Il catalogo per i nativi digitali Valeria Baudo Treviso, 14 maggio 2010
Abstract Parlare di catalogo per ragazzi é sempre una sfida perché il tema mette in gioco tutta una serie di criticità e d...
Per chi facciamo il catalogo? <ul><li>L'opac non è uno strumento per i bibliotecari ma per gli utenti e va costruito in re...
Il catalog manifesto <ul><li>The library catalog is not ours. </li></ul><ul><li>MARC records are not books. </li></ul><ul>...
 
 
Nativi digitali  <ul><li>Cresciuti immersi nelle tecnologie </li></ul><ul><li>Always on </li></ul><ul><li>Multitasking </l...
Primo problema: <ul><li>I cataloghi sono fatti  </li></ul><ul><li>da immigranti per nativi  </li></ul>
Secondo problema Target troppo disomogeneo, abilità e necessità differenti Un catalogo per tutti o un catalogo a tutti? Un...
Aspetti da considerare <ul><li>Rappresentazione  del contenuto </li></ul><ul><li>Visualizzazione del contenuto </li></ul><...
1)Rappresentazione del contenuto <ul><li>Metadati e Dizionari controllati che parlino la lingua degli utenti (da dove trar...
Design cooperativo
Sebina Ragazzi
Che si fa? <ul><li>Siamo scarsini in semanticità... e se lasciassimo taggare a loro? </li></ul><ul><li>Attualmente i recor...
2)Visualizzazione del contenuto <ul><li>Un efficace design per bambini e ragazzi non vuol dire tanti disegni (diventa chil...
3)Accesso al contenuto <ul><li>Contenuti multimediali e a testo pieno </li></ul><ul><li>Perceptions of Libraries and Infor...
4)Condivisione del contenuto <ul><li>Sono arrivato alla fine e adesso lo voglio gridare al mondo e invece! </li></ul><ul><...
 
 
 
L’OPAC opaco <ul><li>Google non è il nemico, collaboriamo! </li></ul><ul><li>Il catalogo si opacizza e sparisce negli altr...
Analisi della letteratura
Chicago Public Library
 
I have a dream: <ul><li>Non devo imparare il bilioteconomichese </li></ul><ul><li>Ti trovo in google e nei media che uso <...
 
 
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Pensare a un catalogo per nativi digitali

1,237
-1

Published on

Corso Regionale | Opac, blOpac, socialOpac: da catalogo elettronico a strumento di cooperazione e social network
Trieste 14 maggio 2010

1 Comment
2 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total Views
1,237
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
30
Comments
1
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Pensare a un catalogo per nativi digitali

  1. 2. Il catalogo per i nativi digitali Valeria Baudo Treviso, 14 maggio 2010
  2. 3. Abstract Parlare di catalogo per ragazzi é sempre una sfida perché il tema mette in gioco tutta una serie di criticità e di problemi da risolvere. Non è facile né possibile pensare di creare uno strumento unico che sappia rispondere alle esigenze informative del bambino come dell'adolescente perché tra essi troppo differiscono abilità cognitive e modalità di comportamento. La modalità di visualizzazione del contenuto è l'aspetto su cui si concentrano la maggior parte delle realizzazioni attuali, nella convinzione che un design e una grafica accattivante siano sufficienti. In realtà si tratta solo di un aspetto del problema. La rappresentazione del contenuto ovvero la creazione di record che, nel rispetto delle regole catalografiche, siano in grado di parlare ai ragazzi, è il secondo punto che toccheremo nella relazione. La scelta dei punti di accesso e la personalizzazione della grafica possono essere sviluppate efficacemente con il diretto coinvolgimento dei ragazzi, come nell'esperienza dell'International children's digital library. Emerge infine anche una nuova istanza: quella della condivisione e socializzazione, ovvero della possibilità per gli utenti di fare sentire la propria voce all'interno del catalogo, ma anche di prendere i record catalografici e portarli nei social network e in tutti gli strumenti del web 2.0 che i nativi digitali frequentano molto di più delle biblioteche fisiche. Ci chiederemo infine se ha ancora senso pensare a un catalogo per ragazzi o se i nuovi opac, arricchiti, sociali e pensati per essere accessibili da dispositivi mobili piuttosto che dal tradizionale computer ci costringeranno a un profondo ripensamento del modo di comunicare il nostro patrimonio.
  3. 4. Per chi facciamo il catalogo? <ul><li>L'opac non è uno strumento per i bibliotecari ma per gli utenti e va costruito in relazione ai loro bisogni e non a nostra immagine e somiglianza </li></ul>
  4. 5. Il catalog manifesto <ul><li>The library catalog is not ours. </li></ul><ul><li>MARC records are not books. </li></ul><ul><li>Catalogs must speak the user’s language </li></ul><ul><li>The library catalog is ours. </li></ul><ul><li>http://schoolof.info/infomancy/?p=388 </li></ul>
  5. 8. Nativi digitali <ul><li>Cresciuti immersi nelle tecnologie </li></ul><ul><li>Always on </li></ul><ul><li>Multitasking </li></ul><ul><li>Visivi </li></ul><ul><li>Collaborativi </li></ul>
  6. 9. Primo problema: <ul><li>I cataloghi sono fatti </li></ul><ul><li>da immigranti per nativi </li></ul>
  7. 10. Secondo problema Target troppo disomogeneo, abilità e necessità differenti Un catalogo per tutti o un catalogo a tutti? Un catalogo per ghermirli e alla biblioteca incatenarli?
  8. 11. Aspetti da considerare <ul><li>Rappresentazione del contenuto </li></ul><ul><li>Visualizzazione del contenuto </li></ul><ul><li>Accesso al contenuto </li></ul><ul><li>Condivisione del contenuto </li></ul><ul><li>Quale contenuto per i nativi digitali? </li></ul>
  9. 12. 1)Rappresentazione del contenuto <ul><li>Metadati e Dizionari controllati che parlino la lingua degli utenti (da dove trarli? Come fare a implementarli?) </li></ul><ul><li>Punti accesso decisi dagli adulti </li></ul><ul><li>ICDL usa la metodologia </li></ul><ul><li>del design cooperativo </li></ul><ul><li>(cooperative inquiry) </li></ul>
  10. 13. Design cooperativo
  11. 14. Sebina Ragazzi
  12. 15. Che si fa? <ul><li>Siamo scarsini in semanticità... e se lasciassimo taggare a loro? </li></ul><ul><li>Attualmente i record sono muti e non trampolini di lancio </li></ul><ul><li>Chi è abituato da sempre a esperienza coinvolgenti sul web non può apprezzarli </li></ul>
  13. 16. 2)Visualizzazione del contenuto <ul><li>Un efficace design per bambini e ragazzi non vuol dire tanti disegni (diventa childish) </li></ul><ul><li>Problemi: </li></ul><ul><li>Abilità funzionali (lettura, digitazione, touch screen, no scrolling, preview dei risultati) </li></ul><ul><li>Sintassi di ricerca (booleani, stemming, linguaggio naturale) </li></ul><ul><li>Abilità e competenze (sviluppo intellettuale e emotivo) </li></ul>
  14. 17. 3)Accesso al contenuto <ul><li>Contenuti multimediali e a testo pieno </li></ul><ul><li>Perceptions of Libraries and Information Resources (2005) 1% usa sito biblioteca come punto di inzio </li></ul>
  15. 18. 4)Condivisione del contenuto <ul><li>Sono arrivato alla fine e adesso lo voglio gridare al mondo e invece! </li></ul><ul><li>Il record bibliografico non è nostro, facciamoci aiutare dagli utenti nella promozione </li></ul><ul><li>Apriamo i record alle integrazioni con altre applicazioni (riuso del dato bibliografico e sua integrazione) </li></ul>
  16. 22. L’OPAC opaco <ul><li>Google non è il nemico, collaboriamo! </li></ul><ul><li>Il catalogo si opacizza e sparisce negli altri media. </li></ul><ul><li>Mantenere l'interfaccia nativa e investire su di essa (magari con personalizzazioni) o puntare solo a farci trovare (anche se il nostro duro lavoro di catalogazione diventa invisibile?) </li></ul><ul><li>I nostri utenti hanno già rinunciato a parte dell'accuratezza per l'immediatezza dicendo siamo curati nel descrivere un libro li conquisteremo ? </li></ul>
  17. 23. Analisi della letteratura
  18. 24. Chicago Public Library
  19. 26. I have a dream: <ul><li>Non devo imparare il bilioteconomichese </li></ul><ul><li>Ti trovo in google e nei media che uso </li></ul><ul><li>Ti riuso, ti taggo, condivido (e ti faccio anche un gran piacere) </li></ul><ul><li>Ti ricordi di me, mi suggerisci cosa altro mi può piacere e le relazioni che posso costruire </li></ul><ul><li>Mi dai accesso (davvero!) ai materiali a testo pieno </li></ul>

×