Etnografia nei contesti educativi

1,615 views
1,381 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,615
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
6
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Etnografia nei contesti educativi

  1. 1. La famiglia, i compagni, la scuola: il metodo etnografico per lo studio dei contesti di sviluppo William A. Corsaro e Luisa Molinari
  2. 2. L’approccio interpretativo alla psicologia dello sviluppo
  3. 3. BRUNER ; PSICOLOGIA CULTURALE : è partecipando alla cultura che le nostre azioni quotidiane assumono un significato pubblico e condiviso. CORSARO ; APPROCCIO INTERPRETATIVO allo sviluppo dei bambini, basato su: <ul><li>INTERPRETAZIONE (i bambini interpretano le informazioni provenienti dalla cultura degli adulti). </li></ul><ul><li>RIPRODUZIONE (le riproducono negoziandole nelle routine della cultura dei pari). </li></ul>QUADRO TEORICO DI RIFERIMENTO
  4. 4. <ul><li>Lavoro INTENSIVO e PARTECIPATO (lavoro sul campo, diventare “membro del gruppo”). </li></ul><ul><li>Interessi MICROSCOPICI e APPROFONDITI. </li></ul><ul><li>FLESSIBILITA’ (revisione costante delle premesse e delle interpretazioni). </li></ul>METODO ETNOGRAFICO caratterizzato da:
  5. 5. <ul><li>LONGITUDINALE: si focalizza sui PERIODI di TRANSIZIONE dei bambini. </li></ul><ul><li>ETNOSTORICA: colloca lo studio in un contesto storico più ampio. </li></ul><ul><li>SVOLTA SU DIVERSI LIVELLI: l’osservazione avviene in diversi contesti significativi per il bambino. </li></ul><ul><li>CROSS-CULTURALE : confronta diverse culture. </li></ul>RICERCA ETNOGRAFICA
  6. 6. La VALIDITA’ della RICERCA si basa su: <ul><li>Registrazioni accurate sulla </li></ul>Processualità del lavoro <ul><li>La TRIANGOLAZIONE INDEFINITA </li></ul><ul><li>La ricerca di CASI NEGATIVI </li></ul><ul><li>Eventualmente INTERVISTANDO i PARTECIPANTI </li></ul>La GENERALIZZABILITA’ dei RISULTATI si ottiene: Raccogliendo materiale che sia RAPPRESENTATIVO
  7. 7. <ul><li>1975, Berkeley (USA) un anno scolastico in una scuola materna privata. </li></ul><ul><li>1984, Bologna (Italia) sei mesi in una scuola dell’infanzia. </li></ul><ul><li>1989, (USA) Head Star Center progetto per bambini con famiglie in gravi difficoltà economiche. </li></ul><ul><li>1996-2006, (ITALIA, USA) analizza la transizione dalla scuola dell’infanzia alla scuola elementare. </li></ul>STUDI CONDOTTI da CORSARO
  8. 8. La raccolta dei dati <ul><li>L’ingresso sul campo </li></ul><ul><li>Le note sul campo e gli altri materiali </li></ul>
  9. 9. <ul><li>La procedura d’ingresso nel contesto dell’osservazione è cruciale. </li></ul>OBIETTIVI <ul><li>Acquisire lo status di “MEMBRO del GRUPPO” </li></ul><ul><li>Riuscire a cogliere il punto di vista dei soggetti osservati </li></ul><ul><li>Guadagnare accettazione da parte dei membri del gruppo </li></ul>L’INGRESSO SUL CAMPO
  10. 10. Corsaro ha messo a punto un metodo di PARTECIPAZIONE PERIFERICA definito “REATTIVO” : il ricercatore entra sul campo, si siede in un angolo della stanza in cui si svolge l’azione e aspetta che i bambini reagiscano alla sua presenza. Si basa su tre presupposti: <ul><li>Evitare di iniziare o terminare un’attività;
  11. 11. Non porre rimedio a eventi interattivi;
  12. 12. Non risolvere conflitti tra i bambini. </li></ul>METODO d ell’ingresso sul campo
  13. 13. NOTE SUL CAMPO  sono raccolte durante gli episodi di interazione e contengono la semplice descrizione dell’attività in corso. NOTE PERSONALI  si riferiscono a qualsiasi sensazione particolare provata dal ricercatore nel corso dell’osservazione di un determinato episodio. NOTE METODOLOGICHE  espongono ogni problema di metodo insorto durante la raccolta dei dati. NOTE TEORICHE  riportano le possibili interpretazioni o implicazioni teoriche dei dati raccolti. LA RACCOLTA DEI DATI Nelle ricerche svolte con il metodo etnografico, le osservazioni sono raccolte sotto forma di note scritte, suddivise in 4 gruppi:
  14. 14. <ul><li>Le creazioni infantili (pagine scritte dai bambini, disegni) importanti ai fini della raccolta, in quanto mantengono tracce della “cultura comune” dei bambini. </li></ul><ul><li>Il materiale audio-visivo : il registratore e la videocamera sono stati introdotti nei contesti solo alcuni mesi dopo l’ingresso sul campo del ricercatore. </li></ul><ul><li>Le trascrizioni delle audio e video registrazioni sono spesso effettuate in tempi successivi rispetto alla raccolta dei dati. </li></ul>ALTRI MATERIALI ai fini della RACCOLTA DATI

×