• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Luca Tateo - Un chicco di coffee. Scenari pedagogici per la collaborazione in classe
 

Luca Tateo - Un chicco di coffee. Scenari pedagogici per la collaborazione in classe

on

  • 578 views

Intervento presentato alla III Summer School CKBG - Salerno, 16-20 Luglio 2012

Intervento presentato alla III Summer School CKBG - Salerno, 16-20 Luglio 2012

Statistics

Views

Total Views
578
Views on SlideShare
578
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Luca Tateo - Un chicco di coffee. Scenari pedagogici per la collaborazione in classe Luca Tateo - Un chicco di coffee. Scenari pedagogici per la collaborazione in classe Presentation Transcript

    • Un “chicco” di CoFFEE: scenari pedagogici per la collaborazione in classeL’apprendimento collaborativo: tecniche e strumenti, Salerno 16-20 luglio 2012
    • Lo scenario pedagogico• Lo scenario pedagogico è la partitura dell’orchestra/classe.• Quale musica vogliamo suonare: classica, jazz? • Struttura condivisa, • Collaborazione, • Diverso rapporto individuo/gruppo • Diverso spazio per l’improvvisazione
    • Il processo di costruzione dello scenario pedagogico Uno scenario pedagogico è fondamentalmente la descrizione narrativa di ciò che fanno le persone coinvolte in un’attività formativa. Definizione del dominio di conoscenze Definizione dell’unità e degli obiettivi didattici RifinitValutazione a Prima stesura ur narrativa dello Modello di scenario scenario Sequenza dei passi e risorse
    • Scenari e riflessività Il nuovo approccio didattico implica una riflessione sulle metodologie di lavoro, come nel caso della valutazione.Costruire uno scenariopedagogico stimola lariflessione sulle pratichedidattiche in classe egenera nuove idee.
    • La partecipazione degli studenti Gli studenti sono stati i primi valutatori di CoFFEE e degli scenari pedagogici. Hanno fornito feedback preziosi a partire dalle prime fasi di sperimentazione.Le attività hanno stimolato l’interesse e la partecipazionedegli studenti alle attività, la capacità di riflessione, didiscussione e di argomentazione.
    • Uno scenario in 5 passi Esplicitazione delle caratteristiche della classe e delle pratiche didattiche Definizione degli obiettivi pedagogici Definizione della sequenza di attività Definizione della sequenza di passi e delle risorse Definizione della configurazione di CoFFEEPer avere le risposte migliori bisogna porre le giuste domande!
    • Passo 1: Esplicitazione delle caratteristiche della classe e delle pratiche didattiche• Come è composta la classe?• Quali sono le dinamiche di relazione?• Quali sono le pratiche abituali?• Perchè le utilizzo?• Quali sono le preconoscenze?• Qual’è la cultura di classe?
    • Passo 2: Definizione degli obiettivi pedagogici• Quali sono gli obiettivi curriculari?• Quali sono gli obiettivi extra-curriculari?• Il rapporto obiettivi/attività è adeguato?• Il tempo a disposizione è sufficiente?• Quali attività scelgo di proporre e perchè?• Quali sono le alternative? Abitudine?
    • Passo 3: Definizione della sequenza di attività• Come posso suddividere l’attività in funzione degli obiettivi e del contesto?• Quale grado di libertà posso accettare?(Ad esempio una WebQuest prevede 5 fasi principali: Introduzione, compito, processo, valutazione, conclusione)• Come effettuerò la valutazione?
    • Passo 4: Definizione della sequenza di passi e delle risorse• Come strutturare il problema?• Come struttrare le attività cognitive?• Come suddividere i compiti, i gruppi, le alternanze tra lavoro individuale e di gruppo?• Quali risorse sono disponibili?• Come organizzare i tempi?• Quanti passi sono necessari/superflui?
    • Passo 5: Definizione della configurazione di CoFFEE• Quali tools devo utilizzare ad ogni passo?• Quali configurazioni di tools sono necessarie?  Pubblico/privato/anonimo  Thinking types Importare artefatti• Come evitare il sovraccarico?• Quali risorse esterne?
    • Le uniche domande giuste• Mi sono posto le domande giuste?• Quali domande mi porranno gli studenti?
    • Attività: L’integrità nelle professioni accademiche ed educative• Cos’è l’integrità? Quali sono gli aspetti fondamentali della deontologia degli educatori e formatori? Quali possono essere casi di rispetto o violazione dell’integrità?• Il mondo della scuola e dell’università sta attraversando un periodo di enormi cambiamenti. In tale contesto, le norme deontologiche, formali e non scritte diventano un tema di riflessione molto importante. Questa WebQuest mira ad individuare e comprendere i principali elementi che caratterizzano il concetto di integrità, osservare come vengono declinati in contesti specifici e come possano trovare applicazione in casi concreti.
    • ObiettivoL’obiettivo di questa WebQuest è riflettere sulsignificato di integrità nelle professioni dellaformazione. Dopo aver discusso e riflettuto sulsignificato di integrità, i partecipanti dovrannoanalizzare e valutare alcuni casi di studioconcreti come esempi di applicazione delconcetto di integrità.
    • AttivitàLa classe verrà divisa in 3 gruppi:•Scuola•Università•Formazione professionale
    • Passo AttivitàPasso 1: Cosa I membri di ciascun gruppo, individualmente, daranno una propriasignifica per me definizione di integrità in 2 righe. Scritto su un file di testo e salvato.“integrità”.Passo 2: Ciascun gruppo, dovrà raccogliere informazioni sulle diverse definizioni diDescrivere il “integrità” e su quali comportamenti sono considerati violazioni. Distribuitesignificato di liberamente i compiti all’interno del gruppo. Ad esempio un membro puòintegrità occuparsi di cercare definizioni in Italia, un altro di trovare definizioni di altri contesti. Oppure ciascuno può avere il compito di cercare definizioni ed esempi di diversi aspetti del concetto di integrità (ad esempio: plagio, relazioni con gli studenti e i colleghi, ecc.). La divisione dei compiti è totalmente libera, ciascun gruppo può organizzarsi come meglio crede. Uno dei membri dovrà però avere anche il compito di moderatore e reporteur dell’attività.Passo 3: Ciascun gruppo dovrà sintetizzare ed organizzare il materiale raccolto daiOrganizzare il membri. Il compito è redigere una descrizione sintetica del concetto dimateriale integrità e delle sue dimensioni costitutive.
    • Passo 4: Il membro di ciascun gruppo dovrà raccogliere esempi (1 racconto di casoIndividuare realmente avvenuto, immagini, vignette, ecc.) di rispetto o violazioneesempi dell’integrità nel rispettivo ambito di applicazione (Scuola, università, formazione).Passo 5: Ciascun gruppo dovrà selezionare e commentare brevemente un caso e unScegliere un esempio di materiale come prototipico del rispetto o violazioneprototipo dell’integrità. Tale esempio sarà poi discusso con gli altri gruppi.Passo 6: creare Ciascun gruppo deve preparare due slide di presentazione del proprio casouna da discutere in plenaria.presentazionedel casoPasso 7: Ciascun gruppo riprenderà le definizioni individuali scritte nel passo 1 e leconfronto con le confronterà con il caso concreto scelto come prototipo. L’obiettivo èdefinizioni analizzare brevemente quali sono i cambiamenti tra l’idea iniziale diindividuali e integrità posseduta da ciascun membro e la definizione del concetto emersaautovalutazione al termine lavoro di gruppo, giungendo ad un’auto-valutazione del lavoro svolto.