i partner                                                                     in breve                                    ...
la sfida                                                               come affrontare la situazione                      ...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Flyer 2 Comunis Italiano

169

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
169
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Flyer 2 Comunis Italiano

  1. 1. i partner in breve Quando si tratta di realizzare strutture a uso commerciale-in- dustriale a livello comunale, la tipica strategia – tanto in mon-European Academy Bolzano/Bozen tagna, quanto in pianura – è quella di rispondere a una do-Institute for Regional Development and Local Development Agency Langhe manda individuale nel breve periodo. Spesso, tuttavia, mancaLocation Management Monferrato Roero TA! A DA una strategia concertata di lungo periodo elaborata in modo consensuale con altri Comuni e finalizzata a utilizzare le po- EVI L 2 tenzialità endogene dell’area. NAT rzo 201 SEG 9 ma nale za fi COMUNIS mira a promuovere strategie cooperative per lo 8- n fereRegional development Vorarlberg sviluppo intercomunale di aree a uso industriale-commerciale BSC, Business Support Centre Ltd., (Commercial Location Development – CLD) nelle zone mon- Con tane. Aumentando la consapevolezza dei vantaggi e miglioran- Kranj do la cooperazione intra-territoriale, COMUNIS mira a crearebosch & partner sinergie tra i singoli Comuni attraverso l’elaborazione di soluzi-Bosch & Partner GmbH München oni integrate di sviluppo. A tal fine, COMUNIS sta sviluppando delle linee guida per Swiss Association for Services l’elaborazione e l’applicazione di strategie CLD intercomunali to Regions and Communes consone alle sfide, condizioni e potenzialità delle aree pilotaCity of Sonthofen in particolare, e delle aree di montagna in generale. Il progetto si tradurrà in una gestione transnazionale delle conoscenze e nella costituzione di strutture sostenibili per la gestione di inter- venti CLD in determinate regioni pilota COMUNIS.Ministry for the Environment, Canton of ValaisLand and Sea Economic Development Office Durata del progetto: luglio 2009 fino a giugno 2012contatti con il partner capofila le regioni pilote Nathalie Stumm DE Cooperazione intercomunale University of Applied Sciences West- ern Switzerland Valais per la gestione strategica Institute Economics and Tourism FR Leiblachtal Alpsee-Grünten AT di insediamenti di PMI TechnoArk 3, CH-3960 Sierre Tel.: +41 27 60 69 00 3 CH LI Großes Walsertal nell’area alpina Gorenjska Email: nathalie.stumm@hevs.ch Passeiertal SI www.comunis.eu Tarare Martigny-Sion-Sierre Claire Delsuc, Florine Goncet Chamber of Commerce and Industry of Lyon Asti-Alessandria Place de la Bourse, F-69289 Lyon Tel: +33 4 72 40 56 92 Email: delsuc@lyon.cci.fr IT
  2. 2. la sfida come affrontare la situazione le nostre regioni pilotaNelle regioni alpine, Comuni limitrofi sono in forte competi- COMUNIS mira a sviluppare strategie cooperative per la real- COMUNIS ha avviato il processo di CLD intercomunale nellezione per lo sfruttamento di aree in cui realizzare strutture izzazione di aree a vocazione commerciale-industriale (Com- regioni pilota. Le attività realizzate sono molteplici, al pari delledestinate ad attività economiche. Sebbene questo non sia un mercial Location Development – CLD) nelle zone montane. condizioni quadro e delle situazioni problematiche nelle areeproblema specifico delle Alpi, la topografia alpina crea con- Il processo di sviluppo comprende generalmente i seguenti pilota.dizioni quadro diverse da quelle prevalenti in pianura. Profili elementi:scoscesi e montagne, maggiore probabilità di pericoli naturali Vorarlberg (AT): È stata istituita un’associazione per il progetto e lae via dicendo, limitano la disponibilità di terreni edificabili. Ciò Descrizione del contesto destinazione che funge da struttura istituzionale per coadiuvare i Co-richiede un approccio attento e condiviso per lo sviluppo di Punti di partenza: motivazioni, storia, problemi di sviluppo muni nell’attuazione delle strategie CLD e delle politiche territoriali.aree a destinazione commerciale e industriale. Analisi Tarare (FR): Gli enti locali puntano sul marketing territoriale e Esame della situazione e valutazione dei risultati dell’analisi sull’attuazione di una politica di ospitalità al fine di accrescere l’attrattività economica dell’area e incoraggiare l’insediamento di Sviluppo imprese. Elaborazione di strategie comuni e di concetti d’azione Alpsee-Grünten (DE): I Comuni intendono istituire un’associazione a Attuazione fini speciali che funga da interlocutore per le aziende e Creazione di adeguate strutture di gestione, regolamenti, ecc. permetta una gestione del territorio precisa, orientata alla domanda. Val Passiria (IT): Vengono ottimizzate le strutture di cooperazione in- Valutazione tercomunali esistenti, soprattutto per quanto riguarda gli immobili dis- Feedback e adeguamento della strategia ponibili di tipo commerciale / industriale e la gestione del traffico. Gorenjska (SI): Due comunità locali stanno lavorando ad approcci di sviluppo congiunto e all’inserimento di elementi ecologici nella realiz- le linee guida – dare una mano ai Comuni zazione delle zone a uso commerciale.M. Weiß (EURAC): Area commerciale in Val Passiria, Italia COMUNIS fornisce linee guida sulla CLD per sostenere i Co- Asti (IT): L’obiettivo è sviluppare politiche condivise pubblico / priva- muni e le Regioni nell’affrontare il processo e nel posizionarsi to per attuare nuovi sistemi di risparmio energetico e costituire focusIn tempi di riduzione dei bilanci comunali, di emigrazione di come polo economico sostenibile. Le linee guida sono struttu- group con le imprese e i Comuni.persone giovani e istruite (fuga di cervelli), a fronte di uno svi- rate secondo le fasi del processo di sviluppo già menzionate e Martigny, Sion, Sierre (CH): Nelle tre cittadine del Valais Ro-luppo economico generale i cui effetti non si fermano ai con- presentano diversi approcci e possibili attività, fornendo esem- mand, i portatori di interesse vengono sensibilizzati e istruiti sui te-fini comunali, la cooperazione intercomunale per lo sviluppo di pi pratici. mi dell’ecologia industriale, così da favorire uno sviluppo economicoaree a vocazione commerciale si propone come soluzione del Quale manuale pratico per gli attori a livello locale e regionale, sostenibile.problema. le linee guida descrivono:Eppure, i Comuni sono restii a condividere risorse finanziarie • Possibili azioni, comprese misure adatte alle condizioni nel-e umane a favore di un approccio intercomunale volto a edifi- le varie regioni alpine e riguardanti la gestione dell’uso delcare, utilizzare e commercializzare in modo strategico i terreni, suolo, la promozione e la comunicazione e il sostegno allecosì da attrarre imprese. Anziché prendere l’iniziativa per uno imprese;sviluppo di lungo periodo, i Comuni reagiscono a breve ter- • Metodi e strumenti per l‘attuazione delle fasi di lavoro par-mine, ritrovandosi con poco spazio di manovra. tendo da un‘analisi iniziale della situazione, fino alla costitu- zione di una struttura di gestione; • Strumenti per confrontare costi e benefici e per la valutazio- K. Schönthaler (Bosch & Partner GmbH): Workshop tenutosi nellaTitle picture (Bosch): Impianto Blaichach di Robert Bosch GmbH ne degli impatti ambientali. Regione di Alpsee Grünten, Germania
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×