Your SlideShare is downloading. ×
0
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Slidedispenseantropologiaculturale (Prof. Massimo Canevacci)

3,678

Published on

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
3,678
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
137
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1.  
  • 2. UNIVERSITA’ DI ROMA LA SAPIENZA <ul><li>CATTEDRA DI ANTROPOLOGIA CULTURALE </li></ul><ul><li>PROF. MASSIMO CANEVACCI </li></ul><ul><li>CORSO a.a. 2007-08 </li></ul><ul><li>feticismi visuali tra corpo e metropoli </li></ul>
  • 3. PRIMA PARTE TEORICA <ul><li>- 1) introduzione alla disciplina : l’antropologia culturale oggi, la svolta della “nuova antropologia critica”, l’etnografia come ricerca empirica sul campo </li></ul><ul><li>- 2) critica degli universali culturali : l’emergere del postcolonialismo; il relativismo culturale oggi; il soggetto posizionato </li></ul><ul><li>- 3) il viaggo etnografico come dislocamento : esplorazione e innovazione, incroci e attraversamenti, aldeias e metropoli </li></ul><ul><li>- 4) l’autorità nella narrazione : tensioni, passioni, conflitti tra auto-rappresentazione ed etero-rappresentazione – dialogiche interpretative e polifonie narrative, composizione performatica </li></ul><ul><li>- 5) concetti operativi : feticismi visuali, corpo-metropoli, body-corpse, bambole-marionette-creature-automi-robot-cyborg-avatar, sincretismi culturali, merci visuali, soggetto diasporico, doppio vincolo, trama-che-connette, feticismo metodologico, </li></ul>
  • 4. Antropologi culturali <ul><li>MALINOWSKI </li></ul><ul><li>MEAD </li></ul><ul><li>BATESON </li></ul><ul><li>LéVI-STRAUSS </li></ul><ul><li>GEERTZ </li></ul>
  • 5. Lévi-Strauss Malinowski Margaret Mead Bateson Mauss Nambikwara Trobriand Bali Se Mesmo
  • 6. Parte monografica <ul><li>La parte monografica affronta la ricerca empirica sulla connessione e sui transiti tra due campi ( feticismo visuale e funerale bororo ), focalizzando il tema della comunicazione e della rappresentazione: </li></ul><ul><li>- 6) comunicazione visuale : merce e feticismo, identità fluide, bodyscape-location, “farsi vedere” </li></ul><ul><li>- 7) aldeia ibrida : etnografia del Funerale Bororo a Garças (Mato Grosso, Brasile) </li></ul><ul><li>Sono previste presentazioni di immagini, ipertesti, musiche, documentari, film fondamentali per la comprensione del corso. </li></ul>
  • 7. Testi d’esame (sei crediti): <ul><li>1. Dispense di antropologia culturale  </li></ul><ul><li>saranno collocate nel sito di volta in volta durante le lezioni. tali dispense sono materia di esame solo per l'appello unico di novembre (probabilmente il 16) e tende a favorire una cosa semplice: che tutti gli studenti (frequentanti e non) facciano subito l'esame. a partire dai prossimi appelli tali dispense non saranno più testo di esame e al suo posto ci sarà tutto il libro di: </li></ul><ul><li>  1. Clifford Geertz , Interpretazioni di culture , Bologna, Il Mulino, 1998 </li></ul><ul><li>  2. Massimo Canevacci, Una stupita fatticità . feticismi visuali tra corpo e metropoli, Milano, Costa&Nolan, 2007 </li></ul><ul><li>  3. Massimo Canevacci , La linea di polvere , Roma, Meltemi, 2007 </li></ul><ul><li>- per chi vuole solo 4 crediti: i volumi 2 e 3 </li></ul>
  • 8. FETICISMI VISUALI
  • 9.  
  • 10. FUNERAL BORORO
  • 11. INTRODUZIONE ALLA DISCIPLINA <ul><li>Anthropos = essere umano </li></ul><ul><li>Logos = logica, scienza o discorso </li></ul><ul><li>Intesoggettività e dialogica </li></ul><ul><li>Cultura/culture = segni e simboli </li></ul><ul><li>Pensare – sentire – agire </li></ul><ul><li>Concetto di differenza : critica agli universali </li></ul><ul><li>Identità transitive </li></ul><ul><li>eroptica </li></ul>
  • 12. Da “La Storia” a “le storie” <ul><li>Pluralizzare e smuovere i concetti </li></ul><ul><li>L’io e l’altro </li></ul><ul><li>Il familiare e lo straniero </li></ul><ul><li>L’erotico e l’esotico </li></ul><ul><li>a) Erodoto antropologo spontaneo </li></ul><ul><li>b) Nascita della modernità: </li></ul><ul><li>scoperta / conquista dell’America </li></ul>
  • 13. Colonialismo/Etnologia <ul><li>Etnocidio delle culture native </li></ul><ul><li>La travessia : uomini e donne in schiavitù verso le americhe </li></ul><ul><li>Lavoro sul corpo e sull’”anima” </li></ul><ul><li>Evangelizzazione </li></ul><ul><li>Sincretismo </li></ul>
  • 14. FROM ROOTS TO ROUTES
  • 15. CAMALOTE <ul><li>UNA PIANTA LE CUI RADICI STANNO NELL’ACQUA E VIAGGIANO, TRANSITANO, SCORRONO DAL MITO DELLE RADICI ( ROOTS ) ALLA DIASPORA DEGLI ITINERARI ( ROUTES ) </li></ul>
  • 16. EVOLUZIONISMO <ul><li>TYLOR IL CONCETTO DI CULTURA </li></ul><ul><li>MORGAN LA PARENTELA </li></ul><ul><li>FRAZER IL RAMO D’ORO </li></ul><ul><li>Antropologia da tavolino : </li></ul><ul><li>Viaggiatori </li></ul><ul><li>Funzionari coloniali </li></ul><ul><li>Missionari </li></ul><ul><li>Mitologica </li></ul>
  • 17. MALINOWSKI <ul><li>FUNZIONALISMO </li></ul><ul><li>ETNOGRAFIA </li></ul><ul><li>OSSERVAZIONE PARTECIPANTE </li></ul><ul><li>RELATIVISMO CULTURALE </li></ul><ul><li>ISOLE TROBRIAND </li></ul><ul><li>IL RITUALE : KULA </li></ul><ul><li>CRITICA A MARX E A FREUD </li></ul>
  • 18. ISOLE TROBRIAND
  • 19.  
  • 20. sessualità <ul><li>tabu’ dell’incesto </li></ul><ul><li>rapporti di parentela </li></ul><ul><li>discendenza matrilineare </li></ul><ul><li>zio materno / fratello della madre </li></ul><ul><li>complesso edipico </li></ul>
  • 21. produzione <ul><li>KULA : </li></ul><ul><li>transizione economica, </li></ul><ul><li>rituale </li></ul><ul><li>rapporti di parentela </li></ul><ul><li>sessualità </li></ul><ul><li>religione/sacro </li></ul>
  • 22. metodo <ul><li>Cogliere il punto di vista nativo </li></ul><ul><li>La tenda </li></ul><ul><li>La lingua </li></ul><ul><li>L’informatore </li></ul><ul><li>Il taccuino </li></ul><ul><li>Il diario </li></ul><ul><li>La macchina fotografica </li></ul>
  • 23.  
  • 24.  
  • 25.  
  • 26.  
  • 27.  
  • 28.  
  • 29. 1967: IL DIARIO <ul><li>THE DIARY IN THE STRICT TERM OF THE SENSE </li></ul><ul><li>“ Voglio essere il Conrad dell’antropologia” </li></ul>
  • 30. <ul><li>CUORE DI TENEBRA </li></ul>
  • 31. LO STRUTTURALISMO <ul><li>Lévi-Strauss : </li></ul><ul><li>le strutture elementari della parentela e </li></ul><ul><li>I tristi tropici </li></ul><ul><li>La mitologica </li></ul>
  • 32.  
  • 33. CULTURA E PERSONALITA’ <ul><li>MARGARET MEAD </li></ul><ul><li>GREGORY BATESON </li></ul>
  • 34.  
  • 35.  
  • 36.  
  • 37. PER SEMPRE MARGARET
  • 38. Trance and drama in Bali
  • 39. IL LINGUAGGIO DEL CORPO
  • 40. Dalla ricerca etnografica a Bali <ul><li>nasce uno dei concetti più significativi per interpretare e modificare la comunicazione del corpo, della famiglia e dei media: </li></ul><ul><li>DOPPIO VINCOLO </li></ul><ul><li>DOUBLE BIND </li></ul>
  • 41.  
  • 42. DOPPIO VINCOLO: IL FIGLIO <ul><li>SE VOGLIO MANTENERE IL LEGAME CON MIA MADRE NON DEVO DIMOSTRARLE CHE L’AMO </li></ul><ul><li>MA, SE NON LE DIMOSTRO CHE L’AMO, LA PERDO </li></ul>
  • 43. DOPPIO VINCOLO: LA MADRE <ul><li>SE LA MADRE COMINCIA A SENTIRSI AFFEZIONATA E VICINO AL FIGLIO, COMINCIA ANCHE A SENTIRSI IN PERICOLO E DEVE RITIRARSI DA LUI; </li></ul><ul><li>MA ELLA NON PUO’ ACCETTARE QUESTO ATTO DI OSTILITA’ E, PER NEGARLO, DEVE SIMULARE AFFETTO E PROPENSIONE PER IL BAMBINO </li></ul>
  • 44. IL FIGLIO: <ul><li>A CAUSA DI QUESTA SIMULAZIONE, IL BAMBINO E’ POSTO NELLA CONDIZIONE DI NON POTER INTERPRETARE CON PRECISIONE LA COMUNICAZIONE DELLA MADRE </li></ul><ul><li>E COSI’ DEVE DISTORCERE LA SUA PERCEZIONE DI SEGNALI METACOMUNICATIVI </li></ul>
  • 45. IL FIGLIO: <ul><li>Se il bambino interpretasse correttamente i segnali metacomunicativi, dovrebbe fare i conti con fatto che la madre non desidera averlo vicino e per di più lo sta ingannando dimostrandosi affettuosa. </li></ul><ul><li>Allo scopo di sostenere l’inganno della madre, il bambino deve ingannare se stesso. </li></ul>
  • 46. <ul><li>Per continuare a vivere con lei, deve discriminare in modo errato i suoi messaggi interni, oltre che discriminare in modo errato i messaggi altrui </li></ul>
  • 47. Doppio Vincolo: panico e rabbia <ul><li>1. ingiunzione primaria: non fare così altrimenti ti punirò (negazione dell’affetto) </li></ul><ul><li>2. ingiunzione secondaria (in conflitto con la prima): non considerare ciò una punizione – non mettere in dubbio il mio amore </li></ul>
  • 48. UN SECONDO CONCETTO <ul><li>emerge dalla ricerca etnografica a Bali: </li></ul><ul><li>L’ECOLOGIA DELLA MENTE </li></ul>
  • 49.  
  • 50. THE BODY IS MADE UP <ul><li>OF SEPARATES PARTS AND MAY FALL TO PIECES: </li></ul><ul><li>BEROEK </li></ul>
  • 51. FREUD HA MOLTIPLICATO L’IO DENTRO IL SOGGETTO <ul><li>L’ECOLOGIA DELLA MENTE LO ESPANDE FUORI E LO CONNETTE CON I SOGGETTI CON CUI SCAMBIA INFORMAZIONI: E’ UNA TRAMA CHE CONNETTE L’UOMO, IL BASTONE, LA CORDA, LA MARIONETTA, IL CAMPANELLINO, LA BAMBINA…… </li></ul><ul><li>… .E ANCHE LA FOTO CON TUTTI NOI </li></ul>
  • 52. <ul><li>METTERE INSIEME I DATI E’ QUELLO CHE INTENDO PER SPIEGAZIONE: BATESON </li></ul><ul><li>METODO DI QUESTE LAVORO: MONTAGGIO LETTERARIO: </li></ul><ul><li>BENJAMIN </li></ul>
  • 53. CLIFFORD GEERTZ <ul><li>ANTROPOLOGIA INTERPRETATIVA </li></ul><ul><li>Critica alla cultura come “quel complesso insieme” (Tylor) </li></ul><ul><li>Concetto semiotico di cultura </li></ul><ul><li>M.Weber: l’uomo impigliato in una rete di significati </li></ul>
  • 54. <ul><li>L’ANTROPOLOLOGIA NON E’ UNA SCIENZA SPERIMENTALE IN CERCA DI LEGGI </li></ul><ul><li>E’ UNA SCIENZA INTERPRETATIVA IN CERCA DI SIGNIFICATO </li></ul>
  • 55. GLI ANTROPOLOGI FANNO ETNOGRAFIA <ul><li>G.Ryle: thick e thin description </li></ul><ul><li>L’es. della contrazione della palpebra in pubblico: </li></ul><ul><li>- come tic involontario </li></ul><ul><li>- come ammiccamento </li></ul><ul><li>L’identità fotografica e </li></ul><ul><li>i codici stabiliti pubblicamente </li></ul>
  • 56. Etnografia = thick description <ul><li>La cultura è pubblica come lo è il suo significato </li></ul><ul><li>E consiste in strutture di significato socialmente stabilite </li></ul>
  • 57. La ricerca etnografica <ul><li>Consiste nel mettersi nei loro panni e cogliere il punto di vista nativo </li></ul><ul><li>Non si cerca di diventare indigeni o di scimmiottarli (come i romantici le spie): si dialoga che è molto più che parlare </li></ul><ul><li>Dislocare l’ottundente senso di familiarità </li></ul>
  • 58. <ul><li>Vedere le cose dal punto di vista dell’attore </li></ul><ul><li>Analisi emica (vc etica) </li></ul><ul><li>contestuale </li></ul>
  • 59. Gli scritti antropologici <ul><li>Sono interpretazioni di secondo ordine </li></ul><ul><li>Sono fictio , non nel senso di false o irreali ma come invenzioni, qualcosa di fabbricato, costruito </li></ul><ul><li>La prima interpretazione è nativa </li></ul>
  • 60. L’antropologo <ul><li>Inscrive il discorso sociale, lo annota. Cosa fa l’antropologo? Scrive </li></ul><ul><li>Estrarre cristalli simmetrici di significato, purificati della complessità materiale, come proprietà universali della mente umana = una scienza che non esiste </li></ul>
  • 61. contro <ul><li>Il modello microcosmo: Jonesville è gli Usa </li></ul><ul><li>L’esperimento naturale </li></ul>
  • 62. Gli antropologi <ul><li>Non studiano “i” villaggi: </li></ul><ul><li>Studiano “nei” villaggi </li></ul><ul><li>Cioè il luogo della ricerca non è l’oggetto della ricerca </li></ul>
  • 63. <ul><li>Le formulazioni teoriche si elevano poco sopra le interpretazioni che governano che, separate da esse, non hanno molto senso </li></ul><ul><li>Costruire una teoria non è codificare regolarità astratte, ma rendere possibile la thick description: non di generalizzare attraverso i casi ma dal loro interno </li></ul>
  • 64. <ul><li>L’analisi sociale non è predittiva né terapeutica </li></ul><ul><li>Trarre grandi conclusioni da piccoli fatti </li></ul><ul><li>La storia indiana del mondo, della tartaruga e dell’inglese </li></ul>
  • 65. nove caratteristiche della descrizione etnografica <ul><li>1. è interpretativa </li></ul><ul><li>2. Interpreta il flusso del discorso sociale </li></ul><ul><li>3. Preserva il detto </li></ul><ul><li>4. è micrologica </li></ul>
  • 66. <ul><li>5. si basa sulla scrittura (fictio) </li></ul><ul><li>6. è simbolica </li></ul><ul><li>7. È intersoggettiva e dialogica </li></ul><ul><li>8. Studia nei villaggi </li></ul><ul><li>9. è una tartaruga </li></ul>

×