Chimica, 2012, bomba atomica, lisa stella g., 4 liceo sc soc

1,357 views
988 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,357
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
30
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Chimica, 2012, bomba atomica, lisa stella g., 4 liceo sc soc

  1. 1. La bomba atomica Che cosè Effetti• Meccanici• Termici Effetti Cutanei• Radioattivi Effetti penetranti• Radiazione diretta e radiazione residua• Fallout precoce e fallout ritardato Le più importanti bombe atomiche
  2. 2. Che cosèLa bomba atomica è ladenominazione generica di ordigni incui l energia esplosiva è di naturanucleare, cioè derivante dallafissione di nuclei pesanti comeplutonio e uranio, o dalla fusione dinuclei leggeri come idrogeno ed elio,anche con produzione di elevataquantità di neutroni. La prima bombaatomica sperimentale fu fattaesplodere ad Alamogordo, negliUSA, il 16.7.1945; le successive,operative, a Hiroshima (6.8.1945) eNagasaki (9.8.1945).
  3. 3. EffettiGli effetti immediati delle bombe atomiche sono meccanici (onda d´urto, causata dalla violenta espansione dei gas), termici e radioattivi (neutroni e radiazioni gamma). Gli effetti residui sono dovuti al bombardamento di materiale altrimenti non radioattivo e alla ricaduta di materiale radioattivo proiettato in quota (fall-out).
  4. 4. Effetti meccaniciesplosione di una bomba atomica, visibile in una palla di fuoco,produce unintensa emissione radioattiva,contemporaneamente a onde durto e di calore,che distruggono tutto quanto si trova nelle immediate vicinanze.Le polveri e i detriti risucchiati dal terreno formano una nube di fumo dalla tipica forma a fungo.La rapidissima espansione dei materiali che costituiscono la bomba produce un impulso di alta pressione,o meglio unonda durto,che si propaga in modo concentrico a partire dal punto in cui è avvenuta lesplosione.In aria, questa onda durto è accompagnata dallo sviluppo di venti violentissimi,più potenti di quelli di un uragano, e il danno viene provocato sia dalla pressione dellaria, sia dai venti estremamente intensi che persistono anche dopo il passaggio dellonda.
  5. 5. Effetti termiciLe temperature estremamente alte raggiunte in unesplosione nucleare risultano dalla formazione di una massa incandescente di gas compressi, detta palla di fuoco. Dalla palla di fuoco viene emesso un lampo di radiazione termica che raggiunge una vasta area, seppure con intensità che decresce in modo costante.
  6. 6. Effetti radioattivi cutaneiLa radiazione termica che colpisce la pelle causa gravi ustioni, in particolare unesplosione in quota da 10 kiloton può produrre ustioni di secondo grado sulla pelle non coperta, fino a 2,4 km dal punto zero; per una bomba da 10 megaton, la distanza corrispondente è di 32 km. La radiazione termica può provocare lo sviluppo di incendi di materiale combustibile, che successivamente, se le condizioni sono favorevoli, si estendono, tutto ciò che esiste di infiammabile viene rapidamente divorato dal fuoco.
  7. 7. Effetti Radioattivi penetrantiltre al calore e allonda durto, lesplosione di una bomba nucleare ha un effetto del tutto particolare e assolutamente devastante: lemissione di radiazioni nucleari penetranti che hanno caratteristiche completamente diverse dalla radiazione termica. Quando viene assorbita dai tessuti corporei, la radiazione nucleare può causare danni estremamente gravi, molti individui che non avevano riportato danni letali per lurto e per il calore, muoiono in un secondo momento a causa delle radiazioni. La radiazione nucleare prodotta da unesplosione atomica può essere distinta in due categorie: radiazione diretta e radiazione residua.
  8. 8. Radiazione direttaQuella diretta consiste di una liberazione istantanea di neutroni e raggi gamma, che sono radiazioni elettromagnetiche ad alta energia simili ai raggi X, su unarea di moltissimi chilometri quadrati. Per difendersi dalla loro azione occorre essere schermati da spessori consistenti di materiale.
  9. 9. Radiazione residua La radiazione nucleare residua, generalmente nota come fallout, può rappresentare un rischio per aree molto vaste del tutto indenni dagli altri effetti dellesplosione della durata di giorni, mesi o anche anni. Si conoscono due diverse categorie di fallout: precoce e ritardato.
  10. 10. Fallout precoceSe unesplosione nucleare si verifica vicino alla superficie, avviene il risucchio dalla superficie stessa di detriti e acqua, materiali che vanno a costituire la nube a fungo e si contaminano con i residui radioattivi della bomba stessa. Il materiale contaminato comincia a ricadere nel giro di pochi minuti e può continuare anche per 24 ore, interessando unarea di migliaia di chilometri quadrati sottovento rispetto al punto dellesplosione: è questo il cosiddetto fallout precoce, e costituisce un rischio immediato per gli esseri umani.
  11. 11. Fallout RitardatoLe esplosioni che avvengono a quota relativamente alta non danno luogo a fallout precoce. Se una bomba nucleare esplode ben lontana dal suolo, i residui radioattivi salgono ad alta quota nella nube a fungo, e ricadono gradualmente su unarea molto vasta.
  12. 12. Effetti climatici La parte della vegetazione sarebbe gravemente danneggiata, con conseguenze disastrose per l’alimentazione di animali e uomini. Si avrebbe un duro "inverno nucleare” . Vi sarebbe un notevole impatto sul clima per diversi anni. Le temperature sulla superficie cadrebbero abbondantemente sotto lo zero per diversi mesi, il che ridurrebbe sostanzialmente le possibilità di sopravvivenza umana. Le piante non avrebbero il tempo di adattarsi ad un così brusco cambiamento di clima. Verrebbero dunque distrutte importanti risorse alimentari, per non parlare dell’acqua, che diverrebbe ghiaccio. Anche le zone lontane dalle esplosioni sarebbero interessate a massicce dosi di radiazioni, le quali si avvicinerebbero al livello letale per gli esseri umani. Il fuoco sarebbe un problema importante con gravi e impreviste conseguenze. Un sesto delle zone urbanizzate del mondo sarebbe bruciato, mentre incendi senza controllo potrebbero estendersi su vaste aree. Inoltre i fuochi nelle zone urbane genererebbero grandi quantità di tossine mortali e gas tossici, come monossido di carbonio, diossina e furano. L’esaurimento di ozono incrementerebbe l’esposizione ai raggi ultravioletti (UV-B). Gli oceani non ghiaccerebbero, per la considerevole quantità di calore contenuta al loro interno. Molti ritengono che le zone costiere sarebbero la principale risorsa di alimenti per i sopravvissuti di una guerra nucleare, ma ci sono forti dubbi su questa ipotesi, per diversi motivi: effetti di oscurità e luce ultravioletta, tempeste costiere, distruzione delle navi, alte concentrazioni di radionuclidi nei pesci e nella flora marina
  13. 13. HiroshimaFu Hiroshima a divenire l’obbiettivo primario dell’attacco nucleare, avvenuto il 6 agosto del 1945. I motivi erano molteplici. Si trattava di una città di notevole importanza, sia da un punto di vista militare che industriale. Rappresentava un punto di smistamento delle truppe e un grande centro per le comunicazioni e lo stoccaggio delle merci. Infine,la città era potenzialmente ad altissimo rischio d’incendio.Il B-29 Enola Gay, partì dalla base area di Tinian e le condizioni atmosferiche erano ottime.La bomba atomica all’Uranio lanciata incenerì 12 chilometri quadrati della città causando la morte di 100 mila uomini e altrettanti feriti, quasi tutti
  14. 14. agasaki rappresentava uno dei più importanti porti del Giappone meridionale e le attività Nagasaki che la caratterizzavano riguardavano principalmente la produzione di munizioni, navi, equipaggiamenti militari e materiali bellici vari.a maggior parte delle case erano in legno,materiale, così facilmente infiammabile, tale da far diventare Nagasaki un obiettivo nucleare altamente appetibile.Le stime affermano che la bomba atomica al plutonio uccise all’istante circa 40.000 dei 240.000 residenti, ma molte persone esposte alle radiazioni morirono anche durante i mesi che seguirono l’esplosione.superstiti furono soprannominati “hibakusha”, termine nipponico che significa “persona esposta alla bomba”. Essi divennero il nucleo del pacifismo che segnò il Giappone per tutto il dopoguerra.
  15. 15. FontiDocumentazione: http://www.zonanucleare.com/more_info/scienza/bomba_atomica_a.htm http://www.autistasoccorritore.it/nbcr.html http://www.secondaguerramondiale.net/guerra/hiroshima-e-nagasaki.htm Immagini:  http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/e/e0/Nagasakibomb.jpg  http://gulfofmexicooilspillblog.com/2011/03/14/gulf-of-mexico-oil-spill-blog-japan-tsunami-radiation-fallout/  http://i.focus.it/Foto/Le_ultime/default.aspx  http://memoryssubmarine.blogspot.com/2009/11/1945-hiroshima-6-agosto.html  http://nucleareitalia.wordpress.com/giappone-2011/

×