Chimica, 2012, la cromatografia, chiara v., 4 liceo sc.soc
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Chimica, 2012, la cromatografia, chiara v., 4 liceo sc.soc

on

  • 774 views

 

Statistics

Views

Total Views
774
Slideshare-icon Views on SlideShare
753
Embed Views
21

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

1 Embed 21

http://www.ilblogdellaprof.org 21

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Chimica, 2012, la cromatografia, chiara v., 4 liceo sc.soc Chimica, 2012, la cromatografia, chiara v., 4 liceo sc.soc Presentation Transcript

    •  Lacromatografia è una tecnica per la separazione dei componenti di una miscela in modo da analizzarli, identificarli, purificarli e quantificarli.
    • Rappresentazione grafica •Analizzare Separazione • Identificare • Purificare • Quantificare Componenti
    • USO DELLA CROMATOGRAFIA Esempi reali di utilizzo: COMPAGNIE FARMACEUTICHE: viene utilizzata per determinare la quantità dei principi attivi di un prodotto OSPEDALE: viene utilizzata per determinare l’alcool nei campioni di sangue dei pazienti FORZE DELL’ORDINE: si usa per confrontare campioni trovati sulla scena del crimine con materiale prelevato ai sospetti STUDIO DELL’AMBIENTE: per determinare il livello degli inquinanti in acqua e aria RESTAURO: per identificare i componenti di inchiostri e pitture
    • I TIPI DI CROMATOGRAFIA CROMATOGRAFIA LIQUIDA GASCROMATOGRAFIA CROMATOGRAFIA SU CARTA CROMATOGRAFIA SU STRATO SOTTILE
    • CROMATOGRAFIA LIQUIDA In particolare la cromatografia liquida si suddivide in cromatografia liquida ad alta pressione (HPLC) e cromatografia liquida classica (utilizzata a scopo preparativo).La cromatografia liquida a ultra alta prestazione è una recente realizzazione che sfrutta lavanzamento tecnologico nellacostruzione dei componenti strumentali tipici della classica HPLC, come la possibilità di produrre colonne contenenti una fase stazionaria con diametro delle particelle molto minore.
    • GASCROMATOGRAFIANella tecnica gas-cromatografica la fase mobile è un gas che fluisce attraverso una colonna in cui si trova la fase stazionaria, la quale può essere un solido granulare poroso oppure un liquido.Secondo lo stato fisico della fase stazionaria, la gas-cromatografia si puo suddividere in cromatografia gas solido (GSC) e in cromatografia gas liquido (GLC). Alluscita della colonna un rivelatore segnala il passaggio dei diversi componenti della miscela a un sistema di elaborazione dei segnali Quest‘ ultimo fornisce il gascromatogramma, in cui la quantità di sostanza eluita è diagrammata in funzione del tempo che la sostanza ha impiegato per attraversare la colonna.
    • CROMATOGRAFIA SU CARTA La cromatografia (letteralmente "scrittura con il colore") è una tecnica di separazione basata sulla diversa affinità che i componenti di una miscela possono manifestare nei confronti di determinate sostanze o materiali.È una tecnica largamente usata che comprende diversi metodi. Il più semplice, che non richiede particolari strumenti, è la cromatografia su carta e su strato sottile. Si utilizza per la separazione un solvente e una lastrina o della carta da filtro (fase stazionaria). La miscela dei coloranti si separa nei suoi componenti grazie alla diversa solubilità che questi hanno nel solvente e alla diverse interazioni che stabiliscono con la fase stazionaria.
    • CROMATOGRAFIA SU STRATO SOTTILELa cromatografia su strato sottile , è una tecnica cromatografica di semplice preparazione e rapida esecuzione; questo la rende adatta per lesecuzione di valutazioni qualitative o semi- quantitative. Come tutte le cromatografie, si basa sulla diversa suddivisione di sostanze differenti tra una fase stazionaria ed una fase mobile, in funzione dellaffinità di ogni sostanza con esse. La fase stazionaria è generalmente uno strato dallo spessore uniforme di materiale adsorbente depositato su una lastra di vetro. Il materiale adsorbente può essere gel di silice, allumina, cellulosa in polvere o polvere di diatomee, a seconda dellapplicazione richiesta.La fase mobile è un solvente opportunamente scelto (o una miscela di solventi), capace di separare i componenti della miscela da analizzare.
    • INDICE SITI: GASCROMATOGRAFIA - Pierluigi Robino www.prweb.it/chimica_biologico/testi/QACS_ gascromatografia GasCromatografia - Dipartimento di Chimica www.chimica-cannizzaro.it/files/gascromatografia 1.pdf www.itis-molinari.eu/studenti/progetti/colori/crptlc.htm it.wikipedia.org/wiki/Cromatografia_su_strato_sottile Copia cache - Simili