Rodolfo Baggio - BTO delle Isole

  • 583 views
Uploaded on

BTO - Buy Tourism Online …

BTO - Buy Tourism Online
Edizione delle Isole
24 e 25 Maggio 2010
Portoferraio, Isola d'Elba
Centro Culturale De Laugier

www.btoeducational.it

Rodolfo Baggio
Università Bocconi
Master in Economia del Turismo &
Centro Dondena per la Ricerca sulle Dinamiche Sociali
rodolfo.baggio@unibocconi.it

Nato a Napoli si è laureato in Fisica a Milano. Si è occupato professionalmente di informatica in diverse aziende, in Italia e all’estero, specializzandosi in progettazione di sistemi informativi e formazione manageriale. E’ docente di Informatica presso l’Università Bocconi di Milano, coordina l’area di Sistemi Informativi e Tecnologie di Comunicazione al Master in Economia del Turismo della stessa Università ed è research fellow al Dondena Center for Research on Social Dynamics. Ha svolto ricerche e pubblicato lavori nel campo delle tecnologie per il turismo. Ha tenuto corsi e conferenze in università italiane e straniere. Attualmente si occupa dell’applicazione delle teorie del caos e della complessità e dell’analisi di reti alle destinazioni turistiche. Su questo tema ha conseguito un dottorato (PhD) presso la School of Tourism, dell’Università del Queensland, Australia.

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
583
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
38
Comments
0
Likes
3

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide
  • problema che ci sta di fronte è incredibile aumento di info… lo che facciamo oggi non basta più. che ci aspetta? back to the beginning…
  • da 2.5 milioni di anni la + importante innovazione tecnologica è linguaggio motore di sviluppo della civiltà, almeno per come la intendiamo noi oggi
  • e linguaggio ha assecondato una caratteristica fondamentale dell’homo sapiens la socialità
  • socialità si esprime così
  • ma a volte così. per strada li condanniamo, ma in alcuni ambiti questa sembra essere la norma concorrenza… ma troppa fa male e qualcuno già parla di destructive competition Margaret Mead (1937) The tragedy of the commons: dilemma described by Garrett Hardin (Science, 1968). Situation in which multiple individuals, acting independently, and solely and rationally consulting their own self-interest, will ultimately deplete a shared limited resource even when it is clear that it is not in anyone's long-term interest for this to happen. Teoria? vedi desertificazione per overgrazing nelle great plains americane negli anni 30 (Texas?) e quasi estinzione dei ricchissimi banchi di merluzzi in Terranova e Labrador (ultimi 50 anni). Ostrom has demonstrated the existence of social control mechanisms that regulate the use of the commons without having to resort to property rights. Cioè cooperare si può ed è vantaggioso
  • se guardo l’Elba così rischio di non capire e di cadere nell’assunto che “la verità vince” e allora devo usare un’altra rappresentazione …
  • fra “ognuno per i fatti suoi” e tutti insieme appassionatamente si può trovare un equilibrio che massimizzi/ottimizzi benefici e costi
  • tanto per far vedere che non dico cose fuori dal mondo… ecco alcuni esempi

Transcript

  • 1. Turismo, Tecnologie e Reti Rodolfo Baggio Università Bocconi Master in Economia del Turismo & Centro Dondena per la Ricerca sulle Dinamiche Sociali [email_address] Isola d’Elba, 24 Maggio 2010
  • 2. Peter Steiner , The New Yorker, July 5, 1993 (Vol.69, no. 20, p. 61) everyone will know if you’re a dog
  • 3. Then you better start swimmin' Or you'll sink like a stone For the times they are a-changin’ Bob Dylan
  • 4. Da dove veniamo, chi siamo, dove andiamo P. Gauguin (1897)
  • 5. William Gibson
  • 6.  
  • 7.  
  • 8.  
  • 9.  
  • 10.  
  • 11.  
  • 12.  
  • 13. Onde si fa manifesto, che la città è infra le cose che son per natura; e così che l'uomo è per natura animale sociale … Aristotele (384-322 BC)
  • 14.  
  • 15.  
  • 16. Aziende, mercati, prodotti
    • Interazione sociale e fiducia sono correlate in maniera significativa con l’intensità di scambi interorganizzativi di risorse che, a sua volta, ha un effetto significativo sull’innovazione di prodotto [Tsai, 1998]
    • Gli economisti hanno sostenuto a lungo che la crescita economica è causata da quella della conoscenza e che le “ arti creative ” producono conoscenza [Potts, 2008]
    • Il coordinamento di attività cooperative nelle reti turistiche è un prerequisito per il miglioramento del processo di creazione del valore e per la costruzione di identità di marca nella rete [Perry-Smith, 2003]
    • Tecnologie, conoscenza e reti rappresentano un insieme unico di fattori per alimentare l’innovazione […] e che possono dare a un’azienda la capacità di dirigere le sue risorse verso le future (e ancora inespresse) esigenze dei clienti [Kandampully, 2002]
  • 17.
    • How Much Information is There in an Economic Organization and Why Can't Large Ones be Optimal? De Vany, A. (1998). Brazil. Electr. J. Econ. 1(1)
    • … possiamo dimostrare un teorema di "impossibilità“ […] sostenendo che organizzazioni “grandi” non possono essere ottimali e realizzabili in tempi finiti.
    • On the advantages of information sharing Lachmann, M. et al. (2000). Proc. R. Soc. Lond. B, 267: 1287-1293
    • … la condivisione di informazioni può portare ad aggregati nei quali gli individui ricevono più informazione sul loro ambiente e i costi per ottenerla sono minori. …
  • 18. Fattori critici
    • Capacità di sviluppare e realizzare efficaci strutture decisionali, informative e comunicative interorganizzativi
    • Capacità di creare e incrementare absorptive capacity in modo da facilitare l’apprendimento ad alto livello, la reciprocità e la trasparenza
    • Capacità di coordinare la rete in modo da rafforzare l’impegno verso l’identità del gruppo degli stakeholder
  • 19. Amleto: Atto I, sc. V
  • 20.  
  • 21. Il Web
  • 22. Un modello: bow-tie (papillon) Probabilità di trovare un cammino fra due nodi scelti a caso  24% IN SCC OUT
  • 23. Studiare il Web
    • Per comprendere e ottimizzare:
    • crawling & search (PageRank, SALSA, HITS, …)
    • identificazione di comunità / gruppi
    • classificazione e organizzazione di informazioni
    • sociologia della creazione di contenuti (e i meccanismi di creazione di prestigio, fiducia, ecc…)
    • riconoscimento e filtraggio di spam
    • comportamenti degli utenti in navigazione
    • data mining
  • 24. Come raggiungere un sito
  • 25.  
  • 26. Presenze (1954-2009) Tot Ita Int
  • 27.  
  • 28. Elba Web
  • 29. PageRank (siti Elba)
    • Distribuzione “casuale”
      • resto del Web mostra legge di potenza
    • Valore medio: 2.85  0.11
      • scala: 0 [min] …10 [max]
    • Valore basso  bassa visibilità dei siti sul Web
  • 30. La navigazione in Rete … Cerco una destinazione e trovo un sito Consulto il sito, voglio vedere di più Trovo un nuovo sito Scelgo uno dei link e lo seguo Ci sono link? SI NO
  • 31. La navigazione in Rete …
    • Un modello semplificato:
    • Parto da un nodo scelto a caso sulla rete
    • Scelgo a caso un link e lo seguo
    • Continuo finché posso
      • poi assumo un cambio di destinazione
    • Random walk (RW): cammino casuale
      • misure: lunghezza media, num. cammini = 0
  • 32. Modifiche alla rete
    • Crescita per aggiunta di link
    • Misure di RW sulle reti
    • Confronto dei risultati con le caratteristiche topologiche delle reti
      • es.: diametro (max cammino medio)  “usabilità” della rete
  • 33. Random Walks Anche un piccolo aumento dei link (  15%) porta a ottimi risultati Link +15.5%
  • 34. Efficienza
    • In una rete:
      • efficienza globale
        • capacità del sistema di trasferire informazione quando tutti i nodi trasmettono in parallelo
      • efficienza locale
        • capacità del nodo di trasferire informazione quando i nodi trasmettono in sequenza (singolarmente)
    • L’efficienza dipende dal numero dei collegamenti e dalla struttura della rete (modularità, ecc. …)
      • ovviamente esiste un costo associato alla formazione dei link e al loro utilizzo (es.: trasmissione)
  • 35. Collaborazione ed efficienza Obiettivo: bilanciare efficienza del “singolo” e del sistema considerando i costi Costo Eff glob Eff loc “ Separazione” delle comunità “ Separazione” delle comunità Benefici/Costi Max/Optim
  • 36. William Gibson
  • 37.  
  • 38.  
  • 39.  
  • 40.  
  • 41.
    • Our real-time search features are based on more than a dozen new search technologies that enable us to monitor more than a billion documents and process hundreds of millions of real-time changes each day.
    • We have also made some new strides with mobile search. Today's sensor-rich smartphones are redefining what "query" means. Beyond text, you can now search by a number of new modes including voice, location and sight - all from a mobile device.
    • As we've written before, search is still an unsolved problem and we're committed to making it faster and easier for people to access a greater diversity of information, delivered in real-time, from across the web.
  • 42.  
  • 43.  
  • 44.  
  • 45.  
  • 46.  
  • 47. Standard
      • vocabolario standard + protocollo di comunicazione + formato standard
      • hotel, albergo, locanda, ostello, pensione, relais, motel, rifugio, …
  • 48.  
  • 49.
    • Azienda
    • Fatturati
      • Espansione mercati & operazioni
      • Strategie di distribuzione (focus su distribuzione diretta)
      • Yield/Revenue Management
    • Costi
      • Integrazione interna dei sistemi
      • Disintermediazione
      • Gestione della supply chain
    Cliente Personalizzazione / CRM Consapevolezza di luogo/contesto/atmosfera Maggiori esigenze e attenti alla soddisfazione Proattività/capacità di anticipazione Integrazione Distribuzione Organizzazioni virtuali Interoperabilità Outsourcing (ASP/SaS)
  • 50. Tempo Oggi il tempo è diventato una variabile fondamentale e la velocità è un paradigma Non basta sapersi adattare … bisogna saperlo fare IN FRETTA
  • 51. Jack Welch Quando il ritmo del cambiamento al di fuori di un’organizzazione è maggiore di quello interno, la fine è vicina
  • 52.  
  • 53. Barnabe Rich , 1613
  • 54. ecc. ecc. ecc.
  • 55. A livello individuale… ma MOLTO meglio:
  • 56.  
  • 57.  
  • 58.  
  • 59.  
  • 60.