Your SlideShare is downloading. ×
infermieristica_documentazione_e_classificazione_della_attivita_infermieristica
infermieristica_documentazione_e_classificazione_della_attivita_infermieristica
infermieristica_documentazione_e_classificazione_della_attivita_infermieristica
infermieristica_documentazione_e_classificazione_della_attivita_infermieristica
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

infermieristica_documentazione_e_classificazione_della_attivita_infermieristica

781

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
781
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. G M MInfermieristicaDocumentazione e documentare in modo rigoroso ed attra- verso un linguaggio infermieristico condi-classificazione dell’attività viso il loro impegno lavorativo, facendo si che “una vasta parte delle attività infer-infermieristica, la necessità mieristiche appartengano a quel settore fenomenologico che è spesso difficile dadi classificare rendere visibile e misurabile se non si hanno a disposizione dei termini speci- fici e precisi, dei termini dedicati e diCarlo Brachelente * comune comprensione per definirlo”(31).Giuseppe Esposito ° La scarsa sistematicità nella compilazione della documentazione clinica e un’impo- La Nightingale nel 1860, affermava “ciò sistemi di rimborso terranno sotto stretto stazione organizzativa legata alle singoleche non è scritto non è fatto”. Questa affer- controllo anche i costi e i risultati dell’as- unità sono i punti nodali che ostacolanomazione oggi è ancor più valida che allora, sistenza infermieristica (32). Nel terzo la possibilità di aggregare molti dati rela-visto che per l’infermiere è necessario millennio l’infermiere è chiamato, attra- tivi allo stesso aspetto assistenziale,dimostrare cosa realizza quando è in verso le azioni che compie, non solo a rendendo difficile l’effettuazione diservizio e non in termini di cose fatte, ma dimostrare di saper fare e di aver fatto ricerche retrospettive e le attività di auditin termini di risultati raggiunti rispetto alle quanto di sua competenza ma anche a (28). Gli standard documentali sonoprestazioni erogate (9). L’assenza di una saper dimostrare, che i suoi interventi invece importanti per garantire la valuta-chiara “classificazione dei problemi” di hanno reso possibile un cambiamento. zione della quantità e della qualità dell’as-competenza infermieristica ed il non Sono queste le premesse su cui è sistenza infermieristica erogata (28). Perutilizzo di un “repertorio di programmi necessario pensare l’agire infermieristico, affrontare questa criticità la professionestandard” con le loro relative conoscenze, soprattutto alla luce di un contesto socio- infermieristica, a livello internazionale, èinibisce l’espressione di una professiona- economico in cui le difficoltà di bilancio stata stimolata ad elaborare un Nursinglità piena (29). Tutti coloro che sono inte- generali portano a valutare con molta Minimum Data Set (NMDS) definito: unressati alla qualità dell’assistenza devono, attenzione la qualità della spesa e conte- insieme minimo di elementi informativi,invece, essere in grado di valutare la stualmente le prestazioni offerte dai corredato da definizioni e categoriefrequenza con la quale rispondono alle professionisti. Tutti i sistemi sociali, quindi uniformi relative alla dimensione speci-reali necessità dei pazienti (32). In un anche le organizzazioni, sono riconduci- fica dell’assistenza infermieristica, essofuturo prossimo è prevista l’introduzione bili a schemi in cui le attività sono tenute risponde alle necessità d’informazione dadi nuovi modelli di rimborso delle spese sotto controllo mediante un flusso infor- parte di più utilizzatori nell’ambito delsanitarie che saranno volti a premiare la mativo che ne segnala l’andamento (27). sistema salute (30).qualità delle cure offerte e, soprattutto, Storicamente gli infermieri non pongono Gli elementi informativi contenuti nell’efficacia dei servizi resi. Questi nuovi nella giusta considerazione la necessità di NMDS sono di tre tipologie : 1) elementi di assistenza infermieristica;* Mar. Capo, Policlinico Militare “Celio” - Roma. 2) elementi demografici;° 1° Mar. Lgt., Policlinico Militare “Celio” - Roma. 3) elementi di natura organizzativa. G Med Mil. 2012; 162(1): 95-98 95
  • 2. G M M Tali elementi dovrebbero costituire il il concetto di processo infermieristico è mativo che consente di monitorare ogni fulcro su cui basare un sistema informa- stato ulteriormente sviluppato specifi- singola fase del processo assistenziale tivo infermieristico che, ovviamente, cando fasi aggiuntive sino a giungere alle programmato per poter determinare la consentirebbe di registrare in modo effi- attuali cinque, sei descritte da vari autori rispondenza dei risultati con gli obiettivi cace il piano di assistenza infermieristica. (5 fasi: Sorensen K,1981; Mc Farlane L preventivati. Contrariamente a queste affermazioni, 1982; Adam E, 1983; Cantarelli, 1996, Tra gli aspetti più discussi del piano però, gli infermieri documentano poco il Doenges M.E, 2006) (6 fasi: Craven R, di assistenza vi è la determinazione loro lavoro e, se lo fanno, non sempre Calamandrei 2008; Casati, 2005). L’au- della diagnosi infermieristica. La prima riportano il core dell’assistenza erogata mento delle fasi è dovuto allo sviluppo a parlare di diagnosi infermieristica fu (36), probabilmente per la difficoltà nel del processo infermieristico secondo la Virginia Fry in un articolo apparso nel descrivere l’operato quotidiano secondo metodologia usata nel problem solving. 1953 su una rivista specializzata. La la logica del processo diagnostico (13). Le fasi del processo infermieristico, di diagnosi infermieristica consente all’in- Tale problematica, unita alla difficile solito elencate sono: fermiere di individuare il problema di prevedibilità del bisogno di assistenza • accertamento: consiste in un processo salute e quindi di risolverlo (16). infermieristica ed alla scarsa documenta- organizzato e dinamico che coinvolge Secondo la definizione ufficiale appro- zione della domanda e dell’offerta di assi- tre attività basilari quali la raccolta, la vata dall’assemblea generale del stenza erogata, determina una quasi totale registrazione e la validazione dei dati NANDA nel 1990 la diagnosi infermie- mancanza di visibilità della performance di salute della persona; ristica è “un giudizio clinico riguardante del professionista (30), visibilità ulterior- • diagnosi: definisce in modo univoco le risposte della persona, della famiglia mente ridotta dal fatto che il linguaggio quale sono i problemi di salute reali o della comunità a problemi di infermieristico principalmente utilizzato e potenziali; salute/processi vitali attuali o potenziali. nella pratica quotidiana è stato e rimane • pianificazione: permette di attribuire La diagnosi infermieristica costituisce la medico, per una storica inclinazione priorità, stabilire obiettivi, identificare base sulla quale scegliere gli interventi dell’infermiere italiano all’attività basata su i risultati desiderati per il paziente e infermieristici volti a raggiungere dei modelli biomedici. Sulla base di tali consi- determinare gli interventi infermieri- risultati di cui l’infermiere è responsa- derazioni diventa quindi improrogabile, stici specifici. Queste azioni sono bile”(7). E’ pertanto evidente come la per gli infermieri, iniziare a documentare definite come piano di assistenza; corretta definizione della diagnosi infer- in modo appropriato il proprio operato • attuazione: è la fase in cui si comu- mieristica risulta essere il fondamento sia per dimostrare l’apporto conferito al nica, nelle modalità previste, il piano su cui costruire l’intero processo assi- processo di cura dall’assistenza infermie- di assistenza agli altri operatori e, in stenziale che si concretizza con l’inter- ristica sia perché tenere una corretta docu- equipe, si attuano gli interventi vento infermieristico. Senza aver defi- mentazione dà prova di un corretto previsti; nito correttamente i problemi assisten- comportamento professionale (3). • valutazione: serve per determinare i ziali da affrontare l’infermiere non potrà Il piano di assistenza infermieristica progressi del paziente verso il programmare il proprio intervento, non può essere definito come lo strumento raggiungimenti dei risultati identifi- potrà costruire un piano assistenziale e attraverso cui si realizza il processo assi- cati. Si attua attraverso il monitoraggio di lavoro centrato sul paziente e si stenziale, prevedendone le fasi conse- della risposta del paziente, dell’effi- troverà, invece, a programmare una quenziali che rendono l’operato aderente cacia degli interventi infermieristici serie di azioni assistenziali volte a ai dettami disciplinari (5). Il piano di assi- scelti e si propone di modificare il eseguire esclusivamente dei compiti stenza è la conseguenza operativa del piano di assistenza se necessario. come: somministrazione della terapia, metodo, ne ricalca le fasi e, sebbene L’articolazione in fasi del processo cure igieniche etc. Determinare in modo semplificato, rende visibile il percorso infermieristico lo connota come un corretto le diagnosi infermieristiche logico svolto dall’infermiere. Le prime processo logico e sistematico ne consente di utilizzare anche un sistema descrizioni del processo assistenziale consegue che per documentare in di classificazione (tassonomia) che iden- hanno identificato tre fasi (Hall L, 1955; maniera coerente il piano assistenziale è tifica e classifica idee e oggetti in base Jhonson D 1955). In un secondo tempo utile realizzare un efficace sistema infor- alle loro analogie (42).96 G Med Mil. 2012; 162(1): 95-98
  • 3. G M M L’esistenza di classificazioni definite valutazioni dei risultati normalmente degli infermieri, si potrà dare evidenzae un linguaggio infermieristico standard utilizzate per supportare importanti di quanto fanno (31); si potrà misu-si rende necessario per: decisioni di politica sanitaria” (21). rare più agevolmente l’attività infer-• espandere il sapere infermieristico, in I risultati di questi studi potrebbero mieristica (11;31;35), quindi sarà quanto le tassonomie strutturano la incidere sulle decisioni politiche a possibile determinare in modo appro- memoria e soprattutto il pensiero ed tutti i livelli da quello territoriale a priato l’effettivo impiego degli infer- il processo decisionale. La loro orga- quello sovranazionale. mieri e programmare il fabbisogno nizzazione sistematica struttura il Queste affermazioni sono supportate delle risorse e la loro formazione. corpus di conoscenze,così come da dati esistenti in letteratura che Alla luce di queste evidenze sembra affermato da Blegen e Tripp – Reimer mostrano come l’uso di un sistema infor- indifferibile introdurre degli strumenti di 1997 “le tassonomie infermieristiche mativo appropriato di dati infermieristici documentazione dei dati infermieristici finora sviluppate hanno raccolto e consente di ottenere risultati ragguarde- che consentono di costruire un sistema organizzato i principali concetti voli per la crescita della professione informativo infermieristico appropriato. necessari all’elaborazione di teorie infermieristica in diversi settori profes- Anche l’attuale momento storico invita infermieristiche di livello specifico”; sionali. Infatti: ad adottare una documentazione infer-• dare fondamento alla documenta- • nella pratica si ottiene una maggiore mieristica fondata su una tassonomia, zione informatizzata. L’utilizzo di comprensione tra i membri del team senza ulteriori dilazioni, come esorta- sistemi informativi e di documenta- (13); si riducono gli errori nella comu- zione a tale necessità si può citare il zione clinica informatizzata richiede nicazione e nella clinica (35); dimi- monito di due economisti e premi nobel, linguaggi standard che possono nuisce il tempo impiegato nelle regi- D. Rhodes e D. Stelter, ” la reazione più essere così trasformati in codici strazioni con l’aumento dell’espe- rischiosa di fronte all’incertezza di una numerici (11). Questo consentirebbe rienza nell’uso dei sistemi di registra- crisi è l’inattività”. Gli infermieri oggi di creare dei database che potrebbero zione computerizzata (30); si regi- hanno tutti gli strumenti per documen- divenire il fondamento del sapere strano più del doppio di dati centrati tare il proprio operato in forme che infermieristico; sul nursing (27); gli infermieri usano consentono di evidenziare il valore• definire e diffondere il sapere infer- un linguaggio infermieristico, ridu- aggiunto creato dall’assistenza nel mieristico. Un linguaggio condiviso cendo i termini medici (43); percorso di cura di un individuo. Il consentirebbe agli infermieri di dialo- • nella ricerca si produrranno più del sistema sanitario ed il cittadino chiede- gare tra di loro e con chi è esterno doppio dei dati centrati sul nursing ranno sempre più di essere informati su alla professione infermieristica e li (31); si avrà un sistema di classifica- questo aspetto ed è pertanto necessario metterebbe nella condizione di zione aggregante per gli infermieri, che gli infermieri comincino ad utilizzare descrivere in modo appropriato come che fornirà dati facilmente confron- in modo sistematico gli strumenti atti a le attività infermieristiche producono tabili (20); sarà possibile sviluppare far crescere la professione. dei risultati (18; 31); dei progetti di ricerca per valutare le• migliorare la qualità dell’assistenza criticità e le potenzialità dei nuovi infermieristica. L’introduzione di sistemi; terminologie infermieristiche standard • nella formazione è necessario incre- Bibliografia nei sistemi di documentazione clinica mentare le conoscenze sul 1. Alligood M. R. (2007): consente di elaborare informazioni linguaggio e le competenze per La teoria del Nursing utilizzazione e applicazione. per valutare l’efficacia degli interventi usarlo (22); è necessario realizzare Milano: Mc Grow Hill. infermieristici (23); un’opera divulgativa sui vantaggi di 2. Atti del convegno nazionale CNAI• influenzare le decisioni di politica queste innovazioni, rivolta a tutti gli 2004. sanitaria. L’introduzione di termini infermieri, per creare consenso e Monopoli (BA) dal 7 al 9 ottobre 2004. standard, “potrebbe produrre dati che partecipazione (13;31); 3. Benci L. (2008): Aspetti giuridici della professione rappresentano le attività assistenziali • nell’organizzazione professionale, infermieristica. più fedelmente di quanto facciano le quantificando e qualificando l’attività Milano: Mc Grow Hill. G Med Mil. 2012; 162(1): 95-98 97
  • 4. G M M 4. Calamandrei C. (1999): 18. Hogston R. (1997): 31. Muller S. (2009): I modelli funzionali della Salute di Nursing diagnosis and classification Evalutation of the implementation of Marjoy Gordon: un esperienza system: a position paper. nursing diagnoses, interventions, and applicativa nella formazione Journal adv Nursing, 496- 500. outcomes. infermieristica di base. International journal terminol Nursing oggi, 112 - 122. 19. Insook Cho. (2006): classification, 9 - 15. Evalutation of the Expressiveness of an 5. Calamandrei C. (2008): ICNP - based Nursing Data Dictionary in 32. Needleman, e. a. (2002): la dirigenza infermieristica. a Computerized Nursing Record System. Nurse-staffing levels and the quality of Milano: Mcgrow hill. Journal of the American medical care in hospitals. Informatics Association, 456 - 464. N Engl J Med, 1715, 1722. 6. Calcagni C. C. R. (2008): Deontologia Medica. 20. Jorgensen HD, e. a. (1997): 33. Nilsen TM, H. J. (1997): Roma: Società Editrice Universo. Telenurse - nursing classifications, Telenurse - nurse classifications, quality quality indicators and the elctronic indicator and the electronic nursining 7. Carpenito L. (2011): nursing record. record. Piani di assistenza Infermieristica e Stud Health Tecnol Inform , 133-137. Stud Health tecnol Inform, 113 - 137. documentazione. Milano: Casa Editrice Ambrosiana. 21. Keenan G. e. al. (2005): 34. Os Yu, I. P. (2006): Promoting safe nursining care by Classification of nursing statement based 8. Casati M. (2006): bringing visibility to the disciplinary on the ICNP, the HHCC, and the nursing La documentazione infermieristica. aspect of interdisciplinary care. process for use in electronic nursing Milano: Mc Grow Hill. AMIA, 385 - 389. records. Stud Health Tecnol Inform, 718 - 721. 9. Cavaliere B. (2009): 22. Kleir J, e. A. (2009: Misurare la complessità assistenziale. Implementation of standardized 35. Park H. (1999, 02 15): San Marino: Maggioli Editore. nomenclature in the electronic medical Developement of electronic nursing record. record model trough application and evalutation of ICNP Nursing. 10. Cho I. H. P. (2003): International journal Nursing Terminol Tratto il giorno 11 15, 2011 da ICNP Developement and evalutation of a Classif, 169 – 180. Data base: www.ICN.ch. terminology - based electronic nursing record system. 23. Kathrin J.Hannah, Peggy a. et al: 36. Sansoni J. M. G. (2003): Journal biomedic Information, 304 - 312. Standardizing Nursing Information in Visibilità dellinfermieristica lICNP Canada for Inclusion in Electronic potrebbe aiutare? 11. Cornick M. (2005): Health Records: C-HOBIC Professioni infermieristiche, 131 - 142. The International classification for Journal of the American Medical nursing pratice : a tool to support Informatics Association Volume 16 37. Silvestro A, M. R. (2009): nurseing pratice? Number 4 July / August 2009 (524-530). La Complessità Assistenziale Collegian, 9 - 13. concettualizzazione, modello di analisi e 24. Liaskos J, J. M. (2003): metodologia appplicativa. 12. Cornick M. (2005): Documenting nursing pratice by using Milano: Mc Grow Hill. The international for nursing pratice: a ICNP web. tool to support nursing pratice ? Stud Health tecnol Inform, 806 - 811. 38. Staub M. M. (2007): Collegian, 9 - 13. Meeting the criteria of nursing diagnosis 25. Liaskos J, J. M. (2004): classification: Evalutation of ICNP, ICF, 13. Degan M. (2000): Evalutating an ICNP Web-based nursing NANDA, and ZEPF. La Nuova frontiera della produzione documentation system. International journal Nursing Studies, della conoscienza scientifica stud Health Tecnol Inform, 386 - 390. 702 - 13. infermieristica: le teorie a medio raggio. Nursing Oggi, 50-58. 26. Manzoni E. (2010): 39. Staub M. M. (2009): Storia e filosofia dellassistenza Preparing nurse to use standardized 14. Doenges M.E., Moorhouse M.E., Murr Infermieristica. nursing language in the electronic A.C. (2006): Milano: Elsevier Masson. patients records. Nurse’s pocket Guide: diagnoses, Stud Health Tecnolo Inform, 337 - 341. prioritized interventiontions and 27. Marzi A. (1997): rationales. Qualità e management nei servizi 40. Staub M. M. (2009): Philadelphia, The F.A. Davis Company. sanitari: dai principali alle scelte Studies abaut use and application of organizzativeper unassistenza orientata nursing classifications. 15. Goldsmith D. (2008). al cliente utente. Pflege Z, 354 - 359. Representing Nursing Assesment Foglio Notizie, 5-25. Documentation With ICNP. 41. Thoroddsen A, M. E. (2007): AMIA, 954 - 960. 28. Ministero della Salute. (2012): Putting policy into pratice: pre and L’audit clinico. posttests of implementing standardized 16. Gordon M. (2009): (p. 4-68). Ministero della Salute 2012 languages for nursing documentation. Diagnosi infermieristiche processo e Clinical nursing, 1826 - 1838. applicazioni. 29. Mintzberg H. (1983): Milano: Casa editrice Ambrosiana. La progettazione dellorganizzazione 42. Wilkinson J. M. (2009): aziendale. Processo Infermieristico e pensiero critico. 17. Hannah K. J. (2009): Bologna: Il Mulino. Milano: Casa Editrice Ambrosiana. Standardizing information in Canada for inclusion in Electronic Health 30. Moiset C., V. M. (2009): 43. Wu Wr, e. a. (2009): records: C-HOBIC. Misurare Lassistenza il SIPI, standardized nursing language: the Journal of theAmerican medical dallaapplicazione alla pratica. bedrock of computerized nursing records. Informatics association, 524 - 530. Milano: Mc Grow Hill. Hu Li Za Zhi , 75-79.98 G Med Mil. 2012; 162(1): 95-98

×