RETI di LABORATORI - [Agroalimentare] BIONET-PTP

596 views

Published on

Published in: Food
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
596
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
186
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

RETI di LABORATORI - [Agroalimentare] BIONET-PTP

  1. 1. Presentazione della Rete BioNet – PTP, Biodiversità per la valorizzazione e sicurezza delle produzioni alimentari tipiche pugliesi (Codice Progetto73) Coordinatore scientifico Dott. Angelo Visconti, Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari (ISPA) di Bari, Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR)
  2. 2. Le unità di ricerca Unità di ricerca Responsabile (RUP) Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Istituto di Scienze delle Produzioni Alimentari (ISPA) di Bari Dott. Antonio Logrieco Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Istituto di Tecnologie Biomediche (ITB) di Bari Dott.ssa Domenica D’Elia Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Istituto di Bioscienze e BioRisorse (IBBR) di Bari Dott.ssa Gabriella Sonnante Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Istituto di Biomembrane e Bioenergetica (IBBE) di Bari Dott. Sergio Giannattasio Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Istituto per l’Ambiente Marino Costiero (IAMC) di Taranto Dott.ssa Rosa Anna Cavallo Università degli Studi di Bari, Dipartimento di Scienze del Suolo, della Pianta e degli Alimenti (UNIBA-DISPPA) di Bari Prof. Marco Gobbetti Università degli Studi di Foggia, Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell’Ambiente (UNIFG-SAFE) di Foggia Dott. Costantino Quartucci Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura - Unità di Ricerca per l’Uva da Tavola e la Vitivinicoltura in Ambiente Mediterraneo (CRA-UTV) di Turi (BA) Dott. Maria Francesca Cardone
  3. 3. Obiettivo della Rete Studio e monitoraggio della biodiversità dei prodotti agroalimentari, con particolare riferimento a quelli tipici pugliesi, e servizi innovativi per la loro valorizzazione e il miglioramento della sicurezza alimentare attraverso l’uso di strumentazioni e biotecnologie avanzate. Settori di impatto Settori biotecnologie ed agro-alimentare, con particolare riferimento alle filiere cerealicola, viti-vinicola, ortofrutticola, lattiero-casearia, olivicola, ittica e dei prodotti carnei.
  4. 4. Domanda di innovazione del sistema produttivo • Approcci innovativi per la valorizzazione e conservazione della biodiversità dei prodotti tipici pugliesi • Informazioni ed innovazioni sulla qualità e sicurezza d'uso dei prodotti alimentari (componenti nutrizionali, salutistici e tossici, etc.) • Soluzioni biotecnologiche per il controllo della sicurezza, qualità e tracciabilità degli alimenti • Miglioramento dei processi e prodotti finalizzato alla riduzione dei costi e alla relativa valorizzazione nel mercato Offerta tecnologica della Rete Servizi specialistici forniti dai 4 laboratori della rete: Biodiversità, Qualità e Sicurezza, Bioinformatica, Tecnologico (Unità fermentativa -Ortofrutta): • Sistemi di studio per l’analisi della biodiversità microbica e vegetale dei prodotti tipici pugliesi basati su metodologie avanzate di biologia molecolare e genetica • Tecniche altamente innovative di tipo chimico-fisico e biologico e sviluppo di metodi diagnostici innovativi per la qualità e sicurezza alimentare • Database delle collezioni microbiche e vegetali e piattaforma bioinformatica • Unità fermentativa per standard di tipicità delle produzioni regionali • Nuove tecnologie post-raccolta per la valorizzazione dei prodotti ortofrutticoli

×