• Save
B com 2013 | Si può vendere con i Social Media? Canali sociali aperti e canali chiusi, proprietari. Sono gli strumenti giusti per vendere in rete?_Claudio Gagliardini
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

B com 2013 | Si può vendere con i Social Media? Canali sociali aperti e canali chiusi, proprietari. Sono gli strumenti giusti per vendere in rete?_Claudio Gagliardini

on

  • 331 views

Workshop_18 aprile

Workshop_18 aprile

Statistics

Views

Total Views
331
Views on SlideShare
331
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
10
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    B com 2013 | Si può vendere con i Social Media? Canali sociali aperti e canali chiusi, proprietari. Sono gli strumenti giusti per vendere in rete?_Claudio Gagliardini B com 2013 | Si può vendere con i Social Media? Canali sociali aperti e canali chiusi, proprietari. Sono gli strumenti giusti per vendere in rete?_Claudio Gagliardini Presentation Transcript

    • Si può vendere coni Social Media?Canali sociali aperti e canali chiusi, proprietari.Sono gli strumenti giusti per vendere in rete?
    • Marketing Made inInternet a 360Una Digital Agency con 18 anni diesperienze, oltre 2.000 progettirealizzati e decine di professionisti chelavorano con grande passione.Abbiamo sede a Milano e operiamo intutta Italia con uffici in Veneto e inEmilia Romagna.
    • Cosa facciamo?• Strategie di Marketing Digitale• Progettazione e Disegno di Interfacce Digitali• Sviluppo Siti Web, Portali, Community e App• Produzione di Contenuti• Marketing sui Motori• Social Media Marketing• E-Mail Marketing• Brand Reputation• Mobile & App Marketing• Advertising online• Formazione [boraso.com academy]
    • Boraso.com S.r.l. (seV.le Abruzzi 79 - 20131Sede di MilanoViaArnesano 2,CiniselTel.02.92800700I NOSTRI SUCCESSI:I nostri successiRelatoreMarketing Made inInternet a 360
    • Lavoriamo su grandi progetti…
    • studiamo, facciamo, testiamo…
    • trasferiamo le ns esperienze…
    • facciamo crescere le aziende…
    • CREDITS: vincos.itDATI: Audiweb / Nielsen
    • Sintesi dei dati di audience onlineAudiweb Database gennaio 2013Il 2013 si apre con 29,6 milioni di utenti online da PC nel mese digennaio, con una crescita del 7% in un anno.Nel giorno medio si sono collegati 14,7 milioni di utenti (+10,2%),per un tempo medio per persona di 1 ora e 28 minuti, consultando143 pagine.
    • |…….…..….…....WEB 2.0…............|N.B. BLOGGER nasce il23/08/99 da "Pyra Labs".Nel 2003 viene acquistatoda Google.|…...MOBILE ERA..«Breve» storia del web sociale
    • CREDITS: weevermedia.com
    • I Social ele Aziende in Italia
    • Situazione fotografata prima dell’arrivo di GooglePlus, ma Facebook è ancora leader indiscusso.
    • Thetop100e-commercecompaniesinItaly[infographic]byCasaleggioAssociati.
    • F-COMMERCE• Trial, campioni di provamirati all’acquisizione dinuovi clienti.• Customer Loyalty,aumentare lafidelizzazione e laprobabilità che i clientitornino ad acquistare.• Customer Advocacy (o passaparola), i clientiacquistano e diffondonofeedback positivo afavore dell’azienda.• Customer Experiencepermette di integrare lestrategie di CRM ecustomer care in otticasociale.Social CommerceIntegrating Touch PointsCREDITS: tribalcafe.co.uk
    • CREDITS: blogmedia.eventbrite.com
    • Meglio un canale aperto a tutti, non di proprietàdell’azienda, oppure uno privato, in cui dati e utentisono di proprietà?dipende da cosa siamo, da quanto siamo conosciuti eamati dal nostro target, da cosa vendiamo, dai nostriobiettivi.Semplificando: siamo famosi e amati da tutti (es.Ferrari)? Allora possiamo permetterci un canale«chiuso» e privato su cui convogliare il nostropubblico.Vendiamo B2B componenti speciali per l’astronautica?Anche in questo caso è meglio pensare ad uncanale chiuso e proprietario.Per tutto il resto c’è Facebook e poco altro.Social aperto o piattaforma proprietaria?
    • La gente è lì, se i vostri prodotti / servizi sonoper un target vasto ed eterogeneo.• se vendeste scarpe e vi proponessero un belnegozio in centro, di grande metratura e suuna via trafficata e ad un prezzoragionevole, rifiutereste?• I social media sono piazze affollate di genteche si diverte e interagisce.• Verranno a comprare da voi se la vetrina èallettante, il personale è cortese, i prezzi sonoonesti e il vostro approccio è quello giustoVendere non deve essere la vostra priorità, inquesti p.v. Tutti i grandi brand sono in perdita,nei loro negozi più belli…Social network «mainstream», perché?
    • Perché un’azienda di nicchia su un social«aperto» fa fatica a trovare il suo target• voi non vendete a tutti e i vostri prodotti /servizi non sono per tutti. Perché perderetempo sulla piazza affollata?• Se siete «belli e famosi» e tutti vi cercano,perché la piazza e non un privèe esclusivo?• meglio un canale chiuso e proprietario e cheper entrare la gente faccia la fila all’ingresso easpetti la vostra selezione.Si tratta di un grande investimento, ma ilritorno? Molto prima e molto meglio chesui «canali aperti», che comunque nonfanno per voi.Social network «corporate», perché?
    • Immaginate un negozio, tanti chilometri distrade e piazze affollate e autobus, taxi eveicoli pieni di gente…• Il vostro sito è il negozio (se non lo è dovetefarcelo diventare in fretta).• Le strade sono i chilometri di «incroci della rete»e i motori di ricerca, che non necessariamentehanno indicazioni per arrivare al vostro negozio.• Bus, taxi e vetture sono i social media e tuttigli altri mezzi in grado di portare i clienti nelvostro negozio.NB: strade e mezzi di trasportoservono per muovere utenti, non perriempirli di pubblicità!Ma questi Social network servono a…
    • Sui Social è difficile vendere, come lo è inmetro o in autobus.• Per vendere sui social servono App,ADV e strategie mirate, ma nonpuntate tutto e solo sulla vendita.• I social servono per approcciare il target,per comprendere di cosa abbia bisogno e cosagli interessi e per portarlo verso il nostronegozio. In modo cortese e discreto. Ascoltate,valutate, rispondete. DIALOGATE.• Non tutti i mezzi sono uguali. Ciascuno ha le suecaratteristiche, il suo target, i suoi pregi e i suoilimiti, che non si debbono ignorare.1. Consapevolezza2. Interesse3. Desiderio4. Azione5. Fedeltà6. AppoggioA I D AI Social network, sono solo dei mezzi?
    • Febbraio 2004: Facebook cambia le regole del webGià alla fine degli anni ‘90 il web era in trasformazione, ma nellaprima metà dei 2000 Facebook impone definitivamente il modello«sociale», basato sulla condivisione, conversazioni e relazioni tra gli utenti.• 2010 il LIKE è il nuovo paradigma e alla «statusfera» si affianca la«likosfera», aprendo le porte alla «social search» e introducendo nuovemetriche per il gradimento dei contenuti (da fan a liker).• Dopo Facebook anche i più scettici (Google?) hanno compreso che lastrada del «search» non era quella (+) giusta e che i motori, da soli,non avrebbero potuto gestire miliardi di informazioni e restituirle agliutenti in modo soddisfacente.L’utopia del web semantico passa attraverso le persone,non più solo attraverso macchine e intelligenza artificiale.Perché Facebook ha cambiato tutto?
    • Facebook: è l’oggi, il grande acquario pieno di pescidi ogni dimensione, razza e colore. Se siete orientativerso un social «aperto» questo è il vostro canale,ora.Google Plus: è senza dubbio il futuro, dapraticare e imparare oggi, per esserecompetitivi domani.G+ è un grande progetto che prefigura glisviluppi e le opportunità che fra 1/2 anni tuttisapranno apprezzare.Le sue cerchie sono già oggi un incredibilestrumento di personal branding e siinterfacciano in modo perfetto construmenti quali gmail e calendar.Quale canale social «mainstream» scegliere?
    • Semplifico: LIKE ha fatto la fortuna diFacebook, l’hashtag quella di Twitter: dove puòarrivare una piattaforma che li ha entrambi emolto di più?Un social con tutto il meglio delle migliori piattaforme, macon un’intuizione in più: le cerchie, molto più efficaci delleliste di FB e TW e molto più «virali», grazie alla loropossibile condivisione.Google Plus non è un social network, ma lapiattaforma più completa che il web abbia maiconosciuto.Profilazione utenti ai massimi livelli, integrazione con tuttigli strumenti Google, hashtag, +1, temi caldi, pagine socialie aziendali, pagine local, eventi… live, HANGOUT !Search, plus Your WorldEVENTI LIVEPerché Google Plus è il futuro?
    • Né amici né follower; la forza dellecerchie viene da Gmail, passa per Buzz eWaves (fail «tattici») ed esplode in G+Project, che unisce tutti gli strumentidel web in una sola piattaforma.communitiesGoogle Plus, la forza è nelle cerchie(e non solo…)
    • Dato da prendere con le molle, ma di grandeimpatto. In soli 24 giorni G+ ha totalizzato 20milioni di utenti e la sua crescita è molto rapida,nonostante le apparenze. Nell’arco di 1/2 annisarà a livelli paragonabili a Facebook.Un vero progetto perun nuovo web, questoè Google Plus!Google Plus, crescita e futuro
    • E se invece…(o in sinergia)
    • Boraso.com ha scelto la piattaforma MEEMI,100% italiana e con molti anni di esperienzaalle spalle.Nata come social network «duro e puro», MEEMI siè evoluta nella direzione delle communitytematizzate e del social networkingaziendale, attraverso la creazione di piattaformedi condivisione, verticalizzate e geolocalizzate.La partnership con MEEMI, ci permette di offrirealle aziende un canale social proprietario, sicuro,customizzato secondo le richieste e le necessità.Your Brand, Your Customers,Your WorldCanale social «corporate»: cosa scegliere?
    • Uno strumento inmano all’azienda,che conosce le sueesigenze e il suotarget.Il Social privato, condentro gli utenti cheservono davvero, nondei numeri inutili!Cos’è MEEMI?
    • Solo un esempio…
    • Il progetto MEEMI racchiude in se la potenza del social networkinge del microblogging per le aziende, i brand e la communitypersonalizzate.Sulle piattaforme MEEMI, ogni contenuto è geo-localizzato ed ognilocalità inserita presenta una propria pagina riassuntiva* dove vengonocondivisi in automatico:• Contenuti condivisi in quella località o nei dintorni• Utenti presenti nei dintorni di quel punto di interesse• Checkin: possibilità di dire a tutti “Hei! Ci sono anche io qui”Uno strumento di comunicazione, realizzato su misura per ogni cliente,per agevolare lo scambio di informazioni, contenuti multimediali,documenti ed emozioni tra utenti.*utile agli advertisers che possono targettizzare i loro annunci e agli utentiche possono scoprire nuovi amiciCaratteristiche delle piattaforme
    • • Google sta riscrivendo la storia del web,mettendo al centro gli utenti e le lorocompetenze, passioni e gusti. Google Plus(Search, plus Your World).• Facebook punta sullo storytelling, con la suanuova timeline, anche sulle brand page.Engagement + ADV!• Social Search, Social Commerce. Al centrodi tutto gli utenti e gli argomenti, topics.• Liste e cerchie, pagine, community e hashtagsono le nuove directory. Personal branding econtent curation si incrociano in un nuovoecosistema.Dove sta andando il web?
    • • Social Integration, sempre più integrati con i siti aziendali.• Il Social CRM (Customer Relationship Management) si faràstrada tra le grandi aziende.• Il Social Commerce spopolerà sui device mobili.• Aumenteranno budget e investimenti in Social MediaAdvertising. Utenti sempre più profilati – CONTEXT ADS.• La Content Curation rappresenterà una strada maestra,per la comunicazione online (Scoop, Pinterest).• Il Social Gaming continuerà a crescere.• La Geolocalizzazione avrà sempre maggior riscontro.• L’interazione tra Social e TV sarà sempre più perseguita.• Le News e le App saranno sempre più Social.• Il Community Management non sarà più sufficiente,servon Apps & ADS.Le tendenze per il 2013
    • • La rete ha cambiato il mondo in meno di 30anni, ma i prossimi 5 vedranno icambiamenti più eclatanti!• Il mobile è già realtà, ma nuove sfide sonoalle porte, con utenti sempre connessi.• La AR (Augmented Reality) sta perdare il via a una nuova RIVOLUZIONEinsieme ad altre tecnologie.• Il mondo reale e la c.d. Realtà Virtualesi toccano e si sovrappongono!Una nuova rivoluzione?
    • • Geolocalizzazione egeoreferenziazione.• Nuovi device e applicazioni(wereable computing).• AR (Augmented Reality).• Internet degli oggetti / domotica.• Nuove fonti di energia e nuovimateriali• Smart Cities & Smart Citizens: ilWEB al centro di ogniopportunità e motore di tutte letecnologie!Nuovi orizzonti tecnologici
    • AR - Augmented Reality
    • Il Web sta convergendo verso strumenti e tecnologie che agevolinola condivisione, la collaborazione tra gli utenti e la creazione,organizzazione e fruizione collettiva di informazioni e dati.I Social Network che oggi conosciamo non sono altro che «palestre»in grado di allenare gli utenti a nuove dinamiche sociali:• Società liquida / società in rete• Smart Cities / Smart Citizen• Economia postconsumisticaFrequentare oggi la palestra dei Social Media e iniziare a «vendere» su questicanali è prerequisito fondamentale per le aziende, per garantirsispazio vitale e competenze nel web che sta bussando alle porte,rappresentazione dinamica di un nuovo modello di società e di business.A voi la scelta…Conclusioni
    • claudio.gagliardini@boraso.com - TWITTER: @Cla_GagliardiniClaudio Gagliardiniweb marketing specialist