Your SlideShare is downloading. ×
0
Ridefinizione del modello organizzativo per il coordinamento e la gestione delle attività di ricerca (Conferenza DTA 2010)
Ridefinizione del modello organizzativo per il coordinamento e la gestione delle attività di ricerca (Conferenza DTA 2010)
Ridefinizione del modello organizzativo per il coordinamento e la gestione delle attività di ricerca (Conferenza DTA 2010)
Ridefinizione del modello organizzativo per il coordinamento e la gestione delle attività di ricerca (Conferenza DTA 2010)
Ridefinizione del modello organizzativo per il coordinamento e la gestione delle attività di ricerca (Conferenza DTA 2010)
Ridefinizione del modello organizzativo per il coordinamento e la gestione delle attività di ricerca (Conferenza DTA 2010)
Ridefinizione del modello organizzativo per il coordinamento e la gestione delle attività di ricerca (Conferenza DTA 2010)
Ridefinizione del modello organizzativo per il coordinamento e la gestione delle attività di ricerca (Conferenza DTA 2010)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Ridefinizione del modello organizzativo per il coordinamento e la gestione delle attività di ricerca (Conferenza DTA 2010)

121

Published on

Giuseppe Cavaretta, Direttore del CNR-DTA

Giuseppe Cavaretta, Direttore del CNR-DTA

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
121
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento Terra e Ambiente Ipotesi di organizzazione in Gruppi di Ricerca • Attualmente nel DTA ogni Commessa ha in media 3 Moduli multi-Istituto, contro 1-1.5 di tutti gli altri Dipartimenti. • Il riconoscimento e l’efficacia dell’azione dei Responsabili di Commessa (peraltro mai formalmente nominati) sono risultati inadeguati. • Con il modello organizzativo fondato sui Gruppi di Ricerca si realizza un miglioramento sensibile dell’efficacia dell’azione di coordinamento e anche una notevole semplificazione gestionale a vantaggio della snellezza, chiarezza e correttezza della lettura delle attività di ricerca e dei ricercatori che le realizzano. • Con la nomina dei Responsabili dei Gruppi di Ricerca migliora l’identificazione delle responsabilità scientifiche e la motivazione/ gratificazione dei ricercatori. • Scompaiono le Commesse e i Programmi dipartimentali sono molto più flessibili in quanto le Linee di ricerca non costituiscono rigidità e non hanno rilevanza di bilancio. • Nella fase di transizione si procede con Commesse mono-Istituto.
  • 2. I Gruppi di Ricerca Istituto “X” Negli Istituti sono nominati i Responsabili dei Gruppi di ricerca le cui attività sono coordinate nell’ambito di Programmi di Dipartimento articolati in Linee di ricerca. Gruppo di ricerca “A” Dipartimento Linea 1 I Programmi sono definiti in coerenza con le priorità e gli obiettivi strategici stabiliti dal PNR e in attuazione di grandi progetti affidati al CNR Linea 2 3 GAE Programma 1 Linea 3 2 GAE Gruppo di ricerca “B” 1 GAE Istituto “Y” Gruppo di ricerca “C” Gruppo di ricerca “D” Common pot per le spese di infrastruttura 65% 35% Programma 2 Linea 1 Linea 2 Programma 3 Programma 4 Nei Dipartimenti sono operativi i Coordinatori di Programma che promuovono, coordinano e seguono le diverse attività coerenti, realizzate da Gruppi di ricerca diversi, che costituiscono le Linee di ricerca del Programma.
  • 3. Consiglio Nazionale delle Ricerche Dipartimento Terra e Ambiente • In preparazione di questa Conferenza è stata condotta una discussione con i Direttori e i Ricercatori degli Istituti per: 1. Aggiornare la struttura dei Progetti a beneficio sia del coordinamento che della gestione della ricerca 2. Eliminare i problemi evidenziati dalle commesse multi-istituto 3. Ridurre la frammentazione dei gruppi di ricerca 4. Dare visibilità alle effettive responsabilità dei ricercatori leader di progetti
  • 4. Dipartimento Terra e Ambiente Linee Strategiche Cambiamenti globali e relativi impatti Progetti Attuali Il sistema terra: interazioni tra terra solida, mare, acque interne, atmosfera e biosfera Cambiamenti globali Progetti proposti Cambiamenti globali e relativi impatti Qualità dei sistemi ambientali Uso sostenibile delle risorse naturali Rischi naturali, ambientali ed antropici Sostenibilità dei sistemi terrestri e acquatici Rischi naturali ed antropici Controllo dell'inquinamento e recupero ambientale Gestione sostenibile delle risorse Rischi ambientali, naturali e antropici Tecnologie e processi per l’ambiente Osservazione della Terra Ambiente e salute Progetti Interdipartimentali Osservazione della Terra Ambiente e salute Gestione integrata ed interoperativa dei dati ambientali Gestione integrata ed interoperativa dei dati ambientali
  • 5. FP7 – Environment (including climate change) 1. Climate change, pollution and risks 1. Pressures on the environment and climate 2. Environment and health 3. Natural hazards 2. Sustainable Management of Resources 1. Conservation and sustainable management of natural and man-made resources and biodiversity 2. Management of marine environments 3. Environmental Technologies 1. Environmental technologies for observation, simulation, prevention, mitigation, adaptation, remediation and restoration of the natural and manmade environment 2. Protection, conservation and enhancement of cultural heritage, including human habitat improved damage assessment on cultural heritage 3. Technology assessment, verification and testing 4. Earth observation and assessment tools 1. Earth and ocean observation systems and monitoring methods for the environment and sustainable development 2. Forecasting methods and assessment tools for sustainable development taking into account differing scales of observation
  • 6. 35% 30% 25% 20% % Gruppi di Ricerca % Personale strutturato % Fondi esterni 15% 10% 5% 0% Cambiamenti Gestione Rischi Tecnologie e Osservazione INT: globali e sostenibile naturali, processi per della Terra Ambiente e relativi delle risorse ambientali e l'ambiente Salute impatti antropici INT: GIIDA
  • 7. # di gruppi di ricerca per anni uomo 35 30 25 20 15 10 5 0 0-3 3-5 5-10 10-15 15-20 20-25 25-35 >35
  • 8. # di gruppi di ricerca per fondi esterni 35 30 25 20 15 10 5 0 K€ 0-100 100-250 250-500 500-750 750-1000 1000-2000 >2000

×