L'America's Cup World Series - Implicazioni e realtà nel turismo napoletano

  • 168 views
Uploaded on

Ricerca

Ricerca

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
168
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
9
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Università degli Studi di Napoli“Federico II”Facoltà di SociologiaCorso di Laurea Magistrale inComunicazione pubblica, sociale e politicaCorso diMetodi per l’analisi della comunicazioneL’America’s Cup World Series: implicazioni e realtà nelturismo napoletanoAnno Accademico 2011/2012
  • 2. IntroduzioneIl presente lavoro si proporne di analizzare le caratteristiche dell’evento agonisticoAmerica’s Cup World Series 2012-2013 in termini di connessioni con il turismo napoletano,attraverso un’indagine analitico-esplorativa atta ad intercettare, isolandole, possibiliargomentazioni a sostegno di specifiche ipotesi formulate a partire dalla preliminarestrutturazione del disegno di ricerca. La formalizzazione del progetto è stata organizzata infunzione delle tematiche progressivamente emerse alla luce dell’interpretazione dei risultatiottenuti mediante il trattamento dei dati empirici con appositi programmi informatici perl’analisi statistico-testuale.In particolare, al fine di precisare il settore disciplinare all’interno del quale il presentelavoro si colloca e si sviluppa, è stata dedicata una sezione introduttiva di stampo prettamenteteorico all’esposizione delle peculiarità principali della content analysis, in riferimento aiparadigmi, alle metodologie ed agli strumenti ad essa ascrivibili. La fase interpretativa,condotta a partire dalla decodifica dei risultati derivanti dall’utilizzo del software Spad, è statasupportata da particolari output grafici restituiti dal suddetto programma e qui riportati.A tal proposito, una breve sezione integrativa mira ad esporre, sinterizzandole, lemodalità di applicazione ed implementazione del software, attraverso la ricostruzione dellefasi consequenziali che ne costituiscono l’iter procedurale tradizionale. Nello specifico,relativamente al software Spad, si è ritenuto opportuno focalizzare l’attenzione sull’analisidelle corrispondenze lessicali e sulla cluster analysis. Circoscritti i confini del contestoteorico entro il quale il progetto orbita e si concretizza, è stato quindi possibile soffermarsisulla descrizione e sulla spiegazione delle procedure seguite, attraverso un’attentarendicontazione degli step metodologici costituenti le fasi del processo d’analisi.2
  • 3. 1. Quadro teoricoAl fine di contestualizzare il lavoro d’analisi e di interpretazione dei dati, vengono diseguito esposte le caratteristiche principali, nonché gli assunti teorici e l’impiantometodologico, del settore disciplinare entro il quale il progetto si colloca e si sviluppa, intermini di tecniche progressivamente applicate, strumenti utilizzati, strategie interpretativeimplementate, riferimenti teorici e bibliografici considerati.1.1 L’analisi del contenutoL’analisi del contenuto o Content analysis, di cui Harold D. Lasswell ne rappresenta ilpadre riconosciuto, nasce negli Stati Uniti come strumento di analisi sistematica e quantitativadella comunicazione politica, con particolare riferimento allo studio della propaganda.Ciò avviene non a caso negli Stati Uniti dove, l’insorgere della cultura di massa e ladiffusione della stampa sono stati imponenti e tempestivi. Infatti, i primi lavori effettuati sonoproprio sui giornali e sulla qualità dell’informazione trasmessa, rilevata attraverso indiciquantitativi come lo spazio-colonna dedicato ai diversi argomenti. Tale filone prende così ilnome di analisi quantitativa dei giornali.Alla fine degli anni ‘30, Lasswell propone un disegno di indagine che prevede tre fasiprincipali:1. l’individuazione di parole o gruppi di parole con forte carica semantica/ideologica(“simboli chiave”) che hanno lo scopo di attirare l’attenzione dei destinatari del messaggio;2. la classificazione dei simboli chiave secondo criteri di contenuto e di strategiacomunicativa;3. il calcolo delle frequenze dei simboli chiave distinti per categoria.Da questo momento in poi la tecnica raggiunge un livello avanzato e viene quindiapplicata in diversi campi ed in ulteriori discipline oltre la Sociologia, come la Linguistica, laPsicologia e l’Antropologia, anche se le applicazioni più note risultano essere quelle in camposocio-politico ed in quello delle comunicazioni di massa.Un esempio classico in ambito politico è l’analisi di Lasswell sugli slogan ideatinell’Unione Sovietica per la festa del 1° maggio dal 1918 al 1943. I simboli chiave individuatinegli slogan sono stati raggruppati in undici categorie:1. simboli rivoluzionari (“vittoria del proletariato”, “rivoluzione mondiale”);2. simboli contro-rivoluzionari;3
  • 4. 3. simboli nazionali (“la nostra patria”, “la nostra terra”, etc…);4. simboli universali (“internazionale comunista”, “umanità”, etc…);5. simboli di politica interna (“disoccupazione”, etc…);6. simboli di politica estera;7. simboli di gruppo sociale;8. simboli liberali tradizionali;9. simboli morali;10. simboli d’azione;11. nomi propri di persone.L’analisi quantitativa dei simboli chiave ha evidenziato un ripiegamento su temiidentitari: diminuzione di peso dei simboli rivoluzionari e universali, a vantaggio di quellinazionali e di politica interna.In una fase specifica del processo di diffusione della tecnica in questione, è parso cheogni elemento od aspetto fosse analizzabile con l’analisi del contenuto, ed ogni analisi difenomeni simbolici è divenuta un’analisi del contenuto. Sono davvero tante le definizionifornite dell’analisi del contenuto che ci permettono di avere un quadro più completo di questatecnica ed, allo stesso tempo, di notarne la relativa evoluzione.L’analisi del contenuto si configura come ‹‹l’insieme di metodi che sono orientati alcontrollo di determinate ipotesi su fatti di comunicazione (emittenti, messaggi, destinatari e leloro relazioni) e che, a tale scopo, utilizzano procedure di scomposizione analitica e diclassificazione, normalmente a destinazione statistica, di testi e di altri insiemi simbolici››(Rositi, 1971, p. 66). Come si evince dalla definizione di Rositi, l’analisi del contenuto èdunque una metodologia di ricerca sviluppata nel campo delle scienze sociali per lo studiosistematico e oggettivo delle comunicazioni che persone e/o gruppi sociali si scambiano alfine di comunicare.Pertanto, lo scopo di quest’ultima è quello di interpretare i simboli che costituiscono ilcontenuto delle comunicazioni sia scritte che verbali (ad es. libri, giornali, documenti) o dialtro genere (ad es. cinema, tv, radio, musica, comportamenti gestuali) in relazione al contesto4
  • 5. sociale in cui si producono. ‹‹E’ una tecnica per la scomposizione di qualunque tipo dimessaggio - generalmente proveniente da mezzi di comunicazione di massa - in elementicostituitivi più semplici, di cui è possibile calcolare la ricorrenza anche in vista di ulteriorielaborazioni, eventualmente dopo procedimenti di classificazione in sistemi opportuni dicategorie›› (Amaturo, 1993, p. 8). Quindi essa consiste nella scomposizione di qualunque tipodi messaggio, verbale e/o iconico in elementi costitutivi più semplici; ha valenza non solodescrittiva, ma anche interpretativa in quanto da un testo è possibile ricavare delle inferenze.In definitiva, si tratta di metodi che scompongono i messaggi in elementi più sempliciutilizzando sistemi di categorie che si cerca poi di quantificare per consentire inferenze sulsignificato complessivo del messaggio, sui possibili effetti sul destinatario e sugli interessidell’emittente.In particolare, l’analisi del contenuto è utile quando l’oggetto d’analisi è costituito dauna grande quantità di messaggi, come nel caso della ricerca sociale sulle comunicazioni dimassa. Risulta così ben difficile parlare dell’analisi del contenuto come di una tecnica diricerca e non piuttosto come di ‹‹un insieme di tecniche di ricerca, spesso molto diverse fra diloro se non concorrenti e perfino contraddittorie›› (Rositi, 1988, p. 63).La differenza principale che emerge tra le diverse definizioni riguarda il tipo di datiche la tecnica può trattare; generalmente si tratta di testo scritto ma alcuni - come Cartwright -estendono l’analisi a “qualunque comportamento simbolico”. Non bisogna considerare lediverse tipologie di analisi come categorie statiche e non soggette a possibile interazione, ma,al contrario, come modalità analitiche compenetranti e complementari.Da quanto detto si evince come l’esigenza di distinguere l’analisi del contenuto dagliusi non scientifici di un testo o di una produzione simbolica, sia superata dall’idea di unapacifica convivenza di analisi diverse, immaginando una sorta di continuum che andasse dalqualitativo al quantitativo.Una ricerca basata sull’analisi del contenuto è tipicamente strutturata secondo leseguenti fasi:• formulazione di un interrogativo, scelta dell’oggetto della ricerca e delle ipotesi;• campionamento;• definizione delle unità di analisi e del sistema di categorie;• test delle categorie, codifica dei testi e controlli di fedeltà;• analisi dei dati;5
  • 6. • interpretazione dei risultati.Oggetto di ricerca può essere qualsiasi corpus di messaggi (trasmissioni televisive,libri, articoli di giornale, discorsi politici, pubblicità), prodotto da ogni tipo di emittente(individuo, gruppo informale, organizzazione, istituzione, categoria astratta di persone),rivolto a qualsiasi tipo di ricevente (interlocutore in una relazione interpersonale, controparteo partner in una relazione tra organizzazioni o istituzioni, pubblico nel campo dellecomunicazioni di massa).I principi di fondo a cui attenersi sono gli stessi validi in ogni situazione di ricerca incui sia necessario estrarre un campione e lo scopo principale è quello di ridurre la massa didati potenziali a dimensioni più gestibili per generalizzare i risultati, ottenuti dai pochi casianalizzati, all’intera popolazione statistica di riferimento; è però frequente il caso in cui ilmateriale disponibile per l’analisi non rappresenti adeguatamente tutti gli aspetti delfenomeno studiato ed è quindi necessario garantire almeno la massima eterogeneità delle fonticonsultate senza rischiare di utilizzare un campione distorto.Nell’analisi del contenuto è opportuno distinguere tra unità di classificazione ed unitàdi contesto. Sono sei i tipi più comuni di unità di classificazione:1. la singola parola, indipendentemente dal senso (la parola “rombo” non viene distintain base al contesto ma è considerata allo stesso modo sia in caso di figura geometricasia in caso di tipologia di pesce);2. il significato della parola;3. la frase;4. il tema, definito da Holsti come unità di testo che ha come elementi il percettore, ilpercepito, l’azione ed il destinatario dell’azione;5. il paragrafo;6. l’intero testo.A partire dagli anni ‘60, lo sviluppo in campo informatico e l’utilizzo dei computerhanno nettamente facilitato il lavoro dell’analisi del contenuto, riducendo i costi masoprattutto i tempi, liberando così il ricercatore da compiti lunghi e faticosi. L’utilizzo dideterminati software permette quindi di effettuare l’analisi automatica dei testi e tutte leoperazioni avvengono in modo tempestivo e consentono di analizzare e confrontare corporatestuali differenti.6
  • 7. 1.2 I softwareIl software Spad (Systeme portable pour l’analyse des donnèes) è un programmacreato nel 1989 da Lebart, Morineau, Becue, Haeusler, attraverso il quale, è possibileeffettuare differenti tipi di analisi (tra cui anche l’analisi delle corrispondenze lessicali e lacluster analysis) su dati testuali di vario genere (documenti, interviste, questionari, articoli digiornale, e-mail, messaggi pubblicitari e altro).L’utilizzo di questo programma consente di ottenere una sintesi delle informazioni chesono contenute nei dati, avvalendosi di procedimenti di conteggio delle parole, dellefrequenze e la relativa selezione di parole e segmenti significativi.Nello specifico, il programma Spad concorre alla costruzione di tabelle di contingenzaper ciascuna delle variabili considerate e, all’interno di queste tabelle, viene visualizzata lafrequenza di ciascuna forma (righe) in ognuna delle classi di documenti ottenute (colonne),secondo il sistema di pesi Bag of Words. Inoltre, Spad consente la visualizzazione delleassociazioni tra le parole attraverso l’utilizzo dell’analisi delle corrispondenze lessicali(ACL). L’ACL si configura come applicazione ai dati testuali dell’analisi fattoriale dellecorrispondenze, introdotta da Benzecri negli anni Sessanta per lo studio delle tabelle dicontingenza in quanto consente di rappresentare graficamente (su un piano cartesiano) leassociazioni tra le righe e le colonne di una tabella di contingenza.Questa è una forma di analisi per variabili qualitative che permette di decomporre unatabella di contingenza in una serie di fattori ciascuno dei quali rappresenta un aspetto latentedel tipo di associazione presente nei dati, mettendo in evidenza elementi non direttamenterilevabili mediante lettura empirica della tabella. La matrice su cui ci si basa per stabilire leassociazioni è quella del chi quadro, che se uguale a zero, palesa l’impossibilità di condurreun’analisi delle corrispondenze. I rapporti di similarità o di differenza tra le modalità dellevariabili vengono tradotti in vicinanza o distanza reciproca su un grafico a dispersione(Bolasco, 1999). Tale procedimento viene applicato all’Analisi delle corrispondenze lessicali,che utilizza come variabili qualitative le parole e i testi, producendo una sintesidell’informazione in essi contenuta (Amaturo, 1993).Il software Spad consente l’implementazione di numerose tecniche d’analisi dei dati ditipo testuale, differenti per procedure, numero di variabili simultaneamente considerabili,tipologia di output grafici restituiti. In particolare, al fine di individuare connessioni tra ilfenomeno oggetto del lavoro e specifici parametri di confronto, è stata applicata ai dati anche7
  • 8. la cluster analysis, una tecnica di analisi multivariata che consente di rappresentarecongiuntamente le variabili ed i casi presenti nella matrice dei dati in modo da ottenere unasintesi esplicativa ed efficace dei dati stessi.Nello specifico, la cluster analysis (o analisi dei gruppi - adg), vasto insieme ditecniche che aggregano i casi in un numero ridotto di gruppi in relazione a coefficienti didistanza o di similarità tra i loro stati su determinati parametri, è applicabile sia in presenza divariabili categoriali sia cardinali. Spesso l’interpretazione di una classificazione risulta esserepiù agevole di quella derivante da un’analisi di tipo fattoriale (Bolasco, 1999).La tecnica in questione si propone di assegnare i casi presenti all’interno della matricead un numero limitato di gruppi, massimizzando l’omogeneità fra i casi collocati all’interno dimedesimi gruppi nonché marcando l’eterogeneità tra casi posti in classi differenti. Talerapporto di interconnessione, sia nella forma positiva che negativa, viene valutata in relazionea determinate variabili usate in funzione discriminatoria. Il risultato dell’applicazione di unaCA è la creazione di una “tipologia” secondo un principio di classificazione estensionale attaa raggruppare i casi della matrice in un certo numero di tipi omogenei.L’individuazione delle variabili costituisce il problema preliminare da risolvere primadell’applicazione della tecnica in analisi e, generalmente, si ricorre a variabili cardinali per ilfatto che esse, assumendo molteplici valori, consentono l’attuazione di una discriminazionepiù sensibile dei casi; allo stesso tempo, è possibile operare anche a partire da variabilicategoriali od ordinali. Ogni classe prodotta viene quindi interpretata rispetto alle proprietàprecedentemente selezionate in fase di individuazione dei tipi.La matrice dei dati deve essere sottoposta ad una doppia sintesi, attraverso unariduzione delle variabili poste in colonna e dei casi disposti in riga. Tale operazione dipretrattamento concorre non solo alla semplificazione del processo analitico, ma ancheall’eliminazione della ridondanza caratterizzante talune variabili della matrice dei dati. LaCA, configurandosi come tecnica di natura esplorativa, descrittiva e sintetica, restituisce ciòche risulta già presente in matrice e deve essere valutata per la parsimonia e l’efficacia delladescrizione.Una volta stabilito il criterio da adottare per quantificare le differenze tra i casi, siprocede con la scelta della tecnica di clustering da implementare. Le tecniche si dividono ingerarchiche e non gerarchiche: le prime producono una sequenza di partizioni in tipi secondoun ordine gerarchico; le seconde conducono direttamente ad un’unica partizione dei casi in8
  • 9. gruppi in funzione di una regola per il riallocamento dei casi. Le tecniche non gerarchicherisultano particolarmente adatte per l’analisi di matrici di grandi dimensioni, pur presentandoil problema della determinazione preliminare del numero dei gruppi che si intende costruire.Il ricercatore può scegliere il livello di distanza che comporta la minor perdita diinformazione, in modo da ottenere un numero ridotto di gruppi omogenei, effettuano il tagliodel dendogramma in partizioni nelle quali i rami rappresentano i gruppi che megliosintetizzano la distribuzione presentata, in termini di variabilità spiegata.Ed ancora, Spss (Statistical Package per le scienze sociali) è stato rilasciato nella suaprima versione nel 1968 dopo essere stato elaborato da Norman H. Nie e C. Hadlai Hull. Spssè uno dei programmi più utilizzati per l’analisi statistica in scienze sociali. Oltre alle analisistatistiche, la gestione dei dati e dati documentazione sono ulteriori funzioni del software dibase. Le numerose funzionalità di Spss sono accessibili tramite menù a discesa. Nellospecifico, Spss è un software che include varie opzioni di analisi statistica di base e avanzata:analisi fattoriale, analisi di regressione, analisi di raggruppamento, etc.Le caratteristiche principali che presenta possono essere sintetizzate in:• velocità di elaborazione;• possibilità di lavoro con file di dimensioni elevate;• possibilità di importazione ed esportazione dei dati nei principali formati standard(Excel, Lotus, Systat);• inclusione di un linguaggio Spss per dare istruzioni o implementare algoritmi dicalcolo, che può essere anche esportato.Il set di dati Spss presenta una tabella dove le righe rappresentano in genere i casi(come individui o famiglie) e le colonne rappresentano le misure (come il reddito, età, sesso).Solo due tipi di dati sono definiti: numerica e il testo (o stringa). Tutta l’elaborazione dei datiavviene in modo sequenziale caso per caso attraverso il file. I file possono essere abbinati unoa uno o uno a molti, ma non molti a molti.9
  • 10. 2. Il progettoIl turismo rappresenta da sempre uno degli elementi fondamentali per lo sviluppo dellacittà di Napoli, ultimamente location dell’America’s Cup World Series evento tenutosi dal 7al 15 aprile del 2012.Il sindaco di Napoli Luigi De Magistris a tal proposito ha dichiarato: “Il rilancio diNapoli e della sua immagine saranno determinati anche dalle due tappe dell’America’s CupWorld Series. Si tratta di un appuntamento eccezionale che per questa città non rappresenteràsolo un grande evento sportivo, ma potrà diventare una dinamo per lo sviluppo economicofavorendo l’occupazione e gli investimenti, il turismo e il commercio, facendo decollare sulpiano internazionale l’immagine di Napoli”.La connessione tra turismo e America’s Cup World Series ha dunque rappresentatol’oggetto del disegno di ricerca che verrà formalizzato in questa sede. Al fine di fornire unquadro più chiaro nell’esplicazione di tale lavoro verrà di seguito presentata l’ipotesi, i metodie gli strumenti messi a punto per la sua realizzazione.2.1 Disegno di ricercaIl disegno di ricerca si propone di esporre schematicamente i presupposti teorici emetodologici sottostanti al progetto, precisandone le finalità e gli obiettivi che intenderaggiungere. Definiti oggetto ed ipotesi, si indicano ulteriori parametri quali: unità d’analisi,ambito, luoghi, popolazione e caso specifico.Oggetto: Turismo e America’s Cup World Series 2012-2013Ipotesi: L’America’s Cup World Series, evento in corso nella città di Napoli dall’11 al 15Aprile del corrente anno è stato accolto con grande entusiasmo dalla PA napoletana ed inparticolare dal sindaco di Napoli De Magistris che lo definisce come evento di sviluppo per lacittà a più livelli, tra cui il turismo. A tal proposito, il disegno che si presenta intende trovarerisposta ad alcune ipotesi di base. Tra queste, le principali sono:• lo sviluppo del turismo coinvolgerà tutta la città o quelle strutture commercialiadiacenti al campo di regata comprendente il lungomare di Napoli e il promontorio diPosillipo?• Quanto le strutture site non in prossimità della regata hanno sponsorizzato i propriservizi rispetto a quelle che si trovano in prossimità della regata?10
  • 11. • Quanto l’informazione veicolata attraverso i siti e relativa all’evento ha portato adincremento commerciale, miglioramento della visibilità delle strutture etc.?• Quindi è una questione di vicinanza al luogo dell’evento o l’incremento è relativo altipo di comunicazione dell’evento che viene fatta e alle offerte nate strettamente inrelazione con questo?Unità d’analisi: strutture alberghiereAmbito: Napoli - Marzo/Aprile/Maggio 2012Luoghi selezionati: Via Partenope - Via Caracciolo - Corso Vittorio Emanuele - Riviera diChiaia- Centro Storico (Piazza Dante/Piazza del Gesù/Via Duomo)Popolazione: strutture alberghiere situate sia in prossimità del campo di regata che in zoneinterneCaso: ogni contenuto che sponsorizzi l’evento e le connessioni con il turismo.Strutturato il disegno della ricerca, si procede con la formalizzazione del piano dicampionamento delle unità.11
  • 12. 3. Piano di campionamento delle unitàNel definire il piano di campionamento delle unità, sono state effettuate diverseoperazioni strategiche atte ad individuare: tipologia di struttura, ambito territoriale, contenutodella comunicazione da sottoporre ad indagine analitica, ed infine tecnica d’analisi piùopportuna.Prima fase: scelta del tipo di struttura - alberghiere/ristorative.Seconda fase: scelta del luogo - Corso Vittorio Emanuele - Riviera di Chiaia - Via Caracciolo- Via Partenope/Centro storico (Piazza del Gesù - Via Duomo - Piazza Dante).Terza fase: rilevazione.Quarta fase: analisi (valutazione della tecnica più opportuna da utilizzare in relazione aicontenuti selezionati).Per poter corroborare o meno l’ipotesi sopra presentata è stato innanzitutto messo apunto un piano di campionamento per le unità d’analisi scelte, ossia le strutture alberghierepresenti presso il Corso Vittorio Emanuele, la Riviera di Chiaia, Via Partenope, ViaCaracciolo e infine il Centro storico. La scelta di Corso Vittorio Emanuele e della Riviera diChiaia, congiuntamente a Via Partenope e Via Caracciolo, è dipesa dalla collocazione delcampo di regata dell’America’s Cup, comprendente il lungomare di Napoli e il promontorio diPosillipo, adiacenti all’ambito considerato.Il Centro Storico è stato invece preso in considerazione in primis per il fatto checostituisce una delle principali zone turistiche di Napoli ed inoltre perché luogo posizionatonon nelle immediate vicinanze del campo di regata. Successivamente le strutture alberghieresono state classificate in base a determinati parametri, concentrandosi sull’analisi delle loropagine web e quindi sul tipo di informazione presente in quest’ultime.Di seguito i parametri utilizzati:• nome della struttura;• tipologia;• presenza/assenza informazioni per il turismo;• tipo di informazioni presenti: promozioni, sponsorizzazioni, informazioni generali;• contenuto dell’informazione: America’s Cup/ turismo generico.12
  • 13. Si è infine pensato di inviare un’email alle direzioni delle strutture ricercate al fine diricevere informazioni aggiuntive circa l’eventuale incremento del turismo durante il periodoin cui l’evento si è svolto. Viene di seguito riportato il testo del messaggio.3.1 Testo emailUNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI “FEDERICO II”FACOLTÀ DI SOCIOLOGIAVICO MONTE DELLA PIETÀ, 1 - 80138 NAPOLIOggetto: Richiesta collaborazione alla “Ricerca sugli effettidell’America’s Cup World Series sul turismo napoletano”.Gent.le/li Responsabili della struttura,con la presente siamo a contattarvi per chiedere una vostra gentile collaborazione in meritoalla “Ricerca sugli effetti dell’America’s Cup World Series sul turismo napoletano”. Nellospecifico, la ricerca concerne un progetto di ricerca intrapreso da un gruppo di studenti delcorso di Laurea Magistrale in Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica e volto a testare leabilità pratiche di ricerca e la capacità di ragionamento tematico nell’ambito del corso diMetodi per l’analisi della comunicazione. Tale progetto, finalizzato all’individuazione delleconnessioni esistenti tra l’evento America’s Cup ed il turismo napoletano, verrà condotto apartire dall’intensità e dalla qualità delle informazioni veicolate attraverso i siti delle diversestrutture napoletane, e, in particolare, l’attenzione sarà focalizzata sulla presenza di messaggiche evidenziano la connessione all’evento Amereica’s Cup, promozioni a questa relative osimili. In una fase successiva, gli elementi recuperati online saranno correlati a dati raccoltidirettamente dalle strutture interessate, dati che nello specifico riguardano:• la percezione degli impatti relativi all’evento sul turismo e sulla città,• le effettive iniziative intraprese dalla struttura,• le ricadute in termini economici e di riempimento,• il ritorno di immagine.Quello che si richiede alla cortese Direzione della struttura è di collaborare per la fase in attodi raccolta dati aprendo la possibilità di dialogo in merito ai punti di cui sopra. Confidando13
  • 14. nella vostra gentile disponibilità, restiamo in attesa di riscontro per procedere con domandepiù formalizzate che, vi assicuriamo, richiederanno pochissimo tempo per la compilazione.Ringraziamo sentitamente per la collaborazione.Cordiali saluti.3.2 Il questionarioA seguito di tale mail è stato inviato un questionario atto al reperimento diinformazioni aggiuntive che servissero ad elaborare i profili delle strutture indagate ed amettere in relazione tali profili con le informazioni relative strettamente all’analisi deicontenuti veicolati attraverso le comunicazioni sull’evento rilevate via web.Questionario strutture turistico-ricettive.Finalità: Raccolta informazioni turismo in merito all’evento America’s Cup World Series.1) Dati generali struttura ricettiva• Nome:     • Indirizzo:     • Capienza:     • Telefono:     • Email:     2) Tipologia di struttura Albergo 1 S.      3) E’ stato rilevato un incremento del turismo in occasione dell’evento America’s Cup WorldSeries? Si3b) In caso di risposta affermativa, potrebbe indicarne una percentuale approssimativa? 5%4) Qual è stato l’approccio all’evento da parte della struttura? Sponsorizzazioni      5) Di che nazionalità sono stati gli ospiti accolti presso la struttura?      6) Quale tipo di canale comunicativo avete utilizzato nella diffusione delle informazionirelative all’evento presso il pubblico esterno? Sito Web      7) Che tipo di aspettative avete riposto nei riguardi dell’America’s Cup? Profitto economico8) Sono state soddisfatte? Si9) Quale grado di affluenza turistica era stato preventivato? Alto14
  • 15. 3.2.1 Analisi dei questionariL’obiettivo perseguito mediante la somministrazione del questionario alle direzionidelle strutture è collocabile nella volontà di supportare i risultati ottenuti, nonché le congettureprogressivamente elaborate, attraverso un confronto con dati di carattere prettamente statisticosintetizzati in output grafici esplicativi.L’analisi delle risposte fornite alla batteria di domande ha consentito da un lato diverificare la validità di talune tesi dimostrate sulla base dei risultati derivanti dall’applicazionedelle tecniche di analisi del contenuto, dall’altro ha favorito l’emergere di ulteriori spuntianalitici in termini di aspettative di incremento del flusso turistico in relazione all’eventoAmerica’s Cup.Grafico 1 - Incremento del flusso turisticoNello specifico, delle trenta strutture a cui il questionario è stato inviato, solo l’HotelParker’s, l’Hotel Santa Lucia e l’Hotel Oriente hanno prestato collaborazione. Le rispostefornite dall’hotel Parker’s hanno evidenziato una forte fiducia nell’evento America’s Cup perquanto concerne l’affluenza turistica che la stessa struttura avrebbe cercato di incentivareattraverso il proprio sito web e l’organizzazione di eventi. La percentuale di turisti (americanie italiani) registrata dall’hotel sarebbe stata del 25%.Come il Parker’s anche il Santa Lucia e l’Oriente hanno promosso l’evento mediante ilproprio sito web, costatando però solo il 5% di incremento dell’affluenza turistica. Per quantoriguarda le aspettative riposte nell’evento il Parker’s avrebbe basato la propria strategiacomunicativa sia su un ritorno di immagine sia un ritorno economico, mentre il Santa Lucia el’Oriente solo su un ritorno di immagine.15
  • 16. Le restanti strutture da parte delle quali non è stato possibile registrare alcuna rispostasono state successivamente raggiunte telefonicamente, ma di esse solo poche hanno deciso diprestare attenzione alle domande poste e le loro stesse risposte non state del tuttosoddisfacenti come si era preventivato.Grafico 2 - Tipo di turismoNello specifico, attraverso l’analisi delle risposte fornite dalle strutture contattatetelefonicamente (Hotel Britannique, Hotel San Francesco al Monte, Hotel Duomo, HotelAusonia) è emersa una sostanziale omogeneità nelle informazioni ottenute, in termini distrategie comunicative implementate e di percentuale di incremento dell’affluenza turisticaregistrata.16
  • 17. 4. Reperimento datiNel ricercare le strutture situate negli ambiti precedentemente definiti, è statoutilizzato il web. In questa fase, le web pages di ogni struttura sono state oggetto di un’attentaindagine esplorativa, con particolare attenzione per quelle informazioni inerenti connessionicon l’evento America’s Cup. Per quei siti ove questo tipo di informazione non fosse statorinvenuto, si è invece proceduto all’analisi ed alla registrazione dei contenuti turistici dicarattere generale (offerte, sponsorizzazioni).Il contenuto delle comunicazioni soddisfacenti i propositi illustrati nel disegno diricerca è stato salvato nella cella di un foglio Excel, in corrispondenza della colonna “testo”.Nel medesimo foglio sono state inoltre precisate altre informazioni relative alle strutture, qualiil nome, la tipologia, l’assenza o la presenza di informazioni turistiche, il tipo ed il contenutodelle stesse.Nella maggior parte dei casi, in relazione all’architettura dei siti web delle strutture, siregistra l’assenza di riferimenti diretti - a partire dalla homepage - all’evento in analisi: notiziespecifiche ed inerenti prettamente alle iniziative promosse da ciascuna struttura in occasionedell’America’s Cup, sono rintracciabili esclusivamente in apposite sezioni dedicate ad eventied a promozioni particolari ad essi correlate. La sistematizzazione dei suddetti dati èfinalizzata all’esecuzione dell’ultima fase del lavoro dedicata ad un’indagine analitica dei testiselezionati congiuntamente alla loro interpretazione.17Figura 1- Matrice dati
  • 18. 5. Interpretazione dei datiLa fase d’interpretazione dei dati sottoposti a procedure di analisi del contenutocostituisce un momento cruciale nel processo di comprensione delle connessioni esistenti trale variabili considerate e le strategie comunicative di tipo turistico implementate dallestrutture.A tal fine, è stata condotta in un primo momento un’analisi delle corrispondenzelessicali volta all’individuazione dell’orientamento turistico assunto e promosso dalle strutturein funzione della collocazione geografica; successivamente, l’applicazione della clusteranalysis, a partire dalla stessa matrice dati, ha consentito di analizzare il grado diinterconnessione esistente tra le strutture e l’evento America’s Cup, in termini di tipo diturismo promosso, intensità della relazione e tendenza da parte dei complessi ad attivare flussicomunicativi atti a promuovere una maggiore visibilità del settore turistico napoletano.5.1 Analisi delle corrispondenze lessicaliL’aspetto rilevante di questo tipo di analisi, rispetto ai tradizionali programmi ditrattamento lessiometrico ed a quelli di computer-aided content analysis, è collocabile nellapossibilità di applicare anche a dati testuali l’analisi delle corrispondenze (AC), una tecnica ditipo fattoriale implementabile anche nel caso di dati categoriali espressi in forma matriciale. Ilfine principale del trattamento è quello di ottenere una prima sintesi dell’informazionecontenuta nei dati, mettendo in evidenza gli aspetti latenti (Amaturo, 1993).L’utilizzo del software Spad è stato fondamentale per poter dare risposte efficaci adalcuni degli interrogativi di ricerca presentati all’inizio del lavoro.Attraverso Spad è stata condotta l’analisi delle corrispondenze semplici in relazionealla variabile “strada”, con l’obiettivo di individuare il tipo di comunicazione promossa dallestrutture site in prossimità del campo di regata dell’America’s Cup, rispetto a quelle collocatein zone interne. Tale analisi è stata fondamentale per la costruzione e l’interpretazione delgrafico di seguito presentato.18
  • 19. 19Grafico 3 - Analisi delle corrispondenze lessicali
  • 20. Ai fini dell’interpretazione dei risultati è stata selezionata la variabile “strada” inrelazione alla quale sono stati individuati due fattori, data la loro capacità cumulativa dispiegare più del 75% della variabilità totale dell’informazione.Tabella 1 - Percentuali di inerzia spiegataLa variabile sopra citata, presenta cinque modalità:• Centro storico;• Corso Vittorio Emanuele;• Via Partenope;• Via Caracciolo;• Riviera di Chiaia.Attraverso l’incrocio del primo e del secondo fattore è stato possibile ottenere ilgrafico sopra riportato, successivamente analizzato ed interpretato.L’analisi dei contributi assoluti si configura come elemento essenziale per lo sviluppodelle analisi delle corrispondenze. In particolare, esaminando i contributi assoluti dellemodalità della variabile selezionata, è possibile comprendere che tipo di comunicazione èstata incentivata da quelle strutture collocate nelle strade considerate.20
  • 21. Il primo fattore (asse orizzontale) evidenzia da un lato un tipo di comunicazioneorientata al ritorno di immagine, supportata dalle strutture presenti presso la Riviera di Chiaiacome si evince dal contributo assoluto espresso dai termini quali: “ideale”, “elegante”,“bella”, “attrattive”, “piacevole”.Dall’altro emerge un tipo di comunicazione volta ad un profitto economico,implementata da quelle strutture site in Via Partenope, come evidenziato dalle seguenti forme:“iniziative”, “successo”, “offerta”, “pernottamenti”, “turisti”.In prossimità del secondo fattore (asse verticale) si registra una presenza considerevoledi parole quali: “prenota”, “offerta”, “evento”, “tappa”, concentrate nelle vicinanze dellamodalità “Corso Vittorio Emanuele” che ne definiscono un obiettivo comunicativo di stampocommerciale.Per quanto riguarda le modalità “Centro storico” e “Via Caracciolo” non sono statiravvisati contributi assoluti rilevanti, tali da permettere di definirne una specifica strategia dicomunicazione. In seguito alla valutazione dei risultati ottenuti è emersa una possibileanalogia tra le strutture collocate in prossimità del campo di regata dell’America’s Cup, inrelazione ad una comunicazione interessata maggiormente ad incrementare un introitoeconomico, pur senza trascurare aspetti legati al ritorno d’immagine.5.2 Cluster AnalysisIn ambito anglosassone si è affermato un approccio empirico che prevedel’applicazione di tecniche di analisi multivariata, come appunto la cluster analysis, checonsente al ricercatore «di non fare assunzioni forti sulla natura dei dati, ma se ne discosta inquanto più decisamente orientato alla costruzione di un sistema di categorie per laclassificazione del testo» (Amaturo, 1993, p. 77).Il processo di analisi è scandito da specifiche fasi metodologiche consequenziali atte afavorire un corretto funzionamento della procedura eseguita dal software Spad nonchéfinalizzate all’estrazione dal corpus testuale della maggior quantità possibile di informazioneutile ai fini dell’indagine (Bolasco, 1999).A tal proposito, risulta necessario specificare che il numero di forme del vocabolario -ottenuto in seguito ad una procedura di selezione dei testi presenti sui siti ufficiali dellediverse strutture individuate - viene sensibilmente ridotto in termini di eliminazione delleforme vuote e poco frequenti e di accorpamento in classi logico-semantiche delle parole21
  • 22. caratterizzantesi per affinità di significato. Con i suddetti criteri, sono state selezionate le 75forme lessicali - tra classi e forme grafiche - con più alta frequenza e di maggior rilievo, e sudi esse è stata implementata la cluster analysis.In particolare, un elemento di criticità proprio di questa tecnica è collocabile nella suavalidità: è necessario, infatti, valutare «quanto un fattore identifichi nel migliore dei modi idati che maggiormente contribuiscono alla sua determinazione [...], e quanto essi sianocoerenti dal punto di vista teorico; occorre inoltre sapere quanto bene il corpus testualecomplessivo analizzato possa essere descritto in termini di fattori» (Amaturo, 1993, p. 78).A tal proposito, dopo aver ridotto il vocabolario, è stata costruita la tabella lessicale dicontingenza considerando congiuntamente le tre variabili precedentemente individuate.Attraverso l’analisi dei contributi incidenti sui primi 2 fattori, che spiegano rispettivamente il31,95% e il 51,98% di variabilità totale, è emersa una caratterizzazione di questi, nel primocaso in termini di divulgazione turistica incentrata sull’evento America’s Cup, nel secondo indirezione di un incremento del turismo tradizionalmente inteso.La disposizione delle forme grafiche e delle modalità delle variabili, parallelamenteall’analisi dei contributi ad esse relativi, suggerisce una possibile classificazione tipologicadelle forme di turismo caratterizzanti i diversi contesti geografici considerati.Nello specifico, il primo tipo individuato è prettamente focalizzato sull’evento eindirizzato ad un’attività di comunicazione con finalità promozionali e di ritorno d’immagine;tale tipologia di turismo è tipica delle strategie adottate dalle strutture situate presso CorsoVittorio Emanuele.Il secondo tipo individuato, pur riferendosi al medesimo modello prima descritto, siconnota in termini di comunicazione di stampo informativo e generalista, ed è implementatoin particolar modo dai complessi alberghieri di Via Partenope.Il terzo tipo, invece, orientato verso un turismo generalista di stampo prettamenteeconomico, si configura come tipico delle strutture ricettive della Riviera di Chiaia.Il quarto tipo rispecchia una strategia turistica rivolta principalmente ad un profittoeconomico, inseguito mediante un’intensa attività promozionale delle strutture distribuite nelcentro storico, ossia in Via Duomo, Piazza Dante, Piazza del Gesù.22
  • 23. Grafico 4 - Analisi delle corrispondenze lessicali23
  • 24. Dopo aver frammentato il testo mediante la codifica nel sistema di categorie, occorreprocedere con la fase d’interpretazione dei risultati ottenuti mediante una “ricostruzione disenso” in termini di riformulazione del testo condotta a partire dalle classi ritenute rilevanti aifini dell’indagine.Il primo output grafico restituito, il dendogramma, fornisce una prima indicazioneriguardo alla distribuzione della variabilità totale del fenomeno sui raggruppamenti costruitidal software. Il “taglio del dendogramma”, effettuato in funzione dell’individuazione di classiil più possibile omogenee tra loro, ha consentito l’isolamento di 4 classi rappresentative edesplicative della percentuale di inerzia complessivamente spiegata.Grafico 5 - DendogrammaLe forme presenti in ciascuna classe, rilevanti per i rispettivi contributi assoluti, hannoconsentito di definire il contenuto dei suddetti insiemi, favorendo una chiave di lettura direttaed intuitiva, volta a ricostruire l’andamento del fenomeno. Nello specifico, è emersa unadistribuzione non omogenea della variabilità totale che, concentrandosi nella prima classe conuna percentuale del 73%, conferisce alla suddetta classe un’importanza notevole dal punto divista esplicativo.24
  • 25. Infatti, attraverso l’analisi delle forme visualizzate, si evince una netta concentrazionedi dati relativi alla divulgazione dell’evento America’s Cup da parte delle strutture alberghieresite in prossimità del campo di regata, e, più nello specifico, lungo Via Caracciolo e CorsoVittorio Emanuele. Data la favorevole collocazione geografica, gli alberghi, oltre allapromozione dell’evento in questione, hanno implementato una strategia comunicativa direttaalla valorizzazione del territorio, al fine di potenziare ulteriormente le già notevolicaratteristiche attrattive proprie del lungomare partenopeo.Nonostante non presenti una percentuale consistente, la seconda classe offre uninteressante spunto d’analisi, sottolineando una tendenza da parte dei complessi alberghieri diVia Partenope a svolgere non solo attività di promozione turistica, ma anche di informazionevolte a diffondere e sostenere un’adeguata conoscenza dell’evento.Contrariamente alle prime due classi, la terza e la quarta palesano una sostanzialeassenza di contenuti relativi alla divulgazione dell’evento in analisi da parte delle strutturericettive collocate in zone interne e, pertanto, distanti rispetto al campo di regata; in questocaso, è stata privilegiata un’attività di comunicazione incentrata sulle forme tradizionali dipromozione turistica e pertanto non afferenti all’America’s Cup. Tale assunto rivela lamancata valorizzazione delle opportunità d’incremento del flusso turistico offerte dall’eventosportivo in questione.25
  • 26. Grafico 6 - Cluster Analysis26
  • 27. ConclusioniAlla luce delle analisi svolte e dell’interpretazione dei risultati ottenuti, è statopossibile corroborare l’ipotesi inizialmente formulata, con la quale ci si interrogava circa:• il livello di coinvolgimento turistico da parte delle strutture ricettive in relazione allarispettiva collocazione geografica;• il grado di connessione tra l’offerta turistica promossa dai complessi alberghieri e lepotenzialità attrattive dell’America’s Cup;• il tasso d’aumento del flusso turistico in funzione delle informazioni veicolateattraverso i siti ufficiali delle strutture;• la strategia comunicativa implementata a seconda della prossimità delle strutturerispetto al campo di regata.Nello specifico la variabile geografica ha fortemente influito sulla quantità e sullaqualità della promozione turistica attinente all’America’s Cup, in termini di maggiore attivitàdi divulgazione dell’evento da parte delle strutture ricettive site in prossimità del campo diregata rispetto a quelle collocate in zone interne.Le strutture site non in prossimità della regata, pertanto, hanno sponsorizzato i propriservizi - rispetto a quelle che si trovano nei pressi del campo di regata - con minore intensitàe, nella maggior parte dei casi, non è stata implementata alcuna strategia turistica che facesseriferimento a possibili convenzioni od iniziative atte ad instaurare un legame diretto conl’evento.È stato possibile individuare diverse strategie di comunicazione adottate dalle struttureconsiderate, in funzione sia della loro collocazione, sia del tipo di informazione veicolata. Inparticolare, mentre le strutture adiacenti al campo di regata hanno promosso un tipo di offertaturistica incentrata sull’evento, quelle più interne non si sono attivate ai fini di un incrementodel flusso turistico, che tenesse conto dei vantaggi potenzialmente derivabili dall’evento inquestione.Pertanto, si ritiene che un incremento delle azioni di comunicazione volte allapubblicizzazione dell’evento - anche da parte delle strutture ricettive site in zone interne -avrebbe favorito una loro maggiore visibilità dal punto di vista turistico.27
  • 28. Riferimenti bibliograficiAmaturo E. (1993), Messaggio simbolo e comunicazione. Introduzione all’analisi delcontenuto, Carocci Editore, Roma.Bolasco S. (1999), Analisi multidimensionale dei dati. Metodi, strategie e criterid’interpretazione, Carocci Editore, Roma.Losito G. (2009), La ricerca sociale sui media. Oggetti, metodi, tecniche, Carocci Editore,Roma.28
  • 29. Sitografiahttp://www.hotelduomonapoli.it/http://www.hoteldesartistesnaples.it/http://www.deidecumani.it/http://www.ilsorrisonapoli.it/http://www.santachiarasuite.com/http://www.sea-hotels.com/it/hotel_europeo_flowers.phphttp://www.hotelpiazzabellini.it/http://www.bbdante.it/http://www.sanfrancescoalmonte.it/it/http://www.hotelbritannique.it/http://www.grandhotelparkers.it/http://www.bbfranca.it/http://www.villamargheritahotel.eu/http://www.riviera281.it/http://www.dimoradeibaroni.com/http://www.areamare.org/http://www.hostelsclub.com/hostel-it-19793.htmlhttp://www.ladimoradinettuno.it/http://www.napulehotel.com/http://www.casamiranapoli.it/http://www.micalo.it/it/home.phphttp://www.excelsior.it/http://www.royalgroup.it/royalcontinental/http://www.vesuvio.it/http://www.hroomsnaples.it/http://www.hotelausonianapoli.com/http://www.locandadelmare.it/29
  • 30. Appendice A - StruttureStruttureHotel DuomoHotel Des ArtistesB&B Dei DecumaniB&B Il SorrisoHotel Meuble Santa Chiara SuiteHotel Europeo&FlowersPiazza del Gesù HouseHotel Piazza BelliniB&B Piazza Dante NapoliHotel San Francesco al MonteHotel BritanniqueHotel Parker’sB&B FrancaHotel Villa MargheritaB&B Napoli Riviera 281Hotel CanadaB&B La Dimora dei BaroniArea Mare Bed and BreakfastOlga Holiday HouseLa Dimora di NettunoNapul’èBed & breakfast Casa Mira NapoliMicalò Boutique HotelHotel ExcelsiorHotel Royal ContinentalGrand Hotel VesuvioHotel Santa LuciaH Rooms Boutique HotelsHotel AusoniaLocanda del Mare B&B30
  • 31. Appendice B - QuestionariUniversità degli Studi di Napoli“Federico II”Facoltà di SociologiaCorso di Laurea Magistrale inComunicazione pubblica, sociale e politicaCorso diMetodi per l’analisi della comunicazioneQuestionario strutture turistico-ricettive_________________________________________________Finalità: Raccolta informazioni turismo in merito all’evento America’s Cup World Series1) Dati generali struttura ricettiva• Nome:Grand Hotel Parkers• Indirizzo:Corso Vittorio Emanuele• Capienza:82 camere• Telefono:081 76112474• Email:sales@grandhotelparkers.it2) Tipologia di struttura Albergo 5 S. L.      3) E’ stato rilevato un incremento del turismo in occasione dell’evento America’s Cup WorldSeries? Si3b) In caso di risposta affermativa, potrebbe indicarne una percentuale approssimativa? 25%4) Qual è stato l’approccio all’evento da parte della struttura? Eventi      5) Di che nazionalità sono stati gli ospiti accolti presso la struttura? Americani, Italiani6) Quale tipo di canale comunicativo avete utilizzato nella diffusione delle informazionirelative all’evento presso il pubblico esterno? Sito Web      31
  • 32. 7) Che tipo di aspettative avete riposto nei riguardi dell’America’s Cup? Altro (specificare)Entrambe8) Sono state soddisfatte? Si9) Quale grado di affluenza turistica era stato preventivato? AltoUniversità degli Studi di Napoli“Federico II”Facoltà di SociologiaCorso di Laurea Magistrale inComunicazione pubblica, sociale e politicaCorso diMetodi per l’analisi della comunicazioneQuestionario strutture turistico-ricettive_________________________________________________Finalità: Raccolta informazioni turismo in merito all’evento America’s Cup World Series1) Dati generali struttura ricettiva• Nome:Grand Hotel Santa Lucia• Indirizzo:Via Partenope 46• Capienza:95 camere• Telefono:0817640666• Email:info@santalucia.it2) Tipologia di struttura Albergo 4 S.      3) E’ stato rilevato un incremento del turismo in occasione dell’evento America’s Cup WorldSeries? No3b) In caso di risposta affermativa, potrebbe indicarne una percentuale approssimativa? 5%4) Qual è stato l’approccio all’evento da parte della struttura? Promozioni      32
  • 33. 5) Di che nazionalità sono stati gli ospiti accolti presso la struttura?      6) Quale tipo di canale comunicativo avete utilizzato nella diffusione delle informazionirelative all’evento presso il pubblico esterno? Sito Web      7) Che tipo di aspettative avete riposto nei riguardi dell’America’s Cup? Ritorno dimmagine     8) Sono state soddisfatte? Si9) Quale grado di affluenza turistica era stato preventivato? AltoUniversità degli Studi di Napoli“Federico II”Facoltà di SociologiaCorso di Laurea Magistrale inComunicazione pubblica, sociale e politicaCorso diMetodi per l’analisi della comunicazioneQuestionario strutture turistico-ricettive_________________________________________________Finalità: Raccolta informazioni turismo in merito all’evento America’s Cup World Series1) Dati generali struttura ricettiva• Nome:Grand Hotel Oriente• Indirizzo:Via Armando Diaz, 44• Capienza:131 camere• Telefono:0815512133• Email:info@grandhoteloriente.it2) Tipologia di struttura Albergo 4 S.      33
  • 34. 3) E’ stato rilevato un incremento del turismo in occasione dell’evento America’s Cup WorldSeries? No3b) In caso di risposta affermativa, potrebbe indicarne una percentuale approssimativa? 5%4) Qual è stato l’approccio all’evento da parte della struttura? Promozioni      5) Di che nazionalità sono stati gli ospiti accolti presso la struttura?      6) Quale tipo di canale comunicativo avete utilizzato nella diffusione delle informazionirelative all’evento presso il pubblico esterno? Sito Web      7) Che tipo di aspettative avete riposto nei riguardi dell’America’s Cup? Ritorno dimmagine     8) Sono state soddisfatte? Si9) Quale grado di affluenza turistica era stato preventivato? Alto34
  • 35. INDICE1. Quadro teorico .......................................................................................................................31.1 L’analisi del contenuto .....................................................................................................31.2 I software ..........................................................................................................................72. Il progetto..............................................................................................................................102.1 Disegno di ricerca...........................................................................................................103. Piano di campionamento delle unità.....................................................................................123.1 Testo email......................................................................................................................133.2 Il questionario.................................................................................................................143.2.1 Analisi dei questionari.............................................................................................154. Reperimento dati...................................................................................................................175. Interpretazione dei dati.........................................................................................................185.1 Analisi delle corrispondenze lessicali.............................................................................185.2 Cluster Analysis..............................................................................................................21Conclusioni...............................................................................................................................27..................................................................................................................................................27Riferimenti bibliografici...........................................................................................................28Sitografia...................................................................................................................................29Appendice B - Questionari........................................................................................................3135