Your SlideShare is downloading. ×
@Cult   corporate identity
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

@Cult corporate identity

135
views

Published on

Presentazione della società @CULT S.r.l.

Presentazione della società @CULT S.r.l.

Published in: Technology

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
135
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. FIND INFORMATION SHARE KNOWLEDGE CORPORATE IDENTITY
  • 2. Copyright 2008 @CULT. All rights reserved CHI SIAMO La società indirizza la sua attività verso la consulenza, la progettazione e lo sviluppo di soluzioni tecnologiche innovative ed efficaci finalizzate a migliorare i processi di ricerca dell’informazione, collaborazione, creazione e condivisione della conoscenza Le nostre risorse professionali possiedono significative e pluriennali esperienze su: • Tools di progettazione e sviluppo • Testing di applicazioni e metriche • Analisi e reingegnerizzazione dei processi aziendali • Tecniche di raccolta e raffinamento dei requisiti utente • Architetture di sistemi complessi • Progettazione e sviluppo di sistemi basati su componenti Open Source
  • 3. Copyright 2008 @CULT. All rights reserved @CULT opera prevalentemente in due comparti: Conservazione e valorizzazione integrata dei Beni Culturali Il campo di applicazione è costituito dall’intero complesso informativo prodotto da enti ed istituzioni (biblioteche, archivi, musei, enti turistici, …). Secondo le più avanzate prospettive di convergenza ed integrazione, sviluppiamo soluzioni in grado di valorizzare patrimoni di conoscenze, amplificandone ricchezze e peculiarità Settore delle imprese e delle organizzazioni I prodotti/servizi, orientati allo sviluppo organizzativo e alla ottimizzazione gestionale mediante strumenti e metodologie rivolti alla evoluzione ed al controllo dei processi produttivi, sono tutti personalizzabili in base alle specifiche esigenze del Cliente ed adattabili alle problematiche che deve gestire CHI SIAMO
  • 4. Copyright 2008 @CULT. All rights reserved COSA FACCIAMO Riorganizziamo e rendiamo disponibili ed accessibili diverse tipologie di patrimoni di conoscenze multidominio, trasformando le precedenti strutture informative in sistemi informativi universali senza soluzione di continuità Questo attraverso: • User Experience Platform – UXP – per un accesso aperto e intuitivo alle informazioni • Portali per servizi di E-Learning, integrati con tecnologie di Knowledge Management • Sistemi ERP • Strumenti Web 2.0 per Social Network Environment • Strumenti Web 3.0 e architetture tecnologiche semantiche
  • 5. Copyright 2008 @CULT. All rights reserved LINKED OPEN DATA WE BELIEVE IN THE DATA EXPERIENCE @CULT possiede una visione strategica precisa: concretizzare l’opportunità offerta dalle tecnologie semantiche attraverso il trattamento dei dati (per amplificarne il valore) e l’organizzazione delle informazioni (per renderle più utili). Nello specifico: • Creazione e pubblicazione di dataset secondo il Paradigma Linked Open Data (LOD) • Connessione tra Dataset, per mashup tra dati e sorgenti fortemente eterogenei • Progettazione, integrazione ed applicazione ontologie • Ingegnerizzazione del sistema per la fruizione dei dati • Creazione di layer semantici per lo sviluppo di Linked Services
  • 6. Copyright 2008 @CULT. All rights reserved RICERCA & SVILUPPO Il nostro impegno in attività di R&S ci ha permesso di sviluppare forti competenze in: Trattamento dei dati Necessario per renderli completi, primari, tempestivi, accessibili, machine readable, ricercabili, riutilizzabili e permanenti Gestione del ciclo di vita dei dati Siamo in grado di operare nelle fasi di analisi, acquisizione, modifica, aggiornamento, verifica e metadatazione Generazione di dataset Linked Open Data Gestiamo l’intero iter metodologico: individuazione e selezione di dataset, bonifica, analisi e modellazione, arricchimento, linking, validazione e pubblicazione (garantendo il livello 5 della classifica di qualità) [1] [1] Ciò a cui si fa riferimento sono i differenti gradi di apertura del dato sul web come espressi dalla classificazione di Tim Berners-Lee (5 stelle)
  • 7. Copyright 2008 @CULT. All rights reserved PROGETTI Tra i progetti più significativi: ITACH@ - Innovative Technologies And Cultural Heritage Aggregation Con il progetto è stato realizzato il sistema “Open Linked Data Framework” (in sigla: OpLiDaF); un framework aperto ed estensibile per la produzione/conversione dei dati da eterogenei formati originari in LOD RDF MINERV@ - Museal Innovation: New ERgonomic Visit Approach A partire dalla base di conoscenza del Museo Galileo di Firenze, tra i più importanti per quanto riguarda la museologia scientifica, è stato prodotto un dataset secondo i principi LOD ed ingegnerizzato un avanzato strumento di indicizzazione e visualizzazione delle informazioni ottenute da questa elaborazione EX@MPLE - EXtended @nd Multifunctional PLatform Erp È stata progettata una piattaforma di integrazione (iPaaS) cloud based, concepita per ovviare alle discontinuità che insorgono tra le differenti applicazioni gestionali, attraverso l’integrazione di standard open source, tecnologie semantiche e servizi di social media ALIADA - Automatic publication under LInked dAta paradigm of library DAta Il progetto, che vede la partecipazione di Spagna, Italia e Ungheria ha l’obiettivo di rendere le basi di conoscenza di biblioteche e musei, convertite secondo il paradigma LOD, facilmente pubblicabili ed interoperabili attraverso la condivisione delle loro collezioni innovative - Learning In Knowledge Environment – (i-LIKE) Il progetto prevede la ingegnerizzazione di una innovativa piattaforma di e-Learning in grado di integrare tecnologie di Learning Management System (LMS) e di Knowledge Management con quelle semantiche, arricchita con una suite di funzioni riguardanti “Social Network” e “Mobile”
  • 8. Copyright 2008 @CULT. All rights reserved ITACH@ Innovative Technologies And Cultural Heritage Aggregation - (ITACH@) POR FESR Lazio 2007- 2013 Asse I / MICROINNOVAZIONE Con questo progetto è stato sviluppato un sistema denominato Open Linked Data Framework (OpLiDaF), un framework di nuova generazione per la creazione e visualizzazione di dati in RDF/XML, sintassi XML per l’RDF, a partire da formati differenti. In questo modo si ha la possibilità di generare (o tradurre) documenti in grado di essere letti da esseri umani ma anche acceduti ed interpretati da agenti automatici di ricerca (machine understandable). OpLiDaF, operando con metodologie afferenti il Semantic Web, risponde con efficacia alla emergente necessità di realizzare una integrazione fra sistemi attraverso la realizzazione di infrastrutture di dati. L’innovazione riguarda principalmente: • la gestione delle risorse; • le procedure di controllo e di assicurazione della qualità dei risultati; • il controllo della durabilità dei risultati A livello architetturale, la competitività del prodotto riguarda principalmente: • adattabilità agevole a domini differenti; • semplicità nell’utilizzo e nella produzione del risultato finale; • possibilità di usi differenziati; • modularità e scalabilità tecnologica
  • 9. Copyright 2008 @CULT. All rights reserved MINERV@ Museal Innovation: New ERgonomic Visit Approach (MINERV@) POR FESR LAZIO 2007-2013 / Open Data Con questo progetto è stato realizzato un dataset secondo i principi LOD a partire dalla base di conoscenza del Museo Galileo di Firenze. Oltre al facilitare la interazione, lo scambio e il riutilizzo delle informazioni anche fra sistemi informativi non omogenei (così come definito dall’European Interoperability Framework – EIF) [2], è stato soprattutto il voler offrire benefici di sicuro interesse tanto per il “gestore” della base di conoscenza, quanto per gli “utenti”: • utilizzo delle collezioni: gli utenti hanno la possibilità di “muoversi liberamente” e, quindi, fruire delle risorse culturali in un modo del tutto nuovo; • valore delle collezioni: gli utenti non devono più adattarsi ad un modello rigido di fruizione ma è, invece, il “fornitore di conoscenza” che si adatta alle esigenze specifiche di ogni singolo utente. In questo modo, le collezioni diventano più significative e rilevanti; • interazione delle collezioni: la creazione di un patrimonio culturale collettivo e condiviso, attraverso una rete di relazioni tra basi di conoscenza distinte ma collegate, è un volano di sviluppo formidabile verso nuove forme di collaborazione e sviluppo. Inoltre, per una più efficace fruizione delle informazioni da parte di utenti finali è stata proposta, come elemento innovativo, una evoluzione dell’architettura tecnologica sviluppata con il progetto ITACH@: un sistema di ricerca e visualizzazione in grado di combinare le funzioni del motore di ricerca con quelle di un datastore RDF. [2] “interoperabilità come capacità di un sistema o di un prodotto informatico di cooperare e di scambiare informazioni o servizi con altri sistemi o prodotti in maniera più o meno completa e priva di errori, con affidabilità e con ottimizzazione delle risorse”
  • 10. Copyright 2008 @CULT. All rights reserved EX@MPLE EXtended And Multifunctional PLatform Erp (EX@MPLE) POR FESR Lazio 2007- 2013 Asse I / CO-RESEARCH Associazione temporanea di Impresa/scopo: AtCult Srl, PRIMA-S Srl, Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Si sta sviluppando una piattaforma di integrazione (iPaaS) concepita per ovviare alle discontinuità che insorgono tra le differenti applicazioni gestionali, rendendo problematico il flusso dei dati tra le stesse, basata su un motore ESB per integrare le applicazioni aziendali con i più affermati servizi cloud based e piattaforme di social media. È stato quindi concepito un layer tecnologico (Service Bus) di interoperabilità capace di far comunicare le varie componenti del portale e renderle fruibili come servizi. I meccanismi di sincronizzazione e di interoperabilità sfruttano architetture basate su standard aperti dei migliori gestionali open source; questa caratteristica rende la piattaforma altamente performante perché la integrazione con tecnologie preesistenti risulta molto più agile. A livello architetturale: • basata su componenti open source; • modulare; • multipiattaforma; • web based; • aperta (con adozione degli standard esistenti); • estendibile; • semantica ed Open Data compatibile
  • 11. Copyright 2008 @CULT. All rights reserved ALIADA Automatic publication under LInked dAta paradigm of library DAta (ALIADA) SME Initiative on Analytics (FP-ICT-2013-SME-DCA) ScanBit (E), @CULT Srl, Tecnalia (E), ARTIUM- Centro Museo Vasco de Arte Contemporáneo (E), Szépmuvészeti Múzeum (H) ALIADA (ally in Spanish, female genre) will automatize the publication in the Linked Open Data cloud of datasets hosted by different Library or Collection Management Software. ALIADA will support the whole life cycle of reuse of multilingual open data from public bodies, initially the museums and libraries involved in the consortium, providing a usable and open source tool that automatize the selection, publication and linking of datasets in the Linked Data Cloud by the ALIADA users: IT staff, documentalist, curators and librarians in institutions that own datasets managed by library and/or museum management software. ALIADA will be an open source plug-in for the library or collection management software, initially for the ones developed by the SMEs in the consortium and already installed in the public bodies. Usability in ALIADA solution will be a key aspect, as the final users will have little or no experience in Linked Data technologies and processes. ALIADA will make possible libraries and museums interoperability, so they can share their collections and offer them to the general public, by means of the linked open data cloud, allowing new interaction experiences for the general public that now will have access to data historically locked in the institutions that host it. And as side effect, this data from libraries and museums will also enrich the existing open data providing new possibilities to innovative SMEs that wants to make use of the published open data and the open source tool ALIADA
  • 12. Copyright 2008 @CULT. All rights reserved i-LIKE innovative - Learning In Knowledge Environment – (i-LIKE) POR FESR 2007/2013 – Regione Lazio / Asse I - “Ricerca, innovazione e rafforzamento della base produttiva” Obiettivo: ingegnerizzazione di una innovativa piattaforma di e-Learning in grado di integrare tecnologie di Learning Management System (LMS) e di Knowledge Management con quelle semantiche, arricchita con una suite di funzioni riguardanti “Social Network” e “Mobile”. Per la sua realizzazione sono state selezionate le migliori tecnologie open source attraverso una griglia di criteri quali la leadership nel segmento, studi comparativi autorevoli, facilità di istallazione ed uso, potenza funzionale, disponibilità di API e web services, community di riferimento, disponibilità di supporto ed assistenza. La piattaforma agile, adattabile e semplice da amministrare è: • modulare; • web based; • aperta (possibilità di aggiungere/togliere moduli funzionali in base alle esigenze); • estendibile; • semantica ed open data compatibile. Aspetti innovati • Combinando ed integrando approcci metodologici e ambienti tecnologici differenti i-LIKE offre una soluzione innovativa di fruizione immediata che consente la personalizzazione dei percorsi di apprendimento, rendendoli più snelli e rapidi (Personal Learning Environment) • Attraverso le applicazioni tecnologiche Web 2.0 la collaborazione assume un ruolo chiave e, in questo modo, la piattaforma diventa il setting formativo ideale per l’integrazione tra formale e informale (Technology Enhanced Learning) • Le tecnologie del Web 3.0, permettendo la fruizione e lo sviluppo di nuova conoscenza tramite la condivisione di obiettivi e la partecipazione distribuita, in un sistema integrato, determinano un modello formativo applicabile in vari ambiti (da quello scolastico a quello aziendale) ed estendibile “per tutta la vita” (Lifelong Learning) 12
  • 13. Copyright 2008 @CULT. All rights reserved ATTIVITÀ ACCADEMICA La @CULT è presente e partecipa a diverse occasioni accademiche e teoriche incentrate sulle tematiche del web semantico e delle relative tecnologie degli Open Linked Data. Collabora con l’Università di Firenze alla diffusione della conoscenza sul Web semantico e Open Linked Data attraverso l’organizzazione di corsi universitari e specialistici, la partecipazioni a convegni e seminari di studi, la pubblicazione di articoli su riviste di settore. Tra le partecipazioni ultime: • Dicembre 2011: Università degli Studi di Firenze - Master di II livello in “Archivistica, Biblioteconomia e Codicologia”: corso speciale su “Library Linked Data: motivi e prospettive di un cambiamento necessario” • Marzo 2012: “Linked data: un nuovo alfabeto per le biblioteche”; intervento in collaborazione con l’Università degli Studi di Firenze al Convegno “I nuovi alfabeti della biblioteca”. Pubblicazione degli atti dell’intervento sulla rivista “Biblioteche oggi” • Da maggio 2012, ciclo di corsi di formazione sul web semantico e i linked data in ambito MAB (Musei, Archivi e Biblioteche) tenuto per conto dell’AIB (Associazione Italiana Biblioteche) in collaborazione con varie università ed istituzioni italiane • Partecipazione al Seminario di studi internazionale “Global Interoperability and Linked Data in Libraries”, tenuto a Firenze il 18-19 giugno 2012. Il seminario è stato promosso da: Università degli studi di Firenze, Istituto Centrale per il Catalogo Unico delle biblioteche italiane (ICCU), Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze (BNCF), Casalini Libri, Comune di Firenze, Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI), Associazione Italiana Biblioteche (AIB), Istituto di Teoria e Tecniche dell’Informazione Giuridica del Consiglio Nazionale delle Ricerche (ITTIG-CNR), Fondazione Rinascimento Digitale • Ciclo di seminari organizzati da Associazione Italiana Biblioteche - AIB, tenuti nel corso dell’anno 2013, dal titolo “Linked Data al servizio della cultura”, per introdurre alla conoscenza dei LOD e del Seb semantico, con particolare riferimento a coloro che operano nel settore della tutela, della gestione e della valorizzazione del patrimonio culturale • Pubblicazione di articoli sulla tematica dei LOD in collaborazione con l’Università di Firenze
  • 14. Copyright 2008 @CULT. All rights reserved Thank You GIUSEPPE PEDICINI CHIEF DIGITAL OFFICER www.atcult.it giuseppe.pedicini@atcult.it www.facebook.com/giuseppe.pedicini.12 it.linkedin.com/in/giuseppepedicini giuseppe.pedicini