISO 50001, seguiti da 27 ESCo (l’1,4 per cento del totale di quelle iscritte all’AEEG) certificate UNI CEI 11352:2010 e 30 professionisti in “gestione dell’energia”. Anche sul fronte dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE) – dove pure non sono mancati segnali positivi legati alla riduzione della soglia minima per la presentazione dei progetti e l’introduzione, più volte chiesta a gran voce dal mercato, del coefficiente di durabilità “ ”, che tiene conto della vita tecnica attesa degli interventi – rimane come una “spada di Damocle” sui progetti d’investimento in corso di valutazione l’incertezza sul futuro del meccanismo a partire dal 1° gennaio 2013. Qualche speranza giunge, in questo senso, dalla Strategia Energetica Nazionale, che ribadisce il ruolo e l’importanza dei TEE, ma che è purtroppo ancora lontana dall’essere tradotta in misure operative. ECONOMIA sizione. Tre sono le ragioni di una simile “differenza”. Innanzi tutto poiché, nonostante le tecnologie per l’efficienza energetica nell’industria siano già oggi (anche in assenza di incentivi) economicamente sostenibili, il tempo di rientro degli investimenti è ancora in media piuttosto elevato, tra 3 e 7 anni, se comparato con le soglie massime di “accettabilità” tipicamente fissate dalle imprese per questo tipo di investimenti, forse un po’ troppo prudentemente definite intorno a 1 o 2 anni. In secondo luogo, il fatto che il quadro normativo nel nostro Paese sconta un “ritardo” significativo rispetto, ad esempio, ai riferimenti europei. L’11 settembre del 2012 si è chiuso l’iter legislativo relativo all’approvazione in prima lettura da parte del Parlamento Europeo della “nuova” Direttiva europea in materia di efficienza energetica, destinata a sostituire l’ormai famosa, e relativamente recente, Direttiva 2006/32/CE. La “nuova” Direttiva – riconoscendo esplicitamente il ruolo “strategico” dell’efficientamento nei settori industriali per il raggiungimento degli obiettivi europei ed, allo stesso tempo, prendendo atto delle maggiori difficoltà (entità dell’investimento, ottica di lungo termine dei ritorni ad esso associati, errata percezione da parte degli operatori industriali dell’efficienza energetica come obiettivo “marginale” nel proprio business) che questo incontra – prevede misure specifiche per l’efficientamento energetico nell’industria, imponendo alle grandi imprese di sottoporsi ad audit energetici almeno ogni quattro anni e “incoraggiando” a fare lo stesso anche per le PMI. Si prevede poi un “sistema informativo” che possa coinvolgere tutti gli attori del processo: elenchi pubblici (o sistemi analoghi d’informazione e trasparenza) di fornitori di servizi energetici “qualificati”, secondo regimi di certificazione e/o accreditamento e/o regimi equivalenti di qualificazione, che dovrebbero entrare in vigore, auspicabilmente, entro il 1° gennaio 2015; diffusione di informazioni alle banche e alle altre istituzioni finanziarie sugli strumenti di finanziamento delle misure di miglioramento dell’efficienza energetica; creazione di un meccanismo indipendente per garantire il trattamento efficiente dei reclami e la risoluzione stragiudiziale delle controversie nate in relazione a contratti relativi ai servizi energetici. Nel frattempo, però, in Italia si è ancora alle prese con il recepimento di una Cultura dell’efficienza energetica Ultima ragione della “differenza” la scarsa diffusione nel nostro Paese di una vera “cultura” dell’efficienza energetica, negli operatori industriali, ma anche nelle banche e negli istituti di credito. Poco meno del 17 per cento delle imprese del campione di indagine analizzato, se si escludono ovviamente quelle obbligate dalla Legge 10/91 perché aventi consumi annui superiori ai 10.000 TEP, dispone di un energy manager. Solo il 22 per cento delle imprese adotta Anno 4, N.1 29
  32. 32. Prezzo del gas naturale per clienti industriali in Europa, con consumi pari a 0,25 GWh/anno - Maggio 2012 (Fonte: www.energy.eu) un approccio strutturato alla “gestione dell’energia”, contro un 69 per cento di operatori che adotta, invece, ancora oggi approcci piuttosto “rudimentali” di misura e controllo dei consumi energetici, e quasi il 15 per cento che addirittura non ha attivato nemmeno questi. Nel 90 per cento dei casi, il motore decisionale primario che ha guidato gli investimenti di efficientamento energetico è legato all’obsolescenza o al recupero di produttività, ossia non ha quasi nulla a che vedere con la ricerca specifica di un risparmio nei consumi e/o nei costi energetici. È evidente, infatti, che se si sostituisce un impianto ormai completamente “ammortizzato”, magari acquistato oltre dieci anni fa, con un nuovo impianto, si ottiene anche un risparmio energetico, perché nel frattempo il progresso tecnologico associato a questo tipo di impianti ne ha comunque incrementato l’efficienza e quindi (a parità di output) ne ha ridotto i consumi. Di contro, solo nel 10 per cento dei casi la riduzione dei consumi energetici, ossia l’essenza stessa dell’efficientamento, è stata il motore primario di scelta. Nel 71 per cento dei casi i progetti di investimento si sono scontrati con “barriere” di natura economica e gli operatori “puntano il dito” in particolare contro le banche italiane, che al momento si rivelano essere piuttosto riluttanti rispetto al finanziamento degli interventi di efficienza energetica, sia quando essi sono direttamente realizzati dalle imprese, sia quando lo sono in “cordata” con le ESCo. Tuttavia il problema non è di facile soluzione in quanto, se ci si mette nella prospettiva del finanziatore, il rischio relativo, ad esempio, al perdurare dei meccanismi d’incentivazione si abbatte sulla 30 Anno 4, N.1 capacità di costruire piani di rientro sufficientemente “garantiti”. Solo due fattori paiono addolcire un poco il quadro: il 64 per cento delle imprese del campione conosce le ESCo ed ha valutato o sta valutando l’opportunità di usufruire dei loro servizi, anche se ancora il 40 per cento di queste imprese indica come unica funzione delle ESCo l’espletamento dell’iter burocratico di ottenimento dei TEE (e la eventuale successiva gestione), mentre solo il restante 24 per cento le reputa un interlocutore potenzialmente interessante per competenze tecniche e capacità finanziarie, al fine di realizzare interventi di efficienza energetica; lo “sblocco” del Fondo Centrale di Garanzia per le PMI agli interventi di efficienza energetica può permettere di incrementare, per lo meno sulla carta, il merito di credito delle ESCo italiane nei confronti delle banche. Gabriele Contini Peso delle principali barriere che ostacolano la realizzazione di investimenti in efficienza energetica da parte delle imprese www.commercioelettrico.com
  33. 33. Presentata da ANIE Energia la pubblicazione: “La Norma CEI EN 62271-200 sui quadri elettrici in media tensione”. L’informativa è rivolta agli operatori del settore: progettisti, costruttori e assemblatori per fornire un contributo al miglioramento dei livelli di sicurezza, qualità e affidabilità dei quadri elettrici in media tensione. La pubblicazione nasce dall’esigenza, riscontrata da ANIE, di fare chiarezza sulla normativa di riferimento che, seguendo la rapida evoluzione tecnica dei prodotti, è in continuo aggiornamento. Rappresenta pertanto un utile strumento a supporto dell’aggiornamento dei professionisti con l’obiettivo di facilitare l’introduzione del nuovo standard per i quadri elettrici di media tensione introdotto dalla revisione della Norma CEI EN 62271-200. Con la pubblicazione della II edizione della Norma, ANIE Energia ha ritenuto necessario riassumere all’interno di una pubblicazione associativa le nuove caratteristiche dei quadri di media tensione e il quadro legislativo legato alla sicurezza che regola l’impiego dei prodotti negli impianti, siano essi destinati a utenti privati che progettati per appalti pubblici. Perché i quadri elettrici di media tensione (da 1 a 52 kV), elementi fondamentali del sistema di distribuzione, siano considerati “a regola d’arte” devono necessariamente rispettare i seguenti requisiti: - costruzione secondo la Norma di prodotto, CEI/EN 62271-200; - aderenza alla legge sulla sicurezza delle persone, Decreto Legislativo 81/2008: “Testo Unico sulla Sicurezza e successivi aggiornamenti”; - soddisfare l’esigenza di contribuire agli sforzi, comuni a tutte le nazioni, nel ridurre l’impatto ambientale delle attività umane, diminuendo altresì il depauperamento delle materie prime. Il documento si propone, pertanto, di indicare quali siano le caratteristiche che i quadri di media tensione debbano avere per essere considerati a norma e per ottemperare alle www.commercioelettrico.com Vantaggi per la sicurezza delle persone, la continuità del servizio elettrico degli impianti e la salvaguardia dell’ambiente esigenze di sicurezza delle persone, continuità del servizio elettrico degli impianti e salvaguardia dell’ambiente. La pubblicazione è frutto della collaborazione di una serie di aziende di rilievo nel panorama industriale italiano che hanno fornito uno strumento utile alle numerosissime richieste di chiarimenti rivolte all’associazione. Creare “cultura”, sotto il profilo tecnico e normativo, è ancora e sempre una delle mission storiche di Federazione ANIE. Il Gruppo, che ha realizzato il volume, è composto da esperti del mondo industriale italiano, rappresentati in seno alla Federazione da ANIE Energia/SottoGruppo Quadri Media Tensione. Le aziende aderenti al SottoGruppo sono 26 e il loro fatturato totale del segmento merceologico della quadristica MT è stato stimato in 325,2 milioni di euro nel 2011, per una rappresentatività di circa il 90 per cento del mercato. NORMATIVA Quadri elettrici in media tensione Ilaria Di Napoli Suddivisione del fatturato dei quadri elettrici di Media Tensione per tipologia di prodotto Anno 4, N.1 31
  34. 34. La sicurezza elettrica che non c’è Secondo l’ISTAT, in Italia ci sono circa 28,8 milioni di abitazioni e circa 2,5 milioni di industrie. Se calcoliamo un interruttore differenziale per abitazione e almeno tre per industria, ne consegue che in Italia sono in uso almeno 35 milioni di dispositivi differenziali che proteggono l’edificio e le persone interrompendo il flusso di corrente di un impianto elettrico in caso di guasto verso terra. Pur essendo molto affidabili, i differenziali non possono garantire una protezione assoluta nel tempo. Le condizioni ambientali, la qualità dell’alimentazione, i lunghi periodi di inattività e l’uso scorretto possono influenzare in modo significativo l’efficacia della protezione, andando ad incidere sul corretto funzionamento. Il test del differenziale: cosa è e a cosa serve Una verifica periodica dell’impianto elettrico è opportuna per tenerne alto il livello di sicurezza. Anche un regolare test periodico del differenziale dovrebbe, quindi, essere effettuato da parte dell’utilizzatore. Per accertarsi del buon funzionamento è sufficiente premere il tasto “T” di prova di cui ogni dispositivo è dotato: in caso di mancato scatto dell’interruttore è bene, infatti, provvedere alla sua sostituzione o ad apposita verifica da parte dell’installatore elettrico. L’uso regolare di tale tasto è caldamente consigliato dagli stessi costruttori. L’esecuzione periodica del test non solo garantisce che il differenziale funzioni anche in caso di pericolo, ma permette anche di rendersi conto delle reali condizioni delle parti meccaniche che compongono l’interruttore. Tuttavia, spesso l’utente è totalmente inconsapevole di questa esigenza e l’interruttore viene testato in modo sbagliato o non viene verificato del tutto. La sicurezza delle abitazioni italiane: realtà o illusione? Una recente indagine condotta da Demosko- 32 Anno 4, N.1 pea per Prosiel dipinge un’immagine poco rassicurante della situazione degli impianti elettrici in Italia. Il 98,3 per cento di coloro che dispongono di un interruttore differenziale confida in un suo adeguato funzionamento; solo il 42,9 per cento conosce l’esistenza dell’apposito tasto “T” e appena il 24,1 per cento ha effettuato almeno una volta il test. Gli intervistati si dimostrano, quindi, fiduciosi nel buon funzionamento del proprio impianto, senza comprendere che lo stesso potrebbe non essere sicuro. Inoltre, è importante aggiungere che le recenti novità legislative introdotte con la nuova Norma CEI 64-8, obbligatoria da settembre 2011, prevedono che l’impianto elettrico di ogni abitazione sia dotato di almeno due interruttori differenziali. Nei prossimi anni ci sarà, quindi, un aumento importante del numero di differenziali installati, che si accompagnerà ad un aumento anche del numero di differenziali non funzionanti, visto che a tale crescita non seguirà una maggiore consapevolezza degli utenti. Gli interruttori differenziali proteggono le persone, togliendo corrente in caso di guasto dell’impianto. Pur essendo molto affidabili, questi dispositivi non possono garantire una protezione assoluta nel tempo Per accertarsi del buon funzionamento è sufficiente premere il tasto “T” di prova di cui ogni interruttore differenziale è dotato www.commercioelettrico.com
  35. 35. Come si può risolvere il problema? Una soluzione a tutto questo esiste già: si chiama ReStart Autotest di Gewiss, dispositivo di protezione che esegue in automatico il test del differenziale ogni trenta giorni, mantenendo così in efficienza la protezione. Non solo. Grazie al circuito di bypass, è effettuata la verifica periodica senza togliere la corrente all’impianto. Inoltre, i sistemi di controllo LED segnalano lo stato del differenziale e, in caso di mancato intervento, tempi di scatto troppo lunghi o contatti saldati, viene segnalato il problema con un messaggio di errore. Il dispositivo garantisce anche il riarmo dell’impianto: quando la corrente salta a causa di uno sbalzo di tensione o di un temporale, ReStart Autotest la ripristina automaticamen- Affidabilità del differenziale te in meno di dieci secondi, dopo aver verificato che non ci siano pericoli per le persone; se l’intervento è provocato da un guasto di tipo permanente, il dispositivo entra in blocco, segnalando l’anomalia mediante una spia luminosa. Il prodotto è disponibile nella versione a due poli, per applicazioni in ambito residenziale, e nella versione a quattro poli, idonea per applicazioni in ambito industriale e terziario. La funzione Autotest è particolarmente adatta negli ambienti industriali esposti a polveri, agenti atmosferici e sostanze inquinanti che possono ridurre il ciclo di vita di un differenziale non adeguatamente testato; è una soluzione sicura anche in contesti come negozi, uffici, scuole, ospedali e luoghi pubblici affollati, dove è fondamentale garantire la sicurezza delle persone. IMPRESE Cosa fare per garantire la protezione? Per accrescere il livello di sicurezza degli impianti elettrici e garantire la protezione dei differenziali sarebbe opportuno: - liberare l’uomo dall’obbligo di testare l’interruttore. La sbadataggine, la non conoscenza del problema o la mancanza di consapevolezza sulle possibili conseguenze fanno sì che l’efficienza del differenziale non sia verificata a dovere, nella stragrande maggioranza dei casi; - fare in modo che un interruttore non più funzionante invii all’utente un messaggio di errore che lo informi dell’anomalia. L’utilizzo di dispositivi in grado di eseguire un auto test rappresenta una soluzione reale al problema dell’affidabilità della protezione. È pertanto auspicabile l’introduzione di una normativa che ne prescriva l’utilizzo in ogni impianto elettrico. Conclusioni L’applicazione di dispositivi con Autotest garantisce la totale sicurezza effettiva dell’impianto. Infatti, la sua innovativa logica di controllo: - assicura la piena funzionalità del differenziale; - permette di avere una continuità di servizio senza eguali; - elimina il numero di interruttori differenziali non funzionanti, offrendo la totale sicurezza di persone e cose. Una normativa che preveda l’obbligo di installare dispositivi dotati della funzione di autodiagnosi porterebbe ad un incremento della sicurezza degli impianti elettrici e ad una maggiore durata di utilizzo degli interruttori differenziali stessi. ReStar Autotest di Gewiss www.commercioelettrico.com Massimo Poletti Anno 4, N.1 33
  36. 36. La casa di Italo Primo operatore privato italiano sulla rete ferroviaria ad alta velocità e primo al mondo ad utilizzare il nuovo treno Alstom AGV Italo, detentore del primato di velocità ferroviaria, Nuovo Trasporti Viaggiatori ha iniziato il servizio a fine 2011 e, nel corso del 2012, ha progressivamente ampliato i collegamenti giornalieri ad alta velocità tra le principali città della penisola. Presso Nola è stato realizzato un importante centro adibito alla manutenzione ordinaria e straordinaria della flotta Italo: le Officine NTV occupano una superficie di 140.000 m2, di cui circa 30.000 m2 di superficie coperta, con annessi circa 55.000 m2 di area attrezzata con binari. L’area, che sorge all’interno dell’Interporto Campano, cui sarà collegata attraverso un fascio di binari, è dotata di edifici di servizio e di due grandi capannoni deposito attraversati da binari realizzati in fossa, per le attività di manutenzione a breve e lunga percorrenza. Inoltre, una superficie di 3.500 m2, con annessa coppia di binari con piattaforma attrezzata, è adibita all’attività di lavaggio, sanificazione bagni e controllo dei treni. BTicino ha contribuito alla realizzazione dell’impianto elettrico delle Officine NTV, strategico in una struttura così importante, che lavora, in funzione dei tipi di treni sottoposti a manutenzione, con diversi livelli di tensione elettrica (3 kVcc e 25 kVca). L’alimentazione elettrica è fornita dalla rete ENEL tramite due arrivi in media tensione da 20 kV trifase alternata di potenza, con potenze pari rispettivamente a 2,5 MW, per i servizi ausiliari necessari allo svolgimento delle varie attività in tutta l’area, dagli uffici alle attrezzature necessarie alla manutenzione dei treni, e a 3,5 MW, per la trazione elettrica. Per quanto riguarda la movimentazione dei treni, la parte trazione elettrica è gesti- 34 Anno 4, N.1 ta dal quadro di media tensione QMTSSE: la tensione a 3 kVcc è generata da un sistema composto da trasformatori BTicino di potenza pari a 3.880 kVA, da 2 ponti raddrizzatori in serie da 1.800 kVA e da una bobina di reattanza da 6 mH. Completano il quadro blindato a più scomparti le celle di misura, i sezionatori bipolari, i filtri e gli interruttori extrarapidi. La soluzione permette una significativa ottimizzazione degli spazi in sottostazione, la cui parte esterna è stata anch’essa realizzata in modo compatto, ossia, tramite l’inserimento dei sezionatori di prima e seconda fila in un box metallico prefabbricato esterno al fabbricato, con indubbi vantaggi dal punto di vista manutentivo rispetto alla soluzione dei classici sezionatori posti su pali TE. Gli alimentatori, infine, sono stati realizzati ciascuno con una terna di cavi di sezione pari a 500 mm2. La tensione a 25 kVca utilizzata per i treni AV viene fornita da trasformatori BTicino in configurazione Scott (potenza 2.000 kVA) e gestita tramite apposito quadro blindato con interruttori in SF6 a 2 bar di pressione. È prevista l’alimentazione di 4 tratte di linea di contatto (binari 4 e 5 interni ai capannoni, binari 4 e 5 esterni ai capannoni) in doppia modalità 3 kVcc e 25 kVca, per consentire sia la trazione elettrica dei convogli, sia l’esecuzione di prove sugli impianti interni al treno. La commutazione Un moderno impianto elettrico assicura le funzionalità del Centro manutenzione dei treni NTV Le Officine NTV occupano una superficie di 140.000 m2, di cui circa 30.000 m2 di superficie coperta, con annessi circa 55.000 m2 di area attrezzata con binari www.commercioelettrico.com
  37. 37. BTicino ha contribuito alla realizzazione dell’impianto elettrico delle Officine NTV, seguendo i lavori sin dalla fase della progettazione e fornendo un valido supporto sia tecnico, sia commerciale IMPRESE fra i due tipi di tensione avviene in un apposito box metallico prefabbricato posto all’esterno della cabina di sottostazione, tramite un coltello motorizzato che viene posizionato in funzione della tensione di esercizio prescelta. Tutto il sistema appena descritto può essere gestito sia in modalità “locale”, sia da “remoto”, comandato da posto centrale (zona uffici dell’impianto) per la quasi totalità delle manovre, eccezion fatta naturalmente per quelle relative alla sicurezza (sezionamento e messa a terra degli scomparti dei quadri). La parte servizi ausiliari si basa su due cabine MT/BT: la prima, quella di minore potenza, è situata nella cabina di sottostazione ed essenzialmente alimenta il fabbricato ”aria compressa”, i quadri della struttura di sottostazione e della guardiola d’accesso per il controllo degli accessi al sito. La cabina dispone di 2 trasformatori di potenza pari a 1.000 kVA. L’altra cabina dispone di 2 trasformatori da 2.500 kVA e fornisce l’alimentazione a tutti i quadri di piazzale dell’impianto, alla zona lavaggio treno, al capannone QF2, alle prese e all’illuminazione esterna, alle officine e agli uffici. Il quadro generale di bassa tensione è alimentato tramite un sistema di condotti sbarre di portata pari a 4.000 A. Anche questa cabina può essere gestita da remoto tramite un sistema a fibra ottica, grazie al quale è possibile avere sotto controllo la totalità degli impianti, sia elettrici, Trasformatore BTicino collegato al condotto sbarre Zucchini sia meccanici. Infine, per garantire la continuità di servizio degli impianti principali, è stato installato un gruppo elettrogeno insonorizzato da 300 kVA, che entra in funzione nel caso in cui dovesse mancare la tensione dalla rete ENEL, garantendo così la continuità dei servizi imprescindibili per il corretto funzionamento dell’impianto (essenzialmente sicurezza, segnalamento ed illuminazione d’emergenza). Gli impianti SCADA di sicurezza e segnalamento ferroviario, nonché tutti gli ausiliari delle cabine, dispongono, inoltre, di due UPS, rispettivamente da 80 kVA e 10 kVA con un’ora di autonomia. Quadro BTicino e condotto sbarre Zucchini www.commercioelettrico.com Roberto Corti Anno 4, N.1 35

×