NICOLA BELLINI - PM '15 - 15 Aprile 2011
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

NICOLA BELLINI - PM '15 - 15 Aprile 2011

on

  • 1,061 views

BTO Educational loves L’Andana PM ‘15 ...

BTO Educational loves L’Andana PM ‘15
Provincia di Grosseto
Piano di sviluppo 2012 - 2015
L’Andana, Tenuta la Badiola
Castiglione della Pescaia [in Maremma]
15 e 16 Aprile 2011

Nicola Bellini, Professore Ordinario alla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, docente di Economia e Gestione delle Imprese
Le strategie di sviluppo

La governance della Provincia di Grosseto promuove questa prima tappa pubblica di riflessione e confronto con gli operatori economici sui temi dello sviluppo, nella prospettiva di un PATTO DI NUOVA GENERAZIONE PER LO SVILUPPO LOCALE.

Gli obiettivi
Riflessione sugli effetti della crisi e sulla situazione economica-sociale attuale della Provincia di Grosseto.

Linee di sviluppo che la Provincia intende promuovere
Sollecitare un contributo d'idee e proposte per lo sviluppo originale della Provincia di Grosseto e per la destinazione delle risorse finanziarie disponibili
Crescita delle risorse umane funzionali allo sviluppo. Riflessione sugli strumenti di rilevazione dei fabbisogni formativi

Il progetto completo:
www.slideshare.net/BTOEducational/bto-educational-loves-landana-pm-15
www.btoeducational.it

Statistics

Views

Total Views
1,061
Views on SlideShare
1,040
Embed Views
21

Actions

Likes
0
Downloads
2
Comments
0

3 Embeds 21

http://www.buytourismonline.com 13
http://www.btoeducational.it 5
http://paper.li 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • Bellini - Grosseto, maggio 2005 Versione per Andana 15 aprile 2011
  • Resilienza [dal lat. resiliens, genit. resilientis, part. pres. di resilire "saltare indietro, rimbalzare"] è un termine, che può assumere diversi significati a seconda del contesto: * in ingegneria, la resilienza è la capacità di un materiale di resistere a forze impulsive (ovvero, della capacità di resistere ad urti improvvisi senza spezzarsi). * in informatica, la resilienza è la capacità di un sistema di adattarsi alle condizioni d'uso e di resistere all'usura in modo da garantire la disponibilità dei servizi erogati. I contesti di riferimento sono quelli relativi alla business continuity e al disaster recovery. Sinonimi di resilienza sono: elasticità, mobilità. È definibile anche come una somma di abilità, capacità di adattamento attivo e flessibilità necessaria per adottare nuovi comportamenti una volta che si è appurato che i precedenti non funzionano. * in ecologia e biologia la resilienza è la capacità di un ecosistema, inclusi quelli umani come le città, o di un organismo di autoripararsi dopo un danno. * in psicologia, la resilienza viene vista come la capacità dell'uomo di affrontare e superare le avversità della vita, di superarle e di uscirne rinforzato e addirittura trasformato positivamente.
  • L'Asta dei fiori di Aalsmeer o Bloemenveiling Aalsmeer è la più grande asta floricola mondiale è situata ad Aalsmeer, nei Paesi Bassi dove le più importanti aziende di intermediazione floricola olandesi effettuano i loro acquisti direttamente dai produttori. L'edificio della Bloemenveiling Aalsmeer è il più grande edificio commerciale al mondo, in termini di superficie occupata (99 ettari).[1] Il 1º gennaio 2008 l'Asta ha effettuato la fusione col suo più grande concorrente, la Flora Holland del cui circuito fa parte.
  • The first strategy, which we call the “low road,” is associated with downward pressure on wages, increasing job insecurity, more outsourcing of work to low-wage regions, greater environmental damage, underinvestment in productive public goods, and resistance to public standards on private firm behavior. The second strategy, which we call the “high road,” is associated with higher and more equal wages, better labor relations, more environmentally sustainable practice, greater investment in productive public goods, and affirmative support for public standards on the private economy. World-class resources and outcomes
  • DIME2007_Bellini

NICOLA BELLINI - PM '15 - 15 Aprile 2011 NICOLA BELLINI - PM '15 - 15 Aprile 2011 Presentation Transcript

  • Nicola Bellini Aprile 2011
  •  
  •  
  • ?
  •  
  • [email_address]
  • [email_address]
  • [email_address]
  •  
  •  
  •  
  •