Your SlideShare is downloading. ×
LA COSTRUZIONECOLLABORATIVA DI   CONOSCENZA                             M. Beatrice Ligorio                   Università d...
LE ORIGINI   La crisi della scuola negli anni „70: drop-out, burnout,    bassi livelli di alfabetizzazione   Nuova visio...
Comunità di apprendimento: il predecessore   Brown e Campione (1990, 1994, 1996)       visione socio-costruttivista dell...
Lo specifico del modello KB   La classe scolastica viene ripensata come una comunità in cui    l‟apprendimento è finalizz...
Pedagogia in classe   12 principi per sottolineare che:       La conoscenza è un prodotto a “responsabilità collettiva”,...
Ruolo delle tecnologie   Prima CSILE (Computer Supported Intentional    Learning Environment) poi Knolwedge Forum
Ma anche Synergeia
Ruolo delle tecnologie   Rende pubblica la discussione   Tempi di risposta più lenti per incoraggiare riflessione e    m...
I RISULTATI   Negli ultimi 15 anni questo modello è stato    implementato in diverse scuole canadesi,    statunitensi, ci...
I RISULTATI       Gli studenti si specializzano in particolari aree di loro        interesse e condividono e discutono le...
GLI SVILUPPI PROSSIMI:1. "Building Cultural Capacity forInnovation" (BCCI)   Obiettivo: preparare gli studenti alla vita ...
GLI SVILUPPI PROSSIMI:    1. "Building Cultural Capacity for    Innovation" (BCCI)   In pratica: creare “incubatori di in...
GLI SVILUPPI PROSSIMI:2. La Knowledge Building International -   Una corporazione internazionale no-profit -   Un organism...
GLI SVILUPPI PROSSIMI:3. Una nuova generazione di tecnologiaopen-source   Al prossimo Summer Institute sarà presentata la...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Beatrice Ligorio - La costruzione collaborativa di conoscenza

687

Published on

Intervento presentato alla III Summer School CKBG – Salerno, 16-20 Luglio 2012

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
687
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Beatrice Ligorio - La costruzione collaborativa di conoscenza"

  1. 1. LA COSTRUZIONECOLLABORATIVA DI CONOSCENZA M. Beatrice Ligorio Università degli Studi di Bari Vice-presidente CKBG Summer School CKBG Salerno, 16 luglio 2012
  2. 2. LE ORIGINI La crisi della scuola negli anni „70: drop-out, burnout, bassi livelli di alfabetizzazione Nuova visione della scuola Nuovo modo di intendere i processi di apprendimento legati ad una nuova visione dell‟uomo
  3. 3. Comunità di apprendimento: il predecessore Brown e Campione (1990, 1994, 1996)  visione socio-costruttivista della conoscenza a cui si aggiunge l‟enfasi per la realizzazione di prodotti significativi che, come direbbe Bruner, “esternalizzino” la cultura della classe  La classe deve funzionare come una bottega in cui il “mastro” forgia e supporta i progressi dell‟apprendista e come un gruppo di scienziati le cui competenze e conoscenze specialistiche sono distribuite tra i vari membri ed integrate tra di loro  Lo studente svolge gradualmente le funzioni del maestro, progettando, monitorando e valutando nuove attività e realizzando prodotti sempre più complessi: “apprendistato cognitivo” che rendere visibili non solo le attività ma anche i processi cognitivi sottostanti (Collins, Brown, Holum, 1991)  Aumento di ruoli interscambiabili (Ligorio, 1996)
  4. 4. Lo specifico del modello KB La classe scolastica viene ripensata come una comunità in cui l‟apprendimento è finalizzato alla costruzione di conoscenza intesa come “migliorabilità” delle idee Riferimento a Popper (1972): realtà fisica (Mondo 1), conoscenza personale di tale realtà (il Mondo 2), conoscenza sociale e culturale (il Mondo 3) (Scardamalia, Bereiter, Lamon, 1994). La conoscenza personale si caratterizza in termini di rappresentazione mentale individuale, mentre la conoscenza sociale e culturale della realtà è reificata in un insieme di artefatti concettuali (ad esempio le teorie, i metodi di indagine) e materiali (ad esempio gli articoli scientifici, i libri), culturalmente condivisi oltre i confini della comunità che l‟ha elaborata. La classe che costruisce conoscenza finalizza le attività di apprendimento (Mondo 2) alla costruzione di nuova conoscenza, mediante un‟attività di indagine collaborativa
  5. 5. Pedagogia in classe 12 principi per sottolineare che:  La conoscenza è un prodotto a “responsabilità collettiva”, costruita collaborativamente,  Occorre una valutazione trasformativa delle idee  La conoscenza subisce un processo di democratizzazione in quanto il suo valore non è stabilito da un principio di autorità assoluto ma è dall‟onere di produrre prove scientificamente valide  Gli studenti sono coinvolti in attività di indagine su problemi reali, interessanti e motivanti  Si perseguono obiettivi di comprensione condivisa piuttosto che di apprendimento e prestazione individuali  Ci si impegna a migliorare le idee della comunità rispetto ad un dato argomento per una comprensione sempre più approfondita dei fenomeni studiati.  Gli studenti hanno la diretta responsabilità dello sviluppo della conoscenza – assumono sempre più la leadership delle attività
  6. 6. Ruolo delle tecnologie Prima CSILE (Computer Supported Intentional Learning Environment) poi Knolwedge Forum
  7. 7. Ma anche Synergeia
  8. 8. Ruolo delle tecnologie Rende pubblica la discussione Tempi di risposta più lenti per incoraggiare riflessione e metacognizione Passaggio da una struttura della comunicazione centrata sul docente ad una struttura circolare, che coinvolge tutti i membri della classe Struttura l‟argomentazione grazie a scaffolds quali :  Build on: crea collegamenti grafici tra le note  Thinking Types: facilitatori della scrittura che costringono ad esplicitare l‟obiettivo del testo che si sta scrivendo – marcando in quale fase dell‟argomentazione ci si trova  Rise above: che consente di fare il punto della situazione rispetto alla conoscenza costruita mettendo in evidenza le note che contengono i contenuti più rilevanti
  9. 9. I RISULTATI Negli ultimi 15 anni questo modello è stato implementato in diverse scuole canadesi, statunitensi, cinesi e in anni più recenti anche spagnole ed italiane (Cacciamani, 2005; si veda anche al sito http://ikit.org, sezione Resourcess). Un esempio interessante:  http://www.youtube.com/watch?v=nYU3Krsa6o0
  10. 10. I RISULTATI  Gli studenti si specializzano in particolari aree di loro interesse e condividono e discutono le loro idee;  Si impara ad usare fonti diverse, a progettare e realizzare esperimenti e gestire una molteplicità di prospettive interpretative  Aumenta la capacità di argomentare e discutere criticamente e creativamente, producendo nuove idee Si veda numero speciale di Qwerty (2011)
  11. 11. GLI SVILUPPI PROSSIMI:1. "Building Cultural Capacity forInnovation" (BCCI) Obiettivo: preparare gli studenti alla vita professionale in una società “innovation-driven" (OECD). In particolare ci si oppone alla valutazione semplicistica basata sui test che rispecchia l‟obsoleta filosofia degli anni „60 Si vogliono valorizzare abilità e conoscenze tipiche della società attuale e implementarle al meglio grazie alle tecnologie educative, valutazione, sviluppo di conoscenze pratiche.
  12. 12. GLI SVILUPPI PROSSIMI: 1. "Building Cultural Capacity for Innovation" (BCCI) In pratica: creare “incubatori di innovazione” dove educatori, ricercatori, specialisti di vari settori lavorano insieme per risolvere problemi e produrre invenzioni. Ogni centro dovrà essere composto da almeno 6 specialisti:  1 direttore esecutivo  1 informatico che sviluppi tecnologia open source per la comunità  1 comunicatore che si occupi della disseminazione e che mantenga vivo il dibattito sia negli ambienti online sia in altri ambienti e con altri strumenti  1 tecnico che supporti il sistema di comunicazione e che gestisca i problemi che possono sorgere nel network  1 persona che gestisca il database e che sia famigliare con i parametri della ricerca  1 ricercatore che produca le “prove” necessarie del successo delle attività Inoltre sarebbe utile un‟assistente che aiuti a gestire il flusso di comunicazione tra le varie componenti del centro
  13. 13. GLI SVILUPPI PROSSIMI:2. La Knowledge Building International - Una corporazione internazionale no-profit - Un organismo che sostiene “innovazioni open”, progettazione di esperimenti per creare modelli futuri al servizio di una educazione di eccellenza e accessibile a tutti - Ha già ottenuto un fondo di 1 M di $ l‟anno per molti anni - Aiuta i centri BCCI che vogliano costituirsi a trovare fondi - Il CKBG può essere un membro di tale organizzazione contribuendo, anche attraverso la Scuola Estiva nello sviluppo di modelli e pratiche di costruzione di conoscenza
  14. 14. GLI SVILUPPI PROSSIMI:3. Una nuova generazione di tecnologiaopen-source Al prossimo Summer Institute sarà presentata la nuova versione di KF Si raccoglieranno idee per ulteriori sviluppi Particolarmente importante: la valutazione a livello di gruppo e il trasferimento delle abilità di discussione dall‟online all‟offline ikit.org/SummerInstitute2012/

×