Uploaded on

Realizziamo percorsi di team building con la metodologia del Coaching Creativo. …

Realizziamo percorsi di team building con la metodologia del Coaching Creativo.
I nostri interventi si basano sull’integrazione tra attività ad alto potenziale creativo, durante le quali viene vissuta l’esperienza metaforica del team e momenti di lavoro che puntano a massimizzare l’efficacia realizzando obiettivi concreti.

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
  • awesome
    Are you sure you want to
    Your message goes here
  • Very interesting Presentation :)
    Are you sure you want to
    Your message goes here
No Downloads

Views

Total Views
5,991
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
10

Actions

Shares
Downloads
247
Comments
2
Likes
32

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. TEAM BUILDING CON IL COACHING CREATIVO
  • 2. Qualche domanda... Perchè organizzare un team building? Quali sono i veri obiettivi? Chi è coinvolto? Con quali criteri? Gli obiettivi sono stati condivisi? Come sono stati comunicati?
  • 3. è pensato davvero per le persone ? Troppo spesso gli obiettivi di un team building sono vaghi...
  • 4. ... e allora come procedere? Nella prima fase si analizzano a fondo le esigenze formative con il servizio formazione1 Poi si realizzano riunioni con il cliente interno (dirigente, team leader etc...) per conoscere struttura e funzioni del team, analizzare le criticità, scegliere i partecipanti e focalizzare gli obiettivi 2 3 L’intervento è confezionato “su misura”. Gli scenari di simulazione e l’organizzazione del lavoro rispondono alle esigenze riscontrate 4 Si lavora in partnership con il servizio formazione e il cliente interno per calibrare l’intervento e creare commitment, coinvolgendo anche le prime linee 5 Si elabora la progettazione in dettaglio, focalizzata su output precisi, scegliendo tecniche creative originali basate sulla metodologia del Coaching Creativo. Segue la comunicazione ai partecipanti da parte del servizio formazione e l’inizio dei lavori6
  • 5. gli obiettivi del team building sono ...
  • 6. AD ESEMPIO favorire flussi di comunicazione efficaci scovare le opportunità che può riservare il lavoro in team rinforzare l’identità del team essere guidati da un senso di coerenza interna valorizzare le differenze individuali e di genere costruire significati condivisi approfondire la conoscenza di ruoli, attività e processi organizzativi
  • 7. i migliori obiettivi sono ...
  • 8. + S M A R T E R positivi e affermativi specifici misurabili declinati in azioni realizzabili temporalmente definiti etici entusiasmanti ecologici realistici responsabili
  • 9. Il percorso di team building è disegnato seguendo le 5 fasi del Coaching Creativo 1. Ricerca 2. Decodifica 3. Elaborazione4. Produzione 5. Feedback
  • 10. L’esperienza è come un macro-processo che organizza le funzioni della mente per: 1. ricercare gli scopi e tracciare le mappe 2. scegliere i criteri e organizzare i dati 3. dare vita a nuove possibilità e combinazioni 4. pianificare e agire 5. valutare per apportare cambiamenti
  • 11. in ognuna delle 5 fasi alterniamo: ATTIVITA’ DI SIMULAZIONE SESSIONI DI TEAM WORK
  • 12. nello specifico ATTIVITA’ DI SIMULAZIONE SESSIONI DI TEAM WORK
  • 13. 1 LA FASE DI RICERCA Vivere le fasi iniziali di costruzione del team attraverso la metafora Creare un clima favorevole alla comunicazione, all’ascolto alla conoscenza reciproca
  • 14. 2 LA FASE DI DECODIFICA Lavorare insieme per realizzare una “missione impossibile” Approfondire i processi di lavoro, i ruoli e le attività
  • 15. 3 LA FASE DI ELABORAZIONE Sperimentare la metafora dello sviluppo del potenziale Focalizzare le funzioni del team per sviluppare nuove competenze
  • 16. 3 LA FASE DI PRODUZIONE Progettare creativamente le fasi della “missione impossibile” Condividere, rappresentare e migliorare i processi organizzativi
  • 17. 3 LA FASE DI FEEDBACK Presentare e condividere le missioni Monitorare, valutare e condividere gli output
  • 18. Alternare e coordinare le due modalità di lavoro consente di ottenere diversi vantaggi: Facilitare l’integrazione delle funzioni mentali. Migliorare i comportamenti organizzativi Aumentare la flessibilità e l’apertura al cambiamento Sviluppare maggiore energia Migliorare la capacità di adattamento (essere in grado di gestire l’incertezza e la complessità) Incrementare la coerenza, la stabilità e l’orientamento allo scopo
  • 19. Kairos Solutions s.r.l Via Alamanno Morelli 10, 00197 Roma tel: 0692957552 info@kairossolutions.it www.kairossolutions.it