RETI di LABORATORI - [Biotecnologie] NABIDIT

  • 203 views
Uploaded on

 

More in: Science
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
203
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
2
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide
  • antibody binding sites (single chain antibody fragments, scFv)

Transcript

  • 1. Coordinatore scientifico Prof.ssa Rosaria Rinaldi, Dip. Matematica e Fisica «E.DeGiorgi», Università del Salento
  • 2. Le unità di ricerca Unità di ricerca Responsabile Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione - Università del Salento (Lecce) Prof. ssa Rosaria Rinaldi IRCC Casa Sollievo della Sofferenza UU.OO. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva San Giovanni Rotondo Dr. Angelo Andriulli IRCCS “Casa Sollievo della Sofferenza” Unità di Epatologia San Giovanni Rotondo Dr.ssa Alessandra Mangia
  • 3. NANOMEDICINE NANOTECHNOLOGY: MASTERING ARTIFICIAL NANOSTRUCTURES AS BIOLOGICAL NANOSTRUCTURES MAIN RESEARCH MACRO AREAS •DIAGNOSTIC (BioChip, beads, fluorescence and magnetic nanoparticles for sensing biomolecules) •IMAGING (Targeted molecular imaging, in-vitro and in-vivo molecular diagnostics, SPM) •DRUG DELIVERY (fluorescence and magnetic nanoparticles,engineered nanocarriers) •TISSUE ENGINEERING (substrates as scaffolds for cell grown and differentiation)
  • 4. Nano-Biotecnologie per Diagnostica e sviluppo di Terapie innovative (NaBiDiT)
  • 5. Obiettivi di breve – medio e medio – lungo termine del progetto WP1. Diagnostics and novel/alternative drugs screening  WP1.1 – Imaging Nanoparticelle magnetiche e magnetico-fluorescenti (Sviluppo di nuovi materiali per imaging in vivo). • Obiettivi a breve termine (mesi 1-24) • sintesi di nanoparticelle fluorescenti e nanoparticelle magnetiche • sviluppo di rivestimenti superficiali su tali nanoparticelle. • Obiettivi a medio termine (mesi 25-42) • sintesi di nanoparticelle combinate magnetico-fluorescenti. • biofunzionalizzazione di nanoparticelle • esperimenti preliminari su sistemi cellulari. • Obiettivi a lungo termine (months 43-60) • esperimenti di imaging su modelli animali.
  • 6. Nanovettori per targeting combinatoriale e imaging/terapia IR basati su nanoparticelle di oro polifunzionalizzate •Obiettivi a breve termine (mesi 1-24) • Sintesi di nanoparticelle d’oro e sviluppo di protocolli di funzionalizzazione con polipetidi ricombinanti basati su siti di legame anticorpali (scFv) con specificita’ diretta contro molecole bersaglio • Obiettivi a medio termine (mesi 25-42) • Valutazione preliminare delle caratteristiche ottiche e della specificità (ed eventuale citotossicità) dei nanovettori in sistemi in vitro •Obiettivi a lungo termine (months 43-60) • applicazioni dei nanovettori per imaging su modelli animali.
  • 7. Tecniche di microscopia a scansione di sonda •Obiettivi a breve termine (mesi 1-24) • correlazione tra cambiamenti strutturali a livello di singola cellula e cambiamenti nell’espressione di specifici geni legati al processo di differenziamentoproliferazionecrescita e adesione cellulare indotta da modificazioni del microambiente (variazioni di pH, forza ionica, temperatura, mezzo di coltura) • caratterizzazione morfologica dei nanocarriers mediante microscopia a scansione di sonda •Obiettivi a medio termine (mesi 25-42) • correlazione tra la citomeccanica e la morfostruttura indotta da modificazioni del microambiente (variazioni di pH, forza ionica, temperatura, mezzo di coltura) • caratterizzazioni nano-meccaniche dei nanocarriers mediante spettroscopie di forza • “surface potential imaging” di multistrati di polielettroliti
  • 8. • Obiettivi a lungo termine (mesi 43-60) • studio combinato microscopia confocale/microscopia a scansione di forza su cellule in vitro • studio combinato microscopia confocale/microscopia a scansione di forza su cellule in vitro in presenza di nanocarriers contenenti farmaci antitumorali
  • 9.  WP1.2 - Biochips Protein/cell chips with optical read-out • Obiettivi a breve termine (mesi 1-24) • Dimostrazione di matrici controllate di biomolecole (proteine/cellule) • Obiettivi a medio termine (mesi 25-42) • Implementazione di biochip per studi su cellule viventi (epatociti e cellule tumorali) • Dimostrazione di procedure standardizzate per la raccolta di cellule di esfoliazione • Studi di interazione recettori/ligando • Studio di pathway metabolici di interesse in epatociti infetti da HPV
  • 10. • Obiettivi a lungo termine (months 43-60) • Studi di highthroughput screening su ligandi e farmaci • Sviluppo di biochip per epatociti vitali, da biopsia di pazienti con infezione cronica • Caratterizzazione delle cellule di esfoliazione da pazienti con carcinoma colonrettale mediante biochips • Caratterizzazione dell’espressione dei recettori ERB in alcuni modelli di neoplasie umane mediante biochips
  • 11. Protein/cell chips with electrochemical, magnetic or mechanical read-out • Obiettivi a breve termine (mesi 1-24) • Dimostrazione di biosensori elettrochimici (per proteine e cellule) • Dimostrazione di biosensori XMR • Dimostrazione di biosensori meccanici • Obiettivi a medio termine (mesi 25-42) • Valutazione dei vantaggi e svantaggi dei differenti schemi di read-out • Integrazione dei differenti schemi di read-out in biochips • Obiettivi a lungo termine (mesi 43-60) • Utilizzo dei biochips ottimizzati per una detection parallela di malattie e predisposizione a malattie, screening di farmaci e tests di citotossicità.
  • 12.  WP2. Development of new ways of treatment and therapy  WP2.1 Sviluppo di sistemi multifunzionali per rilascio di farmaci e trattamento ipertermico • Obiettivi a breve termine (mesi 1-24) • Studi di polimerizzazione alla superficie di nanoparticelle • Studi di cito-tossicità dei sistemi polimerici e magnetici • Studi di carico di farmaci nei rivestimenti polimerici; • Obiettivi a medio termine (mesi 25-42) • studi di ipertermia su sistemi magnetici-polimerici • Studi di rilascio di farmaci su sistemi cellulari. • Obiettivi a lungo termine (months 43-60) • Studi combinati di ipertermia e rilascio su cellule.
  • 13. • Nanocarriers • Obiettivi a breve termine (mesi 1-24) • fabbricazione di nanocapsule, nanotubi e nanogel • caratterizzazione strutturale dei nanocarriers prodotti mediante citofluorimetria e Z potenziale • Obiettivi a medio termine (mesi 25-42) • incorporazione di nanoparticelle magnetiche e fluorescenti all’interno dei nanocarriers • incorporazione di farmaci antitumorali all’interno dei nanocarriers • studio di spettroscopia di fotoemissione a raggi X dei materiali prodotti • Obiettivi a lungo termine (mesi 43-60) • rilascio controllato di farmaci in cellule in vitro mediante l’uso di nanocarriers •  
  • 14. Le attività svolte al 31/12/2013 Attività/progetto/servizio 1. WP1 -Diagnostics and novel/alternative drugs screening WP1.1 Imaging Risultati raggiunti Ricadute industriali • Nanoparticelle magnetiche e magnetico-fluorescenti (Sviluppo di nuovi materiali per imaging in vivo). Altri risultati Imprese coinvolte Tipo di contatto Frequenza di contatto
  • 15. Immagini (foto delle strumentazioni e/o di prototipi, prodotti, impianti pilota) sintesi di nanoparticelle combinate magnetico-fluorescenti A typical confocal image of KB cells doped respectively with OTF1-γ-Fe2 O3 (blue emitting cells) and OTF2-γ-Fe2 O3 conjugates (orange emitting cells). The image was obtained by merging the phase contrast image and the fluorescent image (the latter was taken with acquisition channels at 450±20nm for OTF1-γ-Fe2 O3 and 620±20nm for OTF2- γ-Fe2 O3 ,respectively, and by using a 405 nm excitation laser).
  • 16. Le attività svolte al 31/12/2013 Attività/progetto/servizio 2. WP1 - Diagnostics and novel/alternative drugs screening WP1.2 - Biochips Risultati raggiunti Identificazione di un nuovo modello biologico per l’isolamento di colonociti e cellule staminali vitali; Messa punto di procedure standardizzate per la raccolta di cellule di esfoliazione del colon.  Caratterizzazione genetico/molecolari delle cellule isolate Ricadute industriali Altri risultati Imprese coinvolte Tipo di contatto Frequenza di contatto
  • 17. Immagini (foto delle strumentazioni e/o di prototipi, prodotti, impianti pilota) Procedure per la raccolta e l’isolamento di colonociti e cellule staminali vitali da liquido di lavaggio del colon Sequenziatore 3500Dx Genetic Analyzer Caratterizzazione genetico/molecolari delle cellule isolate 0,12 0,06 0,02 0 0,02 0,04 0,06 0,08 0,1 0,12 0,14 cell. CD45-/VIVE cell. CD44+ cell.CD133+ range: 0.679 - 0.001 range: 0.421 - 0.0003 range: 0.197 - 0.0001 LOCATION Tissue MSS MSI-L MSI-H LOH CRC dx L 1 1 CRC sx L 6 1 Adenomatous Polyps dx L 1 Adenomatous Polyps sx L 2 1 1 IBD L 2 1 Healthy L 2
  • 18. Le attività svolte al 31/12/2013 Attività/progetto/servizio 3. WP1 - Diagnostics and novel/alternative drugs screening WP1.2 - Biochips Risultati raggiunti Ricadute industriali • identificazione di polimorfismi genetici predittivi di risposta alla terapia antivirale per la selezione dei migliori candidati al trattamento individualizzato dell’epatite da virus C • messa a punto di tecniche di gene expression per valutare la risposta precoce alla terapia antivirale nell’epatite da virus C • quantizzazione della risposta in vitro a differenti composti attivi singolarmente o in combinazione contro il virus dell’epatite C in cellule Huh 7.5 transfettate con HCV Altri risultati Lawitz E, Mangia A, Wyles D, et al Sofosbuvir for previously untreated chronic hepatitis C infection. N Engl J Med. 2013 May 16;368(20):1878-87. Imprese coinvolte Tipo di contatto Frequenza di contatto Novartis International Ricerca industriale Indena Ricerca industriale
  • 19. 7900 HTfast real time PCR system
  • 20. Le attività svolte al 31/12/2013 Attività/progetto/servizio 4. WP1.2 - Biochips Lab on a chip per applicazioni biomediche ed analisi agroalimentari Risultati raggiunti: è stata sviluppata una piattaforma lab on a chip altamente flessibile con applicazioni che spaziano dalla diagnostica biomedica ad analisi ambientali ed agroalimentari. Ricadute industriali • Vendita di dispositivi lab on a chip per applicazioni biomediche, ambientali ed agroalimentari Altri risultati • Pubblicazioni di applicazioni specifiche per la rilevazione di marcatori tumorali e lo studio di popolazioni cellulari Imprese coinvolte Tipo di contatto Frequenza di contatto Ekuberg Pharma Contratto di ricerca industriale Settimanale Sensichips Contratto di ricerca industriale in fase di definizione Mensile STMicroelectronics Sviluppo di prototipi e componenti Lab on a chip Mensile
  • 21. Lab on a chip per diagnostica medica e analisi agroalimentari Lab on a chip impedenziometrico Esempio di applicazione diagnostica per la rilevazione di marcatori tumorali Miniaturizzazione e integrazione di biosensori su larga scala
  • 22. Le attività svolte al 31/12/2013 Attività/progetto/servizio 5. WP1.2 Biochips/Protein/cell chips with optical read-out Risultati raggiunti Ricadute industriali • Detection ottica label-free di biomolecole che possono essere riconosciute da aptameri Altri risultati • Immobilizzazione di aptameri e loro rilevazione mediante “surface plasmon resonance” Imprese coinvolte Tipo di contatto Frequenza di contatto
  • 23. Immagini (foto delle strumentazioni e/o di prototipi, prodotti, impianti pilota) Strumentazione per “surface plasmon resonance” acquistata sul progetto –particolare dell’iniezione del liquido Strumentazione per “surface plasmon resonance” acquistata sul progetto
  • 24. Le attività svolte al 31/12/2013 Attività/progetto/servizio 6. WP1.2 Biochips Risultati raggiunti Ricadute industriali Rilevazione precoce dell’adenocarcinoma pancreatico Altri risultati Messa appunto di una tecnica di rilevazione di un anticorpo collegato con l’insorgere dell’adenocarcinoma pancreatico mediante microbilancia a cristalli di quarzo Pubblicazione congiunta dell’articolo: M. Bianco, A. Aloisi, V. Arima, M. Capello, S. Ferri-Borgogno, F. Novelli, S. Leporatti and R. Rinaldi Biosensors and Bioelectronics 42, 646–652 (2013) Imprese coinvolte Tipo di contatto Frequenza di contatto Centro Ricerche Medicina Sperimentale (CeRMS) ; Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza di Torino
  • 25. Immagini (foto delle strumentazioni e/o di prototipi, prodotti, impianti pilota) Microbilancia a cristalli di quarzo utilizzata negli esperimenti ed acquistata con fondi di progetti europei
  • 26. Le attività svolte al 31/12/2013 Attività/progetto/servizio 7. WP1.1 Imaging/Tecniche di microscopia a scansione di sonda Risultati raggiunti Ricadute industriali Sviluppo di metodologie per diagnostica avanzata e precoce Sviluppo di terapie di medicina personalizzata Altri risultati Studio mediante microscopia a forza atomica (AFM) di fibre di cromatina umana isolate da cellule cardiache per identificare pazienti affetti da diabete di tipo 2 Imprese coinvolte Tipo di contatto Frequenza di contatto Centro cardiologico Monzino, Milano
  • 27. Immagini (foto delle strumentazioni e/o di prototipi, prodotti, impianti pilota) Studio AFM condotto su fibre di cromatina isolate da pazienti diabetici * * * * 3 nm 0 5µm0 2 nm 0 800 nm0 *
  • 28. Le attività svolte al 31/12/2013 Attività/progetto/servizio 8. WP1. Diagnostics and novel/alternative drugs screening WP1.1 – Imaging Tecniche di microscopia a scansione di sonda Risultati raggiunti Ricadute industriali • correlazione tra la citomeccanica e la morfostruttura indotta da modificazioni del microambiente (variazioni di pH, forza ionica, temperatura, mezzo di coltura) • studio combinato microscopia confocale/microscopia a scansione di forza su cellule in vitro Altri risultati Imprese coinvolte Tipo di contatto Frequenza di contatto INNOVA ONLUS Mensile
  • 29. Immagini (foto delle strumentazioni e/o di prototipi, prodotti, impianti pilota) Confocal Laser Scanning Microscope (CLSM)-Atomic Force Microscope (AFM) -Total Internal Reflection Fluorescence Microscope (TIRF) (CAT) E’ costituito da tre unità indipendenti: il microscopio confocale, che permette mediante sezionamenti ottici di studiare le cellule vive o fissate, l'AFM per vedere quanto è elastica o rugosa la sua superficie e la TIRF per osservare come la cellula è ancorata al substrato Flow Cytometer (FACS): Il citofluorimetro è equipaggiato con un laser blu e uno rosso, due light scatter detectors con filtri ottici oittimizzati per la detection di FITC, PE, PerCP, e APC.
  • 30. Immagini (foto delle strumentazioni e/o di prototipi, prodotti, impianti pilota) GRANULOMETRO A DIFFRAZIONE LASER Campo granulometrico di misura da 0.02μm a 2000μm.La presenza di due laser, uno rosso (He-Ne 633nm) ed uno blu, permette la massima sensibilità anche nella regione sub- micronica. Il sistema è stato potenziato con un campionatore automatico per micro volumi dotato di uno stirrer e di una sonda ad ultrasuoni per ottimizzare la dispersione del campione. Mortato M* , Blasi L* et al pH controlled staining of CD4+ and CD19+ cells within functionalized microfluidic channel Biomicrofluidics 6, 044107 (2012). Progettazione e sintesi di vettori polimerici smart per il rilascio di fattori solubili per applicazioni Lab-on-Chip.
  • 31. Le attività svolte al 31/12/2013 Attività/progetto/servizio 9. WP2. Development of new ways of treatment and therapy WP2.1 Nanocarriers Risultati raggiunti Ricadute industriali • fabbricazione di nanocapsule, nanotubi e nanogel • incorporazione di farmaci antitumorali all’interno dei nanocarriers Altri risultati • Vergara D, Bellomo C, Zhang X, Vergaro V, Tinelli A, Lorusso V, Rinaldi R, Lvov YM, Leporatti S, Maffia M. Nanomedicine, 2012, 8, 1078. Imprese coinvolte Tipo di contatto Frequenza di contatto
  • 32. Immagini (foto delle strumentazioni e/o di prototipi, prodotti, impianti pilota) Stable nanocolloids of Paclitaxel (PTX) and lapatinib were prepared by the “sonication-assisted-layer-by-layer (SLBL)” method: Two types of LbL-PTX formulations  PTX(chitosan/alginic acid)3 and PTX/(chitosan/alginic acid)3/- lapatinib/alginic acid This technique allows to prepare stable aqueous nanocolloids having particle diameters in the range of 150-250 nm, high drug content, biodegradable shell, controlled release and low water soluble multi-drugs.
  • 33. Le attività svolte al 31/12/2013 Attività/progetto/servizio 10. Laboratorio MRI per piccoli animali Risultati raggiunti Ricadute industriali • Facility MRI per sviluppo di nuovi mezzi di contrasto basati su nanoparticelle magnetiche • Sviluppo e test in vivo di nuovi farmaci antitumorali e/o antinfiammatori Altri risultati Imprese coinvolte Tipo di contatto Frequenza di contatto
  • 34. Uno scanner commerciale è essenzialmente formato da elementi che creano campi magnetici statici oppure variabili nel tempo e nello spazio, coordinati da una complessa elettronica di controllo: • Le unità di misura di B0 sono il Tesla nel sistema MKS e il Gauss nel sistema CGS 1T = 104 G • E’ consuetudine per gli spettroscopisti quantificare l’intensità di B0 in MHz.Componenti del sistema
  • 35. Componenti del sistema • il magnete principale, la cui funzione è creare un campo magnetico statico e omogeneo di elevata intensità per permettere la polarizzazione dei nuclei. • le bobine a radiofrequenza, che generano il campo magnetico rotante alla frequenza di Larmor. • le bobine di gradiente, che generano campi magnetici che variano linearmente nello spazio, indispensabili alla generazione di immagini. • varie bobine ausiliarie, che servono a compensare per eventuali inomogeneità o per modificare in altro modo le geometrie dei campi principali.
  • 36. Le bobine RF sono l’interfaccia utente verso il campione con il maggior impatto su: • qualità dei risultati • tempo di acquisizione Campo B0 da 1 a 18 Tesla Foro del magnete da 11 a 82 cm Importanza delle dimensioni
  • 37. Gestione dell’animale Gestione dell’animale integrata mediante: Posizionamento stereotattico Maschera per anestesia Sistemi di riscaldamento Elettrodi ECG e Resp ICON Bruker High-Performance Desktop MRI System
  • 38. Selezione della produzione scientifica della rete [1] Primiceri, Elisabetta; Chiriaco, Maria Serena; Dioguardi, Francesca; Monteduro, Anna Grazia; D'Amone, Eliana; Rinaldi, Ross; Giannelli, Gianluigi; Maruccio, Giuseppe: “Automatic transwell assay by an EIS cell chip to monitor cell migration” - LAB ON A CHIP, 2011, 11, 4081-4086 [2] Chiriaco, Maria Serena; Primiceri, Elisabetta; D'Amone, Eliana; Ionescu, Rodica Elena; Rinaldi, Ross; Maruccio, Giuseppe: “EIS microfluidic chips for flow immunoassay and ultrasensitive cholera toxin detection” – LAB ON A CHIP , 2011, 11, 658-663 [3] Sabella, S.; Vecchio, G.; Brunetti, V.; Cingolani, R.; Rinaldi, R.; Pompa, P. P.: “Direct PCR Analysis of Biological Samples in Disposable Plastic Microreactors for Biochip Applications” - JOURNAL OF ANALYTICAL CHEMISTRY, 2011, 66, 528-534 [4] Zizzari, A.; Arima, V.; Zacheo, A.; Pascali, G.; Salvadori, P. A.; Perrone, E.; Mangiullo, D.; Rinaldi, R.: “Fabrication of SU-8 microreactors for radiopharmaceutical production” - MICROELECTRONIC ENGINEERING, 2011, 88, 1664-1667 [5] Zacheo, Antonella; Quarta, Alessandra; Mangoni, Antonella; Pompa, Pier Paolo; Mastria, Rosanna; Capogrossi, Maurizio C.; Rinaldi, Ross; Pellegrino, Teresa : “CdSe/CdS Semiconductor Quantum Rods as Robust Fluorescent Probes for Paraffin- Embedded Tissue Imaging” - IEEE TRANSACTIONS ON NANOBIOSCIENCE, 2011, 10, 209-215 [6] Vergaro, Viviana; Scarlino, Flavia; Bellomo, Claudia; Rinaldi, Rosaria; Vergara, Daniele; Maffia, Michele; Baldassarre, Francesca; Giannelli, Gianluigi; Zhang, Xingcai; Lvov, Yuri M.; Leporatti, Stefano: “Drug-loaded polyelectrolyte microcapsules for sustained targeting of cancer cells” - ADVANCED DRUG DELIVERY REVIEWS, 2011, 63, 847-863 [7] Arima, Valentina; Bianco, Monica; Zacheo, Antonella; Zizzari, Alessandra; Perrone, Elisabetta; Marra, Lucia; Rinaldi, Ross: “Fluoropolymers coatings on polydimethylsiloxane for retarding swelling in toluene” – THIN SOLID FILMS, 2012, 520, 2293- 2300
  • 39. [8] Baldassarre, Francesca; Vergaro, Viviana; Scarlino, Flavia; De Santis, Flavia; Lucarelli, Giovanna; della Torre, Antonio; Ciccarella, Giuseppe; Rinaldi, Ross; Giannelli, Gianluigi; Leporatti, Stefano : “Polyelectrolyte Capsules as Carriers for Growth Factor Inhibitor Delivery to Hepatocellular Carcinoma” - MACROMOLECULAR BIOSCIENCE, 2012, 12, 656-665 [9] Viola, Ilenia; Zacheo, Antonella; Arima, Valentina; Arico, Antonino S.; Cortese, Barbara; Manca, Michele; Zocco, Anna; Taurino, Antonietta; Rinaldi, Ross; Gigli, Giuseppe : “The influence of polydimethylsiloxane curing ratio on capillary pressure in microfluidic devices” - APPLIED SURFACE SCIENCE 2012, 258, 8032-8039 [10] Vergara, Daniele; Bellomo, Claudia; Zhang, Xingcai; Vergaro, Viviana; Tinelli, Andrea; Lorusso, Vito; Rinaldi, Ross; Lvov, Yuri M.; Leporatti, Stefano; Maffia, Michele: “Lapatinib/Paclitaxel polyelectrolyte nanocapsules for overcoming multidrug resistance in ovarian cancer” - NANOMEDICINE-NANOTECHNOLOGY BIOLOGY AND MEDICINE, 2012 , 8, 891- 899 [11] Bianco, Monica; Viola, Ilenia; Cezza, Miriam; Pietracaprina, Francesca; Gigli, Giuseppe; Rinaldi, Rosaria; Arima, Valentina: “Microfluidic motion for a direct investigation of solvent interactions with PDMS microchannels” - MICROFLUIDICS AND NANOFLUIDICS ,2012, 13, 399-409 [12] Maria Serena Chiriacò, Elisabetta Primiceri, Anna Grazia Monteduro, Anna Bove, Stefano Leporatti, Michela Capello, Sammy Ferri-Borgogno , Ross Rinaldi, Francesco Novelli , Giuseppe Maruccio : “Towards pancreatic cancer diagnosis by EIS biochips”, LAB CHIP, 2013, 13, 730-734 [13] Monica Bianco, Alessandra Aloisi, Valentina Arima, Michela Capello, Sammy Ferri-Borgogno, Francesco Novelli, Stefano Leporatti, Rosaria Rinaldi : “ Quartz crystal microbalance with dissipation (QCM-D) as tool to exploit antigen– antibody interactions in pancreatic ductal adenocarcinoma detection” , Biosensors and Bioelectronics, 2013, 42, 646-652 [14] Primiceri, Elisabetta; Chiriaco, Maria Serena; Rinaldi, Ross; Maruccio, Giuseppe: “Cell chips as new tools for cell biology - results, perspectives and opportunities”, LAB ON A CHIP,2013, 13, 3789-3802  
  • 40. [15] Mangia A, Santoro R, Mottola L IL 28B polymorphisms as predictor of response in HCV 2 and 3 patients, World Journal of Gastroenterology 2013 [Epub ahead of print] [16] Thompson AJ, Santoro R, Piazzolla V, et al Inosine triphosphatase genetic variants are protective against anemia during antiviral therapy for HCV2/3 but do not decrease dose reductions of RBV or increase SVR. Hepatology. 2011 Feb;53(2):389-95. [17] Mangia A. Individualizing treatment duration in hepatitis C virus genotype 2/3-infected patients.Liver Int. 2011 Jan;31(1):36-41. [18]Mangia A, Bandiera F, Montalto G, et al Individualized treatment with combination of Peg-interferon alpha 2b and ribavirin in patients infected with HCV genotype 3. J Hepatol. 2010 Dec;53(6):1000-5. [19] Mangia A, Thompson AJ, Santoro R, et al An IL28B polymorphism determines treatment response of hepatitis C virus genotype 2 or 3 patients who do not achieve a rapid virologic response.Gastroenterology. 2010 Sep;139(3):821-7. [20] Mangia A, Andriulli A. Tailoring the length of antiviral treatment for hepatitis C. , Gut. 2010 Jan;59(1):1-5. Review. [21] Mangia A, Minerva N, Bacca D, et al Determinants of relapse after a short (12 weeks) course of antiviral therapy and re-treatment efficacy of a prolonged course in patients with chronic hepatitis C virus genotype 2 or 3 infection. Hepatology. 2009 Feb;49(2):358-63. [22] Mortato M* , Blasi L* et al pH controlled staining of CD4+ and CD19+ cells within functionalized microfluidic channel Biomicrofluidics 6, 044107 (2012).