Your SlideShare is downloading. ×
Termovalorizzatori 03
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Termovalorizzatori 03

641
views

Published on

Published in: Education, Business

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
641
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. INCENERIMENTO DEI RIFIUTI: QUALI EFFETTI SULLA SALUTE? Antonino Furia Giuseppe Gancitano Fabio Garofalo Dario Nicastro
  • 2. LE EMISSIONI DEGLI INCENERITORI SONO UN POTENZIALE PERICOLO PER LA SALUTE UMANA ?
    • GAS
    • CENERI VOLANTI
    • CENERI DI FONDO
    • ACQUE DI LAVAGGIO
    • ALTRI RESIDUI
    • EMISSIONI INCONTROLLATE
  • 3. PRINCIPALI COMPOSTI PERICOLOSI RILASCIATI DA UN INCENERITORE
    • DIOSSINE
    • MATERIA PARTICOLATA
    • METALLI PESANTI
    • (Arsenico, Berillio, Cadmio, Cromo Piombo, Mercurio)
    • GAS ACIDI (acido cloridrico, fluoridrico, ossidi di zolfo)
    Fonte: National Research Council, 2000. Waste Incineration and Public Health, Washington, DC: National Academy Press
  • 4. LE FONTI DI DIOSSINE E FURANI
    • COMBUSTIONE DI RIFIUTI
    • PRODUZIONE DI METALLI FERROSI E NON-FERROSI
    • PRODUZIONE DI ENERGIA E CALORE
    • TRASPORTO
    • COMBUSTIONE INCONTROLLATA
    • PRODUZIONE CHIMICA
    • SMALTIMENTO/DISCARICA
    C L O R O D I O S S I N E
  • 5. Le Diossine e gli altri POP (inquinanti organici persistenti) n on sono decomposti da organismi e/o processi naturali e quindi si accumulano nelle matrici ambientali.
  • 6. LE DIOSSINE E GLI ALTRI POP SONO BIOACCUMULABILI NEGLI ORGANISMI VIVENTI E QUINDI HANNO LA CAPACITA’ DI RISALIRE LA CATENA ALIMENTARE, GIUNGENDO FINO ALL’UOMO.
  • 7. COME LE DIOSSINE E GLI ALTRI POP DALLE FONTI ARRIVANO A NOI …
  • 8.
    • EFFETTI NEUROCOMPORTAMENTALI : ridotta funzione cognitiva, comportamento iperattivo, turbe dell’attenzione, depressione
    • • ALTERATA FUNZIONE DEL SISTEMA IMMUNITARIO
    • • DISTURBI DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE
    • • CLORACNE ED ALTRE ALTERAZIONI EPIDERMICHE
    • • DISTURBI DELLA FUNZIONE EPATICA E RENALE
    • • ALTERATI LIVELLI DEGLI ORMONI : tiroide, testosterone ed estrogeni
    • • EFFETTI SUL SISTEMA RIPRODUTTIVO : ridotta fertilità, endometriosi
    • • ALTERAZIONI CONGENITE : ipospadia, labiopalatoschisi
    Effetti sanitari delle diossine La “diossina” (2,3,7,8-TCDD: tetraclorodibenzo-p-diossina) è un accertato cancerogeno per l’uomo (gruppo 1 I.A.R.C.), mentre le altre diossine/furani sono potenziali cancerogeni
  • 9. Effetti cutanei delle diossine UCRAINA, 2004 SEVESO, 1976
  • 10. ALTRI COMPOSTI PERICOLOSI PRESENTI NEI RESIDUI DELL’INCENERIMENTO METALLI : In aggiunta ai sei prima menzionati, altri 19 metalli sono stati identificati nei rifiuti in entrata ed in uscita da un inceneritore (gas dei camini e/o ceneri). COMPOSTI ORGANICI : Oltre alle diossine, diversi composti organici sono presenti nelle emissioni degli inceneritori. Fra questi molti sono dovuti ad incompleta combustione (PIC) ed includono centinaia di sostanze organiche semi-volatili di cui sono stati identificati solo un 10-14%. Questi composti sono noti per essere persistenti nell’ambiente e bioaccumulabili.
  • 11. QUALE TARGET DI POPOLAZIONE A RISCHIO PER ESITI SANITARI DA COMPOSTI RILASCIATI DA UN INCENERITORE ? >> POPOLAZIONE RESIDENTE LOCALE >> LAVORATORI DEGLI IMPIANTI
  • 12. Marcatori di esposizione: - Urine : idrossipirene, mutageni e tioeteri. - Urine e sangue : diossine, PCB, esaclorobenzene, clorofenoli, benzene, toluene, xilene, arsenico, piombo, mercurio e nichel.
    • Output clinici e sintomatologici:
    • - Incidenza di neoplasie gastriche, polmonari ed esofagee.
    • - Mortalità per ischemia cardiaca.
    • - Cloracne, iperlipidemia, alterazione della funzione epatica, del sistema immunitario, ipertensione, piccola ostruzione delle vie aeree polmonari ed alterazioni ematochimiche
    LAVORATORI
  • 13. NESSUN INCREMENTO SIGNIFICATIVO DELLA PIOMBEMIA TRA GLI OPERAI ESPOSTI. VALORE PROTETTIVO DEI DPI Livelli di piombo nel sangue 56 operai degli impianti (esposti); 25 operai adibiti ai mezzi di trattamento delle acque (gruppo di controllo). 3 Inceneritori a New Jork (U.S.A.) Cross-sectional Malkin R. et al.. Environ Res 1992 . MORTALITA’ PER TUTTE LE CAUSE TUMORALI PARAGONABILE A QUELLA DELLA POPOLAZIONE GENERALE. INCREMENTO DI MORTALITA' PER CANCRO GASTRICO NEI SOGGETTI CON PIÙ DI 10 ANNI DI ESPOSIZIONE Mortalità per tutte le neoplasie 532 lavoratori maschi degli impianti 2 impianti per l’incenerimento e il riciclaggio di RSU a Roma (Italia) Coorte retrospettiva Rapiti E. et al.. Am J Ind Med 1997. MUTAGENI URINARI PIÙ ELEVATI NEI LAVORATORI ESPOSTI CHE NEI CONTROLLI. LE MUTAZIONI SONO RISULTATE PIU’ FREQUENTI NEI LAVORATORI CHE NON INDOSSAVANO GUANTI E MASCHERA Presenza di mutageni urinari 104 lavoratori degli impianti (esposti); 61 operai adibiti ai mezzi di trattamento delle acque (controlli) 7 Inceneritori in U.S.A. Cross-sectional Scarlett JM et al.. J Toxicol Environ Health 1990. ECCESSO DI MORTALITA’ PER CANCRO POLMONARE E PER ISCHEMIA CARDIACA (rispetto alla mortalità attesa) Mortalità per tumore polmonare e ischemia cardiaca 176 lavoratori maschi, osservati per almeno 1 anno Inceneritore municipale di Stoccolma (Svezia) Follow-up Retrospettivo Gustavsson P. et al . J Ind Med 1989; RISULTATI EFFETTI SULLA SALUTE POPOLAZIONE DELLO STUDIO SETTING STUDIO DISEGNO STUDIO AUTORI Da: Ann Ist Super Sanità, 2004 Principali studi di valutazione degli effetti sanitari in lavoratori esposti
  • 14. EFFETTI SULLA SALUTE DELLE POPOLAZIONI RESIDENTI VICINO AGLI INCENERITORI
    • IPOTESI DI STUDIO:
    • Il rilascio nell’aria e nell’acqua di sostanze da parte degli inceneritori potrebbe determinare effetti sulla salute della popolazione misurabili dopo vari periodi d’incubazione .
    • Principali output clinici:
    • incidenza del cancro
    • sintomi respiratori
    • anomalie congenite
    • effetti ormonali
  • 15. NEOPLASIE
    • POLMONE
    • FEGATO
    • LINFOMI
    • NON HODGKIN
    • SARCOMA DEI
    • TESSUTI MOLLI
    • LARINGE
    • APPARATO
    • DIGERENTE
  • 16. Carcinoma Polmonare
    • Località studio: Trieste
    • Obiettivo dello studio: indagare l’impatto dell’inquinamento atmosferico provocato da diverse fonti (cantieri navali, fonderie, inceneritore e centro città) sullo sviluppo di cancro del polmone.
    • Tipo di studio: caso-controllo su 775 maschi affetti da carcinoma polmonare e 775 controlli appaiati per età
    • Risultati principali: il rischio di carcinoma polmonare è risultato altamente correlato alle fonti di esposizione cittadine (P=0.0243), con RR 2.2 ed uniforme decremento man mano che ci si allontana dalla sorgente (-0.015), e correlato all’inceneritore (P=0.0098) con un RR 6.7 alla sorgente ed un decremento marcato man mano ci si allontana dalla sorgente (-0.176)
    Biggeri et al . Environ Health perspect. 1996
  • 17. Sarcoma dei tessuti molli e Linfoma non Hodgkin
    • Località di studio: area di Doubs, Francia orientale, vicino ad un inceneritore di RSU.
    • Obiettivo: esaminare la distribuzione spaziale di sarcomi dei tessuti molli e linfomi non-Hodgkin in un area municipale francese con impianto di incenerimento di RSU con alti livelli di emissioni di diossina, rispetto alla distribuzione spaziale nello stesso territorio di casi di linfomi di Hodgkin (patologia certamente non associata all'esposizione alla diossina).
    • Tipo di studio: ecologico. I clusters sono stati identificati in 26 distretti elettorali (dal 1980 al 1995).
    • Risultati: i clusters più significativi sono risultati sovrapponibili per sarcomi dei tessuti molli e per linfomi non-Hodgkin in residenti nelle aree in prossimità dell’inceneritore, SIR: 1.44 (P=0.004) per i sarcomi dei tessuti molli e 1,27 (P=0,00003) per i linfomi non-Hodgkin. Di contro il linfoma di Hodgkin non ha evidenziato una distribuzione spaziale specifica.
    • Viel JF et al. Am J Epid 2000
  • 18. Carcinoma della laringe e del rene
    • Località di studio: Roma
    • Tipo di studio: studio ecologico sull’incidenza di varie forme tumorali condotto su popolazioni residenti in prossimità di un inceneritore, di una discarica di rifiuti e di una raffineria di petrolio operante a Roma dall’inizio degli anni ’60.
    • Risultati: non è stata riscontrata alcuna significativa correlazione tra la vicinanza ai siti industriali e mortalità per carcinomi epatico, polmonare, tumori linfatici ed ematopoietici. Per quanto concerne invece il carcinoma laringeo e renale la mortalità diminuisce all’aumentare della distanza dalla sorgente (P=0.03; P=0.06 considerando l’aggiustamento per l’indice socio-economico)
    • Michelozzi P. et al. Occup Environ Med 1998.
  • 19. Da: P. Michelozzi et al. Occup Environ Med, 1998
  • 20. Da: P. Michelozzi et al. Occup Environ Med, 1998
  • 21. Carcinoma epatico, intestinale e polmonare
    • Località di studio: Gran Bretagna, in aree limitrofe a 72 impianti d’incenerimento.
    • Tipo di studio: retrospettivo. È stata esaminata l’incidenza di neoplasie di 14 milioni di persone residenti nelle vicinanze di 72 inceneritori.
    • Obiettivo: valutare la correlazione tra insorgenza di neoplasie e distanza dagli impianti di incenerimento
    • Risultati: è emersa una riduzione statisticamente significativa (P<0.05) del rischio di sviluppare diverse forme tumorali (carcinoma dello stomaco, fegato, colon-retto, e polmone) all’aumentare della distanza dalla sorgente di esposizione.
    • Elliott P. et al. Br J Cancer 1996
  • 22. EFFETTI SULLA RESPIRAZIONE Nonostante gli impatti potenzialmente avversi sull’apparato respiratorio causati dalle sostanze emesse dagli inceneritori, esiste un numero limitato di studi epidemiologici sugli effetti sull’apparato respiratorio in persone che vivono vicino agli impianti. Tra le ricerche realizzate, alcuni studi hanno suggerito impatti negativi sulle funzioni respiratorie, mentre in altri casi non è stato rilevato alcun effetto.
  • 23. EFFETTI SULLA RESPIRAZIONE
    • Località di studio: Carolina del Nord
    • Tipo di studio: caso-controllo, condotto su 1018 soggetti (età 8-80, non fumatori) appartenenti a tre comunità insediate nelle vicinanze di un impianto di incenerimento di rifiuti urbani, uno per rifiuti pericolosi e l’altro per rifiuti sanitari, considerando come gruppo di controllo tre comunità che vivevano a più di 3 km sopravento rispetto agli impianti.
    • Risultati: nello studio non sono state trovate differenze importanti nei sintomi registrati tra i residenti vicino agli inceneritori e le comunità di controllo.
    • Hu SW et al. J Air waste Manag Assoc 2001
  • 24. ANOMALIE CONGENITE
    • Località di studio: Amsterdam.
    • Tipo di studio: retrospettivo osservazionale (raccolta dati dal 1961 al 1969)
    • Metodo: confronto dei trend di incidenza di malformazioni oro-faciali non sindromiche in una clinica (Zeeburg) situata in prossimità dell’inceneritore, rispetto ad un’altra situata distante dall'emissione (Wilhelmina Gasthuis).
    • Risultati: l’incidenza media calcolata per tutto il periodo di studio nella clinica di Zeeburg è risultata 2.4/1000 nascite. L’incidenza media nella clinica Wilhelmina non è mai risultata superiore a 2.3/1000 nascite
    Tusscher GW et al. Chemospere 2000
  • 25.
    • Località di studio: sud-est della Francia
    • Obiettivi: valutare la possibile associazione tra diossina e metalli presenti nell’emissione di particolato da inceneritori di RSU e tassi di anomalie congenite alla nascita
    • Popolazione di studio: residenti in comuni con meno di 50.000 abitanti ricadenti nell’area circostante 70 inceneritori in attività per almeno un anno tra il 1988 e il 1997.
    • Metodi: calcolo del rischio relativo (RR) per malformazioni congenite, corrette per anno di nascita, età materna, dipartimento di nascita, densità di popolazione, livello socio-economico e livello di traffico stradale, in 194 comuni esposti ed in 2678 comuni non esposti.
    ANOMALIE CONGENITE S. Cordier et al. Occup Environ Med 2004;61:8–15
  • 26.
    • Risultati:
    • Il tasso di anomalie congenite non è risultato significativamente più elevato nei comuni esposti rispetto a quelli non esposti.
    • Alcune anomalie come la displasia renale e la palatoschisi, sono risultate più frequenti nei comuni esposti.
    • Nei comuni esposti è stato osservato un andamento dose-risposta del rischio di uropatie ostruttive con l’aumentare dell’esposizione
    • Il rischio di anomalie cardiache, uropatie ostruttive e anomalie cutanee risultava direttamente proporzionale alla densità di traffico stradale
    • Conclusioni: “… It should be stressed that some of the effects observed in relation to exposure to MSWI emissions should, if real, be attributed to oldtechnology MSWI and the persistent pollution they generate”.
    S. Cordier et al. Occup 2004;
  • 27. EFFETTI ORMONALI
    • Località di studio: Germania
    • Tipo di studio: caso-controllo (casi tra i 7-10 anni residenti nelle vicinanze dell’inceneritore di Beibesheim e controlli residenti in un’area con simili caratteristiche ma senza un impianto di combustione)
    • Obiettivo: valutare gli effetti del cadmio, PCB (Policlorobifenile), piombo, mercurio sui livelli degli ormoni tiroidei.
    • Risultati: è stata riscontrata un’associazione significativa tra le elevate concentrazioni ematiche di cadmio e PCB e alterazioni dei livelli di TSH (aumentato) e di FT4 (ridotto), rafforzando l’ipotesi che il cadmio ed i PCB potessero avere un effetto dannoso sui livelli degli ormoni tiroidei.
    • Osius N. et al. Environ Health Perspect 1999
  • 28. BIOMARCATORI L’utilizzo dei biomarcatori consente di valutare eventuali variazioni di alcuni parametri bioumorali, in popolazioni potenzialmente esposte ad agenti tossici, al fine di individuare in una fase precoce una condizione potenzialmente patologica.
  • 29.
    • Località di studio: Matarò, Spagna.
    • Tipo di studio: caso-controllo. 104 casi (soggetti residenti ad una distanza compresa tra 0.5 e 1.5 Km dal termovalorizzatore) e 97 controlli (residenti a 3.5-4 Km dall’inceneritore).
    • Obiettivo: valutare le concentrazioni di diossine, furani, PCB nel periodo precedente l’attivazione della struttura (1977-1995) e per un periodo successivo di 2 anni (1995-1997).
    • Risultati: è stato constatato un irrisorio incremento dei livelli ematici di diossine e PCDF in entrambi i gruppi a partire dal 1995.
    • Conclusioni: tali incrementi non sembrano attribuibili alle emissioni del termovalorizzatore.
    BIOMARCATORI: STUDI SULL’ESPOSIZIONE A DIOSSINE E PCB Gonzalez CA et al. Arch Environ Health 2000
  • 30.
    • Località di studio: Finlandia
    • Tipo di studio: indagine trasversale condotta dal 1984 al 1994
    • Obiettivo: valutazione dell’esposizione al mercurio in 113 soggetti residenti in vicinanza di un impianto di incenerimento di rifiuti solidi urbani
    • Metodo: valutazione della concentrazione di mercurio nell’ambiente (piante) e in campioni biologici (capelli)
    • Risultati:
    • A- concentrazione media di mercurio nei capelli aumentata dal 1984 (0.5 mg/kg) al 1994 (0.8 mg/kg)
    • B- aumento della concentrazione media nei capelli nel follow-up (10 anni) di 0.35 mg/kg negli addetti all’impianto; 0.16 mg/kg, 0.13 mg/kg, 0.03 mg/kg in soggetti residenti rispettivamente a 2, 4 e 5 km dall’impianto
    • Kurttio P. et al. Arch Environ Health 1998
    Metalli pesanti come biomarcatori
  • 31. Biomarcatori
    • Località dello studio: Taiwan
    • Tipo di studio: follow-up eseguito su 95 volontari (non soggetti ad esposizioni lavorative), residenti attorno ad un raggio di 5 km dall’ inceneritore, per 5 anni
    • Obiettivo: valutare la concentrazione serica di PCDD e PCDF nei soggetti arruolati per confrontarla con l’esposizione annuale attesa di diossine calcolata secondo un modello di dispersione atmosferica
    • Risultati: le concentrazioni sieriche dei soggetti in studio non si discostano molto da quelle attese. L 'esposizione ambientale potrebbe non essere il maggior contribuente dei livelli sierici di diossina e furani, ma devono essere valutate altre fonti di esposizione come la possibile introduzione con la dieta.
    Da: Chen HL et al, Chemosphere, 2004 Mar
  • 32. BIOMARCATORI
    • Località di studio: Matarò, Spagna.
    • Tipo di studio: ecologico. Popolazione in esame costituita da 83 bambini residenti in diverse aree della città (A1: zona in prossimità del termovalorizzatore; A2 area più distante)
    • Obiettivo: valutare i livelli urinari di tioeteri (UT) della popolazione in esame e correlarli all’esposizione al fumo passivo.
    • Risultati: i bambini di entrambe le aree, non esposti a fumo passivo presentavano livelli di UT rispettivamente di 8.79+/-3.23 e 7.52+/-3.22 mmol/mol creatinina (statisticamente non significativi). Nei bambini esposti anche a fumo passivo, invece, i livelli di UT erano rispettivamente di 10.18+/-2.70 e 8.00+/-3.42 mmol/mol creatinina.
    • Conclusioni: l’esposizione al fumo passivo potrebbe avere effetti sulla salute più evidenti rispetto all’esposizione ad emissioni dell’inceneritore .
    Ardevol E. et al. Public Health 1999
  • 33. CONCLUSIONI
    • La maggior parte degli studi analizza l’emissione di sostanze nocive eliminate da vecchi impianti (meno efficienti); per cui alcuni dati andrebbero quantomeno rivisti .
    • Alcuni studi possono essere falsati, o quantomeno poco conformi ai dati reali a causa dei cosiddetti “fattori di confondimento” ( età, sesso, stile di vita, tabagismo, esposizione occupazionale, stato socioeconomico ecc.)
    • In molti studi non è possibile associare un particolare inquinante ad un specifico effetto sulla salute
    SICURAMENTE:
  • 34. CONCLUSIONI
    • Appaiono abbastanza significative le associazione tra soggetti esposti (popolazione nelle vicinanze degli inceneritori ) e rischio di contrarre:
    • - CARCINOMA POLMONARE
    • - LINFOMA NON HODGKIN
    • -SARCOMA DEI TESSUTI MOLLI
    • -ANOMALIE CONGENITE
    COMUNQUE:
  • 35. CONCLUSIONI
    • ulteriori studi in cui sia possibile caratterizzare meglio gli individui esposti e migliorare le conoscenze sia tossicologiche che le diverse interazioni chimiche di specifici composti
    • Studi multi-centrici con popolazione molto grande, al fine di migliorare la potenza statistica.
    PERTANTO, AL FINE DI TRACCIARE CONCLUSIONI SUI RISCHI GENERALI OCCORRONO ANCORA:
  • 36.
    • IN ATTESA CHE QUESTI STUDI CI DIANO DATI PIU’ CERTI ; BISOGNEREBBE FOCALIZZARE L’ATTENZIONE SULLA PREVENZIONE PRIMARIA
  • 37. ………… MIGLIORARE IL PRESENTE, PRESERVANDO IL FUTURO Termovalorizzatore di Spittelau, Vienna
  • 38. RIFIUTANDO UN RITORNO AL PASSATO !!!

×