Antropologia e fotografia. analisi poliprospettica del dato visivo

1,082 views
912 views

Published on

Elementi di antropologia visuale

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,082
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Antropologia e fotografia. analisi poliprospettica del dato visivo

  1. 1. Università degli Studi di Napoli “Federico II” Facoltà di Sociologia Corso di Laurea Magistrale in Comunicazione pubblica, sociale e politica Corso di Elementi di antropologia visuale “Antropologia e fotografia: analisi poliprospettica del dato visivo” Anno Accademico 2011/2012A.C. - Antropologia e fotografia: analisi poliprospettica del dato visivo - 1
  2. 2. Napoli - Dallo scatto allo stereotipo Processi di formazione, dinamiche, caratteri. Foto in studio Filoni di ricerca Bozzetto Foto di cronaca Il vestito buono;  Scene di colore: Declinazioni della pratica vedutismo; e del linguaggio  I panni sporchi;  Esemplificazione sintetica fotografico;  Divulgazione e resistività; Determinazione di topoi giornalistica;  Narrazione visuale della ricorrenti: cartoline.  Mali endemici della complessità napoletana. società. Periodizzazioni Reciprocità del rapporto e potenziamento dell’identità sociale.Stereotipo e identità Passaggio dalla dimensione individuale a quella collettiva. Partecipazione del singolo a una rappresentazione ampia di sé A.C. - Antropologia e fotografia: 2 analisi polipros
  3. 3. Scatto e memoria – Il ritratto Presentificazione del corpo e sua esposizione celebrativa Caratteristiche, regole compositive, clientela. Studio seriale Comparazione e finalità di identificazione. Evoluzione della tipologia: scena e corpo agito. Il ritratto fotograficoPercorso tipologico: statua, dipinto, ritratto. Aura perduta Rammemorazione del personaggio; Enfasi e collocazione spaziale; Classi sociali in ascesa ed ansia celebrativa; Retorica Dialettica Seicento, gallerie di ritratti simil – aristocratici; dello monumento- Settecento, democratizzazione del ritratto; spazio documento Ottocento, dal dagherrotipo al ritratto borghese. A.C. - Antropologia e fotografia: analisi poliprospettica del dato visivo - 3
  4. 4. Ambivalenza valoriale dello scatto Sottrazione dell’anima o protezione dal rischio? La caparra di morte Sincretismo Sincretismo delle delle forme forme Primi anni di diffusione della foto in Terra di Lavoro; Ritorno Tematica del rischio: contesto; Ritorno Ex-voto nel Ex-voto nel fotografico Anticipazione sulla morte quale gruppo gruppo Villa Villa fotografico cessione di una parte vitale; Di Di Piano simbolico e flatus vitae; Briano Briano Azione sull’immagine e magia simpatica: la fattura. Ricostruzione Ricostruzione Foto Foto della della ex-voto ex-voto L’ex-voto fotografico scena scena Limitazione degli spazi espositivi; Rapporto tra fotografia e pratica devozionale; Reintegrazione salvifica e annullamento del rischio. A.C. - Antropologia e fotografia: 4 analisi polipros
  5. 5. Scatti in famiglia – Funzioni e modelli Uso sociale della fotografia e generi fotografici di fine secolo Significato e contesto – Classi subalterne Norma etica  Ampliamento del bacino di utenza;  Affermazione di forme e caratteristiche; Norma estetica  Uso ritualizzato della pratica fotografica;  Aumento della solennità della cerimonia;  Trasmissione di valori connessi all’evento. Napoli tra 800 e 900 Disposizione delle fotoCriterio storico di ricostruzione genealogica familiare  Modello propulsivo centro – periferia;  Proliferazione di studi fotografici; Disposizione nelle foto  Genesi dei generi fotografici;  Centro di Ricerca Audiovisuale – 1987; Criterio sociologico di individuazione dei rapporti  Rappresentazione del nucleo familiare. A.C. - Antropologia e fotografia: analisi poliprospettica del dato visivo - 5

×