Cronotopo e tecnologia: una ricerca su attività collaborative di creazione di conoscenza

  • 361 views
Uploaded on

Giuseppe Ritella, Università di Helsinki …

Giuseppe Ritella, Università di Helsinki
Kai Hakkarainen, Università di Turku
Beatrice Ligorio, Università di Bari

More in: Education , Sports , Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
361
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
3
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. http://www.ckbg.org/congresso2011 Cronotopo e tecnologia: una ricerca su attività collaborative di creazione di conoscenza. Giuseppe Ritella, Università di Helsinki Kai Hakkarainen, Università di Turku Beatrice Ligorio – Università di BariIII Congresso Nazionale CKBG – Bari, 6-8 aprile 2011 Empowerment, Formazione, Tecnologie. LIndividuo, il Gruppo e lOrganizzazione www.helsinki.fi/yliopisto
  • 2. Scopo della presentazionePresentare e discutere con voi il modo in cui il concettodi cronotopo è elaborato ed utilizzato nella mia ricerca www.helsinki.fi/yliopisto
  • 3. Assunti di base• “la cultura non crea nulla, essa semplicementemodifica l’ambiente naturale per conformarlo adobiettivi umani” (Vygotsky, 1981, p. 166)• spazio e tempo come costruzioni socialiinterdipendenti (May & Thrift, 2001)• le tecnologie hanno un impatto sul modo in cui lepersone co-costruiscono gli spazi ed i tempi delleattività (Hassan, 2003) www.helsinki.fi/yliopisto
  • 4. Impatto della tecnologia suspazio e tempo• Goodwin e la tavola di Munsell• tecnologie e spazio: una eterotopia (Foucault, 1967)“arricchita”• tecnologie e tempo: l’influenza della tecnologia sullepratiche di una comunità e sulla loro strutturatemporale www.helsinki.fi/yliopisto
  • 5. Spazio-tempo e tecnologia Figura 17 Figura 18 ESTRATTO 6 Annamaria: ((Figura 17)) andate a vedere ((figura 18)) i learning circles (0.5) allora (.) qui loro mettono in itinere ((poi, leggendo il documento velocemente e tenendo il segno con il puntatore del mouse)) questa strategia ha avuto varie applicazioni e tra queste anche la costruzione di una rete di gruppi che lavorano a distanza ((smette di leggere)) e allora il prodotto diciamo finale la volontà finale se vogliamo Ida: che i ragazzi ((alcune parole incomprensibili)) Annamaria: esatto cioè loro mentre costruiscono la rete tra loro a quel punto sono in grado di… www.helsinki.fi/yliopisto
  • 6. Il concetto di cronotopo• Bakhtin (1981) e i generi letterari: il cronotopoevidenzia l’inestricabile legame tra spazio e tempo• Ogni genere costruisce spazio e tempo in un modospecifico• Brown & Renshaw (2006): l’interpretazione discorsivadel contesto della classe www.helsinki.fi/yliopisto
  • 7. Il nostro uso del concetto dicronotopo“We define chronotope in ICT-mediated learning asthe emergent configuration of temporal and spatialrelations in learning practices as they are impacted byICT” (Hakkarainen, Ritella & Seitamaa-Hakkarainen,2011) www.helsinki.fi/yliopisto
  • 8. La centralità degli artefatti nellanostra ricerca•Il nostro interesse è nelle attività di creazione diconoscenza come processi distribuiti nello spazio e neltempo•Idea e materia nel processo di costruzione diconoscenza•Oggetti e strumenti di mediazione: la genesi deglistrumenti•il concetto di mediazione: Mediazione epistemica,pragmatica, interpersonale e riflessiva (Beguin &Raparbel, 2000) www.helsinki.fi/yliopisto
  • 9. Epistemic mediationIl processo di ri-mediazione della creazione diconoscenza personale e collettiva attraverso lacreazione e l’uso di artefatti epistemici, come i testi“knowledge-creation learning” (Paavola et al.,2004): lanatura degli oggetti utilizzati determina in modosignificativo la natura dell’indagine; e tali oggetti sonocentri intorno ai quali le pratiche di apprendimentosono organizzati www.helsinki.fi/yliopisto
  • 10. E il cronotopo?Spazi di interazione e organizzazione temporale delleattività sono influenzati dalla mediazione deglistrumentiPossibile individuare configurazioni spazio-temporalispecifiche generate dall’appropriazione di unostrumento da parte di una comunità? www.helsinki.fi/yliopisto
  • 11. Caratteristiche del cronotopo1) Cambiamenti nel ritmo dell’attività e occasionali intensificazioni del processo collaborativo emergono durante le interazione;2) la tecnologia utilizzate e la mediazione epistemica giocano un ruolo importante;3) multimedialità, multimodalità, eterogeneità (eterotopia);4) I cronotopi sono improvvisati localmente ma anche mediati dai generi storicamente sviluppatesi e mediati da strumenti e pratiche www.helsinki.fi/yliopisto
  • 12. Il primo studioUna esperienza di formazione mediata dal software CoFFEE:- Soggetti coinvolti: 10 insegnanti di 6 scuole superiori pugliesi;- Obiettivi dell’esperienza: a) cominciare l’appropriazione del software; b) compilare in modo collaborativo uno scenario pedagogico che prevedesse l’uso di CoFFEE. Oltra ai sei incontri faccia a faccia, sono state svolte alcune discussioni a distanza attraverso luso della piattaforma di e-learning Synergeia. www.helsinki.fi/yliopisto
  • 13. CoFFEE: Collaborative Face to Face Educational EnvironmentCoFFEE è un ambiente educativo che supporta l’interazionefaccia a faccia in situazioni di problem solving collaborativo. www.helsinki.fi/yliopisto
  • 14. MetodoAnalisi qualitativa dei video registrati durante gliincontri, integrata con l’analisi delle interazioniregistrate nei log del software utilizzato e delle note sulcampo www.helsinki.fi/yliopisto
  • 15. Fattori che influiscono sul ritmodell’attività- La profondità degli spazi del pensiero;- Le caratteristiche degli strumenti utilizzati e leconoscenze tecniche dei partecipanti rispetto all’usodello strumento;- Le configurazioni di partecipazione all’attività;- Gli obiettivi dell’attività. www.helsinki.fi/yliopisto
  • 16. Tre cronotopi1) Adagio: characterized by a slow flow of action2) Andante: characterized by an acceleration of the flow and3) Allegretto: in which the configuration of participation allow a fluid and dynamic course of actions www.helsinki.fi/yliopisto
  • 17. Tre cronotopi (2) www.helsinki.fi/yliopisto
  • 18. Allegretto Figura 8 Figura 9 ESTRATTO 8 Mariangela: facciamo a (0.5) cosa vi aspettate:: (0.5) Loretta che stavi dicendo Loretta: no (.) va bene (.) rilevazione dei bisogni degli studenti e loro aspettative:: Mariangela: senza ((Figura 8)) suddi[videre Loretta: [ah ah (.) ((figura 9)) dall’attività di orientamento e da Mariangela: quindi cosa vi aspettate da ((scrive sul cowriter per 5 secondi)) Mariangela: e l’altra aspettativa qual’era Ada: per il futuro www.helsinki.fi/yliopisto
  • 19. Ulteriori ricerche (1)Il processo di scrittura sientifica: lo screen recordingcome strumento per l’analisi dei cronotopi dellascrittura scientifica www.helsinki.fi/yliopisto
  • 20. Domande di ricerca (1)1) Come I ricercatori affrontano, giorno dopo giorno, il task della scrittura scientifica, ricreando le pratiche sociali sviluppate nel loro campo di indagine?2) Come organizzano il loro lavoro di scrittura distribuito nello spazio e nel tempo?3) Come coordinano il loro lavoro con i colleghi?4) qual’è l’impatto dei tool tecnologici che utilizzano rispetto a queste dimensioni? www.helsinki.fi/yliopisto
  • 21. Altre due ricerche (2)L’analisi delle pratiche di creazione di conoscenza inun corso blended universitario: il processo diappropriazione dello strumento tecnologico comegeneratore di specifici cronotopi www.helsinki.fi/yliopisto
  • 22. Domande di ricerca (2)Che tipo di gestione dello spazio-tempo è svolto daipartecipanti ad un corso blended nel qui e oradell’interazione (microlivello)?Come sono coordinate le azioni dei partecipanti?Qual’è il ruolo della mediazione epistemica nelladefinizione del cronotopo delle interazioni investigate?Quali sono I momenti di rottura e conflitto – se ve nesono – che mediano lo sviluppo del cronotopo iniziale?Come I partecipanti riflettono sulla loro gestione dellospazio e del tempo? www.helsinki.fi/yliopisto
  • 23. Grazie per l’attenzioneGiuseppe Ritella (gritella@gmail.com)Kai Hakkarainen (kai.hakkarainen@utu.fi)Maria Beatrice Ligorio (bealigorio@hotmail.com) www.helsinki.fi/yliopisto
  • 24. Connessionihttp://www.ckbg.org/ Sito Web: www.ckbg.org Sito Convegno: www.ckbg.org/congresso2011 CKBG – The Community: www.ckbg.org/forum Pagina di Facebook: http://tinyurl.com/ckbgpage-fb Gruppo di Facebook: http://tinyurl.com/FB-CKBG Gruppo su Twitter: http://twitter.com/ckbgit Convegno: #emp11 Sito Web: http://linkd.in/ckbg_group Profilo su Slideshare: CKBGShare www.helsinki.fi/yliopisto