<ul><li>Polifonie antropologiche:  </li></ul><ul><li>smarrimenti metropolitani tra performance e postcoloniale   </li></ul...
Antropologia _visuale L’antropologia della comunicazione visuale vide il suo sviluppo all’inizio degli anni ’70 nel gruppo...
Antropologia _visuale Il gruppo nasce come un’associazione antropologica, che grazie al sostanziale contributo di Sol Wort...
Antropologia _visuale Nella newsletter 5,2 del 1974 vengono specificate le seguenti tematiche: - lo studio, l’analisi, e l...
Antropologia _visuale <ul><li>- lo studio  trans-culturale  dell’arte e dei manufatti, in una </li></ul><ul><li>prospettiv...
Antropologia  della comunicazione_ visuale <ul><li>Il  testo visuale  può essere quindi pensato come “un processo inquieto...
Il mondo come  “testo”  è stato sostituito da un mondo come  “immagine”,  ed è quindi sempre più difficile definire la cul...
<ul><li>“ Focalizzare il visuale della </li></ul><ul><li>comunicazione vuol dire, quindi, </li></ul><ul><li>selezionare qu...
L’immagine che abbiamo del mondo è una  costruzione simbolica  di significati In breve gli scritti antropologici sono essi...
Muséedu quaibranly  11-12 Mars 2009
Frammento Polifonia Montaggio Performance Paesaggio_corporeo  Frame Body_Art  Interpretazione Morphing-bodyscape ANTROPOLO...
ANTROPOLOGIA_ PERFORMANCE Performance come ri_significazione di codici culturali Attraverso il corpo e la mente è possibil...
MIQUEL_BARCELO’ 1957 en Felanitx - Mallorca Paso_ Doble In collaborazione con il coreografo Josef Nadj L’Argilla è l’eleme...
BARTHELEMY_TOGUO 1967 Cameroon Circumcision  1997
Circumcision  1997 BARTHELEMY_TOGUO 1967 Cameroon
ORLAN Saint Etienne - France 1947 Multiply_ Identities Transitare_Ibridazione_Self_ Hybridation Fluidify_Body Wiener Aktio...
ORLAN Saint Etienne - France 1947
ORLAN Saint Etienne - France 1947
ORLAN Saint Etienne - France 1947
<ul><li>Bibliografia di riferimento: </li></ul><ul><li>Mirzoeff, N., </li></ul><ul><li>2002,  Introduzione alla cultura vi...
<ul><li>Polifonie antropologiche:  </li></ul><ul><li>smarrimenti metropolitani tra performance e postcoloniale </li></ul><...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Seminario Quai Branly Performance

551

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
551
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Seminario Quai Branly Performance

  1. 1. <ul><li>Polifonie antropologiche: </li></ul><ul><li>smarrimenti metropolitani tra performance e postcoloniale </li></ul><ul><li>Alessandro Silvestri </li></ul><ul><li>comunicazione_ visuale </li></ul><ul><li>Cattedra di Antropologia_Culturale Prof. M.Canevacci </li></ul>
  2. 2. Antropologia _visuale L’antropologia della comunicazione visuale vide il suo sviluppo all’inizio degli anni ’70 nel gruppo di ricerca del PIEF (Program In Ethnographic Film), dove si vennero a delineare le linee guida sia interpretative che metodologiche dei modelli e dei codici visuali.
  3. 3. Antropologia _visuale Il gruppo nasce come un’associazione antropologica, che grazie al sostanziale contributo di Sol Worth, aveva come finalità quella di sottolineare le aree d’indagine e le forme visuali che dovessero essere prese in considerazione dall’antropologia visuale. Fu proprio la nascita della rivista Studies in the Antropology of Visual Communication , diretta dallo stesso Worth, a chiarire le aree d’interesse dell’antropologia visuale.
  4. 4. Antropologia _visuale Nella newsletter 5,2 del 1974 vengono specificate le seguenti tematiche: - lo studio, l’analisi, e la produzione di film etnografici e di fotografie etnografiche in funzione della ricerca e dell’insegnamento: - l’analisi delle forme simboliche visuali di una conformazione storico culturale, - teorie, tecnologie e metodologie visuali per la registrazione e l’analisi del comportamento umano e le relazioni fra i diversi modi della comunicazione, - l’analisi della strutturazione della realtà quale viene evidenziata dai prodotti visuali e dai manufatti,
  5. 5. Antropologia _visuale <ul><li>- lo studio trans-culturale dell’arte e dei manufatti, in una </li></ul><ul><li>prospettiva sociale, culturale, storica ed estetica, </li></ul><ul><li>la relazione tra cultura e percezione visiva, </li></ul><ul><li>- lo studio delle forme dell’organizzazione sociale alla base </li></ul><ul><li>della pianificazione, della produzione e dell’uso di forme </li></ul><ul><li>simboliche visuali, </li></ul><ul><li>- l’uso di media visuali nel feedback culturale. </li></ul>L’antropologo visuale non è più solamente interessato al film etnografico, come semplice registrazione della realtà, ma a tutti i codici e modelli visuali che si manifestano in una data “cultura”.
  6. 6. Antropologia della comunicazione_ visuale <ul><li>Il testo visuale può essere quindi pensato come “un processo inquieto che coinvolge sempre quei tre partecipanti, tutti coi loro ruoli duplici di osservati ed osservatori: autore, informatore, spettatore sono tutti e tre del processo comunicativo”(Canevacci, 2001). </li></ul><ul><li>Auto _Eterorappresentazione </li></ul>
  7. 7. Il mondo come “testo” è stato sostituito da un mondo come “immagine”, ed è quindi sempre più difficile definire la cultura soltanto in termini linguistici. (Mirzoeff, 2002) La crescente importanza della cultura visuale può offrire all’antropologia della comunicazione nuove prospettive, partendo dal concetto che per capire la visual culture è importante riconoscere che l’immagine visiva non è stabile, ma cambia continuamente il proprio rapporto con la realtà. E’ in questa “differenza” interpretativa che “il visuale” della comunicazione diventa parte integrante del “fare” antropologia.
  8. 8. <ul><li>“ Focalizzare il visuale della </li></ul><ul><li>comunicazione vuol dire, quindi, </li></ul><ul><li>selezionare questo ambito della </li></ul><ul><li>cultura contemporanea in quanto </li></ul><ul><li>al suo interno si possono </li></ul><ul><li>concentrare il potere e il conflitto, </li></ul><ul><li>la tradizione e il mutamento, la </li></ul><ul><li>sperimentazione e l’assuefazione, </li></ul><ul><li>il globale e il locale, l’omologato e </li></ul><ul><li>il sincretico” (Canevacci, 2001:11) </li></ul><ul><li>Includere le forme visuali nel concetto di “cultura”, significa espandere la ricerca antropologica verso campi d’indagine ancora tutti da interpretare e decodificare. L’immagine ha assunto un ruolo centrale e determinante nell’elaborazione di senso della realtà quotidiana. </li></ul><ul><li>Interpretare significa prima di tutto “visualizzare”. </li></ul>Comunicazione _Visuale
  9. 9. L’immagine che abbiamo del mondo è una costruzione simbolica di significati In breve gli scritti antropologici sono essi stessi interpretazioni, e per di più di secondo o di terzo ordine. Sono quindi invenzioni, invenzioni nel senso che sono “qualcosa di fabbricato” , “qualcosa di confezionato”- il significato originario di fictio - non che sono false, irreali o semplicemente ipotesi pensate “come se” Cliffors Geertz, Interpretazione di Culture, 1988 Comunicazione _Visuale
  10. 10. Muséedu quaibranly 11-12 Mars 2009
  11. 11. Frammento Polifonia Montaggio Performance Paesaggio_corporeo Frame Body_Art Interpretazione Morphing-bodyscape ANTROPOLOGIA_ PERFORMANCE Ho sognato per anni un’antropologia liberata. Per “liberata” intendo affrancata da certi pregiudizi che sono diventati le caratteristiche distintive di quel genere letterario conosciuto sotto il nome di “lavori antropologici”. Victor Turner, Antropologia della Performance , 1993
  12. 12. ANTROPOLOGIA_ PERFORMANCE Performance come ri_significazione di codici culturali Attraverso il corpo e la mente è possibile vivere un’ esperienza performativa e riflettere, quindi, sull’esperienza stessa Performance come meta_ commento Liminale come contesto di ibridazione culturale_zona fertile di potenziali nuovi modelli culturali Liminoide si differenzia dal liminale per la sua componente di scelta individuale
  13. 13. MIQUEL_BARCELO’ 1957 en Felanitx - Mallorca Paso_ Doble In collaborazione con il coreografo Josef Nadj L’Argilla è l’elemento materico performativo Trasformazione del corpo_argilla Ibridismo e fusione
  14. 14. BARTHELEMY_TOGUO 1967 Cameroon Circumcision 1997
  15. 15. Circumcision 1997 BARTHELEMY_TOGUO 1967 Cameroon
  16. 16. ORLAN Saint Etienne - France 1947 Multiply_ Identities Transitare_Ibridazione_Self_ Hybridation Fluidify_Body Wiener Aktionismus (Otto Muehl, Gunter Brus) Gina Pane e Ana Mendieta
  17. 17. ORLAN Saint Etienne - France 1947
  18. 18. ORLAN Saint Etienne - France 1947
  19. 19. ORLAN Saint Etienne - France 1947
  20. 20. <ul><li>Bibliografia di riferimento: </li></ul><ul><li>Mirzoeff, N., </li></ul><ul><li>2002, Introduzione alla cultura visuale , Roma, Meltemi. </li></ul><ul><li>Clifford, J., Marcus G., </li></ul><ul><li>1997, Scrivere le Culture, Meltemi, Roma </li></ul><ul><li>Turner V., </li></ul><ul><li>1993, Antropologia della Performance, Il Mulino, Bologna </li></ul><ul><li>Borofsky R., a cura di, </li></ul><ul><li>2000, L’antropologia Culturale Oggi, Meltemi, Roma </li></ul><ul><li>Lévi-Strauss C., </li></ul><ul><li>1985, La via delle maschere, Einaudii, Torino </li></ul><ul><li>Canapè, </li></ul><ul><li>2005, Rivista N°5. </li></ul><ul><li>Demeude H., </li></ul><ul><li>2006, Musée Catalogue Quai Branly, Edizions Scala, Paris </li></ul>
  21. 21. <ul><li>Polifonie antropologiche: </li></ul><ul><li>smarrimenti metropolitani tra performance e postcoloniale </li></ul><ul><li>Alessandro Silvestri </li></ul><ul><li>[email_address] </li></ul><ul><li>Skype: lordtora </li></ul>
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×