Caccia agli sprechi [modalità compatibilità]

989 views
919 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
989
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
38
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Caccia agli sprechi [modalità compatibilità]

  1. 1. CACCIA AGLI SPRECHI9 Novembre 2011Dott. Giovanni Volpevolpe@comites.mi.itDott. Pasquale Cenerazzocenerazzo@comites.mi.itCOMITES srl - T. 02.60.83.02.10 Dott. Giovanni VOLPEF. 02.69.01.46.09 – volpe@comites.mi.itWeb: www.comites.mi.it COMITES srl - T. 02.60.83.02.10 F. 02.69.01.46.09 - Web: www.comites.mi.it
  2. 2. Perché il Sistema Toyota Il sistema Toyota trova importanti applicazioni in tutti i settoridi attività. La Toyota è una delle aziende di maggior successo a livellomondiale. La qualità dei suoi prodotti e i livelli di produttività raggiuntisono il riferimento indiscusso nel settore dell’automobile. E’ una delle poche aziende che ha praticamente raggiuntol’obiettivo dello “zero difetti”.Il Sistema Toyota è centrato sulla caccia agli sprechi e sullaapplicazione della Qualità Totale.L’applicazione del sistema TOYOTA nelle organizzazioni può dareun importante contributo sia per la riduzione degli sprechi equindi dei costi di gestione sia per il miglioramento dei livelli diqualità più in generale. Dott. Giovanni VOLPE volpe@comites.mi.it COMITES srl - T. 02.60.83.02.10 F. 02.69.01.46.09 - Web: www.comites.mi.it
  3. 3. I principali fondamenti della Qualità totaleQUALITA’ TOTALE Priorità al cliente Miglioramento continuo delle attività Coinvolgimento del personale Formazione continua Approccio al problem solving Il cliente in azienda Dott. Giovanni VOLPE volpe@comites.mi.it COMITES srl - T. 02.60.83.02.10 F. 02.69.01.46.09 - Web: www.comites.mi.it
  4. 4. I concetti chiave del sistema TOYOTA Sono 3 i concetti che costituiscono l’essenza stessa del sistema TOYOTA. Su di essi si appoggiano tutte le elaborazioni che portano alla sua costruzione e gestione. Valore Spreco Flusso La creazione di valore è la Lo spreco è qualsiasi utilizzo di risorse che non Indica una successione di fasi ragion d’essere di qualsiasi aggiunge valore a quanto viene fatto per nelle quali si crea valore. tipo di organizzazione soddisfare un cliente Qualsiasi attività svolta si realizza secondo un flusso. La mancata La creazione di valore è sempre accompagnata focalizzazione del flusso Obiettivo di qualsiasi da sprechi. impedisce la messa in evidenza organizzazione dovrebbe degli sprechi. La Mappa delessere di massimizzare questo Tutte la attività di miglioramento che vengono Flusso di valore è lo strumento valore ottenendolo con il sviluppate dal sistema Toyota sono dirette a con il quale si analizza e si studia minimo volume di sforzi ridurre gli sprechi un flusso Dott. Giovanni VOLPE volpe@comites.mi.it COMITES srl - T. 02.60.83.02.10 F. 02.69.01.46.09 - Web: www.comites.mi.it
  5. 5. La classificazione delle attività di un processo nell’ottica del valoreSono tutte quelle attività, che agli occhidei clienti, creano valore per il prodotto- Attività a valore aggiuntoservizio. Il cliente sarebbe disposto apagarle in modo esplicito?Sono tutte quelle attività, che agli occhidei clienti, possono innalzare il valore delprodotto-servizio in futuro (Es. Attività a futuro valoreCampagne di marketing, sviluppo nuovi aggiuntoprodotti, ecc.)Sono tutte quelle attività, che agli occhidei clienti, oggi non aggiungono valorema sono inevitabili stanti le attuali Attività a non valoretecnologie, impianti, leggi, ecc. (sprechi aggiuntoeliminabili nel medio-lungo periodo)Sono tutte quelle attività, che agli occhidei clienti, non aggiungono valore e allostato attuale non sono necessarie. SprechiPossono essere eliminateimmediatamente. Dott. Giovanni VOLPE volpe@comites.mi.it COMITES srl - T. 02.60.83.02.10 F. 02.69.01.46.09 - Web: www.comites.mi.it
  6. 6. Area del VALORETutte queste attività dovrebberoessere oggetto di continue azioni di Attività a valore aggiuntoincremento miglioramentoTutte queste attività dovrebberoessere oggetto di progetti disviluppo. Attività a futuro valore aggiuntoSono quelle attività sulle quali non èprioritario agire. Attività a non valore aggiuntoSono le attività che andrebbero ridotteed eliminate. Sprechi Dott. Giovanni VOLPE volpe@comites.mi.it COMITES srl - T. 02.60.83.02.10 F. 02.69.01.46.09 - Web: www.comites.mi.it
  7. 7. MUDA=perdite di valore I MUDA sono complessivamente le “perdite di valore” presenti a diverso titolo nei processi, generate dalla sommatoria di: SCARTI, DIFETTI, ERRORI e SPRECHI.Sono causati dal non rispetto di standard SCARTIdi lavorazione o esecuzione.Sono legati a caratteristiche del DIFETTIprodotto/servizio visibili e rilevabiliE’ qualsiasi comportamento difforme danorme e/o prassi o qualsiasi valutazione ERRORIerrata.E’ generalmente causato da un uso nonben finalizzato delle risorse che aumenta SPRECHIi costi. Dott. Giovanni VOLPE volpe@comites.mi.it COMITES srl - T. 02.60.83.02.10 F. 02.69.01.46.09 - Web: www.comites.mi.it
  8. 8. MURI(eccesso di carico) e MURA (discrepanze, irregolarità) Oltre alle MUDA esistono altre possibilità di dissipare valore attraverso: le MURI (sovraccarico) e le MURA (discrepanze, irregolarità).E’ un termine giapponese che significa“eccesso di carico”. Si manifesta quandosi richiede ad una persona o ad unimpianto un sovraccarico di impegno o MURIlavoro superiore alle sue previste capacitàoperative. Esempi: utilizzo in eccesso diattrezzature, scoordinamento fra uomo emacchina, ecc.E’ un termine giapponese che significa“discrepanza, irregolarità”. Si manifestain presenza di incrementi o riduzionirispetto ad un livello medioprogrammato. Esempi: differenza tra MURAquanto programmato e quanto aconsuntivo, distribuzione del lavoro fradiverse persone non equilibrato, nonadeguato bilanciamento della capacitàproduttiva, ecc. Dott. Giovanni VOLPE volpe@comites.mi.it COMITES srl - T. 02.60.83.02.10 F. 02.69.01.46.09 - Web: www.comites.mi.it
  9. 9. Metodologie operative per rilevare gli sprechi Le principali metodologie operative di rilevazione degli sprechi possono essere ricondotte a quelle utilizzate nella rilevazione dei carichi di lavoro: Analisi degli indicatori aziendali Osservazione degli ambienti di lavoro Rilevazione sistematica dei comportamenti Analisi dei tempi standard predefiniti Cronometraggio Campionatura Confronto di attività Benchmarking interno/esternoDott. Giovanni VOLPEvolpe@comites.mi.itCOMITES srl - T. 02.60.83.02.10 F. 02.69.01.46.09 - Web: www.comites.mi.it
  10. 10. Miglioramento continuo (KAIZEN)Il KAIZEN “Miglioramento continuo” (KAI=cambio, ZEN=meglio) a piccoli passi è un approccio metodologico attuatosenza rilevanti investimenti, attraverso le idee e il contributodi tutto il personale. Dott. Giovanni VOLPE volpe@comites.mi.it COMITES srl - T. 02.60.83.02.10 F. 02.69.01.46.09 - Web: www.comites.mi.it

×