Your SlideShare is downloading. ×
2011   BTO Educational goes to   Words World Web   Sabato 21 Maggio 2K11   Firenze, Terra Futura   A conversare delle pers...
Words World Web    A Firenze, Fortezza da Basso    VIII^ edizione di Terra Futura    Palazzina Lorenese    Sabato 21 Maggi...
Viaggiare lento, sostenibile ma anche tech    Palazzina Lorenese, Fortezza da Basso    A Firenze, dentro Terra Futura    S...
Un po’ di informazioni su persone e progetti che ospitiamo sabato 21 Maggio.    Via di Francesco    Difficile spiegare cos...
Parco Minerario Naturalistico di Gavorrano    Da wikipedia    Il Parco Naturalistico Minerario di Gavorrano prende origine...
Le attività legate allo sfruttamento e alla cura del suolo vengono marginalizzate rispetto a quelle legate allo    sfrutta...
Filippo Lenzerini sul turismo di comunità    Il turismo di comunità:    un moderno modo di valorizzare le tradizioni, una ...
Il turismo di comunità è, secondo Filippo Lenzerini, una forma di sostenibilità silenziosa, perché non ha    marchi, né ce...
Terre del Piceno    Terre del Piceno è un progetto che prevede la realizzazione di un portale per la promo -    commercial...
E’ quindi sempre più necessario rimodulare le strategie di marketing, puntando essenzialmente su due    aspetti:        · ...
Link     Il programma completo di Words World Web     Un post di Luca Conti, Direttore Scientifico di Words World Web     ...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Words World Web 2011 - BTO Educational goes to

786

Published on

Words World Web
A Firenze, Fortezza da Basso
VIII^ edizione di Terra Futura
Palazzina Lorenese
Sabato 21 Maggio 2K11
dalle 15.00 alle 16.30

http://www.btoeducational.it/index.php?wowowe

Published in: Education, Technology, Travel
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
786
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Transcript of "Words World Web 2011 - BTO Educational goes to"

  1. 1. 2011 BTO Educational goes to Words World Web Sabato 21 Maggio 2K11 Firenze, Terra Futura A conversare delle persone che cercano nel loro viaggio la lentezza, di sostenibilità, del valore della condivisione Inquadra con il tuo SmartPhone il QRCode e entra su SlideShare di BTO Educational Robert Piattelli Co-founder BTO Educational Versione 1.1 19 Maggio 2011
  2. 2. Words World Web A Firenze, Fortezza da Basso VIII^ edizione di Terra Futura Palazzina Lorenese Sabato 21 Maggio 2K11 dalle 15.00 alle 16.30 #wowowe BTO Educational e Agenzia per il Turismo della Maremma tornano a parlare di viaggiare, più in particolare del rapporto tra turismo e sostenibilità, ospiti di Words World Web di Zoes.it , promosso da Fondazione1 Culturale Banca Etica e Fondazione Sistema Toscana La Maremma è un laboratorio perfetto per un percorso d’indagine su quest’argomento: lo abbiamo iniziato più di un anno fa durante gli Stati Generali del Turismo, proseguito con Internet Better [sustainable] Tourism dentro l’ultimo ToscanaLab a Massa Marittima e con L’Andana PM ’15 a Castiglione della Pescaia del 15 e 16 Aprile, passando per un survey in collaborazione con Trivago. L’occasione del Words World Web diventa un’ulteriore tappa dell’indagine: sabato 21 Maggio, a Firenze nella coerente cornice di Terra Futura, abbiamo coinvolto qualche persona per aiutarci in una conversazione con il pubblico a capirci qualcosa di più. Il tema è la lentezza nel viaggio shakerata con la tecnologia, intesa come fattore abilitante per tenersi in contatto con le persone dei propri network sociali prima, durante e dopo le proprie esperienze di viaggiatori. Un progetto Inside
  3. 3. Viaggiare lento, sostenibile ma anche tech Palazzina Lorenese, Fortezza da Basso A Firenze, dentro Terra Futura Sabato 21 Maggio 2K11 dalle 15.00 alle 16.30 A conversare delle persone che cercano nel loro viaggio la lentezza, di sostenibilità, del valore della condivisione Coordinano: Robert Piattelli – Co-founder BTO Educational Francesco Tapinassi – Direttore Agenzia per il Turismo della Maremma2 Nella conversazione con il pubblico: Gigi Bettin – Via di Francesco di Regione Umbria Alessandra Casini – Direttore del Parco Minerario Naturalistico Gavorrano Filippo Lenzerini – Founder acquistiverdi.it, past Responsabile Sviluppo Socio-Economico Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano Luca Marcelli – Founder Terre di Piceno Da quattro osservatori privilegiati, uno sguardo sul profilo di questo viaggiatore un po’ strano, che vive la propria esperienza di viaggio lentamente, molto attento all’impatto che i suoi comportamenti da ospite hanno sull’ecosistema che attraversa come turista, ingaggiabile con un’offerta coerente con i suoi valori di riferimento [sostenibilità], ma anche molto connesso con il proprio network sociale, quindi tecnologico e avido di tecnologia. Un progetto Inside
  4. 4. Un po’ di informazioni su persone e progetti che ospitiamo sabato 21 Maggio. Via di Francesco Difficile spiegare cosa sia la Via di Francesco, la risposta migliore è “mettersi uno zaino in spalla e fare il primo passo per scoprirlo da sè”. Molti dei pellegrini e camminatori che lhanno già percorsa hanno lasciato nei loro diari e nelle loro immagini alcune indicazioni di cosa ha rappresentato per loro camminare a piedi nella terra di Francesco dAssisi:  un viaggio secondo natura, ossia una forma di turismo lento a basso impatto ambientale;  un cammino meditativo con lo spirito del pellegrino e sulle orme del pellegrino perfetto;  un viaggio in Italia: seguendo i passi di Francesco, santo patrono dItalia, si scopre larte di vivere degli italiani e dellUmbria ( gastronomia, arte, cultura, creatività, poesia, gioia, generosità e grande3 capacità di condivisione);  un viaggio nella storia, nelle tradizioni e nellarte del Medioevo;  un nuovo stile di viaggio basato sul cammino a piedi nella terra dove con Francesco dAssisi è nato il più alto modello di convivenza tra Uomo e Natura;  un cammino ancora giovane da migliorare insieme agli utenti del web grazie anche ai racconti, consigli e suggerimenti che gli amici del cammino lasciano sulla pagina FaceBook Gigi Bettin bettingigi@gmail.com www.facebook.com/viadifrancesco Un progetto Inside
  5. 5. Parco Minerario Naturalistico di Gavorrano Da wikipedia Il Parco Naturalistico Minerario di Gavorrano prende origine dalla volontà di non dimenticare lattività mineraria che ha caratterizzato il territorio e la vita di tante generazioni di Gavorranesi. Un progetto che coinvolge il territorio comunale di Gavorrano al fine di tutelare i siti di maggiore rilevanza mineraria di miniere ormai dismesse. Oggi il Parco Minerario Naturalistico di Gavorrano rappresenta un tassello di un progetto più ampio che coinvolge lintero territorio delle Colline Metallifere: il Parco tecnologico archeologico delle colline metallifere grossetane.4 Allinterno del Parco di Gavorrano si trovano quindi gli abitati di Gavorrano e Ravi attualmente collegati da un complesso sistema minerario (più di cento chilometri di sviluppo di cantieri e gallerie) realizzato a partire dalla fine del XIX fino agli anni ’80 del XX secolo e finalizzato alla coltivazione del minerale di pirite (solfuro di ferro). I giacimenti di pirite sono stati coltivati in lenti o corpi di forma irregolare posti al contatto tra una roccia intrusiva quarzomonzonitica (granito) e il Calcare Cavernoso. L’elemento caratterizzante del territorio è, quindi, l’attività estrattiva che ha lasciato tracce straordinariamente significative, a livello europeo, per la storia della tecnica e delle attività minerarie e per la storia sociale. Il modello insediativo di questo territorio, infatti, ha subito una trasformazione radicale proprio a causa della nascita di questa nuova attività. Agli abitati di sommità, resti di una dinamica insediativa medievale, e alle strutture poderili, risultato della politica delle bonifiche e del popolamento delle campagne del XIX e della prima metà del XX secolo, si sovrappongono in maniera decisa le strutture legate alla produzione mineraria e i villaggi operai. Un progetto Inside
  6. 6. Le attività legate allo sfruttamento e alla cura del suolo vengono marginalizzate rispetto a quelle legate allo sfruttamento delle risorse del sottosuolo. Oggi il paesaggio storico del territorio di Gavorrano è profondamente segnato dalla presenza di numerosi castelli minerari, di grandi cave a cielo aperto, di resti di strutture per trattamento del minerale (laverie, dorr), di discariche, di pilastri delle teleferiche per il trasporto del minerale e di veri e propri villaggi minerari. Alessandra Casini parcominerario@comune.gavorrano.gr.it www.parcominerario.it5 Un progetto Inside
  7. 7. Filippo Lenzerini sul turismo di comunità Il turismo di comunità: un moderno modo di valorizzare le tradizioni, una sostenibilità ambientale silenziosa ma percepibile (tratto dal Piano per lo sviluppo socio-economico sostenibile del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco - Emiliano) “Il turismo di comunità si è recentemente sviluppato in Italia a partire da alcuni borghi, ancora autentici ed integri, dell’Appennino centro-settentrionale (vedi i Briganti di Cerreto) con lo scopo di coinvolgere la collettività in tutte le sue forme organizzate, pubbliche e private, nel promuovere e mettere in pratica lo sviluppo sostenibile turistico del territorio. Questa originale offerta turistica coinvolge tutta quella parte di popolazione di un borgo o di una valle che è6 disponibile a qualificare e arricchire l’accoglienza e l’ospitalità del proprio territorio, offrendo esperienza, competenza e testimonianza della cultura materiale del luogo, come vecchi mestieri, tradizioni, gastronomia tipica, produzioni locali di qualità, artigianato tradizionale. E’ tutta una Comunità che si impegna a prendere per mano il turista in questo percorso di conoscenza e condivisione di una “vacanza” nel proprio borgo, nella propria valle. Al centro del turismo di comunità ci sono quindi le esperienze di vita ed il lavoro quotidiano di chi risiede nel borgo o nella valle, come quella di tanti agricoltori, allevatori, artigiani, imprenditori turistici, in bilico tra tradizione e modernità, tra passato e futuro; esperienze che potranno, grazie al turismo di comunità, non solo essere scoperte e valorizzate dai turisti, ma diventare capitale fisso di un’economia sostenibile di cui beneficerà tutta la comunità, generando attorno ad esse consenso, solidarietà e supporto concreto al loro proseguimento. Il turismo di comunità utilizza spesso come offerta di ricettività (non esclusiva) l’albergo diffuso, ovvero unimpresa ricettiva alberghiera situata in un unico centro abitato o in più borghi limitrofi, formata da più stabili (camere in case private, interi appartamenti, strutture ricettive tradizionali), con gestione unitaria e in grado di fornire servizi comuni (ristorazione, accompagnamento, attività) a tutti gli ospiti.” Un progetto Inside
  8. 8. Il turismo di comunità è, secondo Filippo Lenzerini, una forma di sostenibilità silenziosa, perché non ha marchi, né certificazioni, né slogan di comunicazione ambientale. Tuttavia chi vive un esperienza di turismo di comunità sente fortemente di essere all’interno di un progetto sostenibile, perchè il visitatore viene accolto da una comunità, che “resiste” in armonia con un territorio dove la natura è prevalente, che gli offre le sue quotidiane eccellenze (cibi, paesaggi, natura, tradizioni, due chiacchiere…) senza edulcorazioni, facendolo alloggiare dove meglio può, anche nelle proprie case, mangiando affianco a lui: questi elementi, credo, rendano impossibile non percepire un senso di vera “compatibilità ambientale” , anche rispetto a destinazioni eco-certificate, ma pensate appositamente per accogliere e intrattenere turisti. Filippo Lenzerini filippo@punto3.info www.acquistiverdi.it7 Un progetto Inside
  9. 9. Terre del Piceno Terre del Piceno è un progetto che prevede la realizzazione di un portale per la promo - commercializzazione dellofferta turistica, enogastronomia e artigianale della Provincia di Ascoli Piceno. Lobiettivo è di riuscire a valorizzare le peculiarità del territorio (la sua identità) attraverso laggregazione dellofferta. Lidea di realizzare un portale nasce dalla consapevolezza, che la Provincia di Ascoli Piceno, possiede delle potenzialità enormi in ambito turistico non ancora sfruttate e valorizzate al meglio. Diversi sono fattori tra i quali il più importante è la totale assenza di una governance del territorio che non permette laggregazione dellofferta. Oggi la domanda turistica risulta estremamente complessa e articolata; allo stesso modo il prodotto finale8 che si vuole offrire al turista dove essere il risultato della combinazione di molteplici fattori che tutti insieme contribuiscono a formare la proposta turistica finale. Il settore turistico vede l’azione simultanea di più soggetti (pubblica amministrazione, Apt, Stl, agenzie, alberghi, trasporti, ristoratori, ecc.) dalla loro capacità di interconnessi e di collaborare dipende il successo dell’intero pacchetto turistico. Aggregando l’offerta, si va a delineare così il concetto di marketing turistico integrato: attraverso iniziative portate avanti da operatori privati e pubblici, in forma coordinata, per raggiungere obiettivi comuni. Il tutto va concepito ed effettuato con l’obiettivo finale della soddisfazione del cliente/ turista. La globalizzazione dei mercati comporta, anche per il turismo, una più accentuata competitività delle destinazioni turistiche. Un progetto Inside
  10. 10. E’ quindi sempre più necessario rimodulare le strategie di marketing, puntando essenzialmente su due aspetti: · saper cogliere in anticipo le istanze della domanda · puntare sull’identità dei luoghi come motivo di richiamo · utilizzare la rete per la promozione turistica Al turismo è demandato il compito di valorizzare i luoghi, di stimolare lo sviluppo di nuove attività. L’utenza turistica può diventare un’opportunità economica per diversi settori economici (dall’agricoltura, al commercio e all’artigianato) e nello stesso tempo un momento per ripensare gli spazi e le funzioni dei piccoli centri. Luca Marcelli9 luca.marcelli1980@gmail.com Un progetto Inside
  11. 11. Link Il programma completo di Words World Web Un post di Luca Conti, Direttore Scientifico di Words World Web Il website di Terra Futura Il website di Zoes Words World Web sul website di BTO Educational #wowowe10 Un progetto Inside

×