Radio digitale (abstract)_Roberta Grimaldi
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Radio digitale (abstract)_Roberta Grimaldi

on

  • 500 views

 

Statistics

Views

Total Views
500
Views on SlideShare
500
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
1
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Radio digitale (abstract)_Roberta Grimaldi Radio digitale (abstract)_Roberta Grimaldi Document Transcript

  • “Nuovi segnali nell’etere: gli scenari aperti dalla Radio Digitale”Corso di Laurea Specialistica: Editoria, Comunicazione multimediale e GiornalismoCattedra di Sistemi e Tecnologie della ComunicazioneCandidata: Roberta GrimaldiCorrelatore: Prof. Carlo Maria MedagliaAbstract:In un panorama mediale investito dalle innovazioni tecnologiche e da un fenomeno di digitalizzazionepervasiva sembra essere arrivato il tempo di cambiare anche per la radio. La sopravvivenza sarà soprattuttouna questione di contaminazione. In questa tesi si è voluto puntare su questo, sulla contaminazione fra laRadio e la tecniche digitali DAB, DAB+ e DMB. Il risultato è la ‘Radio Digitale’ che non è più solo audio, maanche immagini, testo e grafica. La radio mediata dalla tecnica digitale, infatti, introduce nuovi servizi cheandranno ad arricchire la fruizione radiofonica dell’utente. Servizi che vanno dalla trasmissione di semplicetesto fino ad arrivare a contenuti navigabili localmente, clip audio, grafica animata. Obiettivo di questa tesiè l’ideazione di concept pensati per il paradigma digitale della radio e l’individuazione degli scenari difruizione entro cui questo nuovo mezzo andrà ad inserirsi.La prima parte dell’elaborato è la base teorico-tecnica al nostro lavoro progettuale; si trattano, in esso, tuttiquegli argomenti che si pongono come corollario necessario ad inquadrare il fenomeno digitale applicato albroadcasting radiofonico. Dopo aver accennato alla storia e a ruoli ricoperti dalla radio nel nostro paese, sientra nel merito delle tecniche digitali utilizzate: DAB, DAB+ e DMB, e relativi servizi. A livello sociologico, laRadio Digitale si pone come espressione della rimediazione e della mediamorfosi continua e ricorsiva fra“nuovi” e “vecchi” media, e va inquadrata nel fenomeno della convergenza, tecnologica e contenutistica,che sta investendo tutto il panorama mediale. Altro tema trattato è quello relativo ai ricevitori, di cui siriportano due classificazioni, redatte nell’ottica di fornire uno strumento di orientamento valido per gliutenti e per i broadcaster. Si citano, inoltre, alcuni interventi legislativi nel campo, soffermandosi sull’ultimoregolamento dell’AGCOM, la 664/09. A chiusura di questa panoramica si fa una rassegna sullo stato didiffusione della Radio Digitale nel mondo.La seconda parte, invece, è l’espressione fattiva della collaborazione con Rai Way. Anzitutto si è condottauna ricerca sullo stato dell’arte delle tecniche DAB, DAB+ e DMB, anche in ambiti differenti rispetto a quellodel broadcasting. Si passa poi al progetto, che è sostanzialmente diviso in due parti. Nella prima parte,l’obiettivo è fornire gli elementi atti a costruire un format ad hoc per Radio Digitale. Sono stati individuatigli elementi propri dei programmi di intrattenimento e di quelli di informazione e ad ognuno di essi è statofatto corrispondere uno dei servizi offerti dalla Radio Digitale, nei termini in cui il dato servizio potrebbeessere utilizzato per rimediare quella tipologia di contenuto. Nella seconda parte, a partire dallaprogrammazione attuale dei canali Rai, si sono riadattati due programmi per una offerta con Radio Digitale,sì da testare concettualmente le potenzialità dei vari servizi, e per ognuno di essi si è elaborato unprototipo di basso livello delle schermate visualizzate dall’utente. Infine, date le grandi potenzialità dellafruizione in-vehicle dei dispositivi di Radio Digitale, sulla base degli studi di Human-Machine Interactionapplicati all’ambito automotive, si è condotta una analisi centrata sui nuovi servizi.La forza della Radio Digitale sarà, da una parte, sfruttare le potenzialità datele dalla nuova tecnica, primafra tutte l’interattività locale e la fruizione avanzata che abilita, e dall’altra mantenersi fedele allecaratteristiche che le hanno dato il successo: la leggerezza, la bassa invasività e la flessibilità.