• Save
Elvis Mazzoni -  Il web 2.0 e l‘apprendimento collaborativo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Elvis Mazzoni - Il web 2.0 e l‘apprendimento collaborativo

on

  • 482 views

Intervento presentato alla III Summer School CKBG – Salerno, 16-20 Luglio 2012

Intervento presentato alla III Summer School CKBG – Salerno, 16-20 Luglio 2012

Statistics

Views

Total Views
482
Views on SlideShare
482
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Elvis Mazzoni -  Il web 2.0 e l‘apprendimento collaborativo Elvis Mazzoni - Il web 2.0 e l‘apprendimento collaborativo Presentation Transcript

  • CKBG – SUMMER SCHOOL 2012 L’apprendimento collaborativo: tecniche e strumenti Campus dell’Università degli Studi di Salerno, 16-20 Luglio 2012 E-mail: elvis.mazzoni@unibo.it Il WEB 2.0 el‘apprendimento collaborativo
  • The Evolution of Technology and the Human Race 30 OTTOBRE 1938 – ore 20h00 Alle otto in punto della sera, le stazioni radio della CBS (Columbia Broadcasting System), gettano nel panico la popolazione statunitense per un improvviso attacco marziano alla terra. Diranno poi alcuni testimoni: - “Tenevo un crocifisso in mano e pregavo mentre guardavo fuori dalla finestra …”. - “… corremmo tutti in una drogheria e chiedemmo al proprietario di farci scendere in cantina” - “Avevamo sentito che Princeton era stata spazzata via e che il gas si spargeva su tutto il New Jersey, così immaginai che non ci fosse più niente da fare.” Quella sera, Orson Welles realizzò la riduzione radiofonica de “The war of the worlds” (La guerra dei mondi) di H.G. Wells e, alla fine della trasmissione, fece il seguente annuncio: Qui è Orson Welles, signore e signori, che vi assicura che ‘La guerra dei mondi’ non aveva altro scopo che fornirvi un sano intrattenimento. Così arrivederci a tutti, e domani ricordate, per favore, che quel sogghignante, lucente essere globulare che vi ha invaso il soggiorno non è altro che l’abitante di un campo di zucche, e se il vostro campanello suona e non c’è nessuno, non è un marziano … è solo Halloween. Orson Welles: The war of the world Facciamo un salto ad un recentissimo passato http://www.youtube.com/watch?v=1lKZqqSI9-sE-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • CULTURA ed EVOLUZIONE TECNOLOGICA Proviamo a riflettere un momento ad alcuni cambiamenti determinati dall’evoluzione tecnologica. - Telefono e cellulare (priorità delle conversazioni) - SMS  abbreviazioni che si ripercuotono nella scrittura al di fuori di tale contesto. - E-mail e velocità nelle comunicazioni  aumento dei ritmi produttivi e ridefinizione dei contratti di lavoro (es. dal progetto ICT-SIBP-ISPFP) - Web o Online recruitment (l‟importanza delle reti sociali) - Continui spostamenti e interruzioni dell‟attenzione determinato dai vari artefatti contemporaneamente attivi  superficialità/frammentazione nell‟acquisizione/costruzione di conoscenze. - SNSs (ma non solo) e legge dell‟effetto/rinforzo (perché commentare anche quando non ci è richiesto?). - Internet Addiction Disorders (e Social Network Sites Addictions) - Information overload (sovraccarico informativo).E-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • CULTURA ed EVOLUZIONE TECNOLOGICA Ma siamo sempre pronti e disposti al cambiamento? - Pensiamo al CINEMA 3D - Pensiamo a Second Life Non sempre siamo pronti al cambiamento in quanto: - l‟evoluzione culturale potrebbe non richiedere un determinato cambiamento; - lo sviluppo economico potrebbe non sostenerlo; - potremmo non aver ancora maturato quella predisposizione psicologia ad accedere e utilizzare una determinata tecnologia per cui non ne intravvediamo l‟efficacia per il raggiungimento di determinati obiettivi (pensiamo al Cinema 3D o a Second Life). Altre volte siamo pronti per il viaggio in terreni non ancora (o non completamente) esplorati: http://www.youtube.com/watch?v=NaCvQhI3peYE-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • CULTURA ed EVOLUZIONE TECNOLOGICA Materiali ARTEFATTI Simbolici Cole (1996a; 1999): qualsiasi aspetto del mondo materiale, costruito dagli esseri umani o da questi modificato nel corso della sua utilizzazione, che regoli le loro interazioni con il mondo e con gli altri per lo svolgimento di un’attività. Durante il processo evolutivo, gli artefatti hanno caratterizzato in maniera sempre più rilevante le attività dell‟uomo, il quale sempre meno ha agito direttamente sulla realtà fisica per trasformarla e sempre più si è servito di quegli strumenti, segni, simboli e tecniche che gli hanno consentito di adattare l‟ambiente alle proprie necessità e di raggiungere i propri obiettivi in maniera più efficace (Mazzoni, 2006).E-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • Lev Semënovič Vygotskij Azione mediata dall’artefatto e orientata all’oggetto I comportamenti umani sono costantemente mediati da ARTEFATTI Strumenti tecnici Segni (strumenti psicologici) • Gli strumenti sono i mezzi di • I segni giocano un ruolo mediazione che permettono all‟attività fondamentale per il controllo dei esterna degli individui di “controllare” o processi implicati nel comportamento influire sull‟ambiente circostante (o (di sé stessi e degli altri). contesto). • sono diretti al controllo dei processi • Questa mediazione orienta l‟attività implicati nel comportamento (di sé verso l„esterno per modificare stessi o degli altri). l‟ambiente fisico e realizzare materialmente un‟azione. L‟idea essenziale proposta da Vygotskij, e sino a quel momento inedita, consiste nell‟ipotesi che gli strumenti psicologici non siano dei semplici stimolatori di capacità mentali preesistenti in modo latente, bensì agenti effettivi e costitutivi degli atti di pensiero.E-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • Aleksei N. Leontiev Functional Organs ARTEFATTI Gli organi funzionali definiscono “estensioni” vissute come parti integranti del corpo o del sistema cognitivo. Durante la fase di appropriazione e di apprendimento, uno strumento è percepito come appartenente al mondo esterno. Solo dopo un determinato tempo di pratica e utilizzo (expertise), lo strumento diviene parte di un organo funzionale. Integrazione fra i processi cognitivi umani e l‟ambiente esterno. Functional Organs Quando un artefatto diviene organo funzionale e quando invece rischia di prendere il controllo della persona??E-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • Sherry Turkle Alone Together Why We Expect More from Technology and Less from Each Other?E-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • Web 2.0 –- dall’individuo alla rete >> i contenuti Social bookmarking Contents sharing on web del.icio.us YouTube citeulike Slideshare connotea Flickr Folksonomie dotsub.com http://www.wiktionary.org/ http://www.wikitravel.orgUn viaggio in mondi lontani e in mondi virtualiViaggiare virtualmente e viaggiare realmenteQuando arte e tecnologie diventano tuttunoE-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • Web 2.0 –- contenuti e … copyrightE-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • Web 2.0 –- dalla rete all’individuo >> le relazioniE-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • Web 2.0 Dai Virtual Learning Environments ai Personal Learning EnvironmentE-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • Web 2.0 ai SOCIAL NETWORKS SITESE-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • Evoluzione di un Social Networks Sites il caso LTEver GenFebMar ‘07 Aprile ‘07 Maggio ‘07 Giugno ‘07 Legenda:  Old LTEve • NewLTEver Luglio ‘07 Agosto ‘07 Settembre ‘07 Ottobre ‘07E-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • Evoluzione di un Social Networks Sites il caso LTEver Inclusiveness n° soggetti index Periodo n° soggetti n° Link Network n° of isolate n° of pendent (nodes) (% di soggetti Centralization (nodes) Density che partecipano -nodes- che index all’interazione partecipano all’interazione) GFM 53 77 0,056 25 6 28 52,83% 39,4% Aprile 73 37 0,014 52 4 21 28,767% 18,3% Maggio 85 47 0,013 59 7 24 30,588% 16,7% Giugno 93 31 0,007 75 5 19 19,355% 8,1% Luglio 117 25 0,004 98 8 19 16,239% 6,6% Agosto 123 40 0,005 101 7 22 17,886% 11,9% Settembre 129 58 0,007 103 5 26 20,155 11,9% Ottobre 143 45 0,004 111 16 32 22,378% 7,4% 0,12 0,1 0,035 0,08 0,03 NewLTEver 0,06 0,025 OldLTEver 1 0,8 NewLTEver 0,04 0,02 LTEver OldLTEver 0,015 0,6 0,02 LTEver 0,01 0,4 0 0,005 0,2 NewLTEver FM G O A A S L M 0 0 it y it y it y it y it y it y it y G ns OldLTEver ns ns ns ns ns ns it y SMI A SMI M SMI G SMI L SMI A SMI S SMI O De De De De -0,2 De De De ns FM G O A A S L M it y it y it y it y De it y it y it y G ns ns ns ns -0,4 ns ns ns it y De De De De De De De ns -0,6 De Contatti -0,8 Commenti -1 SegregazioneE-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • Networked Flow La creatività di rete http://www.ledonline.it/ledonline/riva/433-7-Riva-Networked_Flow.pdf … we introduce … a vision of creativity distant from an individual conception and also different from the creative group. The Networked Flow is a stadial process based on three elements: - a network of person - their perception of presence - and social presence and an artifact (meme) that, on the one hand, represents their objectives and, on the other hand, their interactions. Thanks to the perception of being present and also of being socially present, in a network it is not important to “see” or “meet” the others, but it is most important being aware of their existence/presence. This is guaranteed by the artifact on which the network is reflected and that delimits the context on which and by which the interactions between the network‟s members take place. From this point of view, the Networked Flow model has the merit to consider all those dynamics that take place in web 2.0 contexts (such as Wikis and Social Network Sites) in which the interactions and the exchanges between persons are somewhat different from those we experiment in everyday offline world.E-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • Effetto Lucifero su Wikipedia? Collaborazione e conflitto nella costruzione del sapere collettivo della Wikipedia in italiano http://www.scribd.com/doc/100191058/Mazzoni-Reggi-2012-Effetto-Lucifero-Su-Wikipedia K 60 50 en de 40 es 30 fr it 20 pt 10 0 gen-01 lug-01 gen-02 lug-02 gen-03 lug-03 gen-04 lug-04 gen-05 lug-05 gen-06 lug-06 gen-07 lug-07 gen-08 lug-08 gen-09 lug-09 gen-10 lug-10 gen-11 Utenti attivi ∆ % (log) 1000 en de es 100 fr it pt 10 1 lug-01 lug-02 lug-03 lug-04 lug-05 lug-06 lug-07 lug-08 lug-09 lug-10 gen-01 gen-02 gen-03 gen-04 gen-05 gen-06 gen-07 gen-08 gen-09 gen-10 gen-11 Incremento mensile % del numero vociE-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • Effetto Lucifero su Wikipedia? Collaborazione e conflitto nella costruzione del sapere collettivo della Wikipedia in italiano 1.000 Utenti problematici IP problematici Modalità di soluzione dei conflitti su Wikipedia Admin problematici Parere voci N° segnalazioni (log) 100 Parere utenti 10 1 mag-05 mag-06 mag-07 mag-08 mag-09 mag-10 mag-11 gen-05 set-05 gen-06 set-06 gen-07 set-07 gen-08 set-08 gen-09 set-09 gen-10 set-10 gen-11 Gestione dei conflitti su it.WikiE-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • Emerging Adults Social Capital and Social Network Sites Personal Learning Environments for Overcoming Knowledge Boundaries between Activity Systems in Emerging Adulthood On the importance of social network sites in the transitions which characterize ‘emerging adulthood’ Abstract Modern-day economic and socio-cultural developments require people to be ever more specialized and mobile in their educational and professional choices. This is particularly relevant for „emerging adults‟, that is to say, those who find themselves at that stage of life when their scholastic or university education ends, and they begin to make choices regarding their professional working life. Transitions between different activity systems, and changes of residence which they entail, make „emerging adulthood‟ a particularly unstable period in which young people continually dissolve, create and recreate relationship networks of varying degrees of importance which are able to support them through these changes. Beginning with empirical evidence and theoretical starting points typical of the psychology of education and development, this contribution proposes a theoretical reflection which attempts to analyze the efficacy of Social Network Sites in facilitating and supporting emerging adults during their education and vocational training and the important transitions which they have to face as they develop.E-mail: elvis.mazzoni@unibo.it
  • Elvis Mazzoni SEFoRA Lad Facoltà di Psicologia e-mail: elvis.mazzoni@unibo.ithttp://www.unibo.it/docenti/elvis.mazzoni