Your SlideShare is downloading. ×
I4school collaborative 3
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

I4school collaborative 3

249
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
249
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Collaborative Working Lara Marcellin Torino, 30 novembre 2012
  • 2. Partecipazione e collaborazione"In una classe, linsegnante si aspetta di essere ascoltato. Lo studente pure."Ernest Abbé Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 2
  • 3. Da dove siamo partiti.. Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 3
  • 4. Social Media Landscape Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 4
  • 5. Collaborative working Piattaforme all’interno delle quali : • “Dire la propria” • Collaborare • Condividere le competenze e scambiarsi buone pratiche Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 5
  • 6. DRUPAL – cos’è • Drupal è un content management system: uno strumento software studiato per facilitare la gestione dei contenuti di siti web • Ha unarchitettura lego style, è scritto in PHP ed è distribuito sotto GNU GPL licence. • Offre un interfaccia di amministrazione attraverso la quale è possibile gestire ogni singola parte del sito web, senza possedere skill di programmazione. Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 6
  • 7. DRUPAL – Come nasce • Drupal nasce nel 2000, tra i banchi delluniversità di Anversa. • Allinizio si trattava di un piccolo sito interattivo creato da Dries Buytaert per permettere agli studenti di inviare note e notizie utili a tutti. • Finita luniversità, il gruppo di studenti decise di pubblicare il sito su internet in modo da poter continuare a comunicare: nacque così drop.org. • Una volta pubblicato sul Web, lutenza del sito aumentò e i membri iniziarono a parlare di autenticazione, moderazione, rating, syndicati on e di come implementarle sul sito. • Nel 2001 Dries decide di rilasciare il software dietro drop.org con il nome di Drupal e con licenza open source, per permettere ad altre persone di utilizzare ed estendere il sistema. 7
  • 8. DRUPAL Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 8
  • 9. Drupal – qualche numeroDrupal è potente e modulare:• 19.339 moduli• 1.561 temi• 512 distribuzioni• 22.187 sviluppatori http://drupal.org/ • community attiva -> supporto Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 9
  • 10. Tecnologie e linguaggiPiattaforma LAMP • Sistema operativo: Linux • Web server: Apache • Database: MySQL • Server side: PHP (Drupal)Linguaggi di sviluppo • Client web: HTML, CSS, Javascript • Server side/ Drupal: PHP Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 10
  • 11. Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 11
  • 12. Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 12
  • 13. Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 13
  • 14. YourVoice - il modello Sviluppo di una piattaforma basata su alcuni trattiObiettivi caratterizzanti il web 2.0 in grado di supportare i processi di partecipazione. Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 14
  • 15. YourVoice - il modello #2 “La partecipazione diffusa permette di creare occasioni di maggiore consapevolezza e apprendimento su questioni di forte interesse collettivo e favorire un maggiore equilibrio democratico fra componenti diverse e spesso in dissenso fra loro”[http://www.fondazionebassetti.org/it/pellegrini/2009/06/esercizi_di_democrazia_parteci.html] Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 15
  • 16. YourVoice - le funzionalità Blog Petizioni VotoIn questa sezione Un canale ideale Il sistema permettegli utenti possono per costruire e agli utenti di esprimerediscutere sottoporre attraverso illiberamente sulle raccolte di firme meccanismo del vototematiche misurando unad’interesse e su base numerica preferenza suconfrontarsi con il grado di tematiche proposte agli altri così da partecipazione livello redazionaleindividuare gliaspetti di maggiorrilevanza su cuiimpostare lepetizioni Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 16
  • 17. YourVoice - gli utenti Pubblica Cittadino Amministrazione Scrive interventi e Definisce il regolamento a cui glicommenti sul blog: utenti dovranno attenersitesto, video, foto Definisce numero di firme Propone petizioni necessarie e tempo a disposizione perscrivendone il testo e la sottoscrizioneverificandone l’andamento Prende in carico le petizioni che Firma le petizioni e partecipa raggiungono le firme necessarie nelalla discussione tempo indicato Vota le proposte della Individua soluzioni ai problemi epubblica amministrazione sottopone diverse possibilità agli utenti finali attraverso lo strumento di Entra in contatto con gli altri votoutenti del sistema attraversogli strumenti social Scrive interventi e commenti sul blog: testo, video, foto Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 17
  • 18. YourVoice 18
  • 19. YourVoice – i (possibili) contesti d’usoPubbliche La partecipazione degli utenti su temi di interesse collettivoAmministrazioni La valutazione del livello di gradimento di un prodotto oImprese servizioAssociazioni dicategoria La definizione di campagne di opinione, sondaggi d’opinione Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 19
  • 20. NICE: contesto Enterprise 2.0 Enterprise + Web2.0 = Enterprise 2.0Enterprise 2.0 è la naturale evoluzione dell’impresa ENTERPRISE 1.0 ENTERPRISE 2.0  Gerarchica  Cooperazione  Unidirezionale  Capitalizzazione dell’esperienza  Top-down  Aumento della flessibilità  Uso di strumenti innovativi per la collaborazione e condivisione della conoscenza ENTERPRISE 2.0 L’uso in modalità emergente di piattaforme di social software all’interno delle aziende o tra le aziende ed i propri partner e clienti. Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 20
  • 21. NICE – Obiettivo Next Interactive Collaborative Environment Ambiente collaborativo organizzato attorno al concetto di “gruppi di lavoro” che permette a differenti team e utenti di lavorare insieme. Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 21
  • 22. Nice - la piattaforma#1 22
  • 23. Nice - la piattaforma#2 23
  • 24. Nice - le funzionalità#1 Next Interactive Collaborative Environment Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 24
  • 25. Nice - le funzionalità#2 Next Interactive Collaborative Environment Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 25
  • 26. NICE – Attuali contesti d’uso • SVEA – Enti di formazione professionale • Politecnico – corso di Business Planning • Scuola.csp.it Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 26
  • 27. Grazie per l’attenzione!Lara MarcellinArea Manager - Collaborative & Interactive ArchitecturesDirezione Progettazionemail: lara.marcellin@csp.itcell: +39 348 6024346tel. +39 011 4815195CSP innovazione nelle ICT s.c. a r.l.SedeVia Nizza n. 1500126 Torino – Italy(ingresso da Via Alassio, 11/c)Tel +39 011 4815111Fax +39 011 4815001E-mail: innovazione@csp.itwww.csp.it Innovation&Creativity4Schools – 30 Novembre 2012 27
  • 28. Lara MarcellinArea Manager - Collaborative & Interactive ArchitecturesDirezione Progettazionemail: lara.marcellin@csp.itcell: +39 348 6024346tel. +39 011 4815195CSP innovazione nelle ICT s.c. a r.l.SedeVia Nizza n. 150 – 10126 Torino – Italy(ingresso da Via Alassio, 11/c)Tel +39 011 4815111Fax +39 011 4815001E-mail: innovazione@csp.itwww.csp.it 28