Comunis newsletter 5 Italiano

356 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
356
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Comunis newsletter 5 Italiano

  1. 1. Circolare 5Autunno 2011 Cooperazione intercomunale per TA! LA DA la ges!one strategica di insediamen! ATEVI 2012 di PMI nell’area alpina SEGN arzo inale 8-9 m ferenza F S Con CO MUNI Foto: Heinz Widmann Quinto Project Mee•ng SOMMARIO Transnazionale Mee•ng del proge•o ad As• (Piemonte) 1I l 27 e 28 luglio scorsi, la Società Consor•le Langhe Monferrato Roe-ro (LAMORO) ha ospitato ad As• il La regione Alpsee-Grünten va avan• Conferenza Finale del proge•o 2 COMUNIS alla conferenza del programma Spazio Alpino5° Project Mee•ng Transnazionale. La ges•one dei saperi 3Durante il mee•ng che si è tenutopresso la Camera di Commercio, In-dustria, Ar•gianato e Agricoltura,sono sta• presenta• ai partner delproge•o i progressi, i primi risulta• fino alla conferenza conclusiva che sie gli sviluppi futuri del proge•o pi- terrà nel marzo 2012. La prima metàlota di LAMORO. È stata un’occasione della giornata iniziale è stata dedicataanche per scambiare esperienze all’analisi della situazione di a•uazi-sugli interven• pilota effe•ua•. one del proge•o pilota; il resto dellaLa Facoltà di Economia dell’Università giornata ha visto un’a•vità di valuta-di As• ha esposto l’analisi effe•uata zione dei singoli aspe• dello svilupponelle zone industriali di Nizza Monfer- intercomunale di aree produ•ve po- I partner del proge•o. © SL2011rato, Canelli e Calamandrana, comuni lifunzionali a uso commerciale, ar•-in provincia di As•. Successivamente gianale, industriale e misto (CLD). Il Nella seconda giornata di lavoro, ialcuni esper• del Comune di Mon- gruppo di lavoro ha discusso ampia- partner hanno discusso delle a•vitàcalieri (provincia di Torino) hanno pre- mente sulla stru•urazione del docu- proge•uali rela•ve al metodo valu-sentato l’esperienza del loro territorio mento Linee Guida per lo sviluppo tazione e adeguamento del proge•o,e la strategia a•uata per sviluppare intercomunale di aree polifunzionali, hanno analizzato le a•vità principaliun’area produ•va polifunzionale nella nel tenta•vo di ridefinire e ripar•re di intervento e i rela•vi documen• dazona industriale di Vadò, a•raverso la i contribu• scri• tra i vari partner. produrre, oltre alle ques•oni finan-creazione di un consorzio di imprese. ziarie rela•ve agli ul•mi mesi del pro- Il gruppo di lavoro del proge•o ha poi ge•o. Le azioni future saranno incen- analizzato con cura l’a•uazione del trate in par•colare sul completamento sistema di diffusione e ges•one dei sa- dei documen• COMUNIS in vista della peri, valutando il lavoro svolto finora conferenza conclusiva prevista a Bol- e le strategie previste per garan•re zano, e sulla prima fase di valutazione la sostenibilità del proge•o. La prima del proge•o, garantendo la capitalizza- giornata di lavoro si è conclusa con la zione e la trasferibilità dei risulta• gra- presentazione del materiale promozio-Sala delle Conferenze alla Camera di zie ad un uso più intenso della pia•a-Commercio As• © SL2011 nale del proge•o, con un diba•to sul- forma COMUNIS di ges•one dei saperi la conferenza finale e uno scambio di (si veda al riguardo l’ar•colo “La ges-Le due giornate di lavoro hanno of- opinioni su contenu• e aspe• tecnici di •one dei saperi” di François Parvex).ferto la possibilità di fare il punto della due pubblicazioni,l’opuscolo di sintesisituazione, riepilogando le a•vità e i del proge•o e la pubblicazione finale di Silvia Lodatorisulta• del proge•o, oltre all’a•enta divulgazione scien•fica, che andranno Società Consor•le Langheprogrammazione delle fasi successive in stampa nella prima metà del 2012. Monferrato Roero (LAMORO)Alpine Space Programme - European Territorial Coopera•on 2007-2013 1
  2. 2. www.comunis.eu La regione Alpsee-Grünten va avan# nonostante il forfait di Immenstadt Conferenza FinaleIl consiglio municipale di Immenstadt degli incarichi su base regionale. Ciò 8-9 marzo 2012si è espresso a maggioranza contro perme•e di evitare tempi troppol’ulteriore partecipazione della ci!à lunghi, cos• eleva• e sprechi di risorse Come si fa a promuovere la coo-di Immenstadt a un proge!o comune territoriali. perazione intercomunale per lodi sviluppo delle aree produ"ve, nel sviluppo di aree a uso commer-quadro del proge!o COMUNIS. Ciò ciale/industriale (Commercialnonostante, gli altri comuni intendono Loca•on Development – CLD)?proseguire tale proge!o di sviluppo Come possono i comuni analiz-polifunzionale nella regione Alpsee- zare i loro pun• di forza e di debo-Grünten. lezza, le opportunità e le minacceDopo una riunione informa•va rivolta ai nell’ambito degli interven• di CLDconsigli comunali del territorio e dedicata intercomunale? Come possonoa illustrare il proge•o di is•tuzione di un I sindaci della regione Alpsee-Grünten i comuni potenziare al massimoconsorzio intercomunale, i vari consigli © KS2011 i loro pun• di forza e ridurre alcomunali hanno deciso di formulare I qua•ro sindaci delle ci•à di Blaichach, minimo i loro pun• deboli ar-una bozza di regolamento, quale passo Burgberg, Re•enberg e Sonthofen rivando a un u•lizzo più sosteni-successivo per un proge•o comune hanno preso a•o della decisione di bile dei terreni da des•nare alladi sviluppo delle aree produ•ve nella Immenstadt ma intendono con•nuare costruzione di stru•ure commer-regione Alpsee-Grünten. Tu•avia la il proge•o, convin• del fa•o che lo ciali-industriali? Qual è il •po dici•à di Immenstadt si è espressa contro sviluppo comune delle aree produ•ve approccio intercomunale CLD piùtale proposta con 14 vo• contrari e sia la risposta giusta alle sfide a•uali. ada•o a realizzare ques• obiet-8 favorevoli. Il consiglio comunale In futuro, nello sviluppo delle aree •vi?di Immenstadt ha mo•vato questa produ•ve dei vari comuni la qualità I partner del proge•o COMUNISdecisione adducendo, tra le altre cose, la dovrà essere anteposta alla quan•tà, e hanno elaborato una metodolo-necessità di sfru•are in modo o•male solo un’azione concertata e condivisa gia per l’analisi di si• e stru•ureil potenziale delle aree interessate con potrà garan•re in modo duraturo organizza•ve intercomunali e leun trasferimento delle competenze, l’occupazione nella regione. condizioni quadro intra-territoria-oltre ad esprimere sfiducia nell’idea di I sogge• coinvol• ritengono inoltre che li per lo sviluppo congiunto di si•un consorzio comune. Tali mo•vazioni sia necessario allargare queste forme a uso commerciale- industriale.sono solo parzialmente comprensibili, di collaborazione mirate alla ges•one Sono state sviluppate linee guidadal momento che la ges•one comune comune delle aree produ•ve a tu•a per definire e applicare strategiedelle aree produ•ve si basa già sul la parte meridionale dell’Alta Algovia CLD intercomunali consone allepresupposto di una ripar•zione mirata (Oberallgäu). Per questo mo•vo alcuni sfide, alle condizioni, e alle poten- colloqui preliminari con i sindaci di tali zialità delle regioni montane. comuni sono già in corso e con•nueranno I risulta• raggiun• dal proge•o fino all’inizio dell’autunno. Entro la fine saranno presenta• in occasione dell’anno saranno ado•ate le decisioni della Conferenza finale, che si fondamentali per la stesura di un terrà l’8 e 9 Marzo 2012, presso regolamento. l’Accademia Europea di Bolzano Sandra Feuerstein (Italia). Ci•à di SonthofenSeminario degli stakeholder nella regioneAlpsee-Grünten © KS2011 COMUNIS alla Conferenza intermedia del Programma Spazio Alpino Accademia Europea di Bolzano © EuracIl 16 e 17 giugno scorsi, sente il partner francese, La prima giornata deial World Trade Center di la Camera di Commercio lavori si è incentrata Per informazioni ulteriori contat-Grenoble (Francia) si è e dell’Industria di Lione, sulla valutazione, sui ri- tare h!p://www.comunis.eu otenuta la Conferenza in- nella fa•specie la dele- sulta• e sugli sviluppi h!p://www.eurac.edu.termedia del Programma gazione di Tarare. Oltre futuri del programma,Spazio Alpino. Per il pro- 250 partner hanno parte- oltre che su aspe• rela•-ge•o COMUNIS era pre- cipato. vi alle poli•che europeeAlpine Space Programme - European Territorial Coopera•on 2007-2013 2
  3. 3. www.comunis.eu(cont.) nell’area alpina. I Dis•nzione tra il conce•o tu• i sogge•, sta• e regio-rappresentan• di sei pro- di deliverables e i risulta•. ni interessate, individuan-ge• hanno avuto la possi- WS2: Ges!one delle con- do le priorità specifiche nelbilità di illustrare i primi ri- dizioni che facilitano se•ore di riferimento.sulta• o•enu• e i progressi l’a"vità: Tra i pun! chiave Il proge•o COMUNIS saràcompiu• dal 2008 al 2011. emersi: l’armonizzazione inserito nell’opuscolo diLa seconda giornata è stata e la semplificazione delle prossima pubblicazione sul L’obie•vo di COMUNIS è elab-dedicata a tre workshop procedure nel quadro del Programma Spazio Alpino. orare una strategia coope-(WS) aper• a tu• i parte- Programma Spazio Alpino, Per ulteriori informazioni ra•va per lo sviluppo di areecipan•: maggiore sinergia tra i pro- si rimanda al sito web del produ•ve polifunzionali ad ge•. Programma Spazio Alpino: uso commerciale, ar•gianale,WS1: Tema!che e prio- http://www.alpine-space. industriale e misto (Commer-rità per la prossima serie WS3: Governance per ar- cial Loca•on Developmentdi proge": Individuare rivare a una strategia ma- eu – CLD). Migliorando la coo-le sfide a livello alpino ed croregionale: Riflessione su Florine Goncet perazione inter-comunale edeuropeo e trasformarle in come avviare un approccio Camera di Commercio e intra-territoriale si intendonoparametri di intervento. partecipa•vo che coinvolga dell’Industria di Lione superare i tenta•vi individua- lis•ci di risolvere il problema La ges!one dei saperi a livello dei singoli comuni. COMUNIS fornirà delle lineeCOMUNIS promuove un sistema sosteni- che si protrarranno ben oltre la durata del guida ampiamente ada•abilibile di ges•one dei saperi sviluppa• nel proge•o. Per questo mo•vo è di fonda- per applicare questa strategiaquadro del proge•o. Innanzitu•o è stato mentale importanza che ciascun partner e individuerà strumen• pra•-formulato un inventario degli strumen• sviluppi una sua rete personale di conta• ci per valutare la domandadisponibili; ques• sono sta• classifica• con gli esper• del se•ore, in ogni paese locale e regionale e ges•re loin base al loro contributo specifico alla di riferimento. La rete, cui appartengono sviluppo di aree polifunzionalitrasmissione dei saperi. Successivamente rappresentan• del se•ore pubblico, di ad uso commerciale. Il pro-è stato sviluppato un sistema per la messa associazioni, di società di consulenza, di ge•o va da luglio 2009 fino ain pra•ca dei vari strumen•, come eviden- centri di formazione e is•tu• di ricerca, giugno 2012.ziato nella figura allegata. Tale sistema ri- avrà il compito non solo di contribuire allaunisce gli strumen• sviluppa• nel quadro diffusione dei risulta• del proge•o, ma IL PARTENARIATOdel programma Spazio Alpino, la pia•a- anche di valorizzarli ulteriormente. Pro- Lead partner:forma di ges•one dei saperi della poli•ca prio in questa direzione sarà necessaria la University of Applied Scien-regionale svizzera regiosuisse e tre si• massima a•enzione nella fase di anima- ces Western Switzerland, In-Web 2.0 con diffusione a livello mondiale. zione della rete da parte di chi è portatore s•tut Economie et TourismeQues• si• Web 2.0 sono molto consulta•, di conoscenza nell’ambito della coopera- (CH).per questo contribuiranno a portare un zione intercomunale e nello sviluppo del-numero considerevole di visitatori sulla le aree produ•ve polifunzionali. ERDF-Lead partner:pagina web del proge•o e su quella del Chambre de Commerce etprogramma Spazio Alpino. François Parvex d’Industrie de Lyon (F).Questo strumento pra•co offre a COMU- Associazione Svizzera di Altri partner:NIS la possibilità di sviluppare dinamiche servizio alle regioni e ai comuni Stadt Sonthofen (DE), Eurac- Research, Ins•tut für Regio- www.comunis.eu nalentwicklung & Standort- management (IT), Canton du www.alpine-space.eu Comunis progetti in corso Valais Service du développe- Comunis foglio del progetto su ment économique (CH), su regiosuisse Wikipedia Umweltministerium (IT), Programma Spazio Alpino su Bosch & Partner GmbH (DE), Linkedin Regionalentwicklung Vorarl- berg (AT), Società Consor•le www.regiosuisse.ch Regiosuisse Langhe Monferrato Roero, banca-dati se•ore proge• europei (IT), Comunis BSC Poslovno podporni cen- su ter, d.o.o., Kranj (SI), Associ- Slideshare a•on Suisse pour le Service Regiosuisse su Linkedin Comunis su Linkedin aux Régions et Communes (CH). La ges•one dei saperi nel proge•o COMUNIS © FP2011Alpine Space Programme - European Territorial Coopera•on 2007-2013 3

×