The italian mood (abstract) _Valerio De Cecio
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

The italian mood (abstract) _Valerio De Cecio

on

  • 465 views

 

Statistics

Views

Total Views
465
Views on SlideShare
465
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
5
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

The italian mood (abstract) _Valerio De Cecio Document Transcript

  • 1. The  Italian  Mood.  Sentiment  Analysis  e  Data  Visualization  per  fotografare  l’umore  degli  italiani.   Candidato:  Valerio  De  Cecio  Relatore:  Prof.  Carlo  Maria  Medaglia                                  Correlatore:  Prof.  Fabrizio  Martire  Ideare   un   sistema   interattivo   che   sia   in   grado   di   fotografare   lo   stato   emotivo   degli   italiani,   utilizzando  quell’enorme   messe   di   informazioni   costantemente   prodotta   e   condivisa   attraverso   le   piattaforme   di   social  media.  Questo  è  l’obiettivo  del  progetto  The  Italian  Mood.    In   quello   che   viene   a   più   riprese   definito   Web   2.0,   la   scelta     di   focalizzare   l’attenzione   sui   social   media  appare   estremamente   funzionale.   Social   network   e   blog   hanno   attratto   e   continuano   ad   attrarre,   infatti,  milioni  di  utenti,  catalizzando  l’interesse  del  mondo  della  ricerca  (sia  accademica  che  aziendale).  Oltre  ad  essere   un’inesauribile   fonte   di   informazioni,   questi   luoghi   rappresentano   i   nuovi   spazi   della   socializzazione,  deputati  alla  costruzione  e  diffusione  del  sé,  ambienti  in  cui,  giovani  e  meno  giovani,  mettono  in  vetrina  le  proprie   individualità   e   si   relazionano   con   quelle   degli   altri,   esprimono   la   propria   opinione   e   offrono   alla  comunità  il  proprio  sapere  facendo  della  condivisione  e  della  partecipazione  vere  e  proprie  parole  d’ordine.  I  social  media  sono  per  questo  interessanti  oggetti  di  ricerca,  territori  da  esplorare  e  setacciare,  ambienti  centrali  in  qualsiasi  indagine  che  verte  sul  sentire,  sui  desideri,  sulle  passioni,  sulle  emozioni  di  un  individuo  dall’identità  diffusa,  sospesa  tra  reale  e  virtuale.  L’obiettivo  è  quindi  quello  di  setacciare  social  network  e  blog  per  collezionare  gli  stati  emotivi  degli  italiani  e  partire  da  questi  per  creare  un’esperienza  interattiva  che  non  si  limiti  a  veicolare  i  risultati  intercettati,  ma  che  utilizzi  i  dati  acquisiti,  automaticamente  attraverso  sistemi  informatici,  come  materiale  narrativo,  da  mettere  in  scena,  per  raccontare  gli  italiani,  i  loro  sogni  e  le  loro  frustrazioni,  abilitando  procedure  guidate  e  procedure   avanzate   che   sfrutteranno,   quando   possibile,     la   possibilità   di   esplorare   i   dati   collezionati  segmentandoli   sulla   base   della   variabile   cronologica,   della   piattaforma/fonte,   del   genere   e   dell’età  dell’autore.  Queste   premesse   hanno   ispirato   una   serie   di   esperienze   in   ambito   scientifico,   artistico   e   commerciale,     che  verranno   passate   in   rassegna   alla   ricerca   di   best   practice   utili   per   fare   fronte   alle   criticità   che   un   simile  progetto   implica;   tale   lavoro   di   analisi   è   finalizzato   all’individuazione   delle   tecnologie   adoperate   per  l’acquisizione  automatica  dei  dati,  delle  tecniche  impiegate  per  la  loro  elaborazione  e  delle  soluzioni  visive  utilizzate  per  la  loro  presentazione.    Dopo  aver  descritto  il  concept  e  gli  obiettivi  del  progetto,  aver  chiarito  il  contesto  in  cui  si  colloca  ed  aver  effettuato   un’analisi   dello   scenario   alla   ricerca   di   servizi   simili   a   The   Italian   Mood,   verranno   mossi   i   primi  passi  strettamente  progettuali  identificando  i  bisogni  e  definendo  i  requisiti  del  prototipo.  Questa   fase   chiarirà   le   basi   su   cui   poggia   il   concept   lasciando   emergere   le   problematiche   legate  all’implementazione  del  progetto  influenzando  le  scelte  progettuali  affinché  siano  adeguate  agli  obiettivi,  alle   caratteristiche   dell’utenza   e   al   contesto   in   cui   il   servizio   verrà   utilizzato.   Dopo   aver   delineato   i   tratti  della   piattaforma   tecnologica   e   descritto   l’architettura   di   sistema,   verrà   presentato   un   prototipo   del  servizio   e   le   soluzioni   adoperate   per   declinare   l’interazione   con   il   sistema,   al   fine   di   realizzare  un’installazione   interattiva   ospitata   all’interno   del   padiglione   1   dello   spazio   espositivo   Officine   Italia   in  occasione  delle  celebrazioni  per  i  150  anni  dell’unità  d’Italia  che  si  terranno  a  Torino  dal  marzo  al  novembre  2011.  All’interno  di  questo  lavoro  verranno  passate  in  rassegna  tutte  le  fasi  progettuali,  ma  si  concentrerà  più  a  fondo   sull’output   del   progetto,   declinandolo   attraverso   una   piattaforma   web   based   e   progettando  l’implementazione   dell’installazione   interattiva   presentata   nel   corso   di   Torino   150.   Il   progetto   si   muove  nell’alveo  delle  ricerche  e  delle  sperimentazioni  condotte  nel  campo  dell’Interaction  Design  nei  laboratori  del  CATTID  presso  la  Sapienza  Università  di  Roma  ed  è  il  frutto  del  lavoro  sinergico  di  un  team  all’interno  del  quale  ogni  individualità  è  stata  portatrice  di  un  proprio  bagaglio  di  esperienze  e  competenze.