• Like
Flyer 2 Comunis Italiano
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

Published

 

Published in Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
137
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. i partner in breve Quando si tratta di realizzare strutture a uso commerciale-in- dustriale a livello comunale, la tipica strategia – tanto in mon-European Academy Bolzano/Bozen tagna, quanto in pianura – è quella di rispondere a una do-Institute for Regional Development and Local Development Agency Langhe manda individuale nel breve periodo. Spesso, tuttavia, mancaLocation Management Monferrato Roero TA! A DA una strategia concertata di lungo periodo elaborata in modo consensuale con altri Comuni e finalizzata a utilizzare le po- EVI L 2 tenzialità endogene dell’area. NAT rzo 201 SEG 9 ma nale za fi COMUNIS mira a promuovere strategie cooperative per lo 8- n fereRegional development Vorarlberg sviluppo intercomunale di aree a uso industriale-commerciale BSC, Business Support Centre Ltd., (Commercial Location Development – CLD) nelle zone mon- Con tane. Aumentando la consapevolezza dei vantaggi e miglioran- Kranj do la cooperazione intra-territoriale, COMUNIS mira a crearebosch & partner sinergie tra i singoli Comuni attraverso l’elaborazione di soluzi-Bosch & Partner GmbH München oni integrate di sviluppo. A tal fine, COMUNIS sta sviluppando delle linee guida per Swiss Association for Services l’elaborazione e l’applicazione di strategie CLD intercomunali to Regions and Communes consone alle sfide, condizioni e potenzialità delle aree pilotaCity of Sonthofen in particolare, e delle aree di montagna in generale. Il progetto si tradurrà in una gestione transnazionale delle conoscenze e nella costituzione di strutture sostenibili per la gestione di inter- venti CLD in determinate regioni pilota COMUNIS.Ministry for the Environment, Canton of ValaisLand and Sea Economic Development Office Durata del progetto: luglio 2009 fino a giugno 2012contatti con il partner capofila le regioni pilote Nathalie Stumm DE Cooperazione intercomunale University of Applied Sciences West- ern Switzerland Valais per la gestione strategica Institute Economics and Tourism FR Leiblachtal Alpsee-Grünten AT di insediamenti di PMI TechnoArk 3, CH-3960 Sierre Tel.: +41 27 60 69 00 3 CH LI Großes Walsertal nell’area alpina Gorenjska Email: nathalie.stumm@hevs.ch Passeiertal SI www.comunis.eu Tarare Martigny-Sion-Sierre Claire Delsuc, Florine Goncet Chamber of Commerce and Industry of Lyon Asti-Alessandria Place de la Bourse, F-69289 Lyon Tel: +33 4 72 40 56 92 Email: delsuc@lyon.cci.fr IT
  • 2. la sfida come affrontare la situazione le nostre regioni pilotaNelle regioni alpine, Comuni limitrofi sono in forte competi- COMUNIS mira a sviluppare strategie cooperative per la real- COMUNIS ha avviato il processo di CLD intercomunale nellezione per lo sfruttamento di aree in cui realizzare strutture izzazione di aree a vocazione commerciale-industriale (Com- regioni pilota. Le attività realizzate sono molteplici, al pari delledestinate ad attività economiche. Sebbene questo non sia un mercial Location Development – CLD) nelle zone montane. condizioni quadro e delle situazioni problematiche nelle areeproblema specifico delle Alpi, la topografia alpina crea con- Il processo di sviluppo comprende generalmente i seguenti pilota.dizioni quadro diverse da quelle prevalenti in pianura. Profili elementi:scoscesi e montagne, maggiore probabilità di pericoli naturali Vorarlberg (AT): È stata istituita un’associazione per il progetto e lae via dicendo, limitano la disponibilità di terreni edificabili. Ciò Descrizione del contesto destinazione che funge da struttura istituzionale per coadiuvare i Co-richiede un approccio attento e condiviso per lo sviluppo di Punti di partenza: motivazioni, storia, problemi di sviluppo muni nell’attuazione delle strategie CLD e delle politiche territoriali.aree a destinazione commerciale e industriale. Analisi Tarare (FR): Gli enti locali puntano sul marketing territoriale e Esame della situazione e valutazione dei risultati dell’analisi sull’attuazione di una politica di ospitalità al fine di accrescere l’attrattività economica dell’area e incoraggiare l’insediamento di Sviluppo imprese. Elaborazione di strategie comuni e di concetti d’azione Alpsee-Grünten (DE): I Comuni intendono istituire un’associazione a Attuazione fini speciali che funga da interlocutore per le aziende e Creazione di adeguate strutture di gestione, regolamenti, ecc. permetta una gestione del territorio precisa, orientata alla domanda. Val Passiria (IT): Vengono ottimizzate le strutture di cooperazione in- Valutazione tercomunali esistenti, soprattutto per quanto riguarda gli immobili dis- Feedback e adeguamento della strategia ponibili di tipo commerciale / industriale e la gestione del traffico. Gorenjska (SI): Due comunità locali stanno lavorando ad approcci di sviluppo congiunto e all’inserimento di elementi ecologici nella realiz- le linee guida – dare una mano ai Comuni zazione delle zone a uso commerciale.M. Weiß (EURAC): Area commerciale in Val Passiria, Italia COMUNIS fornisce linee guida sulla CLD per sostenere i Co- Asti (IT): L’obiettivo è sviluppare politiche condivise pubblico / priva- muni e le Regioni nell’affrontare il processo e nel posizionarsi to per attuare nuovi sistemi di risparmio energetico e costituire focusIn tempi di riduzione dei bilanci comunali, di emigrazione di come polo economico sostenibile. Le linee guida sono struttu- group con le imprese e i Comuni.persone giovani e istruite (fuga di cervelli), a fronte di uno svi- rate secondo le fasi del processo di sviluppo già menzionate e Martigny, Sion, Sierre (CH): Nelle tre cittadine del Valais Ro-luppo economico generale i cui effetti non si fermano ai con- presentano diversi approcci e possibili attività, fornendo esem- mand, i portatori di interesse vengono sensibilizzati e istruiti sui te-fini comunali, la cooperazione intercomunale per lo sviluppo di pi pratici. mi dell’ecologia industriale, così da favorire uno sviluppo economicoaree a vocazione commerciale si propone come soluzione del Quale manuale pratico per gli attori a livello locale e regionale, sostenibile.problema. le linee guida descrivono:Eppure, i Comuni sono restii a condividere risorse finanziarie • Possibili azioni, comprese misure adatte alle condizioni nel-e umane a favore di un approccio intercomunale volto a edifi- le varie regioni alpine e riguardanti la gestione dell’uso delcare, utilizzare e commercializzare in modo strategico i terreni, suolo, la promozione e la comunicazione e il sostegno allecosì da attrarre imprese. Anziché prendere l’iniziativa per uno imprese;sviluppo di lungo periodo, i Comuni reagiscono a breve ter- • Metodi e strumenti per l‘attuazione delle fasi di lavoro par-mine, ritrovandosi con poco spazio di manovra. tendo da un‘analisi iniziale della situazione, fino alla costitu- zione di una struttura di gestione; • Strumenti per confrontare costi e benefici e per la valutazio- K. Schönthaler (Bosch & Partner GmbH): Workshop tenutosi nellaTitle picture (Bosch): Impianto Blaichach di Robert Bosch GmbH ne degli impatti ambientali. Regione di Alpsee Grünten, Germania