http://www.ckbg.org/congresso2011  Contesti blended e percezione  di efficacia dell’apprendimento:  confronto fra due cors...
Inquadramento teoricoIn prospettiva storico-culturale strumenti ed attività  sono elementi basilari dei processi di appren...
La Ricerca: ObiettiviIn tale ricerca è data rilevanza ai processi  metacognitivi,      come       parte     della  costruz...
La Ricerca: Metodo• È stato costruito un questionario sulla Percezione  dell’Efficacia del Blended (PEB) suddiviso in quat...
La Ricerca: Contesto• Corso di Psicologia sociale delle comunicazioni di massa,  Università degli Studi di Napoli Federico...
La Ricerca: Risultati     UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO     I primi tre fattori spiegano poco più del 50% della varian...
La Ricerca: Risultati     UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO     I primi tre fattori spiegano più del 60% della var...
La Ricerca: Risultati   UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO   I primi tre fattori spiegano quasi il 60% della varianza spieg...
La Ricerca: Risultati  UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO  I primi due fattori spiegano più del 50% della varianza ...
La Ricerca: Risultati • AREA UTILITA’ DI ATTIVITA’/ STRUMENTI E       ASPETTI STRUTTURALI DEL CORSO:• Per ciascuna delle d...
Conclusioni• I risultati ottenuti dimostrano che vi sono delle somiglianze tra  i due corsi analizzati.• In generale, gli ...
Riferimenti bibliografici• Albanese, O. (a cura di) (2003). Percorsi metacognitivi.  Esperienze e riflessioni. Milano: Fra...
http://www.ckbg.org/                                        Connessioni               Sito Web: www.ckbg.org              ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Contesti blended e percezione di efficacia dell'apprendimento: confronto fra due corsi universitari attraverso il questionario PEB

896 views

Published on

F. Feldia Loperfido, Università degli Studi di Bari
Maria Conte, Università degli Studi di Cassino
Gianvito D’Aprile, Università degli Studi di Bari
Daria Grimaldi, Università degli Studi di Cassino
Giuseppe Ritella, Università di Helsinki

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
896
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Contesti blended e percezione di efficacia dell'apprendimento: confronto fra due corsi universitari attraverso il questionario PEB

  1. 1. http://www.ckbg.org/congresso2011 Contesti blended e percezione di efficacia dell’apprendimento: confronto fra due corsi universitari attraverso il questionario PEB F. Feldia Loperfido, Università degli Studi di Bari Maria Conte, Università degli Studi di Cassino Gianvito D’Aprile, Università degli Studi di Bari Daria Grimaldi, Università degli Studi di Cassino Giuseppe Ritella, Università di HelsinkiIII Congresso Nazionale CKBG – Bari, 6-8 aprile 2011 Empowerment, Formazione, Tecnologie. LIndividuo, il Gruppo e lOrganizzazione
  2. 2. Inquadramento teoricoIn prospettiva storico-culturale strumenti ed attività sono elementi basilari dei processi di apprendimento (Vygotsky, 1934). In un corso blended gli strumenti di mediazione e gli aspetti strutturali del corso assumono una particolare rilevanza (Ligorio, Cesareni & Cacciamani, 2006). In tale scenario formativo, l’apprendimento è stimolato dalla partecipazione all’intrapresa comune di una comunità di pratica (Wenger, 1998). Le strategie metacognitive, che mediano la partecipazione, sono strategie fondamentali del processo di apprendimento (Albanese, 2003).
  3. 3. La Ricerca: ObiettiviIn tale ricerca è data rilevanza ai processi metacognitivi, come parte della costruzione di senso attraverso la quale gli studenti co-costruiscono conoscenza all’interno di una comunità di pratiche. Pertanto, tale studio mira ad esplorare la percezione degli studenti rispetto all’efficacia degli aspetti strutturali, degli strumenti e delle attività formative specifici dei corsi blended analizzati.
  4. 4. La Ricerca: Metodo• È stato costruito un questionario sulla Percezione dell’Efficacia del Blended (PEB) suddiviso in quattro Aree: 1) Capacità e conoscenze; 2) Attività e strumenti; 3) Valutazione blended; 4) Valutazione formativa. Il questionario PEB è composto da 14 domande, di cui 8 strutturate secondo scala Likert e le rimanenti come domande aperte.• N (Studenti Cassino) = 216; N (Studenti Bari) = 28 Dati= 244 questionari• Analisi quantitativa dei dati mediante software SPSS 16.0. Factor analysis (Analisi fattoriale) ACP= Analisi delle componenti principali• Reliability analysis (Test di affidabilità) Alpha di Cronbach• Paired simple test (Test per coppie appaiate)
  5. 5. La Ricerca: Contesto• Corso di Psicologia sociale delle comunicazioni di massa, Università degli Studi di Napoli Federico II (a.a. 2009-2010 - un blog didattico, un e-book interattivo ed un profilo Facebook) e classiche lezioni frontali, secondo la logica della formazione blended.• Corso di Psicologia dell’Educazione e dell’E-Learning attivato all’interno del Corso di Laurea Specialistica in Psicologia delle Organizzazioni e della Comunicazione dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”. Strutturazione del corso in modalità blended, alternando lezioni frontali in aula con attività formative online sulla piattaforma virtuale Synergeia.
  6. 6. La Ricerca: Risultati UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO I primi tre fattori spiegano poco più del 50% della varianza spiegata: il primo fattore da solo spiega il 32,4 % della variabilità, il secondo il 9, 6% ed il terzo 8,3%. L’affidabilità della scala è garantita dal valore dell’Alpha di Cronbach: .818. L’Anova risulta significativa per F= 50, 240 Sig= ,000 Fattori Utilità Attività/Strumenti Componenti FATTORE 1 Glossario ,815 ,180 ,042 Costruzione di conoscenza. Attività e/o strumenti legati Sintesi Critica ,738 ,123 ,229 allo svolgimento dei compiti e/o all’apprendimento critico Formulare domande ,725 ,242 ,070 FATTORE 2 Discussioni relative alle modalità del corso ,117 ,746 ,148 Performance individuale. Attività e/o strumenti che Test individuali hanno favorito la performance ,154 ,648 -,007 del singolo ed il suo processo Interventi di docente o tutor ai commenti metacognitivo ,185 ,624 ,163 Commento autovalutazione per ogni fase Presentazione individuale sul blog ,190 ,616 ,257 ,063 ,455 ,297 FATTORE 3 Attività online informali (Facebook e blog) ,082 ,108 ,688 Studio collettivo. Attività e/o strumenti di condivisione. Discussioni individuali online informali (commenti ai post sul blog) Items riconducibili -,085 ,228 ,641 all’interazione ed alla vita di Discussioni di gruppo nell’e-book gruppo online Approfondimento dei colleghi ,350 ,143 ,603 Discussioni online di gruppo (e-book/mail) ,364 ,144 ,526 ,470 ,164 ,480AREA UTILITA’ DI ATTIVITA’/ STRUMENTI DEL CORSO: UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI CASSINO
  7. 7. La Ricerca: Risultati UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO I primi tre fattori spiegano più del 60% della varianza spiegata: il primo fattore da solo spiega il 30,7%, il secondo il 15,2% e il terzo il 14,9%. L’affidabilità della scala è garantita dal valore dell’Alpha di Cronbach: .798. L’Anova risulta significativa per F = 12,730 Sig =,000 Fattori Attività/Strumenti Componenti FATTORE 1 Commenti docente alle mappe ,784 ,162 -,110 Artefatti gruppali. Attività e/o strumenti Commenti docente alle sintesi ,762 ,129 -,068 legate alla costruzione, valutazione e gestione Ruolo amico di revisione ,729 ,028 ,043 degli artefatti di gruppo Ruolo responsabile di mappa ,722 ,214 ,035 Costruzione mappa ,708 ,073 ,102 FATTORE 2 Costruzione della griglia -,024 ,919 -,025 Obiettivi. Attività e/ strumenti legati agli Uso della griglia ,156 ,773 ,047 obiettivi di apprendimento del corso Scheda di autovalutazione e bilanci ,307 ,707 -,071 Individuazione indicatori di ogni unità ,441 ,686 ,155 FATTORE 3 Discussioni nei post-it ,213 -,012 ,754 Studio collettivo. Attività e/o strumenti di Discussioni online di gruppo ,092 ,244 ,718 condivisione. Items riconducibili Discussioni online organizzative ,323 ,244 ,575 all’interazione ed alla vita di gruppo online Discussioni online informali ,016 -,041 ,554 Uso della domanda di ricerca ,323 -,012 ,529AREA UTILITA’ DI ATTIVITA’/ STRUMENTI DEL CORSO: UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BARI
  8. 8. La Ricerca: Risultati UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO I primi tre fattori spiegano quasi il 60% della varianza spiegata: il primo fattore da solo spiega il 36,414% della variabilità, il secondo il 12,380% ed il terzo 9,591%. L’affidabilità della scala è garantita dal valore dell’Alpha di Cronbach: ,789 L’Anova risulta significativa per F = 52,584 Sig.= ,000 Fattori Utilità Aspetti Strutturali Componenti FATTORE 1 Sequenza e quantità prove ,868 ,070 ,103 Logistica e contesto. Aspetti organizzativi e spazi online Rigida scansione tempi ,831 ,132 ,032 Metodologia di composizione e ricomposizione ,569 ,213 ,355 gruppi Blog ,482 ,119 ,464 FATTORE 2 Lezioni e discussioni in aula ,072 ,852 -,046 Blended. Attività legate alla combinazione online/offline e Materiale del corso proposto dal docente ,140 ,810 ,226 connesse all’interazione tra pari e con il docente Integrazione attività online/offline ,241 ,514 ,380 FATTORE 3 Profilo Psicomas su Facebook ,067 ,029 ,717 Partecipazione. Attività e/o strumenti legati alla pro attività Materiali aggiuntivi proposti dagli studenti e alla socializzazione dello ,104 ,140 ,678 studente Aspetti strutturali e-book ,381 ,347 ,448AREA ASPETTI STRUTTURALI DEL CORSO: UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI CASSINO
  9. 9. La Ricerca: Risultati UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO I primi due fattori spiegano più del 50% della varianza spiegata: il primo fattore da solo spiega il 36,122% della variabilità, il secondo il 19,356%. Il terzo, invece, spiega il 13,164% della varianza. L’affidabilità della scala è garantita dal valore dell’Alpha di Cronbach: ,732. L’Anova risuta significativa per F=8,231 Sig.=,000 Fattori Utilità aspetti strutturali Componenti FATTORE 1 Tempistica ,813 ,042 ,077 Logistica e contesto. Aspetti organizzativi e spazi online. Piattaforma Synergeia ,803 ,204 ,033 Materiali proposti dal docente ,752 ,248 ,001 Sequenza e quantità unità ,748 -,157 ,172 FATTORE 2 Integrazione attività online/offline -,090 ,913 -,122 Blended. Attività legate alla combinazione online/offline e connesse all’interazione tra pari e Lezioni e discussioni in aula ,330 ,662 ,292 con il docente Gestione spazi personali ,192 ,529 ,430 FATTORE 3 Metodologia di composizione e ricomposizione dei ,047 -,055 ,934 Partecipazione. gruppi Materiali aggiuntivi proposti dagli studenti ,093 ,511 ,667AREA ASPETTI STRUTTURALI DEL CORSO: UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BARI
  10. 10. La Ricerca: Risultati • AREA UTILITA’ DI ATTIVITA’/ STRUMENTI E ASPETTI STRUTTURALI DEL CORSO:• Per ciascuna delle due aree sono stati individuati tre fattori, come riportato nelle tabelle• Rispetto all’area Utilità di Attività/Strumenti il fattore Studio Collettivo risulta essere rilevante in entrambi i corsi• I tre fattori Logistica, Blended e Partecipazione sono comuni ai due corsi per l’area relativa agli Aspetti strutturali del corso
  11. 11. Conclusioni• I risultati ottenuti dimostrano che vi sono delle somiglianze tra i due corsi analizzati.• In generale, gli studenti dell’Università di Cassino enfatizzano aspetti individuali del corso (performance, strumenti per la costruzione di conoscenza), mentre gli studenti dell’Università di Bari percepiscono come rilevanti aspetti legati ad attività gruppali (artefatti di gruppo, studio collettivo).• In entrambi i gruppi universitari gli studenti privilegiano gli aspetti strutturali logistici del corso, la modalità blended e la partecipazione come componenti preponderanti del percorso di apprendimento.• Ciò dimostra come l’efficacia dell’apprendimento blended sia fortemente situato in contesti, tempi e spazi progettuali e organizzativi, che sono gradualmente interiorizzati dagli studenti attraverso la partecipazione ad attività formative individuali e collettive, difficili da far emergere e da gestire in contesti tradizionali.
  12. 12. Riferimenti bibliografici• Albanese, O. (a cura di) (2003). Percorsi metacognitivi. Esperienze e riflessioni. Milano: FrancoAngeli.• Ligorio, M. B., Cacciamani, S., Cesareni, D. (2006). Blended Learning. Roma: Carocci.• Vygotsky, (1934).• Wenger, E. (1998). Communities of practices, learning, meaning and identity. Cambridge: Cambridge University Press. Contatti Fedela Feldia Loperfido: feldialop@gmail.com Maria Conte: maria.conte@yahoo.it Gianvito D’Aprile: gianvitodaprile@gmail.com Daria Grimaldi: dariagrimaldi@gmail.com Giuseppe Ritella: gritella@gmail.com
  13. 13. http://www.ckbg.org/ Connessioni Sito Web: www.ckbg.org Sito Convegno: www.ckbg.org/congresso2011 CKBG – The Community: www.ckbg.org/forum Pagina di Facebook: http://tinyurl.com/ckbgpage-fb Gruppo di Facebook: http://tinyurl.com/FB-CKBG Gruppo su Twitter: http://twitter.com/ckbgit Convegno: #emp11 Sito Web: http://linkd.in/ckbg_group Profilo su Slideshare: CKBGShare

×