Xxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxXXXXXxxxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx8settembre2...
9settembre2011a cura di Carmela GiordanoProgetta e attua percorsi di zooantropologia didattica nelle scuole,fornendo mater...
10settembre2011disponibile dal dialogo aperto e consapevole che si può instaurare fraloro.per portare all’eccellenza quest...
1111settembre2011della stessa terapia c ambiano glianimali?In generale tendiamo ad accompagnarel’utente di pet therapy con...
12 settembre2011
13settembre 2011
14 settembre2011
15settembre 2011
16settembre2011ma è il soggetto, e proponiamosempre ai nostri allievi di cercareil proprio compagno nei rifugi,soprattutto...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

12 spazio associazioni_spazio_per_noi

75

Published on

Rubrica Spazio Associazioni
Dare voce alle associazioni e alle loro attività.
Spazio per noi
BimbiBelliMagazine, n. 12, Settembre 2011

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
75
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

12 spazio associazioni_spazio_per_noi

  1. 1. Xxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxXXXXXxxxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx8settembre2011Come nasc e “Spaziopernoi” o meglio qualisono le princ ipalimotivazioni, passionied idee c he hanno portato a fondarel’assoc iazione?Spaziopernoi è una Associazione Culturale, costituitasi nel 2008, cheha già al suo attivo numerosi interventi. Si propone come punto diriferimento per tutte le persone interessate a lavorare nell’ambito dellazooantropologia applicata, con metodo cognitivo-zooantropologico.per strutturare interventi di educazione del cucciolo, socializzazione,istruzione avanzata, bc4z, mobilitydog, psicopatologia cognitiva,consulenza per la scelta dell’animale di famiglia.Inoltre, fornisce consulenza alle amministrazioni per la gestione deglila gestione dei canili e per la strutturazione dei canili come “Parco canileINTERVISTAALLA DOTT.SSA ELENA CHIARA GARONI,medico veterinario e istruttore cinofilo.Si occupa dei diversi ambiti di zoo-antropologia applicata. Socio fonda-tore di Spaziopernoi, docente ai corsiper operatori di pet therapy, di zooantro-pologia didattica, di educazione e istruzionecinofila, ai corsi di formazione per operatori di cani-le. Progetta e attua percorsi di didattica Zooantropologica eAssistenziale. È co-autrice del volume collettaneo “Il canilecome presidio zooantropologico”, C.G. Edizioni MedicoScientifiche, 2007SPAZIOperNOI
  2. 2. 9settembre2011a cura di Carmela GiordanoProgetta e attua percorsi di zooantropologia didattica nelle scuole,fornendo materiale innovativo per gli insegnanti e per gli allievi.In collaborazione con l’equipe multiprofessionale progetta gli interventi dipet therapy con il cane e con il cavallo, e li attua avvalendosi di personaleOffre formazione per operatori in pet therapy con approccio cognitivozooantropologico e per operatori di canile e gattile.spiegare brevemente dic osa sistratta?La zooantropologia è una disciplina che studia il rapporto tra l’essereumano e le altre specie.Secondo la zooantropologia gli animali non umani sono portatori diprospettive sul mondo, del tutto nuove per la persona e, proprio perquesto, utili da acquisire per allargare lo spazio di realizzazione dellacondizione umana. Quindi, per la zooantropologia la persona ha assuntoe assume le sue qualità umane relazionandosi con le altre specie, cioèimparando da loro.La zooantropologia, pertanto, si propone di far conoscere la straordinariaimportanzadellarelazioneconglianimali,divalorizzareilruolodell’animaledivienesoggettochepossiedecaratteristicheenecessitàprofondamentedifferenti da quelle della persona umana.riferimento e come termine di confronto costruttivo. L’animale divieneun sostegno ma anche un propositore di modelli e di domande a cuirispondere.Nelle relazioni che si instaurano fra persone e animali l’apporto principalenon è la performance, ma il contributo di cambiamento che è reso
  3. 3. 10settembre2011disponibile dal dialogo aperto e consapevole che si può instaurare fraloro.per portare all’eccellenza questa straordinaria opportunità.Secondo l’approccio zooantropologico la pet therapy è una co-terapia,un insieme di attività di relazione con l’animale che aiuta la persona apsicologica (fobie, ansia, tic, disturbi dell’alimentazione, aggressività,anziani, malati di Alzheimer, malati terminali, tossicodipendenti, detenutiin strutture di pena, post - comatosi, post - traumatici, persone affette daproblematiche di natura psichica o psichiatrica.Ciòcheèimportantesottolineareèchel’animalenonpuòessereconsideratoné un guaritore, né uno strumento, né un sostituto. L’attenzione devedella relazione che si instaura fra animale, operatore dell’attività e fruitore,che possono liberarsi dei contenuti e dei cambiamenti. Se si ammette chele attività di pet therapy sortiscano dei risultati è necessario accettare chequesti possano essere sia positivi che negativi. Quindi, le attività con glianimali devono essere improntate non soltanto nel rispetto dellenormeigienico-sanitarie,dellasicurezzaedelbenessere,improntato sulla relazione e dimensionato sulfruitore. Infatti, vista la numerosità delle tipologiedi utenti, è necessario che le attività propostesiano dimensionate sulle necessità degli individui econcertate con il personale della struttura.stabilisc e un rapporto esc lusivo c on ilsoggetto c he fruisc e della terapia o nelc orso
  4. 4. 1111settembre2011della stessa terapia c ambiano glianimali?In generale tendiamo ad accompagnarel’utente di pet therapy con una sola coppiaoperatore e animale, in quanto crediamoche sia la relazione che si instaura a sortirealcuni progetti, però, è possibile introdurreobiettivi, sempre rispettando una attentaprogrammazione.Come affronta “Spaziopernoi”l’emergenza degli abbandoniestivi?Tutti coloro che si occupano dianimali non possono ignorare latragica ingiustizia dei canili e dei gattili.Spaziopernoi ha effettuato numerosicorsi di formazione per operatori evolontari di canile in quanto crediamofortemente che l’attenta preparazionedel personale sia fondamentale perincentivare le adozioni responsabili.Nelle nostre attività quotidiane dieducazione e riabilitazione di canidi proprietà dedichiamo una ampia parte al rispetto delle esigenzeetologiche e alla salvaguardia del loro benessere. Crediamo infatti chesolo attraverso la conoscenza si possano limitare i comportamentispesso veniamo chiamati per guidare le famiglie alla scelta di un animalee sempre incentiviamo la possibilità di rivolgersi ad un canile, ricordandosempre che i cani adulti ospiti possono essere dei compagni straordinari.Anche nelle attività assistite dagli animali sottolineiamo che non è la razzache può fare la differenza,
  5. 5. 12 settembre2011
  6. 6. 13settembre 2011
  7. 7. 14 settembre2011
  8. 8. 15settembre 2011
  9. 9. 16settembre2011ma è il soggetto, e proponiamosempre ai nostri allievi di cercareil proprio compagno nei rifugi,soprattutto nelle strutture checani e che sappia guidare verso una scelta per tutta la vita.Mi potrebbe rac c ontare un aneddotoLe terapie assistite dagli animali sono costellate di minuscoli eventi, chee il nostro ruolo è quello di dare loro uno spazio per esprimersi. Maquando questo avviene, quando una persona malata di Alzheimer riescead aprire la mano per accarezzare il cane, quando la persona disabileche muove solo la testa sorride, quando una persona appena uscita dalcoma si scuote e segue i movimenti e accetta il contatto, questi eventipiccoli diventano enormi e riescono a dare un senso alle nostre attività,scuotendoci con emozioni fortissime.Per poter contattare SPAZIOperNOI:SPAZIOperNOILa sede è in Via Marelli 132Sesto San Giovanni (MI)Tel. 347 0007699e-mail: info@spaziopernoi.itsito: www.spaziopernoi.it

×