Virtualization forum 2008
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
532
On Slideshare
532
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
6
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide
  • Alcuni commenti sull’azienda

Transcript

  • 1. Virtualizzazione ottimizzazione e governance di infrastrutture IT L’esperienza del gruppo CM 18-19 Febbraio 2008 IDC – Virtualization & Enterprise 2.0 conference
  • 2. Razionalizzazione un asset strategico
    • CM accompagna i clienti nei processi innovativi del business con una continua ricerca delle tecnologie e delle soluzioni adatte ad ottimizzare i costi e il modello di gestione
    Virtualizzaziation Grid Computing Server based computing SOA - evolution IT - Governance Data Quality …
  • 3. Indice
    • Presentazione del gruppo
    • Presentazione di un caso
  • 4. L’Azienda
    • Fondata nel 19 83
    • Aldo Celso Presidente ed Amministratore Delegato
    • Sede principale a Roma, una f ilial e a Milano, un centro di ricerca e sviluppo a Cosenza, una serie di strutture sul territorio che lavorano a stretto contatto con i principali clienti per erogare attività di supporto ai progetti
    • 36 0 dipendenti dei quali più di 40 addetti alla Ricerca e Sviluppo
    • Fatturato 2007 58 M€
    • Ricerca e Sviluppo 2 M€
  • 5. Il Gruppo CM
  • 6. L’esperienza maturata in CM
    • Tutta l’infrastruttura CM server è virtualizzata dal 2005
    • La scelta VMware, la fase di sperimentazione e di deploy
    • Da oltre un anno molti colleghi attraverso l’adozione della tecnologia “thin client” stanno utilizzando client virtuali
    • Il risultato ottenuto è stato standardizzare e centralizzare al massimo i servizi agli utenti mantenendo la gestione della infrastruttura in un contesto sicuro
    • Miglior controllo dell’ambiente distribuito
    • Un’interfaccia standard verso i servizi dell’IT
    • Risparmi energetici
  • 7. Alcuni progetti CM Cliente Settore Metriche Valore Altri Vantaggi TSF Servizi Primo lotto di 49 server Riduzione a 5 server Riduzione dei costi Hw e delle connessioni fisiche Gestione centralizzata Ministero Giustizia PA 3500 server Riduzione dei costi Riduzione dei tempi di deploy e standard per gli ambienti server Riduzione Time To Market delle nuove applicazioni Tempo di indisponibilità dei servizi vicino a zero Ministero Interni PA 60 server Alta affidabilità Segmentazione degli ambienti Marelli S.S. Industria 30 server Alta affidabilità Riduzione dei costi Hw e delle connessioni fisiche Gestione centralizzata Gruppo bancario nazionale Banche 300 server Business continuity e automazione dei processi di gestione Riduzione dei costi di gestione, continuità dei servizi erogati
  • 8. Il valore della partnership CM
    • CM sistemi ha maturato una notevole esperienza nelle tematiche di “consolidamento” di varie piattaforme tecnologiche
    • Utilizza strumenti avanzati di misurazione di “ capacity ” e di dimensionamento
    • Utilizza metodologie consolidate
    • È certificata ISO 9001
    • È partner di “VmWare”,ha accesso privilegiato ai laboratori specializzati. Partnership attive:
      • VIP Enterprise Premier (unico in Italia con oltre 20 specialisti VMware)
      • VMware Authorized Consultant (VAC)
    • È partner privilegiato di EMC 2
    CM Sistemi è il partner ideale per la progettazione, realizzazione e gestione dell’intero processo di consolidamento
  • 9. Indice
    • Presentazione del gruppo
    • Presentazione di un caso
    Ottimizzazione di un’infrastruttura di “ business continuity e disaster recovery” mediante tecniche di virtualizzazione e di gestione
  • 10. Il contesto Si è scelto di governare la complessità e la numerosità dei casi che si possono presentare con strumenti che rendano l’esecuzione sicura anche in momenti di crisi Un’architettura di Business Continuity decentrata su più poli ridondati.
  • 11. Obiettivi del progetto di Virtualizzazione
    • Garantire continuità di servizio in caso di disastro
      • Livello Datacenter
        • monitoring dello stato del sito con attività correlate a politiche di syncronous backup e restoring
      • Livello Host
        • Hot-backup e riallocazione automatica dei server virtuali su host ESX differenti secondo una logica di ottimizzazione delle risorse
      • Livello Server virtuali
        • strategia di backup su host con immagini, template e cloni
    • Semplificare la gestione dell’infrastruttura virtuale
      • Strumenti di management del ciclo di vita dei server virtuali
      • Gestione ordinaria degli host ESX
      • Strumenti per il controllo ed il monitoraggio
    Riduzione della necessità di interventi specialistici per l’operatività ordinaria e per la gestione delle procedure di Disaster Recovery
  • 12. (*)immagine di PlateSpin Necessità prevalente di acquisire (ripristinare) semplicemente le configurazioni fisiche di partenza Necessita di definire le configurazioni target, fare previsioni di performance e ottimizzazioni, governare i processi di migrazione e attivazione dei servizi Gestione degli ambienti di produzione, monitoraggio performance, gestione del fail-over e delle politiche di back-up e restore Necessità di consolidare l’archivio, aggiornarlo in base alle evoluzioni e reperire rapidamente (ed in modo automatico) le configurazioni salvate Il modello di virtualizzazione
  • 13. Metodo e framework di gestione prescelto Dalle fasi metodologiche di approccio per la realizzazione del progetto Si passa all’implementazione della logica applicativa calata su strumenti orientati all’automazione dei processi ed allo sviluppo dell’infrastruttura di virtualizzazione (VSO Dunes, VI VMware, PR Platespin, PC Platespin, Vizioncore, …)
  • 14. L’architettura adottata
    • Continuità di servizio in caso di disastro
    • Livello Datacenter:
    La gestione dello scenario di disaster recovery è operata attraverso un servizio di failover in entrambe le direzioni tra i due siti Un apposito workflow Dunes VSO esegue il monitor dello stato dei siti in tempo reale e consente, con strumenti adeguati, l’intervento manuale di un operatore che potrà attivare le opportune azioni di ripristino (secondo un piano di politiche prioritarie predefinite) quando l’autorità preposta riconosce lo stato di disastro Sito A Sito B Dunes VSO Dunes VSO
  • 15. VS-O permette di governare la complessità VS-O consente la modellazione degli eventi e dei processi di gestione, lasciando libero l’operatore di monitorare e parametrizzare l’esecuzione
  • 16. Il risultato finale
    • Una soluzione completa di gestione dell’infrastruttura virtuale
    • L’insieme delle attività ordinarie e straordinarie che si applicano al contesto virtuale sono state totalmente colmate:
      • con procedure automatiche governate da un operatore
      • circa 70 workflows VS-O coprono l’automatismo delle possibili operazioni sui Server virtuali, Host e Datacenter incluse le operazioni di Disaster Recovery
      • con procedure manuali governate da uno specialista
      • mediante strumenti resi disponibili da Virtual Center management server per la gestione delle eccezioni
  • 17. La capacità di affrontare le situazioni di crisi
    • Continuità di servizio in caso di disastro
    • La funzione di business continuity si esplica nell’applicazione di diverse strategie
    • Strategia di backup
      • Gestione del backup a livello di host, server virtuale, datacenter. Realizzati con opportuni workflow in tecnologia Dunes VSO con carichi computazionali e di rete ridotti
    • Strategia di migrazione
      • Migrazione automatica di sistemi di server virtuali da Host in fault verso Host disponibili all’interno di uno stesso datacenter attraverso servizi di Virtual Center
    • Strategia di gestione
      • Attività correlate alle operazioni di restoring applicate alle immagini di backup ed implementate attraverso lo sviluppo di workflow con Dunes VSO
  • 18. Evoluzioni possibili
    • Capitalizzazione dell’annunciata Integrazione VS-O Virtual Center (life-cycle management)
    • Integrazione della soluzione Virtual storage
    • Estensione della tecnologia alla gestione della sw distribution e della gestione dei desktop grazie a “Virtual desktop management”
    • Adeguamento dei processi alla normativa ITIL
    Ulteriori possibilità di riduzione dei costi e miglioramento dei livelli di servizio garantiti dall’infrastruttura
  • 19. Grazie
    • CM Sistemi
    • Innovazione per tradizione
    • www.gruppocm.it
    Alberto Cappiello Gianni M Oriani Agostino Panizza