0
L’ICT per lo sviluppo dibuone pratiche nellePubbliche AmministrazionipiemontesiStefano De Capitani – CSI Piemonte
Normative di riferimentoOBIETTIVO 2020Direttiva 2009/28/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 aprile 2009      ...
LA DIMENSIONE URBANA OGGIAree Urbane rispetto al totale Mondo:   • 2% occupazione suolo   • 50% popolazione   • 75% consum...
Strategia Energetica RegionaleDirettrici della Strategia Energetica RegionaleContenimento dei consumi promozione dell’effi...
L’ICT come strumento di innovazioneNormativa complessa  ICT e strumenti innovativiStefano De CapitaniCSI Piemonte
Il ruolo dell’ICTLICT è individuata, dalla stessa UE, come elementoabilitante per il raggiungimento di questi obiettivi.St...
Il ruolo dell’ICT: elementi trainantiEconomiciRisparmio del 20% dei costi (Confindustria, Progetto efficienza energetica, ...
Il ruolo dell’ICT: gli strumentiICT come strumento di raccolta strutturata dei dati,catalizzatore e ordinatore di informaz...
Iniziative di finanziamento Ministro Profumo al FORUM PA 2012 imminente pubblicazione di un bando MIUR da 700 milioni di e...
Gli AttoriPer realizzare una piattaforma condivisa che permetta di scambiareesperienze, buone pratiche e progetti è fondam...
ANCI Piemonte e CSI Piemonte (1)Anci Piemontepromuove, sostiene e sovraintende iniziative dirette a persegue gliinteressi ...
ANCI Piemonte e CSI Piemonte (2) Protocollo d’Intesa CSI Piemonte mette a disposizione dei Comuni associati ad ANCI Piemon...
Il ruolo di CSI Piemonte (1)Proporre un’offerta completa per un Sistema di Gestionedell’Energia (Sistema EnMS):sarà proget...
Il ruolo di CSI Piemonte (2)          MUDE         SICEE Patrimonio ACI       Ambiente                                    ...
Il progetto “Quanto risparmiamo se…?”: obiettivi                                                    Singoli               ...
Grazie perl’attenzioneStefano De Capitani – CSI Piemonte
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

L'ICT per lo sviluppo di buone pratiche nelle PA piemontesi

637

Published on

Convegno ANCI Piemonte e CSI Piemonte "Quanto risparmiamo se...?", 25 giugno 2012 - Intervento del Direttore Generale del CSI Piemonte, Stefano De Capitani

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
637
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "L'ICT per lo sviluppo di buone pratiche nelle PA piemontesi"

  1. 1. L’ICT per lo sviluppo dibuone pratiche nellePubbliche AmministrazionipiemontesiStefano De Capitani – CSI Piemonte
  2. 2. Normative di riferimentoOBIETTIVO 2020Direttiva 2009/28/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 aprile 2009 - 20% Energia primaria + 20% Energia da F.E.R. - 20% Emissioni CO2Stefano De CapitaniCSI Piemonte
  3. 3. LA DIMENSIONE URBANA OGGIAree Urbane rispetto al totale Mondo: • 2% occupazione suolo • 50% popolazione • 75% consumi di energia (abitazioni, trasporti, industria) • 80% emissioni di CO2 http://www.ted.com/talks/lang/it/carlo_ratti_architecture_that_senses_and_responds.htmStefano De CapitaniCSI Piemonte
  4. 4. Strategia Energetica RegionaleDirettrici della Strategia Energetica RegionaleContenimento dei consumi promozione dell’efficienza e delrisparmio energetico; uso razionale delle risorse energetiche edell’energia recuperabile da impianti e sistemiSviluppo delle fonti rinnovabiliSostenibilità ambientale degli interventiRiduzione del costo dell’energia per le famiglie e per migliorare lacompetitività del sistema delle impreseRiduzione delle emissioni climalteranti e inquinanti, nel rispettodelle peculiarità dell’ambiente e del territorioAccrescimento della consapevolezza degli utenti rispetto ai propriconsumi e ai margini di risparmio potenzialePromozione delle attività di ricerca applicata innovazione etrasferimento tecnologicoStefano De CapitaniCSI Piemonte
  5. 5. L’ICT come strumento di innovazioneNormativa complessa  ICT e strumenti innovativiStefano De CapitaniCSI Piemonte
  6. 6. Il ruolo dell’ICTLICT è individuata, dalla stessa UE, come elementoabilitante per il raggiungimento di questi obiettivi.Studio di Confindustria enfatizza il contributo dell’ICTtema della riqualificazione degli edifici pubblici prioritario perchépotrebbe generare : • un risparmio del 20% della bolletta energetica della PA; • una riduzione del 20% del consumo energetico e delle emissioni di gas serra; • un incremento nell’occupazione pari a 150.000 addetti e una crescita del PIL dello 0,6%.Stefano De CapitaniCSI Piemonte
  7. 7. Il ruolo dell’ICT: elementi trainantiEconomiciRisparmio del 20% dei costi (Confindustria, Progetto efficienza energetica, 2010):break event stimato a 3,5 anni (Manczyk, Analysis for an Energy ManagementSystem in Office Building)Risparmio di energia del 30%, rispetto allo standard (American Society of Heating,Refrigerating and Air-Conditioning Engineers – Advanced Energy Design Guide forsmall office buildings, 2008)GestionaliI sistemi di “building automation” consentono di rendere efficaci le soluzionistatiche di efficentamento energetico messe in campo nelledilizia, abbattendo iconsumi e migliorando le previsioni di consumoComunicativiICT diviene lo strumento a supporto di iniziative di sensibilizzazione rivolte a chi“vive” gli edifici, mirate alluso consapevole del bene energetico e alla sua gestioneottimale, da attuare mediante percorsi di e-learning, pannelli virtuali che illustrano iconsumi e il trend energetico conseguenti allattivazione di iniziative diefficentamento energeticoStefano De CapitaniCSI Piemonte
  8. 8. Il ruolo dell’ICT: gli strumentiICT come strumento di raccolta strutturata dei dati,catalizzatore e ordinatore di informazioni attraverso specifici cruscotti fornisce indicazioni al decisore/manager permette la condivisione della conoscenza, delle buone pratiche, degli “errori” sviluppo del social managementTrasforma “semplici“ dati in un patrimonio comunedatipiemonte.itÈ veicolo di trasformazioneinternet of things  big data  new servicesStefano De CapitaniCSI Piemonte
  9. 9. Iniziative di finanziamento Ministro Profumo al FORUM PA 2012 imminente pubblicazione di un bando MIUR da 700 milioni di euro, a valere su fondi FESR 2007-2013 per le Regioni del Centro – Nord, destinato a progetti di smart cities & communities Questa opportunità di “generare” città intelligenti è alla base dell’idea di ICT ed efficienza energetica che CSI ed ANCI Piemonte presentano La validità della proposta è rafforzata dalla possibilità di una partecipazione congiunta al bando citato di CSI, ANCI e i Comuni aderenti al progetto, per cogliere un’occasione di sviluppo unica per il nostro territorioStefano De CapitaniCSI Piemonte
  10. 10. Gli AttoriPer realizzare una piattaforma condivisa che permetta di scambiareesperienze, buone pratiche e progetti è fondamentale lapartecipazione degli attori a livello regionale:Regione Piemonte – Piano Energetico RegionaleProvincia di Torino – Supporto all’adesione al Patto dei SindaciComune di Torino – Torino Smart CityANCI – Partner progettuale e Main sponsorCSI Piemonte – Governance dell’”Energy Management System”PoliTo – Partner tecnologicoIstituto Boella – Partner tecnologicoed ancora…i Cittadini, i Professionisti, le AziendeStefano De CapitaniCSI Piemonte
  11. 11. ANCI Piemonte e CSI Piemonte (1)Anci Piemontepromuove, sostiene e sovraintende iniziative dirette a persegue gliinteressi degli Enti Localipropone e coordina lo studio e la soluzione dei problemi cheinteressano le Amministrazioni localiCSI Piemontein qualità di ente attuatore del piano Regionale di e-governmentcoadiuva la Pubblica Amministrazione nell’incrementare l’efficacia,l’efficienza e l’economicità delle propria attività anche attraverso larealizzazione di servizi on line per i cittadini e le impreseCSI ha attivato con un proprio investimento la prima fase delprogetto Quanto risparmiamo se…?Stefano De CapitaniCSI Piemonte
  12. 12. ANCI Piemonte e CSI Piemonte (2) Protocollo d’Intesa CSI Piemonte mette a disposizione dei Comuni associati ad ANCI Piemonte competenze, servizi applicativi, infrastrutture supporta i Comuni nella definizione di modelli di fruizione dei servizi in forma aggregata servizi realizzati per il Programma Elisa costituzione di un sistema di governo condiviso dell’informazione per l’attuazione del Federalismo Fiscale e di idonee politiche di sostegno all’equità fiscale servizi di Piemonte Facile attraverso il “Centro Servizi” servizi consulenziali e tecnici per le smart cities soluzioni ICT a supporto di politiche per il risparmio energetico in senso lato progetti di raccolta e valorizzazione degli Open DataStefano De CapitaniCSI Piemonte
  13. 13. Il ruolo di CSI Piemonte (1)Proporre un’offerta completa per un Sistema di Gestionedell’Energia (Sistema EnMS):sarà progettato come piattaforma di integrazione di dati“energetici” provenienti dai Sistemi Informativi giàoperativi(es. MUDE, ACI, Patrimonio, Ambiente, Facility Management…)dovrà consentire una governance della filiera digestione energetica: audit, supporto alla riqualificazione,certificazione energeticaStefano De CapitaniCSI Piemonte
  14. 14. Il ruolo di CSI Piemonte (2) MUDE SICEE Patrimonio ACI Ambiente Dati Eterogenei Energy Management System (EnMS) Razionalizzazione Interventi strutturali di dei consumi Efficientamento EnergeticoStefano De CapitaniCSI Piemonte
  15. 15. Il progetto “Quanto risparmiamo se…?”: obiettivi Singoli Cittadini Professionisti Comuni piemontesiStefano De CapitaniCSI Piemonte
  16. 16. Grazie perl’attenzioneStefano De Capitani – CSI Piemonte
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×