Gemellaggio italia belgio ppt
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Gemellaggio italia belgio ppt

on

  • 958 views

 

Statistics

Views

Total Views
958
Views on SlideShare
958
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
3
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Gemellaggio italia belgio ppt Presentation Transcript

  • 1. Gemellaggio antifascista Italia - Belgio
    > Arrivo, sistemazione, Castello di Calenzano
    > Firenze, incontro in Provincia e visita in città
    > Valibona, celebrazione ufficiale gemellaggio
  • 2. Italia chiama Belgio
    La Resistenza degli emigrati italiani in Belgio: l’antifascismo è di tutte le patrie
    Manifestazione in occasione del giorno della fine della Seconda Guerra mondiale e della firma dell’accordo di partenariato tra le sezioni ANPI “Giuseppe Di Vittorio” e “Anna EnriquezAgnoletti” di Firenze, la Sezione ANPI di Calenzanoe la Sezione ANPI “Lanciotto Ballerini” di Campi Bisenzio con l' IV-INIG (InstitutdesVétérans- Institut National desInvalides de Guerre) e l'ANPI Belgio.
  • 3. 6 maggio 2011Arrivo, sistemazione e Castello di Calenzano
    Il gruppo degli amici belgi atterra all’aeroporto di Bologna. Dopo i saluti di rito e il trasferimento a Calenzano, vengono alloggiati in parte nella ex scuola delle Croci (“Regina Margherita”), in parte all’Hotel La Selva, tra Calenzano e Le Croci.
    Nel pomeriggio visita al Castello di Calenzano e al museo del figurino storico (“Così è più facile insegnare la storia!!” ha commentato JérômeAdant professore di liceo in Belgio). Cena alla Pubblica Assistenza di Campi Bisenzio a base di carne, vino e canti partigiani!
  • 4. Il Castello di Calenzano
    Il cortile interno del castello, XII secolo
  • 5. Il museo del soldatino
    Entrando al Museo, il visitatore viene introdotto nel mondo del modellismo attraverso un viaggio che ricostruisce la storia dei soldatini, ne illustra le diverse tipologie, presenta le diverse fasi della produzione, mostra le potenzialità dell’universo modellismo. Il percorso continua con un’ampia sezione didattica in cui il visitatore incontra gli Etruschi e la civiltà di Roma, passa poi dall’Antichità al Medioevo dei castelli e dei Comuni, fino alla caduta della Repubblica Fiorentina. Dopo un rapido sguardo al rapporto tra guerra e società nell’Europa tra seicento e settecento, il percorso prosegue attraverso l’Età Napoleonica ed il Risorgimento fino alla Grande Guerra.
    Chiude questa ampia Sezione didattica una sala dedicata agli uomini, ai mezzi ed agli eventi della Seconda Guerra Mondiale, con particolare riferimento alla Linea Gotica ed alla Resistenza.
    http://www.museofigurinostorico.it/
  • 6. 7 maggio 2011Incontro in Provincia, visita di Firenze
    La mattina del sabato la delegazione di Calenzano accompagna il gruppo di ospiti al Palazzo della Provincia, il celebre Palazzo Medici-Riccardi, residenza fatta costruire nel 1460 da Cosimo il Vecchio e progettata da Michelozzo.
    La sala che ospita l’incontro è la celebre Galleria degli Specchi realizzata nel 1685, quando il palazzo era di proprietà della famiglia Riccardi, ed è uno dei più importanti esempi di barocco fiorentino. La volta dipinta è opera di Luca Giordano.
    Foto di Alessio Quadri
  • 7. Firenze, Sede della Provincia di Firenze, Palazzo Medici Riccardi, Via Cavour, 1 - Sala Luca Giordano - Ore 10
    Prime e seconde generazioni di antifascisti: la partecipazione degli emigrati italiani alla Resistenza in Belgio
    Interventi:
    • Renzo Crescioli Assessore della Provincia di Firenze
    • 8. Massimiliano Bianchi, Camera del Lavoro di Firenze
    - Francesca Chiavacci, Presidente ARCI Firenze
    • Alberto Alidori, Presidente Sezione ANPI “Giuseppe Di Vittorio”, Firenze
    • 9. Filippo Giuffrida, Vice Presidente ANPI Belgio
    • 10. Michel Jaupart, AdministrateurgénéralInstitutdesVétérans - Institut National desInvalides de Guerre - Jean Cardoen, DirecteurMémoireetCommunicationInstitutdesVétérans
    Partecipano: gli allievi del Liceo di La Louvière e JérômeAdant, professore di storia Liceo di La Louvière
    Coordina: Andrea Vignozzi, Presidente Sezione ANPI “Anna EnriquezAgnoletti”, Firenze
  • 11. Andrea Vignozzi, il più giovane presidente di Sezione ANPI d’Italia, coordinatore dell’incontro, mentre presenta gli ospiti.
    Francesca Chiavacci presidente ARCI Firenze, Silvano Sarti e Fulvia Alidori.
    In seconda fila l’Assessore alla Pubblica Istruzione e Solidarietà Internazionale.
  • 12. Momenti dell’incontro
  • 13. Momenti dell’incontro
  • 14. Il prezioso lavoro di traduzione permette a tutti di apprezzare l’intervento di Michel Jaupart.
  • 15. Alberto Alidori,
    Presidente della Sezione ANPI “Giuseppe Di Vittorio” di Firenze
  • 16. Quattro passi per Firenze
    «Giorgio La Pira ricordò a noi tutti che la grandezza di Firenze non sta solo nelle sue opere d’arte e nei suoi monumenti, ma soprattutto nell’aver insegnato al mondo, con la sua alta lezione umanistica che la dignità umana non consiste nel padroneggiare le cose, bensì nell’orientarle verso la libertà, la giustizia e la bellezza.»
    Franco Cardini (storico medievalista)
  • 17. Cartoline della città medaglia d’oro della resistenza
    Palazzo Medici Riccardi,
    sede dell’incontro e sede della Provincia di Firenze
    La Porta del Paradiso,
    Lorenzo Ghiberti
  • 18. Il Duomo di Firenze,
    la cupola di Brunelleschi, il campanile di Giotto e la cattedrale di Santa Maria del Fiore
    Il Marzocco,
    simbolo della Repubblica di Firenze, realizzato da Donatello nel 1420
  • 19. La battaglia di Firenze
    Il giro per Firenze ricorda anche il periodo della Liberazione della città dall’occupazione nazifascista avvenuta nell’agosto 1944. L’episodio ha grande rilevanza perché entrarono in città prima le formazione partigiane e successivamente le truppe degli alleati anglo-americani.
    http://www.resistenze.org/sito/te/cu/st/cust6g29.htm
  • 20. 8 maggio 2011Celebrazione del gemellaggio a Valibona
    Il momento culminante della tre giorni di scambio e di incontro è stato senz’altro l’atto formale della firma di partenariato. Le firme in calce, di fronte al cippo in memoria di Lanciotto Ballerini e della sua brigata (caduta in un’imboscata la mattina del 3 gennaio 1944), sono state poste da:
    Filippo Giuffrida per l’ANPI Belgio, Silvano Franchi Presidente della Sezione ANPI di Calenzano, Fulvio Conti Presidente della Sezione ANPI “Lanciotto Ballerini” di Campi Bisenzio, Alberto AlidoriPresidente della Sezione ANPI “Giuseppe Di Vittorio” di Firenze, Andrea Vignozzi Presidente della Sezione ANPI “Anna EnriquezAgnoletti” di Firenze e Michel Jaupartdell’InstitutNational desInvalides de Guerre.
  • 21.
  • 22. Le firme
    Silvano Franchi, detto “Morino”,
    Presidente della Sezione ANPI di Calenzano
    Fulvio Conti,
    Presidente della Sezione ANPI “Lanciotto Ballerini” di Campi Bisenzio
  • 23. Le firme
    Andrea VignozziPresidente ANPI
    Sez. Anna EnriquezAgnoletti” di Firenze
    Alberto Alidori
    Presidente ANPI
    Sez. Giuseppe Di Vittorio di Firenze
  • 24. Le firme
    Michel Jaupart,
    AdministrateurGénéralInstitutdesVétérans- Institut National desInvalides de Guerre
    Filippo Giuffrida,
    Vice Presidente ANPI Belgio
  • 25.
  • 26. Saluti dal Belgio antifascista
  • 27. La parola alle istituzioni
  • 28. Racconti
    L’attrice Daniela Morozzi legge “La battaglia di Valibona”
    Il partigiano Silvano Sarti, nell’emozionante ricordo di quei fatti, incita all’ottimismo per un futuro che porterà “bei giorni” di fronte a un fascismo che cerca di rialzare la testa, in Italia e in Europa. Hanno perso una volta - ammonisce Silvano - e perderanno sempre! Chi vuole la sopraffazione, il privilegio, l’ingiustizia, lo sfruttamento non può avere la meglio!
    Questo incontro è un bellissimo punto di partenza, un nuovo modo di interpretare la lotta per la libertà e l’antifascismo.
  • 29. Altre storie
    L’attualità e non solo la guerra di liberazione. La storia d’Italia è segnata da attacchi fascisti e neofascisti, che per strade diverse cercano di riportare indietro le lancette della storia; buttare a mare la Costituzione e disegnare un nuovo ordine di autoritarismo travestito da democrazia televisiva. La P2 (loggia massonica eversiva degli anni Settanta) lo aveva teorizzato e un pezzo alla volta questa destra al governo sta mettendo in pratica il suo programma.
  • 30. “Ora e sempre RESISTENZA!”
    Bella Ciao" (versione Modena City Ramblers)
  • 31. Valibona
    La bandiera della Brigata Lanciotto Ballerini (già “Lupi neri”) e la bandiera della Pace.
    Sullo sfondo il fienile rifugio dei partigiani e luogo dell’imboscata fascista.
  • 32. SilvanoeSilvano,PARTIGIANI
    «Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati.
Dovunque è morto un Italiano per riscattare la libertà e la dignità della nazione, andate là, o giovani, col pensiero, perché là è nata la nostra costituzione.»
    Piero Calamandrei, Discorso sulla Costituzione, 1955
  • 33. Italia chiama Belgio
    La Resistenza degli emigrati italiani in Belgio: l’antifascismo è di tutte le patrie
    Firenze 6 - 8 maggio 2011
    Iniziativa a cura delle sezioni ANPI di Calenzano, “Lanciotto Ballerini” di Campi Bisenzio, “Giuseppe di Vittorio” e “Anna EnriquezAgnoletti” di Firenze e dell’istituto ANPI del Belgio e dell’InstitutdesVétérans- Institut National desInvalides de Guerre.
    Resoconto curato da David Mugnai - ANPI Calenzano.
    Le foto dell’incontro in Provincia di Firenze sono realizzate da Alessio Quadri.
    Le fotografie relative al gemellaggio sottoscritto in Valibona sono di Laura Rossi.
    Le altre immagini pubblicate vengono dal web, la loro pubblicazione è intesa unicamente per scopi di illustrazione, di discussione e di scambio culturale, a vantaggio dei lettori.
    AssociazioneNazionalePartigiani d’Italia
    Institut des Vétérans - Institut National des Invalides de Guerre