• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Workshop Unioncamere Del Veneto  11.10.07
 

Workshop Unioncamere Del Veneto 11.10.07

on

  • 840 views

Intervento di Ferdinando Azzariti il giorno 11 ottobre 2007 presso Unioncamere del Veneto

Intervento di Ferdinando Azzariti il giorno 11 ottobre 2007 presso Unioncamere del Veneto

Statistics

Views

Total Views
840
Views on SlideShare
840
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
8
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Workshop Unioncamere Del Veneto  11.10.07 Workshop Unioncamere Del Veneto 11.10.07 Presentation Transcript

    • Ferdinando Azzariti fazzari@tin.it www.ferdinandoazzariti.com LO SVILUPPO DEL VENETO Le caratteristiche e le potenzialità delle imprese del Nord Est
    • “… se un Nuovo Mondo venisse scoperto ora, lo sapremmo vedere ? Sapremmo scartare dalla nostra mente tutte le immagini che siamo abituati ad associare all’aspettativa di un mondo diverso per cogliere la diversità vera che si presenterebbe ai nostri occhi?” Italo Calvino, Collezione di sabbia
    • Il recente passato del Nord Est
      • il vero fenomeno inatteso
      • il combinarsi di conoscenza, capitale
      • umano e capitale finanziario
      • i cambiamenti nel contesto sociale ed
      • ambientale
    • I maggiori cambiamenti nel decennio appena trascorso 1- il Territorio che cambia 2- il nuovo modello di sviluppo economico 3- il lavoro che cambia forme e varietà 4- i nuovi soggetti che stanno cambiando la realtà
    • I maggiori cambiamenti nel decennio appena trascorso
      • 1- il Territorio che cambia
      • Il Nord Est come arcipelago di terra fatto di
      • ambienti culturali diversi
      • storicamente definiti
      • Voglia di fare da sé
      • Aperto naturalmente al nuovo e al mondo
      • Vocato all’impresa (piccola e locale)(di persone e cooperativa)
    • I maggiori cambiamenti nel decennio appena trascorso 2- il nuovo modello di sviluppo economico (“il postfordismo”) Poca Grande Impresa e molta Piccola Impresa
    • I maggiori cambiamenti nel decennio appena trascorso
      • 3- il lavoro che cambia forme e varietà
      • Maggiore stress mentale e da competitività
      • Rischio di precarietà e instabilità
    • I maggiori cambiamenti nel decennio appena trascorso
      • 4- i nuovi soggetti che stanno cambiando la realtà
      • Le rivoluzioni in atto:
      • Conoscenza (ad es. tv e computer, comunicazioni)
      • Tecnologia (ad es. la mappatura genetica)
      • Cultura (ad es. le ricerche su Internet)
      • Organizzazione (ad es. la lean organization)
      • Globalizzazione (confini e transazioni)
    • Libri sul Nord Est
      • numerosi ed importanti
      • prendiamo “Evoluzione di un’Economia regionale”
      • di Bruno Anastasia e Giancarlo Corò
                              
    • Libro di Anastasia-Corò 1996
      • Scenari proposti
      • Nord Est “dualista” o “americano”
      • Nord Est in declino o “inglese”
      • Nord Est dell’integrazione localistico-aziendale
      • o “giapponese”
      • Nord Est virtuoso: competizione economica e
      • cooperazione sociale
                              
    • Libro di Anastasia-Corò 1996
      • Scenari proposti: dualista o americano?
      • fratture sociali come negli USA?
      • poche imprese premiate dalla PA?
      • meno welfare
                              
    • Libro di Anastasia-Corò 1996
      • Scenari proposti: in declino o inglese?
      • le aziende smettono di correre?
      • calano investimenti e risparmi?
      • meno voglia di impresa?
                              
    • Libro di Anastasia-Corò 1996
      • Scenari proposti: integrazione localistico-aziendalistica
      • o “giapponese”?
      • l’ideologia del lavoro come senso forte sociale?
      • impresa come istituzione-chiave?
      • difesa del benessere sociale raggiunto e chiusura
      • verso gli immigrati?
                              
    • Libro di Anastasia-Corò 1996
      • Scenari proposti: competizione economica e
      • cooperazione sociale”?
      • l’impresa al centro?
      • i lavoratori al centro?
      • i settori (soprattutto il terziario) in forte crescita
      • qualitativa?
      • - una pax sociale invidiata in Europa?
                              
    • Quali Ruoli per far crescere il Veneto? Valorizzazione competenze e professionalità per coniugare il ruolo politico ed il ruolo associativo
    • Il ruolo politico Attenta e positiva azione di concertazione, di relazione con Enti ed Organismi per realizzare progetti complessi ed economicamente rilevanti Abbandono delle logiche gerarchiche e burocratiche che comportano spesso i compartimenti stagni tra i soggetti Quali Ruoli per far crescere il Veneto?
    • Il ruolo associativo “ Faro” nel cogliere esigenze innovative nel prossimo futuro in mercato iper-competitivo “ Intercooperazione” ovvero trasmissione di competenze tra settori diversi Quali Ruoli per far crescere il Veneto?
    • L’Organizzazione: un mondo in cambiamento Focus sulle funzioni tipiche dell’Organizzazione “ Funzione politica” “ Funzione di direzione strategica” “ Funzione propulsiva” “ Funzione di monitoraggio e valutazione” “ Funzione operativa”
    • L’Organizzazione: un mondo in cambiamento Focus su azioni di sistema “ Formazione continua” “ Consulenza operativa” “ Seminaristica e convegni tematici di carattere specialistico o generalistico”
    • AUSPICIO 1 BENCHMARKING (“BEST PRACTISES”) DI MODELLI PER MIGLIORARE : A- LE COMPETENZE B- LA AUTO-MOTIVAZIONE C- LA CONSAPEVOLEZZA ALL’AGIRE IMPRENDITORIALE D- LA ABILITA’ A FARE RETE
    • AUSPICIO 2 L’IMPORTANZA DI FARE RETE La storia del padre saggio ed i 17 cammelli
    • AUSPICIO 2 L’IMPORTANZA DI FARE RETE La storia del padre saggio ed i 17 cammelli Lascia in eredità 1° Figlio 1/2 2° Figlio 1/3 3° Figlio 1/9
    • AUSPICIO 2 L’IMPORTANZA DI FARE RETE La storia del padre saggio ed i 17 cammelli Arriva in cammello il saggio del paese vicino che decide di donarlo ai tre ragazzi. Il totale diviene dunque 18 cammelli 1° Figlio ½  9 2° Figlio 1/3  6 3° Figlio 1/9  2 --------------------------- Totale 17
    • AUSPICIO 2 L’IMPORTANZA DI FARE RETE La storia del padre saggio ed i 17 cammelli Ed il saggio del paese vicino rimonta sul suo cammello e ritorna a casa!
    • Ferdinando Azzariti fazzari@tin.it www.ferdinandoazzariti.com LO SVILUPPO DEL VENETO Le caratteristiche e le potenzialità delle imprese del Nord Est