• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Workshop "La riforma della contabilità degli enti locali" 16.1.13
 

Workshop "La riforma della contabilità degli enti locali" 16.1.13

on

  • 1,215 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,215
Views on SlideShare
1,215
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
29
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Workshop "La riforma della contabilità degli enti locali" 16.1.13 Workshop "La riforma della contabilità degli enti locali" 16.1.13 Document Transcript

    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” WORKSHOP LA RIFORMA DELLA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTRODOTTI DAL DECRETO LEGISLATIVO 118/2011 L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro Torino, Gennaio 2013MASTER MASTERin Management delle Aziende Pubbliche in Management delle Aziende Ospedalieree delle Aziende di Pubblico Servizio, MiAP e delle Aziende Sanitarie Locali, MiAS 1 EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  SPESA PRIMARIA E CONSOLIDATA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE (FONTE MEF) 2© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 1
    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  Estensione dell’ambito di applicazione della legge dal solo bilancio dello Stato al complesso delle amministrazioni pubbliche;  Le amministrazioni pubbliche sono: “Le unità istituzionali che agiscono da produttori di beni e servizi non destinabili alla vendita […] e/o la cui funzione principale consiste nella redistribuzione del reddito e della ricchezza del Paese” 3© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  Le amministrazioni pubbliche concorrono al perseguimento degli obiettivi di finanza pubblica sulla base dei principi fondamentali dell’armonizzazione dei bilanci pubblici e del coordinamento della finanza pubblica, e ne condividono le conseguenti responsabilità.  In particolare, per amministrazioni pubbliche si intendono:  le Amministrazioni Centrali (organi amministrativi dello Stato e altri enti centrali)  le Amministrazioni Locali (enti pubblici territoriali, università, ecc…)  gli enti nazionali di previdenza e assistenza sociale (unità istituzionali centrali erogatrici di prestazioni sociali)  Elenco delle amministrazioni pubbliche (ISTAT, 31.07.2009 – Link documento) Art. 1 4© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 2
    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” FEDERALISMO (L. 5 maggio 2009, n. 42) Aspetto Organizzativo Relazioni tra: Divisione Coordinamento del potere fra più tra le diverse unità di governo unità di governo Unità di governo: a) centrale; b) sottogoverno territoriale. Principio di sussidiarietà 5© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” Strumenti aziendali di coordinamento: − Accentramento dei flussi di tesoreria (Tes. Unica) − Armonizzazione schemi di contabilità e bilancio − Bilancio consolidato − Banca dati unitaria (MEF, art. 13); − Indicatori di risultato semplici e misurabili. 6© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 3
    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  BANCA DATI UNITARIA (BDU) – MEF  Contenuto:  Bilancio preventivo  Variazioni  Consuntivi;  Operazioni gestionali;  Altre informazioni. 7© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” - Conferma sistema di TU (art. 45) - Schemi di bilancio: armonizzazione • regole contabili uniformi; • comune piano dei conti; • schemi di bilancio articolati per missioni e programmi; • contabilità finanziaria affiancata a fini conoscitivi, dal sistema di contabilità economico-patrimoniale 8© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 4
    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  AMMINISTRAZIONE RAZIONALE Scostamenti: Decisioni: bilancio bilancio preventivo consuntivo Risultati: rilevazione contabile 9© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  IL CICLO DI PROGRAMMAZIONE, I DOCUMENTI E LA DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI Coerentemente alla precedente Legge di contabilità, viene mantenuta la separazione tra il momento  programmatorio, (prima DPEF, ora Decisione di finanza pubblica), e quello  allocativo (prima legge finanziaria + legge di bilancio, ora legge di stabilità + legge di bilancio). 10© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 5
    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” A. Bilancio di previsione finanziaria di competenza e di cassa (passaggio alla sola cassa) - annuale; - triennale. B. Rendiconto • conto del bilancio; • conto generale del patrimonio; • conto economico (a fini conoscitivi); 11© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  LA STRUTTURA DEL BILANCIO DELLO STATO Bilancio decisionale (politico) Missioni Programmi Bilancio amministrativo (gestionale) Macro aggregati Capitoli Piani di gestione 12© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 6
    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  Nuova unità di voto: il programma 13© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  BILANCIO DELLO STATO (L. 196/09, Art. 22)  Bilancio pluriennale di previsione  redatto dal MEF in termini di competenza e cassa;  Periodo temporale di riferimento: 3 anni.  Espone separatamente:  Andamento entrate e spese in base alla legislazione vigente (cd. bilancio pluriennale a legislazione vigente);  Previsioni sull’andamento delle entrate e delle spese, tenendo conto degli effetti programmati nella Decisione di finanza pubblica (art. 10) (cd. bilancio pluriennale programmatico); 14© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 7
    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  BILANCIO DELLO STATO (L. 196/09, Art. 22) Pluriennale  Viene integrato con gli effetti della legge di stabilità;  Non conferisce autorizzazione di spesa e di riscossione entrate.  Bilancio autorizzatorio annuale; a) Alta rigidità del bilancio dello Stato; b)La quota del bilancio dello stato, direttamente o indirettamente determinata per legge, ammonta nel complesso ad oltre il 90% delle risorse stanziate in conto competenza 15© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  BILANCIO DELLO STATO (Fonte MEF)  Struttura del bilancio 16© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 8
    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” BILANCIO DELLO STATO (L. 196/09, Art. 21)  Struttura della Spesa all’interno dei programmi:  Spese correnti, con indicazione delle spese del personale.  Spese d’investimento.  Fino all’adozione del decreto attuativo che ristruttura il bilancio dello Stato (entro due anni), in appositi allegati, per ciascun programma, macroaggregato e distinti per capitolo, le spese sono suddivise in:  Spese rimodulabili  Spese non rimodulabili 17© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  Spese non rimodulabili  spese per le quali l’ammini- strazione non ha possibilità di esercitare un effettivo controllo amministrativo sulle variabili che concorrono alla loro formazione, allocazione e quantificazione:  Oneri “inderogabili”, in quanto vincolati da particolari meccanismi (leggi o altri atti normativi), quali: • Pagamento stipendi, assegni, pensioni; • Spese per interessi passivi; • Spese derivanti da obblighi comunitari e internazionali; • Spese per ammortamento mutui • Altre, espressamente individuate dalla legge. 18© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 9
    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  Spese rimodulabili  si dividono in:  Spese autorizzate da espressa disposizione di legge che ne determina l’importo massimo di spesa e il periodo di iscrizione in bilancio (cd. fattori legislativi);  Spese non predeterminate legislativamente che sono quantificate tenendo conto delle esigenze di funzionamento delle amministrazioni (cd. spese di adeguamento al fabbisogno). 19© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  Spese rimodulabili  La rimodulazione (in via compensativa) è ammessa: • All’interno di un medesimo programma (approva- zione parlamentare non richiesta) • Tra programmi differenti, fermo restando il rispetto dei saldi di finanza pubblica (approvazione parlamentare richiesta) • Resta precluso il ricorso a stanziamenti in conto capitale per finanziare spese correnti. 20© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 10
    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  BILANCIO GESTIONALE (co. 17):  Ripartizione dei programmi (unità di voto) in capitoli ai fini della gestione e della rendicontazione.  Assegnazione (entro 10 gg.), da parte dei Ministeri, delle risorse ai responsabili della gestione (dirigenti); 21© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  QUADRO GENERALE RIASSUNTIVO Indica risultati differenziali:  RISPARMIO PUBBLICO  INDEBITAMENTO (o ACCREDITAMENTO) NETTO  SALDO NETTO da FINANZIARE (o da IMPIEGARE)  RICORSO AL MERCATO Art. 25 22© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 11
    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  RISPARMIO PUBBLICO TOTALE ENTRATE CORRENTI (tributarie ed extratributarie) ………. (-)TOTALE SPESE CORRENTI (…….…) _______ RISPARMIO PUBBLICO (……….) Art. 25 23© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” SALDO NETTO da FINANZIARE (o da IMPIEGARE)TOTALE ENTRATE FINALI ……….(-)TOTALE SPESE FINALI (…….…) _______SALDO NETTO da FINANZIARE (o da IMPIEGARE) (……….) Art. 25 24© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 12
    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” RICORSO AL MERCATOTOTALE ENTRATE ……….(-)TOTALE SPESE (…….…) _______RICORSO AL MERCATO (……….) Art. 25 25© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO”  POSTULATI DEL BILANCIO DELLO STATO (L. 196/09, Art. 24)  Integrità  iscrizione separata di entrate e spese:  Tutte le entrate devono essere iscritte in bilancio al lordo delle spese;  Tutte le spese devono essere iscritte senza riduzione delle correlative entrate.  Universalità.  Unità.  Divieto di gestione fondi fuori bilancio.  Divieto di assegnazione di proventi per spese o erogazioni speciali, ad eccezioni di proventi per riscossione conto terzi, oblazioni e simili. 26© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 13
    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” - Annualità (art. 20) - Pluriennale (non autorizzatorio) - Flessibilità: • F. riserva spese obbligatorie, art. 26; • F. riserva spese impreviste, art. 28. - Le entrate in c/capitale non possono finanziare spesa corrente (art. 21 e art. 23) - Utilizzo miglioramento “risparmio pubblico” solo se positivo. 27© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” Principi contabili Altri Enti Pubblici - DPR. 27 febbraio 2003, n. 97 - * art. 162, TUEL, 267/2000 • * Integrità Continuità • * Universalità Prudenza • * Unità Costanza * Veridicità • Flessibilità Correttezza Competenza finanziaria ed economica Neutralità Equilibrio di bilancio: * Attendibilità − finanziario (principio costituzionale della “copertura”) (Tot. E/Tot. S) Rilevanza − * situazione corrente: no disavanzo − economico Chiarezza * Pubblicità (sito internet) Tendenza al Pareggio economico, finanziario L. 5 maggio 2009, n. 42, comma 2 lett. i) e patrimoniale Coerenza • * Annualità 28© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 14
    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” PAREGGIO Ogni legge (diversa dalla legge di bilancio) che comporti nuovi o maggiori oneri deve indicare i mezzi per farvi fronte. 29© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” Articolo 81 della Costituzione Italiana Le Camere approvano ogni anno i bilanci e il rendiconto consuntivo presentati dal Governo. Lesercizio provvisorio del bilancio non può essere concesso se non per legge e per periodi non superiori complessivamente a quattro mesi. Con la legge di approvazione del bilancio non si possono stabilire nuovi tributi e nuove spese. Ogni altra legge che importi nuove o maggiori spese deve indicare i mezzi per farvi fronte. 30© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 15
    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” Nella legge di bilancio: − Disavanzo finanziato da debito − Eventuale riduzione del disavanzo: • nuove spese • riduzione del debito Differenza tra Entrate correnti …….. (-) Spese correnti (……..) Risparmio pubblico (……..) Se c’è una riduzione del Risparmio pubblico negativo non è più possibile finanziare nuove spese (art. 17) 31© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” Lo scrittoio del Presidente (1948-1955) Luigi Einaudi 32© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 16
    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” 33© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” 34© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 17
    • EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” 35© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro EA •E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO •A DIPARTIMENTO DI MANAGEMENT SEZIONE DI RAGIONERIA “G. FERRERO” 36© 2013 - L.Puddu, C.Rainero, S.Secinaro 18