Your SlideShare is downloading. ×
Open Ricostruzione - Napoli 11 aprile 2013
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Open Ricostruzione - Napoli 11 aprile 2013

163

Published on

Napoli - 11 aprile 2013: al salone mediterraneo della responsabilità sociale condivisa si parlava di contratti di rete. Secondo noi serve un contratto di rete allargato anche ai cittadini. Open …

Napoli - 11 aprile 2013: al salone mediterraneo della responsabilità sociale condivisa si parlava di contratti di rete. Secondo noi serve un contratto di rete allargato anche ai cittadini. Open Ricostruzione ne è un esempio: www.openricostruzione.it

Published in: News & Politics
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
163
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Convegno: “Il distretto sostenibile e la catena dei fornitori responsabili tra gli strumenti di contagio" Napoli - 11 aprile 2013Christian Quintili - Referente Territoriale per l’Emilia Romagna ActionAid Italia
  • 2. ActionAid è unorganizzazione internazionale indipendente, a-partitica e non confessionale, impegnata nella lotta alla povertà e allesclusione sociale in più di 40 paesi del mondo.Strategia internazionale 2012 - 2017 Obiettivo 1: agricoltura sostenibile / controllo risorse naturali Obiettivo 2: influenza politica persone in povertà / governi e imprese accountable Obiettivo 3: qualità dell’istruzione pubblica per tutti i bambini Obiettivo 4: “resilienza” in contesti di conflitti e disastri naturali Obiettivo 5: diritti delle donne http://www.actionaid.org/publications/peoples-action-end-poverty
  • 3. Il problema:
  • 4. Strategia ActionAid Italia 2012-2017“Nei contesti di povertà edesclusione sociale serve lavoraresenza timore anche su alcuni dirittiattinenti alla sfera civile e politica,come quello all’informazione e allalegalità, potenzialmente moltorilevanti nel nostro Paese”
  • 5. Il contratto di rete - definizione:“più imprenditori, (…) si obbligano “acollaborare in forme e in ambitipredeterminati (…) ovvero a scambiarsiinformazioni o prestazioni di naturaindustriale, commerciale, tecnica otecnologica ovvero ancora ad esercitarein comune una o più attività”.
  • 6. Per un contratto di rete allargato: Accrescere, capacità innovativa eInformazione competitività sul mercato. (Contratto di rete fra imprese) Stato Imprese Cittadini Accountability dei gruppi di potere come pratica quotidiana e condivisaCollaborazione (Contratto di rete con i cittadini)
  • 7. Nuovi strumenti digitali:Applicare all’azione di governo i principi della collaborazione propria del web: 1. Ubiquità: vi si può accedere da quasi ovunque nel mondo 2. Apertura: si basa su protocolli non proprietari 3. Economicità 4. Asincronia: permette un coordinamento atemporale
  • 8. Nuove prospettive di governo: Memorandum “Open Government Directive” dell’8/12/2009 (USA)1. Trasparenza: le informazioni della PA devono essere facilmente reperibili, riutilizzabili, aperte;2. Partecipazione: i cittadini devono poter contribuire ai processi decisionali anche grazie al ricorso alle tecnologie dell’informazione3. Collaborazione: i cittadini devono poter monitorare la qualità del servizio pubblico in tutte le sue fasi di esecuzione.
  • 9. Nuove norme in Italia: Articolo 18 - DL 83/2012 (Decreto Sviluppo Governo Monti)Per tutte le “sovvenzioni, contributi, sussidi,appalti e ausili finanziari - pubblicazione web: 1. Nome del beneficiario e suoi dati; 2. Importo titolo dellattribuzione; 3. Funzionario responsabile; 4. Modalità di scelta; 5. Progetto, CV, contratto e capitolatoIn caso contrario il contratto è inefficace.
  • 10. IL PROGETTOOpen Ricostruzione è il primo programma italiano che mira a garantire unaricostruzione trasparente dell’Emilia Romagna sconvolta dal sisma del giugno2012 attraverso l’uso delle tecnologie digitali e la collaborazione dei cittadini. DUE FASI 1. Piattaforma web: tenere traccia di danni agli di edifici pubblici, donazioni e finanziamenti raccolti, nonché monitorare lo stato di avanzamento lavori; 2. Laboratori con i cittadini: formare i cittadini in loco creando gruppi di attivisti con cui monitorare dal basso gli appalti della ricostruzione.
  • 11. I PARTNERSOpen Ricostruzione nasce a seguito degli eventi sismici che hanno sconvoltol’Emilia Romagna ed è frutto di una collaborazione inedita fra istituzioni eorganizzazioni della Società Civile • Regione Emilia Romagna • ANCI • Anci Tel • Wikitalia • ActionAid • Open Polis • Shoot 4 Change Open Ricostruzione non riceve alcun finanziamento pubblico. La prima fase del progetto è stata realizzata grazie ad una donazione di Cisco Italia
  • 12. FASE 1LA PIATTAFORMA WEB
  • 13. (1) LA PIATTAFORMAPresentata alla stampa il 24 gennaio 2013, frutto di un lavoro di raccolta esistemazione dati durato 7 mesi, www.openricostruzione.it è il primo strumento ditracciabilità totale italiano in occasione di calamità naturali. Dimensione del monitoraggio: • 45 Comuni su 61 in costante aumento • 354 opere di interesse pubblico Entità monitorate: • Stima del danno di ciascun progetto • Donazioni raccolte pubbliche e private • Tipologia donatore Tecnologia: • A breve rilascio dati in formato aperto • Codice sorgente Open Source
  • 14. (1) LA PIATTAFORMA Dati su ciascun Comune• Stima del danno complessivo alle opere pubbliche• Totale delle donazioni incassate dal Comune• Conto corrente dedicato del Comune• Elenco di tutte le opere pubbliche danneggiate• Stima del danno di ciascuna opera• Andamento delle donazioni complessive nel tempo incassate dal Comune con aggiornamento mensile• Ripartizione ricercabile • Ripartizione ricercabile dei progetti in base al delle donazioni in base tipo di edifico al donatore• Stima del danno • Stima del danno aggregato per categoria aggregato per categoria
  • 15. (1) LA PIATTAFORMA Dati su ciascun progetto• Stima del danno del singolo edificio danneggiato• Donazioni vincolate all’edificio danneggiato• Conto corrente dedicato del Comune• Descrizione del progetto• Stato attuale• Interventi previsti• Georeferenziazione progetto• Tempi di realizzazione• Importo lavori• Integrazione con strumenti social e web 2.0• Spazio per commenti degli utenti• Moderazione a cura dei Partners
  • 16. FASE 2:LABORATORI CON I CITTADINI
  • 17. (2) I CITTADINIA partire da aprile 2013 ActionAid realizzerà un programma di formazione sullapiattaforma e di coinvolgimento dei cittadini nei Comuni più danneggiati. Scopo: rendere i cittadini in grado di analizzare le scelte nell’allocazione fondi per la ricostruzione Comuni coinvolti nel corso del 2013: 1. Finale Emillia (MO) 2. San Felice sul Panaro (MO) 3. Reggiolo (RE) 4. Bondeno (FE) 5. Crevalcore (BO) Esito: report di monitoraggio e mostra fotografica di illustrazione del percorso
  • 18. (2) I CITTADINIIn ciascun Comune saranno realizzate 4 visite nel corso dei prossimi 12 mesi.Ciascuna visita comprenderà le attività seguenti: LE ATTIVITA’ 1. Percorsi formativi nelle scuole: sulla trasparenza e sullo storytelling attraverso il web 2.0 2. Laboratori di cittadinanza: rivolti a tutti i cittadini e articolati su 2 sessioni tematiche: • Contrattualistica pubblica e appalti • Data Journalism 3. Esercitazioni di monitoraggio: sui documenti originali e sui dati presenti sulla piattaforma web.
  • 19. (2) I CITTADINIActionAid possiede un expertise specifica nella realizzazione di progetti diattivazione comunitaria a seguito di calamità naturali: ha maturato competenze specifiche nella risposta alle emergenze e nei processi di ricostruzione, sviluppata in oltre quarant’anni di azione nei Paesi del Sud del mondo:E’ già intervenuta nel 2009 nel sostegno aicittadini all’Aquila realizzando la videoinchiesta, “L’Aquila a pezzi” in cuivengono valutati gli interventi diricostruzione sociale attraverso letestimonianze dei cittadini
  • 20. PUNTI DI FORZA DEL PROGETTO  Non riceve finanziamenti pubblici  Alimenta un circuito virtuoso di trasparenza e fiducia  Valorizza le tecnologie digitali e la partecipazione dei cittadini  Stimola la raccolta di donazioni private per la ricostruzione  Mantiene alta l’attenzione sulla ricostruzione nel corso del tempo
  • 21. BUDGET DELLE ATTIVITA’ DI ACTIONAIDI dati seguenti si riferiscono ad un ciclo annuale di 20 laboratori in 5 Comuni VOCE DI BUDGET IMPORTO Coordinamento, relazioni istituzionali e facilitazione dei laboratori 10.000 € Esperti sulla contrattualistica pubblica e sul Data Journalism 5.000 € Logistica: trasporti, telefonia, vitto, materiali e attrezzature 5.000 € Attività di comunicazione online e off-line 2.500 € Pubblicazione e stampa del rapporto di monitoraggio 2.500 € TOTALE 25.000 €
  • 22. I VANTAGGI DEL TUO SOSTEGNO:Con un donazione di 5.000 € finanzi un intero percorso in 1 Comune.Non c’è un importo minimo. Anche il più piccolo contributo è importante! 1. Ingresso in una partnership esclusiva 2. Adesione ad un progetto concreto 3. Visibilità sui media locali e nazionali 4. Deducibilità fiscale delle donazioni 5. Supporto dedicato per la comunicazione
  • 23. PER INFORMAZIONI E CONTATTI: Christian Quintili Referente Territoriale per larea di Bologna Tel: 3420834926 Skype: chrisinaction christian.quintili@actionaid.org www.actionaid.it www.facebook.com/ActionAid.Bologna

×