• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
La Crisi e i Nuovi Modelli di Business: quali prospettive per i Giovani Talenti? - Prof. Edoardo Sabbadin
 

La Crisi e i Nuovi Modelli di Business: quali prospettive per i Giovani Talenti? - Prof. Edoardo Sabbadin

on

  • 1,997 views

"La Crisi e i Nuovi Modelli di Business: quali prospettive per i Giovani Talenti?" Seminario tenuto dal Prof. Edoardo Sabbadin dell'Università di Parma, in occasione della premiazione dei vincitori ...

"La Crisi e i Nuovi Modelli di Business: quali prospettive per i Giovani Talenti?" Seminario tenuto dal Prof. Edoardo Sabbadin dell'Università di Parma, in occasione della premiazione dei vincitori di Virtual Talent 2009, il business game Asseprim.

Statistics

Views

Total Views
1,997
Views on SlideShare
1,983
Embed Views
14

Actions

Likes
1
Downloads
35
Comments
0

3 Embeds 14

http://www.slideshare.net 9
http://www.linkedin.com 3
https://www.linkedin.com 2

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    La Crisi e i Nuovi Modelli di Business: quali prospettive per i Giovani Talenti? - Prof. Edoardo Sabbadin La Crisi e i Nuovi Modelli di Business: quali prospettive per i Giovani Talenti? - Prof. Edoardo Sabbadin Presentation Transcript

    • Prof. Edoardo Sabbadin Università di Parma 3 dicembre 2009
      • I giovani talenti
      • La crisi
      • I nuovi modelli di business
      • In Italia ad 1 anno dalla laurea il 53% dei neolaureati lavora.
      • A 5 anni dalla laurea l’85%.
      • Ma a 5 anni dalla laurea il 27% degli occupati ha ancora un lavoro precario.
      Fonte: AlmaLaurea
    • La retribuzione media lorda dei neolaureati in Italia è aumentata in maniera minore rispetto all’inflazione cumulata negli ultimi 7 anni Fonte: Hay Group
    • In Italia è molto elevata la distanza retributiva, tra il livello di ingresso dei neolaureti e gli stipendi medi di quadri e dirigenti
      • A 5 anni dalla laurea il 3% dei neolaureati italiani è occupato all’estero.
      • Le ragioni della scelta sono:
      • La ricerca di uno sbocco professionale all’estero.
      • Le aspirazioni di carriera.
      • Gli occupati che lavorano in un paese straniero svolgono funzioni direttive (funzionario o quadro) con più frequenza rispetto a chi resta in Italia.
      • Il 18% degli occupati all’estero svolge funzioni direttive, rispetto all’8% (occupati in Italia).
      • È maggiore lo stipendio medio mensile.
      • Il reclutamento è gestito, oltre che dalla funzione Risorse Umane,dal responsabile di linea (nel 22% delle aziende) e da enti o società esterne (nel 68% delle aziende).
      • I fattori più rilevanti per le aziende nella fase di screening dei curricula sono i seguenti:
      • tempo di completamento degli studi e
      • la conoscenza delle lingue straniere.
      • Il 79% delle aziende prevede 3 incontri con i candidati e in media trascorrono 36 giorni dal primo contatto alla formalizzazione della proposta di assunzione.
      • L’83% delle aziende prevede piani di inserimento per i neolaureati.
      • La prima tipologia di rapporto contrattuale utilizzata all’ingresso per i neolaureati è lo stage (per il 94%) delle aziende, la cui durata media è di circa 7 mesi.
      • La metà (50%) delle aziende trasforma il rapporto di lavoro in contratto a tempo indeterminato dopo 1 anno .
      • Nel 2009, tra le tipologie di lavoro previste dalla Legge Biagi, le grandi imprese hanno dichiarato di utilizzare stage (100% delle aziende) e contratti di inserimento (58%).
      • Le altre tipologie (apprendistato, lavoro a progetto, a chiamata, occasionale, ripartito e part time) sono utilizzate da poche aziende.
      • La retribuzione annua lorda media di un neolaureato all’ingresso in azienda è pari 24.827 euro .
      Fonte: HayGroup
    • Fonte: HayGroup sempre spesso Raramente mai Candidature spontanee 18 60 16 6 Contatti diretti con professori universitari 3 26 36 35 Career book e altre guide studenti 26 46 17 11 Contatti personali 6 31 38 25 Presentazioni presso Università e scuole 3 14 34 49 Inserzioni su internet (es. siti di recruiting ) 6 21 23 50 Annunci su giornali, riviste, radio, televisione 6 21 23 50 Sezione all’interno del sito aziendale 8 43 25 24 Inserzioni presso Università, scuole e istituti 5 20 32 43 Career day e job meeting 5 18 30 47 Master 26 46 17 11
      • IMPRESE
      • Iniziativa
      • Capacità relazionali
      • Responsabilità e leadership
      • Problem solving
      • Capacità cognitiva
      • Gestione dello stress
      • Creatività
      • STUDENTI
      • Problem solving
      • Gestione dello stress
      • Iniziativa
      • Capacità relazionali
      • Responsabilità e leadership
      • Capacità cognitiva
      • Creatività
      Il profilo del “Talento”: ranking delle imprese e degli studenti Fonte:SIM
    • 5,5 8,5 5,5 8,5 . . . . . . . CREATIVITA’ CAPACITA’ COGNITIVA GESTIONE DELLO STRESS PROBLEM SOLVING CAPACITA’ RELAZIONALI RESPONSABILITA’ E LEADERSHIP INIZIATIVA Capacità considerate più importanti dagli studenti La prospettiva delle imprese e degli studenti a confronto Capacità considerate più importanti dalle imprese Fonte:SIM
    • Fonte:SIM
      • L’analisi SIM ha evidenziato la presenza di quattro principali cluster
      CARRIERISTI “TIEPIDI” CASH ORIENTED CURIOSI “TIEPIDI” INFORMALI “SOCIAL ORIENTED" Segmentazione dei giovani talenti in base ai vantaggi attesi Fonte:SIM
    •  
    •  
      • Le ragioni profonde della crisi economico in atto
    • prodotto PROCESSO
    • Le innovazioni di processo determinano un aumento della produttività Riorganizzazione dei processi con nuove tecnologie
      • L’Italia destina solo l’1% del PIL in Ricerca e sviluppo
      • In Italia gli investimenti in Ricerca e Sviluppo rispetto al PIL sono diminuiti
      • EU investe l’2% in Ricerca e Sviluppo, USA 2.7%, Finlandia 3.5%, Svezia 4%
      • Gli investimenti in Ricerca e Sviluppo degli altri Paesi dell’Unione Europea sono in aumento
      • R&S privata si fa nelle medio-grandi imprese di alcuni settori del manifatturiero (per esempio nell’aerospaziale la R&S >10% PIL settoriale, mentre, per esempio nel tessile/abbigliamento la R&S=0.02% del PIL settoriale).
      UNA DELLE TESI DI FONDO Le imprese italiane stanno perdendo competitività perché, di fatto, hanno smesso di innovare
    • R&S/PIL media 91-94 media 95-03 Totale manifatturiero 0.9 0.7 aerospaziale 11.7 11.3 macchine per ufficio 8.9 2.5 apparecchi per tlc 8.5 6.9 altri mezzi di trasporto 5.8 4.6 mezzi di trasporto 4.5 2.8 Farmaceutico 4.1 2.9 automobili 3.9 2.1 macchine elettriche ed elettronica 3.7 2.7 materiale ferroviario 1.6 1.1
    • R&S/PIL media 91-94 media 95-03 altri macchinari 1.4 0.7 Chimico 1.0 0.8 navale 1.0 0.8 meccanica di precisione 0.8 2.2 Plastica 0.5 0.5 Coke e derivati petrolio 0.4 0.1 Metalli di base 0.3 0.1 Lavorazione metalli 0.2 0.1 Altri minerali non metalliferi 0.1 0.1 Alimentare 0.1 0.1 altri manifatturieri 0.0 0.1 Tessile e abbigliamento 0.0 0.0 Carta, legno ed editoria 0.0 0.0
      • Definizione e misurazione
    •  
    • La "Valentine" di Sottsass
    • Lampada “Tolomeo” Design: Michele de Lucchi 1986 Produttore Artemide Copie vendute: 4.000.000 La lampada più venduta al mondo Compasso d’oro nel 1989 Da prototipo ha raccolto 10.000 prenotazioni
    • Sedia della LOUIS GHOST 2002 nata dalle linee classiche disegnata dal designer francese: Philippe Starck Copie vendute: 1.000.000 in 7 anni.
    • Nome: “sacco” Design: Gatti, Paolini e Teodori 1968 Produttore: Zanotta Copie vendute: 2.000.000 Ciclo di vita: 41 anni
      • RADICALE
      • È spinta dalla tecnologia.
      • Crea una nuova categoria
      • DESIGN
      • L’innovazione riguarda la forma e l’aspetto estetico di un prodotto senza modificare gli elementi funzionali.
      • È all’interno di una
      • categoria
    • Recentemente Eurostat ha ridefinito ed esteso il concetto di: prodotto processo marketing organizzativa
      • che un’innovazione di marketing annovera cambiamenti rilevanti nel design dei prodotti , parte di un new marketing concept.
    •  
    •  
    • I servizi creano innovazioni (architetti, designer, società di ricerca e consulenza). Le aziende di servizi diffondono la possibilità di fruire dei vantaggi delle innovazioni. Sono sempre le imprese di servizi che finanziano i prodotti innovativi. I servizi e l’innovazione Le imprese di servizi che consentono un uso flessibile del lavoro.
      • Una parte sempre maggiore delle imprese di servizi oggi contribuiscono a razionalizzare i processi produttivi.
    •  
    • MARCA Conoscenza della marca Rete di relazioni Immagine Notorietà Riconoscibilità Fiducia Fedeltà Valori associati alla marca INNOVAZIONE SERVIZI pre e post-vendita Qualità percepita
      • I servizi consentono di differenziare l’offerta, creano valore e redditività
      • I servizi sono una delle determinati del valore di una marca ( brand equity)
      • Il valore di un marchio dipende dalla qualità dei servizi che l’impresa è in grado di offrire.
      • Un’impresa di marca che non offre servizi di qualità rende più facile la contraffazione del marchio.
      • è nata negli anni Trenta quando Fisher (1935) e Clark (1940) suddivisero l’economia in tre macro attività:
      • il settore primario : attività agricole e minerarie.
      • Il settore secondario : l’industria manifatturiera.
      • Il settore terziario , o dei servizi, che invece è stato definito in maniera residuale (ne fanno parte tutte le attività non rientranti nei precedenti settori).
    •  
    • Settori 1998-2008 Servizi + 21,5% Industria - 1,1% Agricoltura - 19,3% Sistema economico + 14,6%
    • Settori 2007 2008 Agricoltura 924.000 867.000 Industria 5.048.000 4.973.000 Servizi 15.295.000 15.593.000
      • I dati sull’occupazione sottostimano il reale contributo occupazionale dei servizi, in quanto la terziarizzazione dell’industria occulta gli occupati nei servizi, che operano all’interno di imprese industriali.
      • Il terziario è il settore più importante e dinamico dell’economia, ma è stato considerato per lungo tempo un settore residuale, poco competitivo, protetto e parassitario.
      • Il recente processo di de-industrializzazione contribuisce ad affermare una concezione negativa della terziarizzazione.
    • In Italia è sviluppata anche dalle imprese minori, che non quantificano l’investimento.
      • I “declinisti” sono pessimisti sul futuro della piccola e media impresa.
      • I difensori delle piccole imprese sostengono l’unicità del modello di sviluppo italiano
      “ Campioni nascosti” “ Un tesoro emergente” Le medie imprese italiane nell’era globale
      • Gigantismo
      • Burocrazia
      • Manager
      • Piccola impresa
      • Impresa-famiglia
      • L’istituto famiglia al servizio della finalità dell’impresa.
      • Le imprese minori hanno dimostrato una capacità di auto-rigenerazione, di saper trovare endogenamente nuove soluzioni
      • Organizzazioni che assumono:
      • www.upim.it/selezione lavora con noi
      • www.tetrapak.com
      • www.heineken.it sezione lavora con noi
      • www.bialetti.it/it/indexasp , sezione “lavora con noi”
      • www.it.capgemini.com/carriera
      • www.pwc.com/it/it/careers/index.jhtml (Price WaterhouseCoopers
      • www.kpmg.it sezione careers
      • www.tre.it sezione “lavora con noi”
      Fonte: IlSole-24Ore del 16.11.09 pag. 23
      • http://www.emarketer.com
      • http://www.osservatori.net
      • I report del Politecnico sui vari temi legati al mondo web
      • http://www.online-marketing.it/
      • http://www.uxmagazine.it/ 
      • http://www.oneweb20.it/
      • http://www.socialenterprise.it/
      • http://www.marketingjournal.it/
      • http://www.mymarketing.net/
      • Abbandoniamo l’approccio antagonista:
      • Grande impresa contro piccola
      • Industria manifatturiera contro terziario
      • Industria e ambiente
    • LE RISORSE TANGIBILI INTANGIBILI FIDUCIA COGNITIVE ESPLICITE TACITE COMPETENZE