Gestione della Chioma in Viticoltura

15,005 views
14,612 views

Published on

Gestione della Chioma in Viticoltura

Published in: Business, Technology
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
15,005
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
146
Actions
Shares
0
Downloads
188
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Gestione della Chioma in Viticoltura

  1. 1. Gestione della chioma in viticoltura Vito Mezzapelle: http://www.antichivigneti.eu
  2. 2. COSA SI INTENDE PER INTERVENTO IN VERDE? L’INSIEME DEGLI INTERVENTI “CESORI” CHE AVVENGONO DURANTE IL PERIODO VEGETATIVO DELLA VITE
  3. 3. SI TRATTA DI DIVERSE OPERAZIONI CHE CONSISTONO NELLA RIMOZIONE DI GEMME, GERMOGLI, FOGLIE E GRAPPOLI ESEGUITE DURANTE LA FASE VEGETATIVA QUESTE SI PROPONGONO DI: Migliorare l’equilibrio vegeto-produttivo, Eliminare eventuali errori commessi con la potature invernale, Evitare dannose piaghe, Migliorare l’efficienza dei trattamenti antiparassitari, Rendere agevole la meccanizzazione,ecc.
  4. 4. Fattori che influenzano la vigoria <ul><li>Ambientali e colturali: </li></ul><ul><li>Terreno (fertilità) </li></ul><ul><li>Portinnesto (vigoria) </li></ul><ul><li>Densità di piantagione </li></ul><ul><li>Forma di allevamento </li></ul><ul><li>Carica di gemme </li></ul><ul><li>Potatura lunga o corta </li></ul><ul><li>Concimazione </li></ul><ul><li>Irrigazione </li></ul><ul><li>Inerbimento </li></ul><ul><li>Trattamenti antiparassitari </li></ul>
  5. 5. <ul><li>Le operazioni di potatura verde comprendono: </li></ul><ul><li>Degemmazione e scacchiatura </li></ul><ul><li>Spollonatura </li></ul><ul><li>Cimatura </li></ul><ul><li>Posizionamento e legatura dei germogli </li></ul><ul><ul><ul><ul><li>(condizionamento della vegetazione) </li></ul></ul></ul></ul><ul><li>Defogliazione </li></ul><ul><li>Diradamento dei grappoli </li></ul><ul><li>Anulazione </li></ul><ul><li>Appassimento </li></ul>
  6. 6. L’effetto degli interventi in verde è evidente per alcune cultivar non lo è per altre <ul><li>La risposta, in termini quantitativi, non è sempre la stessa ed è fortemente legata al “sistema vigneto” in cui vengono effettuati </li></ul><ul><li>Alcuni interventi in verde producono un aumento del carico zuccherino accompagnato da un aumento della produzione, altri invece producono un aumento del carico zuccherino mantenendo invariata la produzione </li></ul>
  7. 7. <ul><li>L’anulazione del capo a frutto e del ceppo all’allegagione producono un aumento sia della produzione che della quantità di zuccheri per ettaro </li></ul><ul><li>L’anulazione del capo a frutto e la defogliazione nella zona dei grappoli effettuati all’invaiatura provocano soltanto un aumento del contenuto zuccherino ma non della produzione </li></ul><ul><li>La defogliazione e la cimatura all’allegagione producono una riduzione (oppure in alcuni casi un “non aumento”) della produzione ma favoriscono, anche se in maniera lieve, l’accumulo dello zucchero </li></ul>
  8. 8. <ul><li>Probabilmente gli interventi in verde producono i maggiori effetti in situazioni limitanti </li></ul><ul><li>Bisognerà verificare la possibilità di effettuare ogni anno l’intervento in verde, sulla durata delle piante, si potrebbe ipotizzare altresì la necessità di attuarli a filari alterni </li></ul>
  9. 9. DEGEMMAZIONE E SCACCHIATURA Rimozione di gemme ai primi stadi di sviluppo (fase di gemma cotonosa e di punta verde) Rimozione di germogli ancora molto giovani (pochi centimetri di lunghezza) Quando effettuarli: assumono una rilevanza particolare all’inizio della terza stagione vegetativa quando, nella maggior parte di casi, la struttura della vite viene ad essere costituita in preponderanza da legno di un anno
  10. 10. SPOLLONATURA O MONDATURA Consiste nella soppressione dei succhione o polloni, che spuntano dal legno vecchio o dal portainnesto e che diventano subito vigorosi a danno dei germogli che ci interessano. <ul><li>Bisogna intervenire precocemente </li></ul><ul><li>In alcuni casi è voluto (rinnovo del cordone permanente) </li></ul>
  11. 11. CIMATURA E CASTRAZIONE La cimatura è l’intervento che prevede la rimozione dell’apice vegetativo e di un numero variabile di foglie sottostanti Quando la cimatura è particolarmente leggera (rimozione del solo apice e di due o tre foglioline apicali) viene spesso denominata “castrazione”
  12. 12. Le finalità e gli scopi di questa operazione variano sensibilmente in rapporto alla fase del ciclo vitale della pianta, alla fase fenologica di intervento, ed alla intensità del taglio
  13. 13. GLI SCOPI DELLA CIMATURA <ul><li>Per la fase di allevamento: </li></ul><ul><li>equilibrare delle strutture (tralci o cordoni) che dovranno poi assicurare la funzione produttiva, agendo tramite la rimozione della dominanza apicale che può sbloccare alcune femminelle; </li></ul><ul><li>promuovere la crescita dei germogli destinati a costituire la struttura produttiva limitando la competizione esercitata da altri apici vegetativi. </li></ul>
  14. 14. <ul><li>Per la fase di piena produzione </li></ul><ul><li>limitare l’ingombro dimensionale della chioma e migliorare l’efficienza nell’di macchine e attrezzi nel vigneto </li></ul><ul><li>migliorare il microclima a livello di zone strategiche della chioma (es. fascia dei grappoli e zona basale dei tralci); </li></ul><ul><li>condizionare il portamento e la distribuzione della vegetazione </li></ul>GLI SCOPI DELLA CIMATURA
  15. 15. EPOCA D’INTERVENTO <ul><li>Effettuata una decina di giorni prima della fioritura, su vitigni vigorosi, favorisce l’allegagione venendo ad interrompere la forte attività vegetativa che induce la colatura; l’eliminazione dell’apice causa un maggior sviluppo di femminelle. </li></ul><ul><li>Cimature via via più tardive asportano quote crescenti di foglie mature e quindi pienamente efficienti; non viene stimolata l’emissione di femminelle. </li></ul>
  16. 16. INTENSITA’ DI TAGLIO <ul><li>In generale, cimando sempre più “corto” si stimola la formazione di femminelle più vigorose ma, al tempo stesso, si riduce il numero massimo di femminelle che che possono sviluppare e che, forzatamente, equivale al numero di nodi mantenuti sul germoglio principale. </li></ul><ul><li>E da rendere noto che: </li></ul><ul><li>Tagli molto severi (7-8 nodi), eseguiti precocemente, possono contare su un recupero di superficie fogliare (emissione femminelle) </li></ul><ul><li>Tagli molto severi eseguiti tardivamente, possono determinare una limitazione permanente della superficie fogliare, con ripercussioni negative sulla maturazione </li></ul>
  17. 17. POSIZIONAMENTO E LEGATURA DEI TRALCI ERBACEI (condizionamento della vegetazione) Il palizzamento dei germogli è un operazione fondamentale ed obbligatoria in quasi tutte le forme d’allevamento della vite
  18. 18. PERCHE’ SISTEMARE I GERMOGLI <ul><li>Separazione fisica della fascia produttiva da quella vegetativa </li></ul><ul><li>Migliore agibilità dell’interfilare </li></ul><ul><li>Migliore arieggiamento dei grappoli </li></ul><ul><li>Operazione di vendemmia facilitata </li></ul>
  19. 19. COME SI PUO’ EFFETTUARE <ul><li>Legatura a macchina </li></ul><ul><li>Legatura manuale </li></ul><ul><li>Impiego delle coppie di fili mobili </li></ul><ul><li>(condizionamento della vegetazione) </li></ul>
  20. 20. QUANDO DEFOGLIARE? <ul><li>Prima di defogliare la zona dei grappoli si devono porre in atto alcune osservazioni: </li></ul><ul><li>valutazione visiva del grado di copertura dei grappoli </li></ul><ul><li>densità dei germogli per lunghezza di parete (15-20 unità per metro). Valori che eccedono questa soglia suggeriscono l’opportunità di intervenire con la defogliazione. </li></ul>
  21. 21. <ul><li>La sfogliatura totale primaverile influisce negativamente anche sulla differenziazione delle gemme e di conseguenza sul raccolto dell’anno successivo </li></ul><ul><li>Sfogliatura all’invaiatura (10-15gg prima della vendemmia): migliora la maturazione delle uve e favorisce la botrytis nobile e ridurre quella grigia, effettuata precocemente, favorisce l’ispessimento della buccia favorendo l’accumulo di polifenoli </li></ul>Quando effettuare la sfogliatura?
  22. 22. Come effettuare la sfogliatura? <ul><li>Eliminare il meno possibile superficie fogliare utile alla nutrizione dei grappoli </li></ul><ul><li>È meglio cominciare dalle foglie vecchie basali, da quelle ombreggiate o che favoriscono ristagni di umidità, rispettando le 6-7 foglie sopra l’ultimo grappolo </li></ul>
  23. 23. <ul><li>Il condizionamento provoca : </li></ul><ul><ul><li>una maggiore % di grappoli esterni </li></ul></ul><ul><ul><li>un minore spessore della chioma </li></ul></ul><ul><ul><li>una fascia produttiva più regolare </li></ul></ul><ul><ul><li>minore quantità di uva </li></ul></ul><ul><ul><li>maggiore % zuccheri </li></ul></ul><ul><ul><li>possibile aumento del numero dei filari per ettaro </li></ul></ul>Il condizionamento
  24. 24. PERCHE’ DIRADARE I GRAPPOLI? Eseguito su viti adulte viene effettuato per conseguire diversi scopi: -indurre, in viti che presentano già un soddisfacente equilibrio vegeto-produttivo, caratteristiche compositive particolari (produrre vini destinate a fasce di mercato alte) -riportare in equilibrio viti che presentano un eccesso di carica di uva in rapporto alla propria capacità vegetativa (maturazione incompleta)
  25. 25. QUANDO INTERVENIRE ALLEGAGIONE -acini più grossi -stimola l’attività vegetativa (annullamento degli effetti benefici attesi) INVAIATURA -facile scelta dei grappoli da rimuovere -migliore risultato qualitativo
  26. 26. QUANTO ELIMINARE? -La quantità di uva asportata varia, di solito, fra il 20 ed il 60% di quella pendente -Eliminazione dei secondi e terzi grappoli in termini di inserzione sul germoglio, o con conformazione anomala Il diradamento potrà essere calibrato ogni anno in funzione della carica di uva pendente e della superficie fogliare funzionale al momento dell’intervento
  27. 27. APPASSIMENTO DEI GRAPPOLI SULLA PIANTA I frutti fisiologicamente maturi sono progressivamente isolati dalla pianta con la perdita delle funzioni (collegamento e trasporto) del rachide Privati di tutti gli apporti ed esposti all’azione del sole e dell’aria gli acini perdono consistenza e raggrinziscono
  28. 28. ANULAZIONE PRIMA DELLA FIORITURA Provoca un aumento dell’allegagione, grazie all’accumulo di gibberelline e di sostanze organiche che si viene a creare La produzione viene accresciuta e di conseguenza si ha una diminuzione dello zucchero, del vigore e della vitalità della pianta, per cui si consiglia di praticarla ad anni alterni
  29. 29. ANULAZIONE ALL’INVAIATURA Praticata alla fine dell’accrescimento dei germogli, provoca un aumento della pressione osmotica, aumenta il contenuto polifenolico, il grado zuccherino migliorando la qualità delle uve È ipotizzabile come tecnica alternativa al diradamento mantenendo standard produttivi elevati

×