Your SlideShare is downloading. ×
Web 2.0
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Web 2.0

528
views

Published on

Published in: Education

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
528
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Il software si trasferisce sul Web Maria Grazia Celentano Salvatore Colazzo Dipartimento di Scienze Pedagogiche, Psicologiche e Didattiche Università del Salento
  • 2.
    • Il termine Web 2.0 è stato coniato da O’Reilly Radar durante una sessione di brainstorming tra lui e MediaLive International.
    • Il Web 2.0 identifica un World Wide Web più interattivo e dinamico , un web che prende le distanze dal precedente (Web 1.0) caratterizzato principalmente da siti di informazioni statici, dal solo uso di e-mail o chat per comunicare con altri utenti, da motori di ricerca e da una navigazione prevalentemente di tipo lineare.
    • Oggi più di ieri nel Web gli individui si possono incontrare per creare comunità online, interagire e collaborare, per creare in modo condiviso nuovo sapere .
  • 3.
    • Nuovo modello di produzione delle informazioni
    • Elevata valorizzazione della dimensione sociale della Rete , grazie all’adozione di strumenti capaci di facilitare l’interazione tra individui e la trasformazione degli stessi in attivi creatori di servizi.
    • Fanno parte del Web 2.0 tutte quelle applicazioni e quei media che privilegiano la connettività, quindi: giornalismo partecipativo , webcasting , podcasting , blogging , geomapping , 3D browsing , fino a Second Life .
  • 4.
    • Alla base di questa nuova rivoluzione della rete ci sono tecnologie ormai consolidate come Ajax ( Asynchronous JavaScript And XML ) e Javascript che hanno permesso di portare le applicazione desktop sul Web.
    • Ajax ha permesso ai programmatori di sviluppare applicazioni web interattive e dinamiche ( Rich Internet Applications ) progettate e realizzate a immagine e somiglianza degli applicazioni desktop, quindi più interattive , immediate nella risposta , accessibili , usabili e navigabili .
  • 5.
  • 6.
    • Alleggerimento del carico lato server.
    • Riduzione dei tempi di risposta.
    • Possibilità di compiere diverse operazioni senza ricaricare la pagina ( refresh ).
  • 7.
    • … per il lavoro
    • … la comunicazione
    • … il divertimento
      • Strumenti e programmi che in perfetto stile Web 2.0 vedono l’utente sia nella veste di autore che in quella di fruitore di contenuti.
    PROTAGONISTA
  • 8.
      • Applicazione che con interfacce altamente usabili ed esteticamente gradevoli consentono di:
        • CREARE CONTENUTI
        • CONDIVIDERE INFORMAZIONI
        • ORGANIZZARE EVENTI
        • GESTIRE PROGETTI
        • ECC.
      • anche a chi è sprovvisto di competenze tecniche specifiche.
  • 9.
    • Come sfruttare le mille potenzialità della rete?
    • 1. PRODUTTIVITA’
    • Oggi si lavora direttamente on-line.
    • Le applicazioni Web consentono di:
    • creare documenti,
    • organizzare progetti,
    • modificare contenuti,
    • gestire collaboratori,
    • ecc.
  • 10. 2. COMUNICAZIONE Chat e micro-blog (ma non solo) per scambiare on-line informazioni e dati con amici e colleghi.
  • 11. 3. PRESENZA SUL WEB Creare siti Web, wiki e social network è facile e veloce grazie alla disponibilità di numerosissimi strumenti.
  • 12. 4. SOCIAL TAGGING Condividere bookmark, catalogare libri, archiviare pagine Web. Il social tagging offre sempre più opportunità per creare archivi personali on-line.
  • 13. 5. CONDIVISIONE MEDIA DIGITALI Immagini, filmati, musica e veri e propri canali televisivi. Pubblicare e condividere contenuti multimediali sul Web è facile ed immediato.
  • 14. 6. MOTORI DI RICERCA I search engine del Web 2.0 sono interattivi e indicizzano i contenuti creati dagli utenti.
  • 15.
    • Editor online per l’elaborazioni di file di testo, fogli di calcolo e presentazioni.
    • Attivando un account su Google è possibile creare, importare, esportare, modificare, condividere, inviare via e-mail ogni documento.
    http://docs.google.com
  • 16. http://docs.google.com
    • FUNZIONALITA’:
    • Salvataggio ed importazione di numerosi formati: doc, xls, odt, ods, rtf, csv, ppt, pdf.
    • Condivisione di documenti tra utenti visitatori e/o collaboratori.
    • Editing simultaneo dello stesso documento.
    • Gestione delle Revisioni.
    • Interattività: chat per la discussione in tempo reale.
  • 17. http://docs.google.com
  • 18. http://docs.google.com
  • 19.
    • Strumento per impostare e condividere on-line i propri impegni e per essere aggiornati sugli eventi altrui.
    www.google.com/calendar
  • 20.
    • FUNZIONALITA’:
    • Creazione e gestione simultanea di più calendari (pubblici o personali).
    • Visualizzazione giornaliera, settimanale, mensile ecc. dell’agenda.
    • Possibilità di condividere i propri impegni con altre persone.
    • Gestione promemoria con notifica mediante invio email, sms o finestra di pop-up.
    www.google.com/calendar
  • 21. www.google.com/calendar
  • 22.
    • Ambiente di lavoro per creare prodotti editoriali da pubblicare on-line (e non solo).
    www.formatpixel.com/
  • 23.
    • FUNZIONALITA’:
    • Set di strumenti per impostare dimensioni e tipologia del documento, inserire nuove pagine, immagini (Jpg, Gif, Png), testi e forme grafiche.
    • Pubblicazione in formato Flash.
    • Disponibile sia in versione gratuita che non.
    www.formatpixel.com/
  • 24.
    • Applicazione di fotoritocco interamente basata sul Web.
    • L’acquisizione delle immagini può avvenire da un’unità disco locale, da webcam collegata ad un PC o mediante importazione da Flickr o Photobucket.
    www.picnik.com
  • 25.
    • FUNZIONALITA’:
    • Estrazione di immagini da una pagine Web.
    • Regolazione automatica, impostazione dei colori, correzione pupille rosse, modifica dei colori di esposizione, contrasto e saturazione.
    • Aggiunta di testi, bordi ed effetti.
    • Personalizzazione dimensioni e formato file.
    www.picnik.com
  • 26.
    • Tool di project management utilizzabile per attività personali o collaborative.
    • Utilizza 3 differenti strutture logiche: le persone, i gruppi e i progetti.
    http://myquire.com/
  • 27.
    • FUNZIONALITA’:
    • Ogni persona ha a disposizione un “cruscotto” per gestire la propria rete di contatti, i compiti da svolgere, i progetti su cui lavorare.
    • Di particolare interesse:
      • Network (per la creazione di gruppi di colleghi o amici),
      • Hard Drive (disco virtuale per archiviare dati),
      • My Messages (sistema per la gestione dei messaggi),
      • My Calendar e My Task
      • ecc.
    http://myquire.com/
  • 28.
    • Suite per la produttività on-line che comprende un numero davvero ampio di programmi.
    • Writer , Sheets , Show e DB and Reporting permettono di creare, condividere e pubblicare documenti testuali, fogli di calcolo, presentazioni e database.
    www.zoho.com
  • 29.
    • FUNZIONALITA’:
    • Zoho Notebook : creare e aggregare contenuti testuali e audio/video all’interno di un’unica area di lavoro.
    • Meeting : per conferenze sul Web, help desk.
    • Planner (organizer) e Creator (creazione di applicazioni basate su database).
    • Projects e CRM .
    • Wiki per la creazione di siti web collaborativi.
    • Zoho Mail e Chat per servizi di mailing o instant messaging.
    www.zoho.com
  • 30. www.zoho.com
  • 31. www.zoho.com
  • 32.
    • Fornisce una modalità semplice per la creazione, l’aggregazione e la condivisione di contenuti dal browser.
    • E’ uno strumento per la collaborazione online che permette di:
    • Creare contenuti direttamente dall’applicazione, ed utilizzare strumenti di disegno, webcam, registrazioni da microfono, fogli di calcolo integrati ed uno strumento di word processing
    • Importare Internet media , inclusi siti, foto, video e web clipping, oltre alla possibilità di importare codice HTML , ecc.
    • Condividere il contenuto con chiunque o con singoli, mediante controlli per l’accesso e comparazioni delle versioni dei documenti
    www.zoho.com
  • 33. www.zoho.com
  • 34.
    • INTEGRAZIONE DEL CONTENUTO
    • Una volta loggato , si ha a disposizione una pagina bianca, da dove è possibile organizzare sia la creazione che l’importazione di informazioni.
    • Dal pannello di controllo si possono aggiungere nuove pagine bianche, o in alternativa fogli di calcolo, documenti di word processor o pagine web da condividere. Si posso utilizzare liberamente le applicazioni Zoho Sheet e Zoho Writer , perfettamente integrate nella interfaccia di Notebook ed inoltre inserire altri media o fare uso delle opzioni di lavagna (whiteboard) condivisa.
    www.zoho.com
  • 35. www.zoho.com
  • 36.
    • Sotto il primo elenco di opzioni, un secondo elenco permette di inserire:
    • Immagini , con upload o mediante inserimento di una URL
    • Audio , sia file sul proprio computer che registrazioni dal microfono
    • Video , da una URL o dal proprio computer
    • HTML , ogni tipo di contenuto che si può includere in un sito web, anche un Google Calendar o un
    • web widget
    • Un sito web mediante URL, che viene
    • incluso nella pagina.
    • Un qualsiasi file che si desidera
    • condividere, mediante URL o upload
    www.zoho.com
  • 37.
    • Lavagna Condivisa
    • Pur non essendo il più completo al mondo, Zoho Notebook possiede anche una lavagna (whiteboard) condivisa in tempo reale .
    • Può essere utilizzata per segnare ed annotare i contenuti delle proprie pagine e che permette di disegnare a mano libera, utilizzare linee, forme, testi e persino fumetti.
    • Questo permette di lasciare in tempo reale delle note ad un collaboratore o ad un cliente.
    www.zoho.com
  • 38.
    • Pubblicazione e Condivisione
    • La pubblicazione fornisce l’opzione sia di inviare una URL che le persone possono visitare, oppure di includere tutto direttamente sul proprio sito o blog.
    • Le opzioni di condivisione permettono di invitare altri utenti ad accedere all’intero 'notebook', ad una sua particolare pagina, o persino ad uno specifico oggetto sulla pagina, dal momento che ogni singolo item ha i suoi permessi.
    • Questo può fare la
    • differenza per le persone
    • che condividono documenti
    • con numerosi collaboratori,
    • con differenti livelli di
    • accesso alle informazioni.
    www.zoho.com
  • 39.
    • Tool per la comunicazione di gruppo che consente di creare chat room accessibili via Web.
    • Ogni utente registrato ha a disposizione una URL presso la quale visualizzare le chat room aperte e scambiare messaggi.
    • Si possono condividere file, visualizzare immagini e archiviare conversazioni.
    www.campfirenow.com
  • 40.
    • Applicazione Web di messaggistica istantanea che permette di utilizzare i più comuni servizi di IM contemporaneamente e senza dover installare i relativi client.
    • Numerose le personalizzazioni attivabili (dai temi grafici al salvataggio dei messaggi)
    • Conversazioni di gruppo e video conferenze.
    www.meebo.com
  • 41.
    • Tool che integra blog e instant messaging per permettere la comunicazione tra utenti attraverso lo scambio di piccoli messaggi di testo.
    • Possibilità di rimanere sempre informati sulle attività del network di appartenenza.
    • È possibile utilizzare gli sms per ricevere ed inviare comunicazioni.
    http://twitter.com
  • 42.
    • È uno dei Social Network più frequentati del mondo.
    • Si presenta come un contenitore di informazioni personali, professionali, interessi, gusti e attività, ma soprattutto consente di entrare in contatto con amici e conoscenti, ricreando la rete di legami e relazioni attivi nella vita reale.
    • Mini Feed elenca le ultime attività svolte.
    • Wall simula la parete su cui lasciare messaggi.
    • Facebook Apps laboratorio virtuale dove poter creare applicazioni capaci di far interagire
    • componenti esterni (blog, wiki,
    • realtà virtuali, motori di ricerca ecc.)
    www.facebook.com
  • 43.
    • Editor per la creazione rapida di siti Web (max 5).
    • Requisito: possedere un account google.
    • È possibile aggiungere codice HTML.
    • Tutti i siti sono ottimizzati di default per la visualizzazione su dispositivi mobili.
    http://pages.google.com/
  • 44.
    • Editor per la creazione di Wiki
    • (cioè siti Web che permettono di gestire e condividere le informazioni in maniera collaborativa).
    • Un pannello Settings consente di personalizzare il layout del sito, è possibile aggiungere tool per la produttività come calendari, fogli di calcolo, plug-in per comunicare via chat, slideshow di immagini e filmati.
    • Sono disponibili feed Rss per seguire gli aggiornamenti del sito, funzionalità di backup, salvataggio in locale dei contenuti, ecc.
    http://pbwiki.com/
  • 45.
    • È uno degli strumenti più utilizzati per archiviare on-line i siti preferiti (corredandoli con titoli, descrizioni e parole chiave) e condividerli con altri utenti.
    • È possibile eliminare o rinominare tag archiviati, raggrupparli in macro categorie, scaricare feed Rss, esportare i link salvati in altre pagine html.
    http://del.icio.us/
  • 46.
    • Applica il social tagging ai libri.
    • Permette di creare vere e proprie librerie virtuali inserendo per ogni titolo svariate tipologie di informazioni (scheda bibliografica, Isbn, prezzo, copertina, descrizione, disponibilità ecc.)
    • Ogni utente ha a disposizione una pagina personale che contiene i libri catalogati e quelli raccomandati dal programma, le novità inserite da amici e tanto altro.
    www.anobii.com
  • 47.
    • Strumento per la pubblicazione, organizzazione e condivisione on-line di immagini.
    • Consente di associare ad ogni immagine informazioni, parole chiave, metadati, di definire livello di privacy, licenza di utilizzo e livello di sicurezza.
    • I visitatori possono
    • aggiungere
    • commenti e note,
    • marcare un’immagine
    • come
    • preferita, salvarla o
    • stamparla, costruire gruppi
    • a tema, ecc.
    www.flickr.com
  • 48.
    • Offre tool e spazio Web per creare e condividere podcast e videocast professionali.
    • Ogni utente ha a disposizione un blog per pubblicare file audio e video, ma anche tag e contenuti testuali nella forma di commenti.
    • I file associati ai post possono essere riprodotti con QuickTime o scaricati in locale.
    www.podomatic.com
    • È possibile importare o creare al volo Mp3.
    • È disponibile un servizio Ftp per l’upload dei file.
  • 49.
    • Motore specializzato nella ricerca di informazioni sulle persone. Utilizza un DB realizzato setacciando social network, directory, blog, enciclopedie on-line.
    • Usa tag (formali o a valore semantico) per catalogare le informazioni.
    • Per ogni persona sono
    • raccolte info e tracce di
    • presenza sul Web.
    www.spock.com
    • Gli utenti possono aggiornare il proprio profilo o votare le informazioni presenti.
  • 50.
    • Tecnologie di supporto all’apprendimento cooperativo in rete
      • wiki, blog, podcast, instant messaging
    • Tecnologie per il reperimento delle informazioni e la gestione delle fonti in rete
      • RSS feed, social bookmarking
    • Tecnologie di supporto all’apprendimento per utenti mobili
  • 51.
    • Adatto alla pubblicazione di contenuti in rete sotto forma di un diario online anche multiutente.
    • Efficace per attività formative basate sull’uso di strategie narrative, orientate alla formazione delle identità.
    • Indicato per la condivisione di conoscenze su un corso o su uno specifico argomento.
    • Utile per la realizzazione collettiva di una esercitazione o come diario/archivio di informazioni all’interno di una classe virtuale.
  • 52.
    • Le piattaforme di blogging oggi più note sono:
      • WordPress - http://wordpress.org
      • Blogger - http://www.blogger.com
      • Typepad - http://www.typepad.com
      • Splinder - http://www.splinder.com
  • 53.
    • Permette di costruire e gestire contenuti ipertestuali in forma cooperativa ed incrementale.
    • Adatto a supportare sia la distribuzione e la condivisione della conoscenza che la collaborazione tra discenti.
    • Sollecita la formazione di una memoria collettiva , e in tal senso offre un aiuto per catturare , conservare e condividere quelle conoscenze tacite acquisite nel tempo esplicitando il saper fare di coloro che collaborano.
  • 54.
    • Per creare un wiki è sufficiente installare un software di gestione wiki:
      • MediaWiki http://www.mediawiki.org
      • realizzato in php e con database MySQL
      • Wikipot http://wikipot.raneri.it
      • basato su MySQL 4.x e ASP
      • Wetpaint http://www.wetpaint.com
      • un pubblico servizio di gestione wiki
  • 55.
  • 56.
  • 57.
  • 58.
  • 59.
  • 60.
    • Permette la produzione, condivisione e distribuzione online di contenuti audio e/o video digitale (i podcast).
    • Utilizzabile per la riproduzione delle registrazioni di lezioni cattedratiche.
    • Adatto alla distribuzione di contenuti formativi che non richiedono interazioni col docente o alla distribuzione di contenuti che possono essere fruiti offline in ogni momento e luogo.
  • 61.
    • Tecnologia di tipo client-server che consente di scambiare messaggi di testo, file e connessioni in audio/video in tempo reale fra utenti di computer o di dispositivi mobili connessi ad Internet.
    • Alternativa flessibile a forum e blog, cioè a strumenti di interazione e cooperazioni strutturati.
  • 62.
    • Tecnologia di tipo client-server per automatizzare il processo di distribuzione (degli aggiornamenti) di contenuti e risorse messi a disposizione da siti web.
    • Permettere all’utente che segue un sito di essere automaticamente aggiornato sulle novità.
    • File XML prodotti secondo una metodologia standard che è possibile leggere e far decodificare ad appositi programmi detti aggregatori ( feed reader ).
  • 63.
  • 64.
  • 65.
    • Tecnica di condivisione sul Web di elenchi di segnalibri ( bookmark ) tra utenti di una comunità virtuale.
    • Consente di condividere i propri segnalibri con altre persone, quando invece la medesima funzione di bookmark già presente su tutti i browser è utilizzabile solo dal singolo utente.
    • Possibilità di cercare informazioni con uno strumento alternativo ai motori di ricerca e di creare cataloghi di risorse di interesse per una comunità di apprendimento.
  • 66. Il software si trasferisce sul Web Maria Grazia Celentano [email_address] Salvatore Colazzo [email_address] Dipartimento di Scienze Pedagogiche, Psicologiche e Didattiche Università del Salento

×