• Save
Viventi del mare
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Viventi del mare

on

  • 1,416 views

di Diego A. e Lorenzo B.., 1^ ist. tecnico commerciale,

di Diego A. e Lorenzo B.., 1^ ist. tecnico commerciale,

Statistics

Views

Total Views
1,416
Views on SlideShare
1,414
Embed Views
2

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 2

http://www.ilblogdellaprof.org 2

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Viventi del mare Viventi del mare Presentation Transcript

  • I viventi del mare Lorenzo B. e Diego A., 1°anno istituto tecnico commerciale
  • L'idrosfera comprende tutte le acque del pianeta, che si trovano localizzate per il 97% del totale nei mari e negli oceani.
  • L’ECOSISTEMA MARINO E' un mondo abitato da particolari organismi vegetali ed animali che convivono solo in un ambiente con specifiche caratteristiche fisico-chimiche.
  • In un mondo costituito da acqua e sali minerali vi sono organismi che, utilizzando l'energia solare, trasformano le sostanze inorganiche dell'ambiente circostante ( acqua , anidride carbonica , sali ) in sostanze organiche ( glucosio ) necessarie per la propria sopravvivenza, cedendo all'ambiente gli scarti di questo processo ( ossigeno ). 6 CO 2 + 6 H 2 O -> C 6 H 12 O 6 + 6 O 2
  • Sono questi organismi vegetali, provvisti di clorofilla e quindi in grado di compiere il processo di fotosintesi , i produttori primari del mondo sottomarino, rappresentati in maggioranza dalle alghe .
  • Dell'ecosistema fanno parte anche gli organismi decompositori .
  • Fra i decompositori sono importantissimi i batteri : utilizzando per il loro metabolismo le sostanze organiche morte, trasformano nuovamente la materia in uno stato minerale utilizzabile dal fitoplancton e che quindi rientra nuovamente nella catena alimentare.
  • Ma i batteri sono in grado di compiere questa operazione solo in presenza di ossigeno , in mancanza del quale le sostanze organiche si decompongono dando origine a gas che impediscono i processi vitali.
  • Il fitoplancton costituisce il nutrimento dello zooplancton , formato da minuscoli crostacei e da larve di vari organismi.
  • fitoplancton
  • zooplancton
  • Lo zooplancton diventa a sua volta cibo per organismi più grossi, e così via.
  • L'ambiente marino viene tradizionalmente suddiviso in dominio bentonico e dominio pelagico .
  • Per dominio bentonico si intende l'ambiente dove vivono tutti gli organismi legati più o meno direttamente ai fondali .
  • Il dominio pelagico comprende le acque libere, dalla superficie fino agli abissi delle fosse oceaniche, e nelle quali vivono tutti gli organismi che conducono una vita non vincolata in maniera esclusiva al fondale.
  • La luce penetra nell'acqua solo marginalmente, e varia in base alla latitudine, all'ora del giorno e alla stagione.
  • A mezzo metro di profondità l'intensità della luce si è dimezzata; nelle acque profonde più trasparenti già da 100 metri di profondità ne rimane solo l'1%.
  • La luce solare ha anche l'effetto di aumentare la temperatura dell'acqua, in grado maggiore nelle acque superficiali e diminuendo, così come la luce, man mano che si va più in profondità.
  • Si hanno quindi punti in cui la temperatura diminuisce bruscamente, chiamati termoclini , per poi stabilizzarsi uniformemente.
  • In nessun luogo al mondo la vita sfoggia una molteplicità di colori e forme maggiore che nelle formazioni madreporiche, le cosiddette barriere coralline .
      • Vi sono tre tipi di barriere coralline: quelle cosiddette litorali che si estendono quasi direttamente dalla costa...
      • ... la barriera vera e propria che si estende parallela alla costa ...
      • … e gli atolli , barriere di forma anulare cresciute nel mare aperto attorno alla sommità di antichi vulcani sommersi.
  • Le barriere coralline si trovano nei mari tropicali ; la superficie delle barriere raggiunge circa i 600.000 Km².
  • Le zone in cui si trovano le barriere più estese sono tre:
  • Le zone in cui si trovano le barriere più estese sono tre: • i Caraibi
  • Le zone in cui si trovano le barriere più estese sono tre: • le isole occidentali dell’Oceano Indiano e Mar Rosso
  • Le zone in cui si trovano le barriere più estese sono tre: • l’area Indopacifica
  • Il petrolio è un insieme di sostanze naturali che si trovano normalmente associate alle rocce sedimentarie, e derivano dalla trasformazione/ decomposizione di sostanze organiche che si accumulano nel sottosuolo per milioni di anni.
      • L'uomo da tempo è alla ricerca dell'oro nero, anche in mare, e se il punto da perforare si trova in acque profonde (nel 1983 si sono raggiunti i 2083 metri) vengono utilizzate delle piattaforme galleggianti.
  • Le perdite di petrolio hanno un forte impatto sull'ambiente marino (fauna e biodiversità), causando la contaminazione delle coste e degli oceani…
  • ...per non parlare degli incidenti di inquinamento causati dallo scoppio di piattaforme petrolifere di dimensioni indescrivibili e il conseguente effetto sulla natura.
  •  
  •  
    • Fonti :
    • http://it.wikipedia.org/wiki/Biologia_marina
    • http://www.isegretidelmare.it/