Recensione de la cocciutaggine su Teatroteatro.it

574 views

Published on

Dante Antonelli, regista di questa nuova edizione, sviluppa e approfondisce con equilibrio e intensità il senso di distacco che separa i personaggi del dramma dal contesto storico in cui sono collocati.

Published in: Entertainment & Humor
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
574
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
372
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Recensione de la cocciutaggine su Teatroteatro.it

  1. 1. Andrea Gimbo, La Cocciutaggine, Teatroteatro.it, 21 luglio 2013 La cocciutaggine Regia di - Dante Antonelli Al teatro Teatro Studio "Eleonora Duse" di Roma dal 16.07.2013 al 21.07.2013 Ambientato durante la guerra civile spagnola del 1939, La cocciutaggine di Rafael Spregelburd, diretto dal giovane Dante Antonelli, è un'inquietante e ironica riflessione sull'assenza di giudizio di fronte alla tragedia che si rivela nella Storia. L'impossibilità di guardare dentro l'abisso genera, nei personaggi sulla scena, una lenta quanto inesorabile fuga dagli eventi. Dante Antonelli, regista di questa nuova edizione, sviluppa e approfondisce con equilibrio e intensità il senso di distacco che separa i personaggi del dramma dal contesto storico in cui sono collocati. È evidente infatti come ogni personaggio sulla scena venga privato di una personalità definita, finendo per assumere dei tratti di schiacciante generalità (il commissario, il prete, la cameriera...), in quella che potremmo definire una involuzione antipirandelliana: personaggi in fuga dall'autore. La regia, coadiuvata da un ottimo cast, sembra voler sottolineare proprio questo tratto. Ogni attore sulla scena infatti, con una modalità non dissimile dalle rappresentazioni comiche del teatro di rivista, si presenta fin dall'inizio al pubblico dichiarando tutti i personaggi che andrà ad interpretare. Non c'è spazio per l'immedesimazione, ogni personaggio potrà offrire solo una prospettiva bidimensionale e ogni battuta ricorderà perennemente allo spettatore la distanza dal luogo e dalla storia narrata. Questo aspetto, essenziale nel testo di Spregelburd, è reso ancora più evidente dal regista, il quale concentra tutta l'azione dentro un cerchio di luce che, di fatto, blinda in maniera ineludibile i personaggi dentro il loro destino. Il motore delle azioni di tutti i personaggi in scena, la guerra civile spagnola, viene di fatto disattivato all'interno di quel cerchio, e finisce con l'essere percepito come un'esplosione ovattata e innocua, una lampadina troppo fioca per illuminare il destino superficiale dei personaggi, un evento così distante da risultare oramai superato e postumo. E infatti, a segnalare il valore postumo di questo testo era stato già il suo autore Spregelburd quando scriveva: “siamo il futuro di questa sconfitta”. Andrea Gimbo

×