La Contraffazione nel mercato alimentare. Il caso del wine kit

  • 535 views
Uploaded on

Presentazione della tesi di laurea magistrale in Sistema giuridico e mercato. …

Presentazione della tesi di laurea magistrale in Sistema giuridico e mercato.
Una paronamica degli argomenti affrontati nell'elaborato.

More in: Business , Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
535
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
6
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Candidato Carmina Sacco n. matricola: 1084731 Relatore Raffaella Messinetti Correlatore Mariella Nocenzi A.A. 2012/2013
  • 2. PARTE I FRODE ALIMENTARE CONTRAFFAZIONE QUALITA’ AGROALIMENTARE
  • 3. Frodi alimentari • Dati CIA Italian Sounding 165milioni di euro al giorno • Europa: 21miliardi euro vs 13milioni dei prodotti originali • ITALIA Business da 1,1 miliardi di euro (Censis) • Contraffazione : la più temuta dagli italiani (60%: Coldiretti)
  • 4. “due sono i modi con i quali si fa ingiustizia: con la violenza e con la frode; la frode è propria della volpe, la violenza del leone; sia l’una che l’altra è contraria alla natura umana, ma la frode desta maggior repulsione” ( Cicerone, in De Officiis) Frode alimentare: • Frode commerciale (artt. 515, 516, 517 e 517-bis c.p.) • Frode sanitaria (artt. 439, 440, 441 c.p.; artt. 442 e 444 del c.p.) +
  • 5. Tipologie di frodi alimentari • Sofisticazione + • Adulterazione • Falsificazione • Contraffazione
  • 6. Contraffazione Classificazione del fenomeno (Casillo, in Falso SPA): • • • • • Imitazione confusoria dei prodotti Appropriazione del marchio Richiamo confusorio del marchio altrui Imitazione del modello e/o brevetto Falsificazione totale REGOLAMENTO (CE) n. 1383/2003 del Consiglio del 22 luglio 2003 AGROPIRATERIA • • Falsificazione del marchio  frode sull’origine Falsificazione degli alimenti sofisticazione CONCORRENZA SLEALE • Artt. 2598 e ss. del Codice Civile
  • 7. Organi di controllo Comando Carabinieri Politiche Agricole e Alimentari • prevenzione,repressione e controlli straordinari Ispettorato centrale delle tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari 1. Tutela consumatori 2. Salvaguardia produttori Agenzia delle Dogane • Regolamento (CE) n. 1383/2003 ( regolamento base) • Regolamento (CE) n. 1891/2004 ( disposizioni applicazione del regolamento base) • Progetto FALSTAFF banca dati multimediale Ufficio per l’Armonizzazione nel Mercato Interno ( UAMI) • Osservatorio europeo sulla contraffazione e la pirateria (2009)
  • 8. Qualità agroalimentare Concetto di difficile definizione • • Responsabilità produttori Dal controllo a valle alla certificazione HACCP Libro Verde sulla qualità dei prodotti agricoli • Tradizione, territorio e metodo di produzione Qualità delle produzioni: • DOP e IGP  Regolamento (CE) n. 510/2006 • STG  Regolamento (CE) 509/2010 • PAT  d.lgs. N. 173/1998 • Produzioni biologiche  Regolamento (CE) n. 834/2007
  • 9. PARTE II LA TUTELA DEL VINO IL CASO DEL WINE KIT CONCLUSIONI
  • 10. La normativa del settore vitivinicolo NORMATIVA NAZIONALE Legge n. 162/1992 ( Nuova disciplina delle denominazioni d’origine dei vini) Nuova OCM del vino (1999): DOP e IGP d.lgs. N. 61/2010 ( Tutela delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche dei vini) – – – – Comitato Nazionale vini DOP e IGP DOP DOC e DOCG IGP IGT Vini senza denominazione di origine ( cd. Vini comuni) NORMATIVA COMUNITARIA Ben 11 regolamenti comunitari! Numerose modifiche OCM – 1962: anno di istituzione OCM – 1978: divieto di impianto e obbligo distillazione eccedenze – Fine anni ‘80: premi di estirpazione – Regolamento (CE) N. 1492/99 ( riforma OCM) misure insufficienti – Regolamento (CE) n. 479/2008 NORMATIVA INTERNAZIONALE IG Accordi multilaterali Convenzione di Parigi (1883) protezione denominazioni di origine in base alla normativa nazionale (art. 2, comma 1) Accordo di Madrid (1891)  repressione delle false o ingannevoli indicazioni di provenienza (art. 1 ) Accordo di Lisbona ( 1958)  creazione registro internazionale denominazioni di origine Accordi TRIPs (1994) divieto uso IG (sezione III, artt. 22-24) – Definizione univoca IG – Apparato risoluzione controversie – Uso illecito IG carattere fuorviante
  • 11. Etichettatura e Rintracciabilità Etichettatura e presentazione dei vini DOP e IGP ( D.M. 13 agosto 2012 contenente le disposizioni nazionali applicative del reg. (CE) N. 1234/2007, reg. (CE) n. 607/2009 e d.lgs. N. 61/2010)
  • 12. Regolamento (CE) n. 1898/2006  definizione simboli comunitari Regolamento (UE) n. 1169/2011  nuove regole etichettatura RINTRACCIABILITA’ DEL VINO • COGENTE  Regolamento (CE) n. 1234/2007 (OCM)  d.lgs. N. 190/2006  disciplina sanzionatoria • VOLONTARIA  Ente Italiano Unificazione UNI 10939  UNI EN ISO 22005 (2008)
  • 13. Il caso di studio: il wine kit  30 bottiglie di vino in 28 giorni Ingredienti: Lievito Metabisolfito di potassio Bentonite Sorbato di potassio Fosfati Enzimi vari Tocchetti di legno Tra i vantaggi (?): Velocità di produzione Tipologia di vini  Vini italiani di qualità !!! ( Barolo, Chianti, Valpolicella) Paesi produzione Canada Svezia Commercializzazione Negozi reali in Inghilterra e Canada Vendita online anche su eBay e Amazon Cronologia diffusione 2006 Internetgourmet 2012 Striscia la Notizia
  • 14. Il caso di studio: il wine kit Tre interrogazioni parlamentari dell’Italia alla Corte di giustizia europea  “Contraffazione delle produzioni enoiche “made in Italy - vino in polvere commercializzato nel Regno Unito” ( 8 ottobre 2012)  “Vino fai da te e contraffazione” (29 novembre 2012)  “Contraffazione di miscele fraudolente: vino italiano in kit pronto all’uso” (4 dicembre 2012) Risposte del commissario europeo Dacian Ciolos  copiose e poco incisive L’operato degli organi di controllo   2012 NAC e Ispettorato centrale (ICQRF) 2012 cooperazione internazionale NAC – Interpol ( blocco vendita UK) Situazione attuale   Ottobre 2013  vendita wine kit a Bristol Modifica nomi dei wine kit Cantia (Chianti), Barolla (Barolo), Frascatello (Frascati) Problemi riscontrati   Produzione e commercializzazione in paesi extra UE ( Canada) ed europei (Svezia) Atteggiamento UE nella risoluzione della vicenda
  • 15. CONCLUSIONI  Armonizzare normativa comunitaria  Armonizzare normative anche in ambito WTO – – Registro multilaterale in difesa della qualità delle produzioni (CIA) Ripensare le strategie dell’UE nella fase dei negoziati  Regolamentare l’ e-commerce  Intensificare controlli (più azioni congiunte)  Istituzione Organismo europeo per la lotta all’agropirateria  Più informazioni ai consumatori
  • 16. Grazie per l’attenzione