Presentazione Ceschin Salviamo il Paesaggio, Difendiamo i Territori - FOGGIA

  • 1,004 views
Uploaded on

 

More in: News & Politics
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,004
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
2
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. WORKSHOPSTRATEGIA RIFIUTI ZEROPER LA CAPITANATAFOGGIA, 26 MAGGIO 2012
  • 2. C ONS UMO DIT E R R IT O R IONegli ultimi 30 anni è stato cementificatou n q u in t o d e ll’ It a lia :circa 6 milioni di ettari.Si continua a costruire, anche se ci sono10 m i l i o n i d i c a s e v u o t e .Si aggrediscono i s u o l i f e r t i l i , cherappresentano una risorsa preziosissima enon rinnovabile.
  • 3. C ONS UMO DIT E R R IT O R IOAnche non potendo fare affidamentosu d a t i c e r t i f i c a t i , sappiamoche il consumo di suolo è i nc o n t in u o a u m e n t o .Si stima che l’attuale superficieurbanizzata - già quasi di 2 milioni emezzo di ettari - c r e s c a d io lt r e10 0 . 0 0 e t t a r i l ’ a n n o .
  • 4. UN PARADOS S OS T R ID E N T EIn Italia vengono consumati mediamenteoltre 5 0 0 c h i l o m e t r i q u a d r a t id i t e r r i t o r i o a l l ’ a n n o (come se, alposto di un prato, ogni quattro mesi spuntasseun’area urbanizzata pari a quella di M ilano) e,nonostante questo, tante personerimangono senza casa perché non se lapossono permettere.
  • 5. DA NORD A S UDChi dovesse ritenere che il fenomeno siauna caratteristica intrinseca dello sviluppodel Nord del Paese, avrebbe unasorpresa: se la Pianura Padana ha subitoun consumo di suolo abnorme eincontrollato, M o l i s e , P u g l i a eB a s i l i c a t a stanno conoscendod in a m ic h e d i c r e s c it ap a r t ic o la r m e n t ea c c e l e r a t a delle superficiurbanizzate.
  • 6. IL F E N O M E N O INP U G L IAIn Puglia la situazione è di particolaredisagio poiché la maggior parte delletrasformazioni avviene a c a r i c od e i s u o li a g r ic o li e d e llec o s t e , andando a minare ecompromettere beni che finora hannorappresentato u n p a t r i m o n i od i i d e n t i t à , prima ancora cheeconomico.
  • 7. A TTE N TI A Q U E I D U E( P E R IC O L I)SI corre il pericolo di s v i l i r e i l f o r t ec a r a t t e r e r u r a le d e it e r r i t o r i , compromettendo ilpaesaggio nelle aree di maggior pregio(tra cui le coste) attraverso una produzionedissennata di seconde e terze case.E cementificando gli ultimi lembi liberi diterritorio, si finisce per aggredire anche l ez o n e a r is c h ioid r o g e o lo g ic o .
  • 8. LA C AUS A DELLAB ELLEZZAFenomeni insediativi informi, esteseperiferie diffuse, grappoli disordinatidi sobborghi residenziali e blocchicommerciali connessi da pesantiinfrastrutture stradali sono peraltroun’offesa al consorzio civile: siamoquotidianamente privati del benecomune più importante:LA B ELLEZZA
  • 9. B U T T IA M O I F A L S IPROB LEMIChe ciò avvenga abusivamente o conil benestare di piani regolatori, nellepieghe o nelle more di una burocraziaarretrata e dotata di strumentiobsoleti, alla carenza cronica dicontrolli, allinefficacia delle misuresanzionatorie, allincapacità disequestrare e demolire, aq u e s to p u nto è d e l tuttos e c o n d a r io .
  • 10. E A F F R O N T IA M OQ U E L L I V E R I…Esiste u n c o n n u b i os t r in g e n t e t r a c e m e n t oe r e d d i t i f a c i l i , che richiamale attenzioni delle economiesommerse, deviate, malavitose eprive di scrupoli, trascinando con sélegami nefasti con gli amministratoripubblici e le classi dirigenti locali inuna sorta di "m al affare d iffuso”.
  • 11. …c h e M I N A N O I LF U TU R O …Governare questi processi appartienealla strategia di un Paese e di unintero popolo, andando ad incideresulla d o m a n d a d i f u t u r o :quale prospettiva offrire allegenerazioni dalle quali abbiamopreso a prestito il territorio?
  • 12. …D E I N O S T R I F I G L I …Solo riappropriandoci dellorgoglio diappartenenza alla terra, delle matricirurali, delle tradizioni, della storialocale e delle sue economie,s a p r e m o d a r e r is p o s t aa l fu tu ro .Se smarrissimo li d e n t i t à d e il u o g h i consegneremmo a figli enipoti un grande disorientamento enuove prospettive di abbandono.
  • 13. …E D E L N O S T R OPAES ESe condanniamo oggi il paesaggio,sottraendoci al ruolo di iniettare fiducia etrasmettere amore e rispetto per la terra,mancando di investire nel "g e n iu sl o c i", nella qualità delle produzioni e delcapitale umano e sociale, s a r e m oc h ia m a t i u n g io r n o a da mme tte re d i a ve rd e c is a m e n t e f a llit o c o m eg e n e r a z io n e .
  • 14. F E R M IA M O ILC E M E N TOPer salvare il paesaggio e il territorio dalladeregulation e dal c e m e n t os e l v a g g i o , un aggregato diAssociazioni e Cittadini di tutta Italia hacostituito(a C assinetta di L ugagnano, nel 2011) ilF o r u m It a lia n o d e iM o v im e n t ip e r la T e r r a e il P a e s a g g io .
  • 15. Q U A N T I S IA M O ?D im e n s io n i d e l F o r u mN a z io n a le :697 organizzazioni aderenti di cui:69 Associazioni nazionali e628 comitati/associazioni locali.Ci sono oltre 11. 0 0 0 p e r s o n e chehanno aderito a titolo individuale.E 113 C o m i t a t i L o c a l i giàcostituiti.
  • 16. IL C O M IT A T O AF O G G IA
  • 17. F O G G IA C O N S U M A Dal 19 9 4 al 2005 a Foggia la percentuale di superficie impermeabile sul totale dell’area comunale è cresciuta d a l 6 . 3 a l 7 .4 .
  • 18. D IA M O I N U M E R ILa stima governativa (ISPRA) delc o n s u m o d i s u o lo p r o -c a p i t e vede Foggia crescere dal1994 al 2007da 203 a 245 m2 per abitante.Nello stesso periodo, l’indicatore dii n t e n s i t à d ’ u s o (ab/ha) èsceso verticalmente, dal 50.1 al 40.8.
  • 19. UNA DOMANDA…Il Comitato cerca risposte ad unadomanda divenuta impellente:E ̀ d avve ro così e sse nzialeaggiunge re ul riore ce m e nto e teasfal ne le nostre città e p ae si? to lNe a b b ia mo d a v v e r ob is o g n o ?
  • 20. IL C E N S IM E N T ODa qui nasce la prima campagnanazionale del Forum:la proposta di u n c e n s i m e n t ocapillare, in tutti i Comuni italiani, permettere in luce quante abitazioni equanti edifici produttivi siano giàcostruitima non utilizzati, vuoti, sfitti...
  • 21. C O N T IA M O C IÈ la precisa proposta di u nm e t o d o d i p ia n if ic a z io n eche andrebbe adottato perscongiurare che i piani urbanisticisiano realizzati lontano daib is o g n i e f f e t t iv i d e llec o m u n i t à l o c a l i e prevedanon u o v o c o n s u m o d i s u o lononostante l’ampia disponibilità
  • 22. U R B A N IS T IC A AC R E S C IT A Z E R OP o s s i b i l e ? I PUG a ”c r e s c it az e r o ” non ci spaventerebbero se solosapessimo:1. a quanto ammonta (in termini numericie di superficie) il patrimonio ediliziocostruito ma n o n u t i l i z z a t o ;2. sostenere la conversione dellaeconomia edile d a c o s t r u t t r i c e ar e s t a u r a t r ic e ;3. ovviare agli o n e r i d iu r b a n iz z a z io n e .
  • 23. C R E IA M O V A L O R EC OMUNEArrestare il consumo squilibrato dirisorse significa invertire la rotta,combattere il degrado alle radici,impedire la perdita di memoria ec r e a r e v a lo r e c o m u n e .E modificare il modello e lidea stessadi sviluppo, che non può e non deveessere ancora mutuato con lacrescita, se non culturale e sociale.
  • 24. S I Può FARE?Si può fare a partire dal basso: daiterritori, dalle comunità locali, daicampanili, dai quartieri e dalleparrocchie.Esiste una d i m e n s i o n es o c i a l e d o l c e , che fa pernosul d i r i t t o a l l a b e l l e z z a , cuinessuno deve essere chiamato arinunciare.
  • 25. R IP A R T IA M O D A N O ILa tutela del ”B e n e C o mu n e ” èentrata a far parte – con maturità econsapevolezza - delle priorità di tuttala cittadinanza italiana: si chiamiacqua, terra, suolo, ambiente,paesaggio, rifiuti, cibo, salute,lavoro…È tempo che entri anche nella agendapolitica.
  • 26. L A R IC C H E Z Z AD E L L A C R IS IUna politica di contenimento delconsumo di suolo orienta infine latrasformazione delle città e delterritorio verso lar iq u a lif ic a z io n e u r b a n a ,anche a fini energetici ed ambientali,attraverso il recupero e la sostituzioneedilizia, l’efficienza energetica, ladiffusione delle fonti rinnovabili, ilriuso e il riciclo.
  • 27. LA B ELLEZZA C IS A L VE R àOccorre dunque fare della b e l l e z z a edella q u a l i t à d e l l a v i t a un temache appartenga a tutte le forze sociali, chepermei i dibatti delle competizioni elettoraliamministrative, che fori il murodellomertà, che sfondi lipocrisia dellarendita di posizione, che trovi albergo neipiani dinvestimento delle istituzioni e delleimprese.
  • 28. LA B ELLEZZA C IS A L VE R àLa nostra b e l l e z z a e q u a l i t àd e l l a v i t a sono ammirate in tuttoil mondo.Non è un caso se l’economia turisticadella Puglia è passata in pochi annidal 3,4% al 7,8% della ricchezzaprodotta complessivamente,attraendo nel mese di agosto l’11%dei flussi turistici nazionali (quasisupera l’edilizia).
  • 29. LA B ELLEZZA C IS A L VE R àIl turismo è il risultato di politichepubbliche integrate: valorizzare ilpatrimonio ambientale, artistico,culturale, storico, tradizionale,paesaggistico - promuovendol’accoglienza in forme sostenibili erispettando la bellezza – è possibilec o m p e t e r e s u l p ia n od e lla m o d e r n it à e d e llac iv ilt à .
  • 30. G R A Z IE P E RL ’ A T T E N Z IO N E F e d e r ic o M a s s im o C e s c h in