C l a u d i a   B e g g i a t o365 p e n s i e r i  Un viaggio, una promessa    www.claudiabeggiato.com
Su di Me                     Pensavo a come riassumere in poche righe                     chi sono. Domanda impegnativa pe...
3 6 5     p e n s i e r iClaudia Beggiatohttp://www.claudiabeggiato.com______________  COMMENTI AI POSTNon sono stati inse...
3 6 5         p e n s i e r iIndice1.         Gennaio .................................................................15O...
3 6 5         p e n s i e r iVertigini.......................................................................................
3 6 5         p e n s i e r iSfuocare........................................................................................
3 6 5         p e n s i e r iIl profumo del bucato ...................................................................... ...
3 6 5         p e n s i e r i6.         Giugno .................................................................239Tanti m...
3 6 5         p e n s i e r iPaura di rialzarsi .............................................................................
3 6 5         p e n s i e r iSolidarietà invisibile .........................................................................
3 6 5         p e n s i e r iPopcorn.........................................................................................
3 6 5         p e n s i e r iWe cannot tell, Non possiamo dire.................................................. 438Filà.....
3 6 5         p e n s i e r i12.        Dicembre..............................................................485Visione.....
3 6 5        p e n s i e r iComplicata semplicità ..................................................................... 52...
3 6 5   p e n s i e r i1. Gennaio                  15
3 6 5   p e n s i e r igennaio 12, 2010Oggi inizia il mio blogPasso dopo passo, esploreremo questo nostro Mondo,insieme.
3 6 5    p e n s i e r igennaio 13, 2010Di Nuovo…Spesso, le cose accadono improvvisamente, grazie a unqualcosa che ci fa m...
3 6 5   p e n s i e r igennaio 14, 2010“Dall’Imperfetto al Perfetto”              -Io Ero-Io Sarò-Io Sono-Siamo oggi il ri...
3 6 5    p e n s i e r igennaio 15, 2010“Base UNO chiama base DUE, siete inascolto?”Una voce squillante pronuncia la frase...
3 6 5   p e n s i e r iDopo un po’ ci si stancava ma il finale stabilito non era ilsolito THE END che si vede nei film e c...
3 6 5   p e n s i e r igennaio 16, 2010Bisogno di BIANCOAmo il colore, amo tutti i colori indistintamente perchéognuno di ...
3 6 5   p e n s i e r igennaio 17, 2010Distinguersi dal gruppo: indossare il propriovestitoLa sera, prima di andarmene a l...
3 6 5   p e n s i e r iNon sono mai stata una fanatica dei vestiti costosi o dimarca e sono una profonda ricercatrice dell...
3 6 5   p e n s i e r igennaio 18, 2010Orme giganti – 54 2/3A Mantova. Fashion District. Negozio ADIDAS stipato digente. S...
3 6 5   p e n s i e r iSi tratta della misura cinquantaquattro e due terzi (542/3). Allora penso: “Poverino, chissà che so...
3 6 5   p e n s i e r igennaio 19, 2010Sul Mio BlogE’ da qualche tempo che meditavo di lavorare su un mioBlog personale. O...
3 6 5   p e n s i e r igennaio 20, 2010“Lasciar andare”Un giorno incontrai un ragazzo argentino meraviglioso,una persona d...
3 6 5   p e n s i e r iNon si deve dimenticare il torto, ma fare in modo che nonpossa generare nel ricordo ancora dolore e...
3 6 5   p e n s i e r igennaio 21, 2010ACQUA: troppa o troppo poca? Il giusto.L’acqua è fonte d’ispirazione e rievoca alla...
3 6 5   p e n s i e r iIo continuavo a innaffiare la pianta perché tornata dallevacanze di Natale l’avevo trovata secca; i...
3 6 5      p e n s i e r igennaio 22, 2010GemellaIo sono gemella.Non sto dicendo “Ho una gemella”, ma “SONO gemella”.Due f...
3 6 5   p e n s i e r i“Stesso”: fin dal concepimento, abbiamo condiviso tantecose e crescendo insieme abbiamo imparato a ...
3 6 5    p e n s i e r igennaio 23, 2010TOTOROFilastrocca piccolinaper narrar una storiellinache felicità mi ha datoe dive...
3 6 5    p e n s i e r iLui non è un animalema soltanto un TOTORO speciale,un grande spirito della Naturache porta il vent...
3 6 5   p e n s i e r igennaio 24, 2010CoincidenzeCerte situazioni che viviamo rivelano quanto gliavvenimenti siano colleg...
3 6 5   p e n s i e r iOggi ho vissute alcune coincidenze fortunate e ringraziol’Angelo Custode, la Vita, l’Energia buona,...
3 6 5    p e n s i e r igennaio 25, 2010Nel silenzio, molti significati…Viviamo in un mondo “stracolmo” di tutto, un mondo...
3 6 5    p e n s i e r iPensatevi in una stanza vuota, buia, seduti a terra, fermi adascoltare.Sareste capaci di rimanere ...
3 6 5   p e n s i e r igennaio 26, 2010Elemento AcquaIl sabato mattina, da anni, ho un appuntamento conl’acqua.Ho “imparat...
3 6 5   p e n s i e r iNegli anni, assurdamente, è successo che in qualsiasisituazione in cui le persone dovessero sceglie...
3 6 5   p e n s i e r igennaio 27, 2010“Tu, scrivi?”Tu, scrivi?Mi hanno posto una domanda interessante sulla qualevolevo m...
3 6 5   p e n s i e r iScrivere per me è cogliere e allargare l’orizzonte, nonchiuderlo in un concetto o ingabbiarlo defin...
3 6 5   p e n s i e r igennaio 28, 2010La distanza, a volte, è solo fisicaIeri pomeriggio, ho provato una profonda commozi...
3 6 5   p e n s i e r iQuando ci si rincontra, è incredibile la gioia che provo el’affetto che ho per lui.E’ passato oggi ...
3 6 5   p e n s i e r igennaio 29, 2010Agasa, Ighisi, Ogoso, Eghese, UgusuVi chiederete cosa significhi un titolo così!?Eb...
3 6 5   p e n s i e r igennaio 30, 2010Non è scontatoL’amore dei tuoi genitori, non è scontato.Dire grazie non è scontato,...
3 6 5   p e n s i e r iNon è scontato avere rispetto, darlo, riceverlo.Essere ascoltato, non è scontato.Saper comunicare, ...
3 6 5   p e n s i e r igennaio 31, 2010“I giorni della merla”I cosiddetti “giorni della merla” vanno dal 29 al 31Gennaio. ...
3 6 5   p e n s i e r iE’ bellissimo scoprirlo e “respirare” nell’aria la luce. E’come se i miei polmoni acquisissero una ...
3 6 5   p e n s i e r i2. Febbraio
3 6 5   p e n s i e r ifebbraio 1, 2010Applicare la moderazione“Applicare la moderazione”, in un blog, significaaccettare ...
3 6 5   p e n s i e r ifebbraio 2, 2010Un luogo, una “liaison”Vicino a casa, c’è un ampio parcheggio pubblico. Spessosemiv...
3 6 5   p e n s i e r iRicordo le conversazioni; ero piccola è non sapevo maiche dirgli.Dicevo sempre le stesse cose rispo...
3 6 5   p e n s i e r ifebbraio 3, 2010“Ventuno”Il primo Febbraio sono passati esattamente 21 giornidalla nascita del mio ...
3 6 5   p e n s i e r iChissà se il film “21 grammi” identificando i 21 grammicome il peso dell’anima, che al momento dell...
3 6 5   p e n s i e r ifebbraio 4, 2010“POLITICALLY CORRECT” e DiscrezionalitàAlla radio c’era un programma interessante c...
3 6 5   p e n s i e r iLa verità è che “gli Italiani” sono abituati alladiscrezionalità. Purtroppo generalizzo ma è una re...
3 6 5   p e n s i e r iNon menziono situazioni in cui si è voluto “riempire” unvuoto normativo per cui la DISCREZIONALITA’...
3 6 5   p e n s i e r ifebbraio 5, 2010CoerenzaDAL GARZANTI ON-LINE :<coerenza>Sillabazione/Fonetica [co-e-rèn-za]Etimolog...
3 6 5   p e n s i e r iEssere coerente con gli altri è fare in modo che il pensiero,la parola, l’azione rivolta all’altro,...
3 6 5   p e n s i e r ifebbraio 6, 2010MusicaLa musica ha un effetto interessante su di me.Mi muovo al suono della musica ...
3 6 5    p e n s i e r iE la voce va e interpreto nel modo migliore che posso lecanzoni, senza inibizioni, con un pubblico...
3 6 5   p e n s i e r ifebbraio 7, 2010Trici Mici AmiciI miei mici sono amiciE in questa casa vivon feliciL’uno Ernesto bi...
3 6 5   p e n s i e r iE se la rima sembra scioccaquel che dice non lo è affatto,ascoltatene il significatoe valutate se v...
3 6 5   p e n s i e r ifebbraio 8, 2010Imparare di nuovo a vivere le nostre piazzeDomenica pomeriggio, una giornata d’inve...
3 6 5   p e n s i e r iLe nostre piazze sono tornate a esistere, oggi. Lo sonoperché abbiamo altri italiani stranieri che ...
3 6 5   p e n s i e r ifebbraio 9, 2010La vita è bella o brutta?E’ una domanda che ci si pone frequentemente, soprattuttoq...
3 6 5    p e n s i e r iForse, in quel caso, la ragione della sofferenzaapparentemente assurda, è per coloro che restano e...
3 6 5   p e n s i e r ifebbraio 10, 2010Hell of a …Ho scoperto questa forma idiomatica in inglese moltointeressante.“Hell ...
3 6 5   p e n s i e r ifebbraio 11, 2010Far Decantare“Si versa una piccola quantità di vino rosso nel decanterruotandolo c...
3 6 5   p e n s i e r iLa decantazione è lenta, laboriosa e spesso dolorosaperché non equivale a una rottura definitiva de...
3 6 5   p e n s i e r ifebbraio 12, 2010O de ParfumSala d’attesa di un aeroporto.Poltrone una affiancate all’altra. Quella...
3 6 5   p e n s i e r ifebbraio 13, 2010CarnevaleUna piccola bambinaVolle far una capatinaA Venezia sul canalIl carnevale ...
3 6 5   p e n s i e r iTanti coriandoli e non proiettiliColorerebbero quelle strade,E una bambina potrebbe ridereAnziché p...
3 6 5   p e n s i e r ifebbraio 14, 2010VertiginiDue giri della morte, una curva mozzafiato e dueavvitamenti spettacolari....
3 6 5   p e n s i e r iIn ogni caso non è scontato che le vertigini piacciano atutti.Io non soffro di vertigini ma ricordo...
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato

1,728 views
1,636 views

Published on

Il blog di Claudia Beggiato, nacque per provare a se stessa che ognuno di noi è in grado di afferrare un “attimo di vita” e trasformarlo in pensiero.

Non importa saper scrivere quel pensiero, ciò che conta è appropriarsene, per goderlo pienamente.

Lo scorso 12 Gennaio 2010, Claudia Beggiato fece una promessa: scrivere 365 pensieri, uno al giorno, per un anno.

I contenuti sono svariati, leggeri o profondi, simpatici o nonsense, velati da una sottile sofferenza provata su se stessa direttamente, o pieni di quella felicità che fa parte del nostro quotidiano.

É un blog tra tanti, ma ha la particolarità di "essere vero", senza finzioni.
Un Blog, "imperfetto", come lo definisce l’autrice.

L’anno è passato, la promessa è mantenuta; non poteva essere diversamente.
Il blog ha raggiunto il suo anno di vita e, ora, ogni pensiero di questi trecentosessantacinque, è raccolto in un libro scaricabile gratuitamente per tenere compagnia, off line

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,728
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Ebook GRATIS 365pensieri claudia_beggiato

  1. 1. C l a u d i a B e g g i a t o365 p e n s i e r i Un viaggio, una promessa www.claudiabeggiato.com
  2. 2. Su di Me Pensavo a come riassumere in poche righe chi sono. Domanda impegnativa per tutti; perché dovrei dirvi chi sono, cosa faccio, come sono? Se mi seguirete, imparerete a conoscermi. Non volendo tediarvi con una lista di informazioni che mi riguardano, sorridendo tra me e me, mi vengono in mente una serie di cose che “non sono” e che vorrei essere. Tengo a precisare che l’invidia è un sentimento che non mi appartiene. La “long list” che segue è una serie di “vorrei ma…” Chissà che crescendo, qualcuna di queste cose diventino parte del mio modo di essere!Che bello se riuscissi a parlare sottovoce facendomi ascoltare, seriuscissi ad ingoiare le lacrime che esplodono come quelle di Paperonde Paperoni, a fare attenzione a tutti i segnali stradali quando guido,se avessi le tette un po’ più grosse, se riuscissi ad odiare i dolci, sefossi un po’ più egoista, se a volte fossi un pò più ignorante, seriuscissi a parlare la lingua dei gatti, se quando suonano lecampane non partissi a contarle, se riuscissi ad addormentarmisenza avere le orecchie coperte, se sapessi ascoltare di più, seimparassi la pazienza, se facessi la spaccata, se amassi un pò ilvino o la birra, se non avessi paura di invecchiare, se facessi lefusa, se amassi l’acqua alta, se fossi spericolata, se sapessiironizzare sul mio dolore, se amassi il Sushi, se sapessivolare…Grazie per ciò che sono: me stessa sempre, almeno ci provo!______________ LINKSBlog: http://www.claudiabeggiato.comFacebook profile: http://it-it.facebook.com/people/Claudia-Beggiato/1137096911Email: claudia @claudiabeggiato.com
  3. 3. 3 6 5 p e n s i e r iClaudia Beggiatohttp://www.claudiabeggiato.com______________ COMMENTI AI POSTNon sono stati inseriti volutamente i commenti ricevuti agli articoli. Sesiete interessati a leggerli, potrete visualizzarle nel sito del mio blog.
  4. 4. 3 6 5 p e n s i e r iIndice1. Gennaio .................................................................15Oggi inizia il mio blog....................................................................... 16Di Nuovo… ....................................................................................... 17“Dall’Imperfetto al Perfetto” ............................................................. 18 “Base UNO chiama base DUE, siete in ascolto?” ............................ 19Bisogno di BIANCO ......................................................................... 21Distinguersi dal gruppo: indossare il proprio vestito ......................... 22Orme giganti – 54 2/3........................................................................ 24Sul Mio Blog ..................................................................................... 26“Lasciar andare” ................................................................................ 27ACQUA: troppa o troppo poca? Il giusto.......................................... 29Gemella ............................................................................................. 31TOTORO........................................................................................... 33Coincidenze ....................................................................................... 35Nel silenzio, molti significati…......................................................... 37Elemento Acqua ................................................................................ 39“Tu, scrivi?” ...................................................................................... 41La distanza, a volte, è solo fisica ....................................................... 43Agasa, Ighisi, Ogoso, Eghese, Ugusu................................................ 45Non è scontato ................................................................................... 46“I giorni della merla”......................................................................... 482. Febbraio ................................................................50Applicare la moderazione .................................................................. 51Un luogo, una “liaison” ..................................................................... 52“Ventuno”.......................................................................................... 54“POLITICALLY CORRECT” e Discrezionalità............................... 56Coerenza ............................................................................................ 59Musica ............................................................................................... 61Trici Mici Amici................................................................................ 63Imparare di nuovo a vivere le nostre piazze ...................................... 65La vita è bella o brutta? ..................................................................... 67Hell of a … ........................................................................................ 69Far Decantare..................................................................................... 70O de Parfum....................................................................................... 72Carnevale........................................................................................... 73
  5. 5. 3 6 5 p e n s i e r iVertigini............................................................................................. 75BookCrossing .................................................................................... 77365 giorni, uno al giorno ................................................................... 79Bruna, l’insegnante............................................................................ 81Acqua: “Art Attack e la colla vinilica”.............................................. 82Solitudo ............................................................................................. 83Come allontanare il risentimento: “Art Attack e la colla vinilica” .... 84Mani da lavoratore............................................................................. 86Parkour .............................................................................................. 87..negli ultimi 30anni,sono state prodotte più informazioni che neiprecedenti 5000. ................................................................................ 90«Parlaci del Bene e del Male»… ....................................................... 92«Fuori onda»...................................................................................... 94Il ballo per acquisire sicurezza e autostima ....................................... 96Obiettivo Benessere........................................................................... 98Ascoltamochetutistravi ...................................................................... 993. Marzo...................................................................100“Il senso” ......................................................................................... 101La Fattoria dei Maiali più uguali degli altri ..................................... 103Bzzzzzzzzz ...................................................................................... 105Lezione di nuoto, lezione di vita...................................................... 108Anticipo di primavera sull’Italia. Nuova luce. Bene per il 25%degliItaliani.............................................................................................. 110Segnaposto speciale......................................................................... 113Il Rituale .......................................................................................... 115A quelli che….................................................................................. 117Unoduetrequanrantatrè .................................................................... 119Il gioco............................................................................................. 120Teach the desire for the Sea............................................................. 121Ascolto, silenzio, vera attenzione .................................................... 123David Carson, TwistForHappiness!................................................. 125La Costanza ..................................................................................... 127«Festina lente»................................................................................. 128De docta ignorantia.......................................................................... 130Due facce, due medaglie.................................................................. 131Il suono del silenzio......................................................................... 133C’è “qualcuno” che ci aiuta ............................................................. 136Primavera......................................................................................... 137
  6. 6. 3 6 5 p e n s i e r iSfuocare........................................................................................... 139Sintonia............................................................................................ 140La sensibilità, imbottita ................................................................... 142Imparare a lavorare la Terra, significa apprendere dalla Terra........ 143Barriere............................................................................................ 145Qual è il confine?............................................................................. 147Nessuna periferica ........................................................................... 149Risate contagiose ............................................................................. 150Dieci giorni soltanto, il miracolo della fioritura .............................. 151Le mie password.............................................................................. 1524. Aprile ...................................................................153Avvisi ai Naviganti.......................................................................... 154Errata Corrige .................................................................................. 155Scarabocchiamoci............................................................................ 156Operatore ecologico volontario ....................................................... 157Il coraggio di cambiare .................................................................... 158Canditi ............................................................................................. 160“Costruire una cattedrale”................................................................ 161La Costanza ..................................................................................... 162Il coraggio di ammettere.................................................................. 163Pensieri senza punto ........................................................................ 164Arrivati a destinazione..................................................................... 165Dichiarazione di Esistenza............................................................... 166Quando andrò in pensione… ........................................................... 168Piccoli oggetti di grande utilità........................................................ 170Lo specchio...................................................................................... 172La terra smossa ................................................................................ 174Un modo esiste sempre.................................................................... 175Il primo bacio .................................................................................. 177Una sorta d’amore per la piccola rosa ............................................. 179Reinventarsi..................................................................................... 181Un micio un po’ sbilenco................................................................. 182Il concerto nella fattoria, ia ia o ....................................................... 184Ciò che non avresti mai pensato di “possedere”.............................. 185E’ più forte di me! ........................................................................... 187Eseguire la prima iniezione ............................................................. 188Il giallo della colza .......................................................................... 190Diversamente abile .......................................................................... 191
  7. 7. 3 6 5 p e n s i e r iIl profumo del bucato ...................................................................... 192Prestazioni non urgenti .................................................................... 193Le ombre e la luce ........................................................................... 1955. Maggio.................................................................196-0,5 / -1 / +0,5 / +1 / +2 / +3 / .......................................................... 197Il Libro Amico ................................................................................. 198Vorrei............................................................................................... 199Avere i piedi freddi.......................................................................... 202Il mio mantra ................................................................................... 203Il coraggio di tirar fuori la voce....................................................... 204Emozioni.......................................................................................... 206Taccuino .......................................................................................... 207Lo sviluppo non è mai negazione .................................................... 208Atteggiamenti propri........................................................................ 209Haiku, tante parole non servono ...................................................... 210Nostalgia.......................................................................................... 211Foruncolino, ONE ONE .................................................................. 212La crisi ............................................................................................. 214Sorry, mi dispiace, je suis désolé..................................................... 216La regina.......................................................................................... 218Stupidaggini che fanno parte di me ................................................. 220Imparare la pazienza........................................................................ 221Bambagia ballerina .......................................................................... 222La morte lenta dei mozziconi .......................................................... 223La carità “buona”............................................................................. 224La carità “buona”............................................................................. 226Il tempo............................................................................................ 228Polisemica........................................................................................ 230“La morte non è come uno di questi insetti schifosi…” .................. 231Pensieri rubati, trasformati in seme ................................................. 232Porre rattoppi nuovi su un vestito vecchio....................................... 233Onora le Parole ................................................................................ 234P a p a v e r i .................................................................................... 235Il colore del sorriso… ...................................................................... 236Cuginata........................................................................................... 237Il filo sottile ..................................................................................... 238
  8. 8. 3 6 5 p e n s i e r i6. Giugno .................................................................239Tanti modi diversi, nella diversità il tutto........................................ 240Il foglio bianco ................................................................................ 241La scoreggia in testa ........................................................................ 243Il tempo per gli altri non è il tuo tempo ........................................... 244A volte siamo noi stessi il nostro peggiore nemico ......................... 246Hoplà ............................................................................................... 248Ricordi: qualcosa di passato o qualcosa di vissuto? ........................ 249In inglese, vale di più....................................................................... 250La Vostra bellezza ........................................................................... 251Le pellicine sulle dita, la borsa delle donne..................................... 252Passato remoto, un tempo, un modo ................................................ 253Nel confronto, la percezione delle dimensioni ................................ 255Da ‘Buoni propositi’ a ‘Promesse’ .................................................. 257Una consapevolezza nuova davvero ................................................ 258“Ubi maior minor cessat”, il peso di ciò che non pesa .................... 259La lezione imparata ......................................................................... 260U.C.A.V. – Una filosofia per riuscire .............................................. 261Tricchi Tracchi ................................................................................ 262Agostino .......................................................................................... 264T O W A N D A .............................................................................. 266Plug-in ............................................................................................. 267Il nonno vigile.................................................................................. 269Si, domani é un altro giorno se… .................................................... 270Elementare Watson! – la soluzione è più vicina di quanto pensi..... 271Imprevisti......................................................................................... 272Ece petece........................................................................................ 273COLTIVAZIONE creativa .............................................................. 274Ipse dixit .......................................................................................... 275Tecnologie innovative e prigione tecnologica ................................. 276Brufoli gialli… che si deve fare?..................................................... 2777. Luglio...................................................................278Nascere e morire.............................................................................. 279Muri come insegne .......................................................................... 280Motolof, Topolof che cambia? ........................................................ 281Coccolite.......................................................................................... 282Il silenzio ......................................................................................... 284Il mare é ferito ................................................................................. 285
  9. 9. 3 6 5 p e n s i e r iPaura di rialzarsi .............................................................................. 286Stupore............................................................................................. 288Evoluzione verso Rivoluzione......................................................... 289Una pausa ........................................................................................ 290Ohh …!............................................................................................ 291É arrivato il vento ............................................................................ 292Ritenta. Sarai piú bravo a sbagliare di nuovo .................................. 293Carino!............................................................................................. 294La vita e i “rinfreschi” ..................................................................... 296Non ci basta ..................................................................................... 298Beato te!........................................................................................... 299L’orologio dimenticato .................................................................... 300Yoga a pedali................................................................................... 301La ragione della nostra giornata ...................................................... 302Espandere la memoria ..................................................................... 303Aptonomia: ti accompagno toccandoti ............................................ 305Sbagliare con dignità ....................................................................... 307Siamo completi noi? ........................................................................ 308Il latte è sempre bianco? .................................................................. 309Vasi comunicanti ............................................................................. 310Le più felici delle persone................................................................ 313Anima scoperchiata ......................................................................... 314Vorrei essere un gatto ...................................................................... 315“XXXX – Comune denuclearizzato”............................................... 316“All right Bruna” ............................................................................. 3188. Agosto ..................................................................319Vestire i colori ................................................................................. 320Quest................................................................................................ 322Ogni dire è anche un fare................................................................. 323Ematomi invisibili ........................................................................... 324Multitasking..................................................................................... 326Che nervi… ..................................................................................... 328L’amore è + ..................................................................................... 330Schiavitù e libertà ............................................................................ 331Elaborare il dolore ........................................................................... 332Il ritmo delle cose ............................................................................ 334Dimenticare ..................................................................................... 335L’ossigeno della vita........................................................................ 336
  10. 10. 3 6 5 p e n s i e r iSolidarietà invisibile ........................................................................ 337Marchi indelebili.............................................................................. 338Domani é oggi ................................................................................. 340Filastrocca della sera ....................................................................... 341Il sapore delle parole........................................................................ 342Tempo sospeso ................................................................................ 343Cicale............................................................................................... 344“Aiutare”, cosa vuol dire?................................................................ 345Con le mani...................................................................................... 346Disintossicarsi.................................................................................. 347Fragilità ........................................................................................... 348Per la prima volta, nuovamente ....................................................... 349Un bacino piccolino di una mamma nel lettino ............................... 350L’intrusa .......................................................................................... 352Ippoterapia....................................................................................... 354La macchina..................................................................................... 356Healing Yes ..................................................................................... 357Il coniglio dalle Orecchie Grandi .................................................... 358Due dimensioni................................................................................ 3609. Settembre .............................................................361Qual è la vera certezza? ................................................................... 362I colori non sono in Bianco e Nero .................................................. 363Alta la voce...................................................................................... 364Pregare............................................................................................. 366Ingenua ignoranza............................................................................ 367A bassa voce .................................................................................... 368Il sacrificio....................................................................................... 370Voli tra il grano ............................................................................... 371Nausicaa .......................................................................................... 372Elda, non Edda, per favore .............................................................. 373xxxmente ......................................................................................... 374Nevenka........................................................................................... 386Domanda e Offerta .......................................................................... 388Metafore come bugie, ma più vere .................................................. 390Ali grandi......................................................................................... 391Inaspettata gentilezza....................................................................... 392Bisogno di sorrisi............................................................................. 393Tutto ................................................................................................ 394
  11. 11. 3 6 5 p e n s i e r iPopcorn............................................................................................ 396Resta con noi, Signore la sera.......................................................... 398A u t u n n o ..................................................................................... 399Illusioni............................................................................................ 400Effimero........................................................................................... 403Sul Dubbio....................................................................................... 404Gatto nero, ci sei o no? .................................................................... 405Angolazioni diverse......................................................................... 407Il vizio comanda .............................................................................. 408La parola.......................................................................................... 409Il suono del mare ............................................................................. 41010. Ottobre .................................................................411Pagine piene..................................................................................... 412K.A.S.H. .......................................................................................... 413Al di là dell’ostacolo........................................................................ 414Piccole, grandi cose ......................................................................... 415Aspettare.......................................................................................... 416Finestre e porte aperte alla luce ....................................................... 417Gratia sui ......................................................................................... 418Lupi, ovunque.................................................................................. 419Yuma ............................................................................................... 42010-10-10 .......................................................................................... 421Elastici per capelli: “Art Attack e la colla vinilica”......................... 422Perniciose abitudini ......................................................................... 423Sarah................................................................................................ 424Riconoscenza ................................................................................... 425Come avere un’abbronzatura lunga durata: “Art Attack e la collavinilica” ........................................................................................... 426Il fuoco ............................................................................................ 427Melatonina....................................................................................... 428Ricorda di osare ............................................................................... 429Conoscere il futuro .......................................................................... 430Le giuste domande........................................................................... 431Come i pinguini ............................................................................... 433Ufo robot, umano............................................................................. 434Lo stesso luogo, diverso .................................................................. 435Privare se stessi dell’amore ............................................................. 436rrrr di erre aeRoplano ...................................................................... 437
  12. 12. 3 6 5 p e n s i e r iWe cannot tell, Non possiamo dire.................................................. 438Filà................................................................................................... 440My two cents ................................................................................... 443Amore e Odio .................................................................................. 444Trentatre .......................................................................................... 445Be Fit ............................................................................................... 44611. Novembre.............................................................447Cosa farai da grande? ...................................................................... 448Pensieri, Parole, Opere, Omissioni .................................................. 449Stra-xxx ........................................................................................... 450Gestione, non controllo! .................................................................. 451Nasino a patatina ............................................................................. 452Senza perfezione può andare bene................................................... 453Osa Cose Straordinarie .................................................................... 454I figli del Cammelliere e il Saggio................................................... 455La prima impressione: vale la pena rimanere noi stessi................... 457Farsi portar via................................................................................. 458Nuove Ali ........................................................................................ 459Creare è meraviglioso, a volte una necessità ................................... 460La differenza.................................................................................... 461Affidare all’Angelo.......................................................................... 462Il contrario ....................................................................................... 463il Conejo e il senso civico................................................................ 464OFFICINEdeiSOGNI ...................................................................... 465Cernierite ......................................................................................... 466Il profumo di lei…........................................................................... 467Giro di Boa ...................................................................................... 468“Parassita” e la sua accezione.......................................................... 469I desideri possono essere “normali”?............................................... 471Ciuffi Buffi come Puffi.................................................................... 472Insegnante o Coach?........................................................................ 473Donare “gratis” ................................................................................ 475Nomi nuovi alle cose ....................................................................... 477Quarzo rosa e pietre dura di Gerusalemme...................................... 478Ignoranza, presunzione, cattiveria ................................................... 479La bambina che voleva un gatto ...................................................... 480Numero Verde 800. xx. xx. xx ........................................................ 482
  13. 13. 3 6 5 p e n s i e r i12. Dicembre..............................................................485Visione............................................................................................. 486Irrazionalità e Verità........................................................................ 487Quattro passi, insieme...................................................................... 488Le cose quasi “impossibili” ............................................................. 489Provitamina sì, provitamina no........................................................ 490Fare scarpetta col pane .................................................................... 492Al bambino che c’é in noi................................................................ 493Cinque punte.................................................................................... 494Loro non temono il freddo............................................................... 495Bisogno di estemporaneità............................................................... 496L’ultima pagina ............................................................................... 497Ufficio complicazioni ...................................................................... 498Ma cosa hai fatto?! .......................................................................... 499Il linguaggio dei paperi.................................................................... 500Perché no? ....................................................................................... 501Albero buio...................................................................................... 502La consapevolezza del corpo ........................................................... 503Neve................................................................................................. 504Numeri utili davvero........................................................................ 505La boule dell’acqua calda ................................................................ 506Briciole ............................................................................................ 507Numeri pari fatti di infinito.............................................................. 508800 191 008 – il Numero Verde gratuito per le fiabe ...................... 509Il solstizio d’inverno, alcuni giorni dopo......................................... 511Natale arriva sempre........................................................................ 512L’energia muove ogni cosa.............................................................. 513I profumi e l’inchiostro digitale ....................................................... 514Dire di no......................................................................................... 515Allevamento a terra ......................................................................... 516Calicantus ........................................................................................ 517L’ultimo o il primo? ........................................................................ 5181. Gennaio ...............................................................5191 1 2011 ........................................................................................... 520Bip, bip, bip, bip … ......................................................................... 521Occhi nuovi, vegliano su di noi ....................................................... 522Bagigi .............................................................................................. 523Fall foliage....................................................................................... 524
  14. 14. 3 6 5 p e n s i e r iComplicata semplicità ..................................................................... 526Conta, ció che sta nel mezzo............................................................ 527Dallo Scrivere allo Sperimentare..................................................... 528Sorriso contagioso ........................................................................... 529Avvicinarsi al traguardo .................................................................. 530Buon Compleanno!.......................................................................... 532
  15. 15. 3 6 5 p e n s i e r i1. Gennaio 15
  16. 16. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 12, 2010Oggi inizia il mio blogPasso dopo passo, esploreremo questo nostro Mondo,insieme.
  17. 17. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 13, 2010Di Nuovo…Spesso, le cose accadono improvvisamente, grazie a unqualcosa che ci fa muovere.L’evento catalizzatore sembra unico, ma non lo è: seguardiamo con occhi attenti, scopriremo che la veraragione è un insieme di ragioni e che la strada percorsa equello che abbiamo incontrato, sono “il fattoreaccelerante”.Nuovamente, in me è scattato il bisogno di scrivere, diesprimermi.Scrivere per me è sempre stato un modo per “riordinare” ipensieri e farli riaffiorare. Mentre scrivo, io mi ritrovo,scopro un po’ me stessa e quello che ho dentro.Parto da un punto, un’idea, un dettaglio, un ricordo, unospunto magnifico di qualcuno e come per magia, ecco cheil discorso esce fluido, si compone tra le lettere battutenella tastiera: il foglio bianco prende vita.La vita di tutti i giorni, la mia vita, la vostra, la nostra. 17
  18. 18. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 14, 2010“Dall’Imperfetto al Perfetto” -Io Ero-Io Sarò-Io Sono-Siamo oggi il risultato di quello che abbiamo vissuto, nellapromessa di ciò che vogliamo diventare.Il concetto “Io ero” si ripercuote in quello che vorremmoessere, espresso dall’enunciazione “Io sarò”, perdiventare ciò che siamo realmente, ora e adesso: “IoSono”.“-Io Ero-Io Sarò-Io Sono-“ è un invito verso una presa dicoscienza che mira allo sviluppo di una personalitàpropria, consapevole, in sintonia con ciò che si esprimecon le parole e con gli atteggiamenti.“Perfetto” deriva dal latino Perfectum che significacompleto/compiuto e indica, un’azione compiuta,completata nel passato.“Io Sono” è il risultato di una metamorfosi, unrinnovamento che passa, prima attraverso il Futuro e lapromessa, per poi concretizzarsi e compiersi nel nostropresente e nel nostro Ora e Adesso.Auguro a tutti un buon principio che racchiuda nella suaessenza un viaggio costruttivo dall’Imperfetto al Perfetto.
  19. 19. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 15, 2010“Base UNO chiama base DUE, siete inascolto?”Una voce squillante pronuncia la frase di apertura di quelrito:“Base UNO chiama base DUE, siete in ascolto?”“Qui base DUE, siamo in ascolto…”Da lì, aveva inizio la trasformazione che ci vedevaimmedesimarci nella parte stabilita: potevano essere spie,militari durante il turno di sorveglianza, agenti della CIAo semplicemente giornalisti che facevano rapporto sullenotizie del giorno. L’unico vincolo che legava ognipersonaggio, era l’uso del codice internazionale cheavevamo creato e che dava contegno e serietà a ognisingolo messaggio.Non era un normale colloquio il nostro, ma un rapporto dasuperiore a subordinato: era d’obbligo l’uso del “voi” eogni frase doveva concludersi con la parola chiave“PASSO” che significava che si era terminato di parlare esi attendeva in linea la risposta dell’altro, fino all’epilogo.Parlando si doveva tenere schiacciato il bottone rosso; sistava in ascolto semplicemente rilasciandolo. A volte ci sidimenticava di terminare la frase con “PASSO”, prima dirilasciare il bottone rosso, ma si correva subito ai ripari.Non era così facile usare la tecnologia. 19
  20. 20. 3 6 5 p e n s i e r iDopo un po’ ci si stancava ma il finale stabilito non era ilsolito THE END che si vede nei film e che lascia unpizzico di rimpianto in ognuno di noi, quando compare; ilnostro finale era ossequioso, secondo la tradizione delcodice internazionale: “PASSO E CHIUDO”.Ritornavamo noi stesse.
  21. 21. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 16, 2010Bisogno di BIANCOAmo il colore, amo tutti i colori indistintamente perchéognuno di essi possiede una forza, una frequenza con laquale entro in contatto in maniera diversa.Quando ho scelto il formato in wordpress per il mio sito,ho costatato il desiderio di BIANCO.E’ stata una sorpresa per me e volevo soffermarmi a“pensare”…Quello che percepivo mentre analizzavo le diverseversioni, è che nessuna grafica corrispondeva a ciò chevolevo esprimere, a “come” volevo esprimerlo.Cercavo pulizia, semplicità, sostanza, essenza…Cerco pulizia, semplicità, sostanza, essenza: questoprobabilmente è il punto.Il bianco è il colore della purezza, della precisione e laluce bianca contiene tutti e sette i colori dell’iride.Il BIANCO è la somma del Tutto, per questo motivo,forse, non è così strana la mia scelta. 21
  22. 22. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 17, 2010Distinguersi dal gruppo: indossare il propriovestitoLa sera, prima di andarmene a letto, decido cosaindossare. Sono certa che alcuni di voi, uomini soprattutto,sorrideranno leggendo questa cosa!Ebbene sì, io scelgo come vestirmi la sera prima.C’è una ragione in tutto questo: abbino le cose che indossoin modo molto attento, ogni elemento. A volte partodall’accessorio… mi spiego meglio. Ci sono giorni in cui“voglio” indossare quella collana, o quelle calze, o quellapashmina, oppure quel colore. Insomma, c’è un qualcosada cui parto e da lì si creano una serie di abbinamenti cheincludono tutto, proprio tutto, con attenzione al dettaglio.Gli accessori fanno la differenza e ne fanno parecchia,quando sai combinarli. Magari sono accostamenti strani,forse un pochino appariscente o grandi, per qualcuno, masono i miei. Io li so portare e sinceramente non m’importase qualcuno pensa che uso accessori “ingombranti” cheloro non porterebbero mai. Io mi ritrovo in tutti questielementi che compro e modifico, che abbino in modoricercato e che mi rendono particole, mai ordinaria esempre me stessa.Ho anche una grande capacità di ricordare e individuare icolori giusti, quando magari voglio abbinare qualcosa cheavevo già acquistato; infatti, spesso mi succede di crearedei completi avendoli comprati in tempi diversi;probabilmente anche grazie al mio lavoro…
  23. 23. 3 6 5 p e n s i e r iNon sono mai stata una fanatica dei vestiti costosi o dimarca e sono una profonda ricercatrice delle cose “algiusto prezzo”, considerando la qualità. E’ per questaragione che sono fermamente convinta che ogni donna,con la grande varietà di accessori e abiti di cui dispone,possa realmente trovare un “suo” modo di essere che sidistingua e che faccia uscire il suo carattere.Oggi la moda tende ad appiattire le personalità, auniformare e renderci “più o meno”, tutti uguali.E’ triste. Basta davvero poco, per distinguersi, e non sonoi soldi o la marca a renderci esclusivi.Per questa ragione, se non lo avete mai fatto, abbiate ilcoraggio di osare qualche volta e rendere vostro un mododi essere che sia in sintonia con ciò che siete realmentedentro. Trovatelo, esiste! In ognuno esiste perchè ognunodi noi è unico e particolare a suo modo, irripetibile.Individuate un modo che sia vostro, scelto non perapparire ma per sentirvi bene dentro i vestiti che indossate.Espressione della vostra unicità. 23
  24. 24. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 18, 2010Orme giganti – 54 2/3A Mantova. Fashion District. Negozio ADIDAS stipato digente. Scaffali pieni di scarpe di tutti i tipi, per foggia,colore, tipo, materiali, sport, grandezza.Sì, anche per GRANDEzza.L’occhio si sofferma su una scarpa all’interno di unascatola che attira la mia attenzione. Non è bizzarra manera e “normale”. C’è solo una cosa pazzesca, impossibile,fuori da qualsiasi schema. Non parlo del colore né dellaforma; la dimensione mi attrae: è ENORME!Avete presente una scarpa che misura tanto quanto le miespalle? Una scarpa che sembra quella del gigante buonoche fa un passo e può schiacciarti…“Che misura è?” penso.. e guardo ridendo chi mi staaccanto anche se non lo conosco e commento a voce altaperché davvero mi fa ridere la cosa, un misto tra risata espavento. Questo mi guarda come se fossi un alieno che siè permesso di scendere sulla terra a disturbarlo. Io rido econtinuo a parlare tra me e me. Cerco una commessa e mirivolgo a le attendendo che si liberi e le chiedo; “Ma chemisura è questa?”.Lei sorridendo con nonchalance mi risponde:“cinquantaquattro e due terzi”. Io continuo: “ma c’èqualcuno che le compra?” e lei mi risponde facendo cennoanche con la testa; “si!”.
  25. 25. 3 6 5 p e n s i e r iSi tratta della misura cinquantaquattro e due terzi (542/3). Allora penso: “Poverino, chissà che solo sarà, dalassù!”…Più alto vola il gabbiano, … più è solo 25
  26. 26. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 19, 2010Sul Mio BlogE’ da qualche tempo che meditavo di lavorare su un mioBlog personale. Ora è arrivato il momento e mi stoappassionando.La passione è una delle caratteristiche del mio modo diessere: quando approccio un progetto, mi dedicototalmente. Non riesco a dosare il mio impegno, a dare ilmio contributo “a tranche”. Mi appassiono el’entusiasmo e la passione sono la mia grande forza e, avolte, anche la mia debolezza… “Sono fatta così!”:quando dono me stessa e il mio impegno, do tutto o nondo niente.Come sarà concepito il Mio Blog? Volevo spiegarvelo.Contrariamente alla modalità standard che richiede diinserire vari post in un blog, io mi voglio impegnare ainserire un pensiero al giorno. Mi voglio lasciar guidare eraccogliere “un suggerimento”, osservando. Voglio apriregli occhi e seguire le mie percezioni, essere ricettiva pertrovare uno spunto di meditazione che pian piano prendaforma e possa essere riposto in questo luogo. Ogni giornomi serve un “LA” che diventi una composizione, unapiccola armonia.Poi, se sarà giusto, il messaggio arriverà anche a te: te loporgo ora. Apri le tue mani.
  27. 27. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 20, 2010“Lasciar andare”Un giorno incontrai un ragazzo argentino meraviglioso,una persona di quelle che io definisco “una bellapersona”. A parte il fatto che era pure affascinante, la suabellezza non era esteriore soltanto…Quel ragazzo mi diede in dono una bellissima lezione divita che conservo nel cuore e che mi aiuta nei momentidifficili.Parlammo della “delusione” e della “rabbia”.Ciò che mi disse si traduce in queste poche righe:“Non tenere la rabbia con te quando qualcuno tiferisce, non serbarla nel cuore perché questo tiprocura nuovo dolore.”Nel momento in cui tu non lasci andare la rabbia, essacontinuerà a ri-produrre in te la frustrazione e protrarrel’esperienza del dolore. La indosserai come un vestitotroppo pesante, quando fuori è caldo. Se ti identifichi nellarabbia che provi, il soggetto delle tue azioni diventa larabbia e non sei più padrone di ciò che senti.“Lasciar andare” non è un’ammissione d’impotenza, ma lacomprensione che il risultato non dipende da te, che nonsempre si può controllare le situazioni. “Lasciar andare” èdiventare consapevole di ciò che si prova e dirottare lapropria forza verso un nuovo equilibrio. 27
  28. 28. 3 6 5 p e n s i e r iNon si deve dimenticare il torto, ma fare in modo che nonpossa generare nel ricordo ancora dolore e mortificazione.Il perdono è una scelta che va operata per se stessi.E’ la decisione di lasciare andare il risentimento e leemozioni negative che non saranno più collegati al ricordodi quanto avvenuto, benché si sia imparata la lezione.Sorrido e mi viene in mente “Il Tao del perdono”: ladecisione cosciente non solo di togliere le patate, ma diabbandonare l’intero sacco…
  29. 29. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 21, 2010ACQUA: troppa o troppo poca? Il giusto.L’acqua è fonte d’ispirazione e rievoca alla mentesensazioni di purezza. Goethe, ad esempio, in una dellesue poesie mette a confronto i moti turbolenti dell’acqua,con quelli dell’anima.Nella poesia “Canto degli spiriti sull’acqua” descrive ilviaggio dell’acqua che, arrivando dal cielo, è piena diforza nelle prime fasi della vita, diventa sempre più quietacon il passare del tempo, tornando infine al cielo nel suoultimo viaggio.Ovunque, casa, ufficio, anche quando viaggio,personalizzo l’ambiente in cui devo stare e lo rendo vicinoal mio modo di essere.Ho addobbato il mio ufficio di piante che accudisco conamorevole dedizione e che mi regalano la loro bellezza.Sulla scrivania una delle piante, alcuni giorni fa, aveva lefoglie afflosciate.La cosa strana è che la ragione per cui quella pianta stavasoffrendo, era la troppa acqua nel contenitore. L’ho capitodopo…Mi soffermo a pensare che spesso, la causa di un problemasia lontana da ciò che avremmo pensato.A volte addirittura l’opposto. 29
  30. 30. 3 6 5 p e n s i e r iIo continuavo a innaffiare la pianta perché tornata dallevacanze di Natale l’avevo trovata secca; invece, stavofacendola patire.E’ importante tenere in considerazione questa cosa;è importante dare acqua quando serve, non sprecarla, masoprattutto non darla in eccedenza![…]
  31. 31. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 22, 2010GemellaIo sono gemella.Non sto dicendo “Ho una gemella”, ma “SONO gemella”.Due frasi, due significati.“Io sono gemella”, è una dichiarazione diversa rispetto alfatto di “avere” una gemella.Essere gemella è un grande dono. E’ come se la vita tiavesse preservato dall’essere solo, dal sentirti isolato.D’altro canto, ti ha reso parte di qualcosa che è parte di te.Ho un foglietto davanti a me, sulla scrivania: blu,quadrato, con un fiorellino rosso.Cita:“To me and myself:Stesso battito…Stesso respiro…Stessa linfa…”E’ il biglietto che lei, la mia gemella, mi ha dato il giornodel nostro ultimo compleanno, il 4 Luglio. 31
  32. 32. 3 6 5 p e n s i e r i“Stesso”: fin dal concepimento, abbiamo condiviso tantecose e crescendo insieme abbiamo imparato a diventaredue persone distinte, ognuna se stessa. Siamo gemellediverse, biovulari, con due caratteri ben diversi. Unabionda-l’altra mora, una più alta e un po’ più robustadell’altra, una calma e pacata-l’altra effervescente.Ma siamo noi stesse. Noi “siamo” e ringrazio il cielo peravermi dato questo regalo fin da piccola.La mia gemella a volte mi spaventa. Quando leggo o sentoquello che dice e pensa di me, mi sorprende perché se mivedeste attraverso i suoi occhi, capireste cosa intendo.E’ bellissimo sapere che qualcuno ti ama e ti stima cosìtanto, e sorrido sapendo che ho molto da imparare emigliorare.Cacciota e Petota sono due bambine grandi che si amanoprofondamente. Nulla potrà rompere quel legame, ilcordone che le lega fin dalla nascita nella consapevolezzadi aver condiviso sempre tutto. Questa è una delle cosedalle quali non puoi esimerti; a prescindere.E ne sono felice.
  33. 33. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 23, 2010TOTOROFilastrocca piccolinaper narrar una storiellinache felicità mi ha datoe divertimento assicurato.**********************E’ di Totoro che voglio dire,di questo film che vengo a scoprirecosì pieno di poesiae di tanta nostalgia.**********************E’ davvero un film specialed’animazione, pieno d’amore,con Satsuki e Meisempre in azione,in cerca di ciò che abbia un valore.**********************Spiritelli fuligginosie altri ancora più grandiosiche le ghiande seminavanoe poi con sorpresa ti regalavano.**********************Talpa, orso o procione?Ma suvvia, è dal Giapponeche lui arriva nell’88da un Miyazaki ben prodotto.********************** 33
  34. 34. 3 6 5 p e n s i e r iLui non è un animalema soltanto un TOTORO speciale,un grande spirito della Naturache porta il vento, la pioggia, la cura,per ogni speranza in questa vitache “noi grandi” teniamo sopita.**********************E’ la piccola di quattro anniche nel suo cuore può sconfigger gli inganni,che la paura di sperareti impedisce di provarea credere ancora nella vitaripagandoti della fatica.**********************TOTORO è la metafora della vitanel vento, nell’albero di canfora e nella ricerca accanitaper imparare a tornare sempliciaperti al mondo e sempre unici.**********************Grazie TOTORO di ciò che mi hai datoe della morale che mi hai insegnato.Ma soprattutto grazie a chi ci ha presentatoe per sempre ci ha legato.
  35. 35. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 24, 2010CoincidenzeCerte situazioni che viviamo rivelano quanto gliavvenimenti siano collegati fra loro e non accadanocasualmente.Nulla succede per caso.Se rimaniamo vigili e comprendiamo come spesso piccoliepisodi siano decisivi, possiamo realmente comprendereciò che viene definito “sincronicità”: lo psicologo CarlJung aveva definito le coincidenze come ”l’archetipodell’effetto magico”.Prendendo consapevolezza delle coincidenze, ognuno dinoi può realmente entrare in sintonia con il mistero allabase dei principi che governano l’Universo; Jungaffermava: “la sincronicità suggerisce l’esistenza di unainterconnessione o unità di eventi casualmente noncollegati”.Potrebbe essere spiegato pensando che il nostro Angelocustode si manifesti, o che siamo stati fortunati, o che siaandata così perché doveva andare così…In ogni caso, nella vita di ognuno di noi, ci sono moltiavvenimenti apparentemente casuali e strani che sitrasformano in coincidenze significative. Diventando piùvigili, siamo noi a dare a queste coincidenze un senso,trasformandole in manifestazione creativa. 35
  36. 36. 3 6 5 p e n s i e r iOggi ho vissute alcune coincidenze fortunate e ringraziol’Angelo Custode, la Vita, l’Energia buona, l’Universo, ilSignore … chi abbia fatto sì che potesse succedere. […]Ringrazio col sorriso nel cuore e mi sento felice.Namaste = Mi inchino a Te
  37. 37. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 25, 2010Nel silenzio, molti significati…Viviamo in un mondo “stracolmo” di tutto, un mondo“FULL”, in cui è difficile trovare spazio per il silenzio,per il vuoto da riempire…Intorno a noi tutto è così pieno di rumori, di parole, disensazioni, di stimoli, di odori, sapori, musica, luci,colore, internet, televisione, cartellonistica, auto, velocità,lettere, traffico…Siamo talmente abituati a essere accerchiati e immersi intutto questo, che il silenzio ci fa paura.Se una persona, di fronte a te, scegliesse il silenzio comerisposta per un minuto, basterebbe un minuto, cisentiremmo imbarazzati e non sapremmo come reagire. Cidestabilizzerebbe, provate a pensarci…Perché il silenzio racchiude molti significati a seconda delcontesto.Il silenzio esprime e comunica e attraverso il silenzio,possiamo comprendere molto di più di ciò che sta insuperficie.Il silenzio è eloquente, può essere gridato il silenzio, osussurrato: ogni cosa racchiude il suo silenzio e siamo noia saperla svelare. Ha un suono, il silenzio, ha una propriavoce, un ritmo, sfumature. 37
  38. 38. 3 6 5 p e n s i e r iPensatevi in una stanza vuota, buia, seduti a terra, fermi adascoltare.Sareste capaci di rimanere immobili, a occhi chiusi, adascoltare QUEL silenzio?IL VOSTRO silenzio?E’ veramente difficile ma un esercizio che consiglio.Provateci!
  39. 39. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 26, 2010Elemento AcquaIl sabato mattina, da anni, ho un appuntamento conl’acqua.Ho “imparato” a nuotare a diciotto anni.Il mio rapporto con l’acqua è sempre stato difficile,sempre complicato e basato sul panico.Chi non ha mai provato cosa significa avere paura, nonpuò comprendermi pienamente.Chi non ha mai provato quella paura che ti blocca e tiattanaglia la gola facendoti provare il terrore puro, trovadifficile capire cosa significhi superare qualcosa che è piùforte di te, di ogni ragione.Quando ero piccina, la semplice azione di lavare i capellisi trasformava in un’opera drammatica per mia madre, unvero incubo per me. Il senso di soffocamento el’incapacità di chiudere la bocca quando la testa stavasotto il getto d’acqua, le grida, il desiderio di fuggirementre mi sentivo forzatamente tenuta…La mia gemella andava ai corsi di nuoto e io rimanevofuori a guardarla, invidiando quel suo coraggio, soffrendoperché non riuscivo ma felice di essere fuori.Era un “no” ogni volta, una sconfitta ma ero salva! 39
  40. 40. 3 6 5 p e n s i e r iNegli anni, assurdamente, è successo che in qualsiasisituazione in cui le persone dovessero scegliere qualcunoper fargli uno scherzo legato all’acqua, come unacalamita, ecco Claudia! E io bevevo, e io morivo, e ioaggiungevo paura alla beffa che mi sceglieva sempre.Sembrava che uno spirito beffardo si prendesse giocodella mia fobia.A diciotto anni ho voluto tentare. La ragione e il desideriodi superare il blocco che razionalmente non aveva senso,hanno prevalso. Ho cominciato dalla piscina dei bimbi,quella di mezzo metro. Riderete leggendomi, eppure ècosì.Da allora, da anni, vado ogni settimana, sono brava e mituffo entrando. Non lo faccio per essere protagonista, anzi!E’ un mezzo per sfidare e risolvere la mia paura perché,ancora, non amo tuffarmi.Dopo tanto tempo, sono riuscita a tuffarmi. Sono andata afondo della vera ragione della mia paura attraverso delletecniche specifiche e, dopo aver scoperto che non avevanulla a che fare con l’acqua, il giorno ho fatto un tuffo, ilmio primo tuffo.Una grande vittoria per me, un traguardo che non avreimai pensato di raggiungere.Anche se una parte di me non ha superato completamentela paura dell’acqua alta, sono orgogliosa di me.Brava Claudia!
  41. 41. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 27, 2010“Tu, scrivi?”Tu, scrivi?Mi hanno posto una domanda interessante sulla qualevolevo meditare.Ve la riporto in modo integrale: “> Tu scrivi?> Di solito, quando (non) hai tempo, scrivi?> Scrivere e’ necessario?> Quando hai qualcosa da dire, lo scrivi? O come lo buttifuori?La mia risposta è stata: “Scrivere non è la mia ancora disalvezza, è il mare.”Per me scrivere non è solo il mezzo attraverso il qualerisolvo un problema o chiarisco me stessa. Non èun’ancora di salvezza ma è realmente un ambiente fertile,nel quale posso trovare qualsiasi cosa: una tempesta,un’isola, una risacca, la verità, il tutto.Scrivendo posso “sentire” attraverso la scrittura, riflettereper approfondire e migliorare il mio approccio alle cose.Ci vuole coraggio per scrivere in questo modo, ci si mettein discussione, si apre una porta senza sapere cosa ciaspetta dall’altra parte. Posso raramente tacere scrivendo,perché anche la riga bianca racconta il silenzio, esprimeun ritmo. 41
  42. 42. 3 6 5 p e n s i e r iScrivere per me è cogliere e allargare l’orizzonte, nonchiuderlo in un concetto o ingabbiarlo definendolo.Non descrivo il sentimento arricchendolo di aggettivi malo risolvo ampliandolo ed esso mi si rivela. E’ il mondo amostrarsi, non sono io che mi mostro al mondo, scrivendo.E lo scopro. E’ bellissimo!In questo momento, per me, scrivere è un bisogno e milascio guidare. E’ una promessa, una sfida, un’avventurache non so dove mi porterà.Non ho un obiettivo se non quello di far uscire, diesprimermi e di farmi guidare dalle sensazioni di ciò chemi circonda.E’ un viaggio senza una destinazione precisa.E’ un fluido, è un’onda di questo mare.
  43. 43. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 28, 2010La distanza, a volte, è solo fisicaIeri pomeriggio, ho provato una profonda commozione.E’ passato a salutarmi una persona davvero speciale, cheha lasciato il segno nella mia vita lavorativa, con la qualeho condiviso tanti traguardi.Lui ha lavorato con me fin dall’inizio. Non è stato unsemplice fornitore ma un collaboratore fidato, un preziosocompagno delle tante avventure vissute insieme. Lui ed io,abbiamo dato vita a tanti progetti e dato tutto ciò chepotevamo dare.Poi, un giorno, decise di fare il passo: lasciare l’aziendache aveva creato dal nulla, con sapiente dedizione,insieme al papà.Ora le cose sono cambiate. Il tempo è passato e altri hannopreso il suo posto continuando la strada e portandolaavanti con nuove metodologie rispondenti alle necessità diquesti tempi. Ho collaboratori che svolgono quel lavoroche in principio seguivo io direttamente.E’ diverso il lavoro, ma nessuno ha preso il posto che luiaveva: il rapporto è rimasto intatto e vivo, il rispetto e lastima sono gli stessi.Quel posto è ancora suo e qualcosa ci lega anche se non civediamo più. 43
  44. 44. 3 6 5 p e n s i e r iQuando ci si rincontra, è incredibile la gioia che provo el’affetto che ho per lui.E’ passato oggi in azienda per consegnare dei documenti.Mi ha fatto chiamare per salutarmi e mi ha detto: “Leggosempre il suo blog”.…sono rimasta allibita. Non ho pubblicizzato la cosa, senon comunicandolo in facebook e alla cerchia stretta diamici!Poi, ha aggiunto: “Ho letto sull’essere gemella.. è diversoil concetto di avere o essere…!” “La seguo sempre: l’holetto tutto e anche riletto…!”Forse vi sembrerà eccessivo, ma tornando al posto, dopoesserci salutati, mi sono commossa…So che mi leggerà. …grazie!
  45. 45. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 29, 2010Agasa, Ighisi, Ogoso, Eghese, UgusuVi chiederete cosa significhi un titolo così!?Ebbene, quando la mia gemella ed io eravamo alleelementari, la nostra maestra Angela ci spiegò di questometodo per comunicare in modo privato e senza farsicomprendere dagli altri.Una lingua unica, speciale, solo per noi.Il trucco consentiva di separare le parole in sillabe, anche idittonghi, e aggiungere alla vocale corrispondente Agasaper la “A”, Ighisi per la “I”, Ogoso per la “O”, Eghese perla “E”, Ugusu per la “U”.Allora, forse, il contesto era imparare a suddividere leparole in sillabe, fatto sta che a noi due la cosa risultòdavvero interessante, talmente interessante checominciammo, con l’altra sorella maggiore, a impararequesta lingua.Vi assicuro che andiamo veloci come schegge e nessuno cicomprende…ci guardano solo un po’ stranamente…“Tugusu seghese ighisi mogoso ltogoso cugusu righisiogoso sogoso seghese agasa deghese ssogoso stagasaighisi leghese ggeghese ndogogo qugusu eghese stegheserighisi gheghese! Bragasa vogoso! Ogoso ragasa ighisimpagasa ragasa eghese eghese seghese rcighisi tagasatighisi. Bugusu ongoso lagasa vogoso rogoso! “ 45
  46. 46. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 30, 2010Non è scontatoL’amore dei tuoi genitori, non è scontato.Dire grazie non è scontato,non è scontato ricevere aiuto o darlo.Respirare non è scontato.Che un bimbo nasca, non è scontato.Sorridere, non è scontato.Che una donna sia più debole di te o meno capace, non èscontato,che il tuo capo ti rispetti, non è scontato.Non è scontato pensare che le lacrime siano un mezzo perottenere dell’altro,che quando urli, tu sia più ascoltato.Non è scontato pensare che la durezza sia forza,che i ricchi non soffrano mai,che se ami il lavoro, darai sempre.I tuoi clienti non sono scontati.Essere creativi, non è scontato.Non è scontato il tuo stipendio a fine mese,avere fede se vai in Chiesa.Il coraggio non è scontato,la generosità, il perdono, la franchezza non sono scontati.Il sole non è scontato.
  47. 47. 3 6 5 p e n s i e r iNon è scontato avere rispetto, darlo, riceverlo.Essere ascoltato, non è scontato.Saper comunicare, non è scontato.Non è scontato che gli altri sappiano di te, se non dici.L’amore non è mai scontato,e dimostrare l’amore, con i fatti, non è scontato.Non è scontato alzarsi il mattino e sorridere alla vita,addormentarsi ringraziando per la giornata.Non è scontato ringraziare per il cibo che hai,riprovare l’emozione della Primavera ogni anno,assaporare un tramonto, il rumore della pioggia, l’onda delmare.Lacqua non è scontata.Non è scontato avere intorno le colline verdi,la città che ami,la mamma, il papà, i nonni, i fratelli, il compagno,l’amico.Niente è scontato.Tutto ciò che è intorno a te, è lì per te. Ogni giorno.Di ovvio, nella vita, non c’è niente... 47
  48. 48. 3 6 5 p e n s i e r igennaio 31, 2010“I giorni della merla”I cosiddetti “giorni della merla” vanno dal 29 al 31Gennaio. Il nome deriverebbe da una serie di leggendeche narrano di questi animali.Secondo la versione più nota, una merla bianca e i suoipiccoli, vagando nel cielo, si rifugiarono dentro uncomignolo per ripararsi dal freddo. Rimasero rinchiusi pertre giorni uscendo solo il 1° Febbraio, tutti neri a causadella fuliggine. Fu da allora che tutti i merli, bianchi inorigine, diventarono neri.I giorni della merla, sono considerati i giorni più freddidell’anno. Intorno a questa tradizione, la cultura popolarenarra che se queste giornate sono fredde, la Primaverasarà bella, se sono calde la Primavera arriverà tardi.Quest’anno è freddo, freddissimo.La temperatura si è abbassata molto e risulta un po’difficile associare questi giorni di fine Gennaio allaPrimavera.Eppure, provo un profondo senso di felicità quando,riuscendo a uscire alle cinque e mezzo, scopro la luce e legiornate che si allungano.Dopo il solstizio d’inverno, il 21 Dicembre, le giornate siallungano di un minuto al giorno.
  49. 49. 3 6 5 p e n s i e r iE’ bellissimo scoprirlo e “respirare” nell’aria la luce. E’come se i miei polmoni acquisissero una capacità nuova,fossero in grado di assorbire l’energia che l’avanzare delgiorno genera.Una sensazione piccola, una grande felicità. 49
  50. 50. 3 6 5 p e n s i e r i2. Febbraio
  51. 51. 3 6 5 p e n s i e r ifebbraio 1, 2010Applicare la moderazione“Applicare la moderazione”, in un blog, significaaccettare e rendere pubblico un commento ricevuto.E’ importante per me dire a tutti quelli che hanno lasciatouna loro traccia, che mi rendono felice. Non rispondopubblicamente ma ognuno di quei commenti è una perlaper me.Mi regalano un sorriso.Quando conosco chi mi scrive, sapendo che questepersone mi leggono, è come se potessimo rimanere legatida un filo, anche se siamo lontani o non ci sentiamo più.Se le risposte arrivano da chi conosco e mi conosce, provogioia perché quelle persone sanno leggermi oltre le righe equel tempo che mi dedicano ha un valore inestimabile: nesono davvero grata.Un commento è un regalo e io lo accetto felice sentendomionorata.Grazie davvero!Io continuo, rimanete con me giorno dopo giorno… 51
  52. 52. 3 6 5 p e n s i e r ifebbraio 2, 2010Un luogo, una “liaison”Vicino a casa, c’è un ampio parcheggio pubblico. Spessosemivuoto.Un angolino di questo grande spazio è speciale. E’ unluogo che porta la voce, un ponte che collega terrelontane, liaison invisibile.Osservo gente straniera che arriva e si siede, lì sulmarciapiede, inchinati: Vi rimangono a lungo. Altri non sisiedono: camminano percorrendo un piccolo tratto etornando indietro, lì in quel punto, girando attorno a quelmagnetico, magico cerchio.In principio non capivo la ragione di questa stranezza. Poi,ho compreso che questa gente telefona. Loro chiamanocasa, con puntuale periodicità. E’ un appuntamento conciò che hanno di più caro, con le loro radici, con la loroterra e i loro cari.In quel cerchio di spazio, solo lì purtroppo, il pontetelefonico può raggiungerli e loro hanno campo perchiamare con chissà quale operatore negligente.Ricordo da piccola, quando arrivava l’appuntamento altelefono col papà, in camera di mio fratello, tutti in fila,uno a uno, pochi secondi perché costava tanto. Mio papàera in America, lavorava là per nove mesi l’anno.
  53. 53. 3 6 5 p e n s i e r iRicordo le conversazioni; ero piccola è non sapevo maiche dirgli.Dicevo sempre le stesse cose rispondendo alle suedomande: “Sì papà, sto bene. A scuola va tutto ok.Ti voglio bene”. Eppure, ogni volta era un’emozione e ilpapà era con noi. Con noi quattro figli e con la mamma.Vicino a casa c’è un luogo speciale davvero. Lì, in quelcerchio dovremmo mettere una panchina, un albero cheporti l’ombra, un fiore che sbocci a Primavera perchè lanostalgia e la fatica della lontananza, possano trovareconforto. 53
  54. 54. 3 6 5 p e n s i e r ifebbraio 3, 2010“Ventuno”Il primo Febbraio sono passati esattamente 21 giornidalla nascita del mio blog.Il 21 è un numero che ha valenze molto particolari e cheracchiude significati profondi.Il 21, in quanto prodotto dei due numeri sacri 3 e 7, èconsiderato il numero della perfezione. Nel librodeuterocanonico della Sapienza di Salomone vengonoelencate le 21 qualità della sapienza.Nei mazzi dei tarocchi, la ventunesima carta è ILMATTO. Nella Smorfia il numero 21 è la donna nuda.La macerazione che produce vini per un lungoinvecchiamento è lunga da sette a 21 giorni.Il giro del mondo si fa …in 21 giorni.Alcune tecniche di meditazione tibetane non devonoessere applicate per più di 21 giorni.In Reiki, quando con il secondo livello fai una richiesta alcielo, la tecnica si deve praticare per 21 giorni. Usui, scalòuna delle montagne sacre del Giappone e rimase inmeditazione per 21 giorni.
  55. 55. 3 6 5 p e n s i e r iChissà se il film “21 grammi” identificando i 21 grammicome il peso dell’anima, che al momento della morteabbandona il corpo, avesse qualche attinenza con la forzadi questo intervallo.… potremmo trovare molti altri esempi.Esistono pratiche dei 21 giorni per operare ilcambiamento.Il vero cambiamento è un modo diverso di percepire lecose e nella costante presa di coscienza, giorno dopogiorno, si può. Ognuno di noi è in grado di produrre uncambiamento su se stesso, se lo vuole veramente.Allo scattare dei 21 giorni, un’abitudine diventa acquisita:aver scritto in questo mio blog per VENTUNO giorni, conil proposito di farlo ogni giorno, significa che ho superatoil momento duro e pericoloso di chi potrebbe desistere.E’ un grande traguardo per me, il primo. Ora devocontinuare con paziente ostinazione e generosa costanza. 55
  56. 56. 3 6 5 p e n s i e r ifebbraio 4, 2010“POLITICALLY CORRECT” e DiscrezionalitàAlla radio c’era un programma interessante che parlava diun’indagine che ha rivelato quanto gli Italiani siano piùrispettosi delle regole automobilistiche all’estero, che nonin Italia.Non suona per niente strano. • “Il semaforo è rosso? ..beh se non c’è nessuno a controllare posso passare…” • “C’è il limite dei 110 all’ora? Beh, se non ci sono autovelox e sto attento, non è un problema…” • “La linea è continua in questo tratto? Beh, perché non dovrei superare quel’auto?Ho una visuale perfetta fino a un chilometro. Quindi se nessuno mi controlla, io sorpasso…” • “C’è obbligo della cintura per la mia sicurezza? Beh, io non la uso o la metto senza agganciarla…tanto non se ne accorgono. Oppure aspetta: compro la T-SHIRT con la cintura disegnata!…” • “Qui ci sono gli autovelox.. beh, tanto il navigatore me li segnala. E poi, ecco, il CD dentro l’auto farà si che non riescano a scattare la foto!…” • “Beh, se la targa è sporca, meglio, non vedono i numeri…”Qui solo alcuni dei pensieri abituali degli italiani. Sfidochiunque a non essersi riconosciuto in almeno una dellesituazioni sopra riportate!
  57. 57. 3 6 5 p e n s i e r iLa verità è che “gli Italiani” sono abituati alladiscrezionalità. Purtroppo generalizzo ma è una realtà,almeno per la maggior parte.Se estendiamo poi il concetto della discrezionalità ad altresituazioni, diverse dal codice stradale, troveremo moltialtri esempi di comportamento discrezionale. • “Devo prenotare una visita al numero unico dell’ULSS. Mi chiedono che tipo di urgenza è stata indicata dal medico. Beh, se rispondo con un tipo una categoria più urgente, mi faranno prima…!” • “ Io sono cristiano ma non vado in Chiesa tutte le domeniche. Però io sono credente…” • “La legge mi dice di scaricare dalle tasse soltanto le medicine. Beh, io inserisco tutti gli scontrini della farmacia!…” • “Devo mettere in regola i miei dipendenti. Beh, magari li metto in regola part time. Del resto anche loro saranno più contenti di non pagare troppe tasse!…” • “Il rispetto mi dice di fare la fila. Ma se faccio finta di niente e m’intrufolo, arrivo prima e li frego tutti…”Potremmo andare avanti all’infinito e sono certa cheognuno di noi avrebbe degli esempi da raccontare.Noi ci sentiamo di poter scegliere tra più possibilità dicomportamento, che sono ugualmente lecite, anchequando agiamo in maniera addirittura opposta da ciò cheviene stabilito dalla regolamentazione. 57
  58. 58. 3 6 5 p e n s i e r iNon menziono situazioni in cui si è voluto “riempire” unvuoto normativo per cui la DISCREZIONALITA’potrebbe considerarsi legittima.Noi italiani, specialmente noi, creiamo dei confini mobiliquando parliamo di norme. Concediamo a noi stessicomportamenti arbitrari.Non possiamo giustificare tutto ciò dicendo che l’eccessodi regolamentazione impone di avere maggiore spazio; separliamo di regole stradali, intendiamo la sicurezza. Separliamo di ULSS, definiamo quell’ente che stabilisce deitempi spesso ridicoli ma che tutelano le persone malateche hanno seriamente urgenza e non hanno possibilità difissare una visita privata.Usando criteri “Politically correct” vi dico:Mi ritrovo in alcune delle situazioni che ho descritto,anche se sono quello che si definisce “una bravaragazza”. Ma dico anche: sapete che noia sarebbe esserePERFETTI in tutto e fare sempre la cosa giusta?
  59. 59. 3 6 5 p e n s i e r ifebbraio 5, 2010CoerenzaDAL GARZANTI ON-LINE :<coerenza>Sillabazione/Fonetica [co-e-rèn-za]Etimologia Dal lat. cohaerenti°a(m), deriv. dicohaerìre: essere unito, connessoSin. congruenza, uniformità, fedeltà, costanza,logicitàApprofitto di un post inviato in questo blog, per meditaresul concetto di coerenza.Per addentrarmi nel vero significato, parto cercando dicomprendere cosa è la “non-coerenza”.Incoerenza significa mancanza di compattezza,contraddizione, irrazionalità, sconnessione, illogicità,assurdità, insensatezza, incongruenza.Io sono convinta che la coerenza completa non sia umanaperché le due componenti -quella razionale e quellaistintiva- coesistono. Ciò non toglie che ognuno di noi puòtentare di essere coerente con ciò che pensa, dice e fa,seguitando a operare per un “continuo e costanterinnovamento”.Essere coerente con se stessi è semplicemente fare inmodo che il pensiero, la parola, l’azione siano connesse,unite, volte allo stesso obiettivo. 59
  60. 60. 3 6 5 p e n s i e r iEssere coerente con gli altri è fare in modo che il pensiero,la parola, l’azione rivolta all’altro, siano empaticamentecongruenti con ciò che tu vorresti venisse fatto a te.Sarebbe interessante, qualche volta, fare un po’ di auto-analisi: quando agiamo, proviamo a guardarci allospecchio con occhi sinceri, ripuliti dalle imperfezioni:cosa vediamo?
  61. 61. 3 6 5 p e n s i e r ifebbraio 6, 2010MusicaLa musica ha un effetto interessante su di me.Mi muovo al suono della musica con tutto il corpo,istintivamente, come se fosse il corpo stesso a deciderlo inmodo del tutto autonomo.La musica per me è un ritmo che non è definito soltantodal suono, ma ha anche un colore, un peso, una forza, unamorbidezza. La musica può essere liscia o ruvida, parlanelle pause, ha una propria luce. Non è soltanto l’udito a“sentire” la musica; tutta me stessa si sintonizza con quellevibrazioni che hanno uno “spessore”.Nello stesso modo in cui un bambino fa la propriaconoscenza della realtà che lo circonda irrazionalmente,guidato da un istinto innato, libero da qualsiasi costrizionementale, i miei ricettori sensoriali rispondono alla musica.Ecco perché, appena la musica mi circonda, il mio corposi muove. Quando la musica è intorno, ballo, anche se stocucinando, camminando, se sono ferma. A volte,percorrendo una strada isolata, capita che la mia auto simuova a passo con la musica che avvolge l’abitacoloperché il mio piede muove l’acceleratore a ritmo, pumpum, pum pum: così, loopina, la mia auto, singhiozza eballa anche lei. Lei con me. 61
  62. 62. 3 6 5 p e n s i e r iE la voce va e interpreto nel modo migliore che posso lecanzoni, senza inibizioni, con un pubblico invisibile.Se mi vedeste, sembrerei pazza, ma sono spensierata. Inquel momento mi sento libera e felice.Che cosa sarebbe il mondo senza la musica?La vita è scandita dal ritmo delle cose e il ritmo è musica ela musica è ritmo. E’ un’armonia che raggiunge la nostraparte segreta e si sintonizza con l’intervallo di una battutadel nostro cuore: /tu tum – tu tum – tu tum/
  63. 63. 3 6 5 p e n s i e r ifebbraio 7, 2010Trici Mici AmiciI miei mici sono amiciE in questa casa vivon feliciL’uno Ernesto birbantellodi Lei Galana è il fratelloarrivato un anno dopoe ora qui a riempire un vuotoLa marcetta sanno farequando amore voglion daree Galana è tanto dolcequando Ernesto lecca pianoe lui da maschio si fa farefinchè poi se ne va lontano.Carezzarli è un piacere,pettinarli un po’ un dovereche ogni giorno devo fareperché lor bene debban stare.Ed il micio che chiamo amicoda un bel po’ si fa vederee con loro sta a guardareche la pappa stia per arrivare.Grazie trici mici amiciperché tanto importanti siete,spero che siate sempre felicie che coccole bellissime mi diate. 63
  64. 64. 3 6 5 p e n s i e r iE se la rima sembra scioccaquel che dice non lo è affatto,ascoltatene il significatoe valutate se vi ha soddisfatto.
  65. 65. 3 6 5 p e n s i e r ifebbraio 8, 2010Imparare di nuovo a vivere le nostre piazzeDomenica pomeriggio, una giornata d’inverno splendida,con il sole che scalda la pelle e l’aria tersa e fresca.La piazza è viva, pulsa di persone che assaporano la luce eil calore, dopo giorni di pioggia. Grida di bambini chegiocano a pallone, lo stesso che ci sfiora mentre corredalla parte opposta; un uomo è seduto sulla panchina colcapo chino a telefonare; altri, sul muretto, dialoganousando lingue incomprensibili; là in fondo, seduti a terrain cerchio, amici giocano alle carte mentre altri liosservano.Mentre camminiamo, tutti salutano contraccambiando ilmio sorriso. La piazza pulsa. La struttura architettonicaappena ristrutturata rinasce e diventa viva, esprimendosiper la funzione per la quale fu ideata e progettata: farincontrare la gente, creare un punto di ritrovo.Ma è una “nuova gente” quella, un tipo di gente che saancora apprezzare la semplicità di una piazza e il dolce farniente, se non chiacchierare. Sono persone che possonoessere felici di stare seduti a terra giocando a carte, o sulmuretto a prendere il sole sulle spalle, parlando tra loro.Mi ricordano le nostre contrade, e le sedie fuori con lepersone a raccontarsi la sera, dopo il tramonto. Non c’eramolto allora, e questo bastava per definire il divertimento. 65
  66. 66. 3 6 5 p e n s i e r iLe nostre piazze sono tornate a esistere, oggi. Lo sonoperché abbiamo altri italiani stranieri che le hanno portatealla vita. E questo, forse. a qualcuno potrebbe darefastidio.Eppure, meditandoci mi viene da dire: “Siamo capaci, noi,di godere degli spazi aperti condivisi, facendoli nostri erendendoli pulsanti? Oppure preferiamo prendere l’auto eandare per centri commerciali?”Le piazze, i parchi, sono nostri, sono di tutti. Sono di chivuole e crede di poterli vivere.Basterebbe saper assaporare ancora, la bellezza delle cosesemplici, come stare insieme a raccontarsi.Forse è il “raccontarsi” che non sappiamo più fare mapossiamo ri-impararlo.
  67. 67. 3 6 5 p e n s i e r ifebbraio 9, 2010La vita è bella o brutta?E’ una domanda che ci si pone frequentemente, soprattuttoquando siamo assaliti dai problemi, quando ci sentiamoschiacciati e troppo piccoli perché valicare quellamontagna enorme che ci si pone di fronte..La vita. E’ bella la vita o brutta?La risposta che mi viene in mente, è che la vita non è nébella né brutta. “La vita è”, semplicemente, esiste aprescindere e siamo noi ad attribuirle aggettivi o a darleuna connotazione positiva o negativa.Sono i nostri occhi a vederla in un modo o nell’altro.A volte, dopo un momento difficile, guardandosi indietrosi scopre come quelle difficoltà ci abbiano concesso dicomprendere dell’altro, o di imparare qualcosa attraversoquella sofferenza, o di capire che non siamo in grado dirisolvere ogni cosa, sempre.Ogni momento di vita, ogni difficoltà, hanno un loroperché e spetta a noi guardarle dall’angolazione che nemette in risalto la “bellezza”.L’unica situazione che non riesco a spiegarmi o accettarepienamente, è quella sofferenza che è inflitta ai bambini oagli anziani che si spengono privi di coscienza e senzacapacità di imparare nulla perché diventano larve. 67
  68. 68. 3 6 5 p e n s i e r iForse, in quel caso, la ragione della sofferenzaapparentemente assurda, è per coloro che restano e cheaccudiscono l’ammalato dedicandosi totalmente. La vitainverte i ruoli. Se da bambini la mamma e il papà hannodedicato loro stessi per crescere i figli, poi saranno i figli adedicare se stessi e il loro tempo per i genitori. E quandouna mamma vede morire il suo bambino e assapora ildolore dell’impotenza, forse anche lì la vita insegnaqualcosa. Non c’è colpa, c’è solo compassione.Compassione è una parola che spesso è travisata. Lacompassione non è pietà.Compassione deriva da “cum-passio” = passione insieme(pathos = sentimento) e significa: patire insieme.Compassione per me significa provare passioneCONqualcuno, condividere le sofferenze e nellacondivisione empatica, alleviarle o renderle menodolorose, con saggezza.La vita ci offre esattamente le circostanze e le condizioniche ci occorrono per fare quelle esperienze che ci sononecessarie per imparare.
  69. 69. 3 6 5 p e n s i e r ifebbraio 10, 2010Hell of a …Ho scoperto questa forma idiomatica in inglese moltointeressante.“Hell of a …”= By itself the idiom is ambiguous, for its exact meaningdepends on the context. For example, He is a hell of adriver can mean either that he is very skilful or that he is aterrible driver. Similarly, We had one hell of a time canmean either that we enjoyed ourselves greatly or that wehad an awful or difficult time.E’ una forma che racchiude entrambe le possibilità, chepuò indicare un aspetto positivo o totalmente negativo aseconda del contesto in cui è usato.Se pensate, questo idioma esprime Tutto e l’opposto delTutto. L’unico comune denominatore è la grande quantitàdi questo elemento.Mi fa sorridere perché molto spesso noi stessi pensiamo inun modo che a volte è esattamente l’opposto di ciò chefacciamo. E’ come se in noi esistesse il conflitto oesistessero entrambe le situazioni, la positiva e la negativa.L’output dipende da noi: siamo ciò che vogliamo escegliamo di essere e che poi manifestiamo.In ogni caso, non si può essere ambiguità. 69
  70. 70. 3 6 5 p e n s i e r ifebbraio 11, 2010Far Decantare“Si versa una piccola quantità di vino rosso nel decanterruotandolo con ampi movimenti in modo da avvinarlo. Sipreleva la bottiglia del vino dal cestello reggendola dallabase e, ponendo la spalla della bottiglia davanti allafiamma della candela, si inizia il travaso dalla bottiglia aldecanter, reggendo quest’ultimo a circa 45 gradi rispettoall’asse verticale. L’operazione di decantazione terminaquando, grazie alla luce della candela, i primi sedimentiarrivano nel collo della bottiglia.”Far decantare un vino, è importante: nel caso di vinirossi invecchiati, favorisce l’ossigenazione e apre almassimo il bouquet olfattivo del vino e, per i vinibianchi, lo ossigena rapidamente per esaltarne l’aspettoolfattivo. (Nel caso di vini bianchi, data l’assenza diresidui fissi, l’operazione può essere effettuata anchesenza l’ausilio della candela).E’ un processo che si applica al vino per esaltarne lequalità, ma diventa una metafora molto efficace quandoconsideriamo i conflitti o le situazioni che appaionoimpossibili da risolvere.La decantazione è precisa, lenta, esige tempi stabiliti eprogrammati: è una buona pratica in quelle circostanze incui si ha bisogno di una tregua, di una sospensione che cipermetta di far luce sulle situazioni che al momentorisultano confuse o addirittura inaccettabili.
  71. 71. 3 6 5 p e n s i e r iLa decantazione è lenta, laboriosa e spesso dolorosaperché non equivale a una rottura definitiva del problema,ma significa sospenderlo temporaneamente lasciandolo instand-by, per riuscire a prendere una decisione concoscienza e senza pressioni emotive.Far decantare: si rimane fermi in vigile ascolto finché ilprezioso genuino distillato sarà pronto facendo risaltarein modo chiaro “ciò che è bene” da “ciò che è male”. 71
  72. 72. 3 6 5 p e n s i e r ifebbraio 12, 2010O de ParfumSala d’attesa di un aeroporto.Poltrone una affiancate all’altra. Quella a fianco alla mia,è vuota.Comincio a leggere.Si avvicina una donna e si siede a lato. Ha un bastone consé. E’ vestita di nero con un cappotto lungo, tenuto apertoe una sciarpa nera. L’avevo notata, arrivando, prima.L’avevo vista tra tante, per via del bastone.Odore d’alcol. Forte. Fortissimo.E’ talmente insistente quell’odore, che vado in apnea aintervalli, non riuscendo a sopportarlo.Si dice che l’ammissione del problema dell’alcol sia giàun enorme passo verso la risoluzione.Mi chiedo come una donna possa portare addosso quel“marchio”, senza preoccuparsene, con la precisaconvinzione che nessuno possa accorgersene… quell’alcolrimanere nascosto all’interno…Egoisticamente spero di non averla accanto durante ilvolo.. non riuscirei a starle vicino.Non provo pena. Penso soltanto che sia triste per lei.Penso sia triste quando arriverà a casa e qualcuno scopriràil suo particolare “O de Parfum – Produit in Paris”.
  73. 73. 3 6 5 p e n s i e r ifebbraio 13, 2010CarnevaleUna piccola bambinaVolle far una capatinaA Venezia sul canalIl carnevale a visitar.Era tutto una bellezzaTra le maschere colorateA coltivar la fanciullezzaDelle persone più disparate.Giovani e vecchiNon aveva importanzaPerché ciò che ha rilevanzaEra il costume del personaggioE la creazione del miraggio.Tra fate, draghi o poliziottiEran tutti giovanottiPronti a ridere e scherzarePerché a Carnevale si può provareA diventare uomini armati,Dietro la maschera colorata,Senza sentirsi giudicatiPer una pallottola in plastica consumata.Fosse davvero che nelle guerreTutti fingessero di sparareE che le uniformi fossero maschereChe i soldati vestissero per giocare. 73
  74. 74. 3 6 5 p e n s i e r iTanti coriandoli e non proiettiliColorerebbero quelle strade,E una bambina potrebbe ridereAnziché piangere senza capire.Ma quella bambina ora è a VeneziaDove i problemi sono un’ineziaQuando arriva il CarnevaleChe ti fa sorridere a quel che accade.E la bellezza di questo tempoSta proprio nel divertimentoChe è unico e specialePerché a Carnevale ogni scherzo, vale.
  75. 75. 3 6 5 p e n s i e r ifebbraio 14, 2010VertiginiDue giri della morte, una curva mozzafiato e dueavvitamenti spettacolari.Discesa ripida e, in curva, avvitamento a cuore; giro dellamorte con passaggio sotto vapori rinfrescanti e treavvitamenti emozionanti.Dove siamo? A Gardaland: il blue tornado, intenso edivertente, …per chi non soffre di vertigini!Avere le vertigini è un’esperienza frequente e non semprepositiva.La vertigine è un’erronea sensazione di movimentodell’ambiente circostante rispetto al proprio corpo.Per chi soffre di vertigini, la sensazione di stordimento,che per alcuni è emozionante, è carica di angoscia.Alcuni giocano con le vertigini traendo piacere dal sensodi vuoto nella discesa veloce alla ricerca del limite, altri nesono profondamente spaventati.Le vertigini possono anche essere interpretati comesegnali di disequilibrio e il sintomo è collegato allerelazioni negative del paziente con le persone importantidel suo mondo interiore.Freud diceva infatti, che il sintomo vertiginoso è unamanifestazione dell’angoscia e la Psicanalista svizzera“Danielle Quinodoz”, attraverso la sua esperienza, haclassificato questo sintomo in ben sette categorie:“vertigini da fusione, da angoscia di essere lasciaticadere, da angoscia di essere risucchiati, di alternanzatra imprigionamento ed evasione, da attrazione per ilvuoto, da espansione, da competizione”. 75
  76. 76. 3 6 5 p e n s i e r iIn ogni caso non è scontato che le vertigini piacciano atutti.Io non soffro di vertigini ma ricordo ancora la sensazioneprovata quando a Disney World, per non staccarmi dalgruppo, fui costretta a vivere l’emozione di un qualcosasimile alle montagne russe, al buio. Per me fu terrore puroe panico profondo. Non ho mai amato le sensazioniestreme e, sinceramente, non ho mai capito come si possaprovare piacere nella mancanza d’aria o nel senso divuoto.Non sono mai stata spericolata e anche se sono sensazionial limite della prestazione in totale sicurezza, non hannosenso per me.Per provare emozioni forti, non è affatto necessarioutilizzare al massimo la propria corporeità.Ci sono molti modi per sentirsi storditi che esulano dalsenso di pericolo.Quando sentiamo le farfalle nella pancia o nel momento incui l’emozione tracima dal cuore ed esce senza controllo.Quando siamo pieni di felicità e abbiamo la testa leggera oquando siamo incapaci di chiudere gli occhi che vibranodall’eccitazione; quando le lacrime escono da sole e sonogocce di contentezza. Quando proviamo il senso diebbrezza per la trepidazione e non ci vogliamo affattofermare.Non sono queste, vertigini di vita?

×