• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Storia dell'Informatica
 

Storia dell'Informatica

on

  • 1,458 views

Lez n. 3

Lez n. 3

Statistics

Views

Total Views
1,458
Views on SlideShare
1,458
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
18
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Storia dell'Informatica Storia dell'Informatica Presentation Transcript

      • Le generazioni:
      •  Preistoria
      •  Prima generazione (1941-1956)
      •  Seconda generazione (1956-1963)
      •  Terza generazione (1964-1971)
      •  Quarta generazione (dal1971 ad oggi)
      •  Prospettive future
      • 1500 A.C. circa ABACO, inventato dai cinesi;
      • 1600 circa OSSICINI DI NEPERO, bastoncini numerati da accostare in determinate posizioni per ottenere dei calcoli;
      • 1642 PASCALINA, inventata da Blaise Pascal.
      • Prima macchina completamente automatica
      • composta da cilindri numerati da 0 a 9;
      • 1820 ARITMOMETRO, inventato da Charles Xavier Thomas de Colmar si basava sul concetto delle macchine con pignoni e ruote dentate come la Pascalina;
      • 1882 la MILLIONAIRE, prima calcolatrice meccanica, progettata da Otto Steiger e venduta in 4500 esemplari negli uffici contabili europei e del nuovo continente;
      • 1899 - la calcolatrice di Willian S. Burroghs fu ancora più diffusa e stampava il totale delle operazioni su un striscia di carta;
      • Quasi nello stesso periodo di Burroghs, il francese Joseph Marie Jacquard riprende l'idea dei cartoni preforati che automatizzavano il lavoro delle macchine tessili introducendo negli elaboratori il concetto di “scheda preforata” in grado di programmare la sequenza delle operazioni;
      • 1832 - la MACCHINA ANALITICA di Charles Babbage univa i vantaggi della scheda preforata e i concetti di base del calcolo automatico
      • è il precursore dell'Informatica avendo progettato una macchina dotata di uno “store” (magazzino per la memoria di dati) e di un “mull” (ingranaggio-unità di calcolo per l'elaborazione dei dati).
      • 1872 - prima MACCHINA ANALOGICA creata da Lord Kelvin e James Thomas basata sulle intuizioni di Babbage. Essa era impiegata per studiare il flusso delle maree.
      • 1890 - TABULATRICE di Herman Hollerit, inventata per il censimento della popolazione degli USA con l'impiego delle schede preforate. Nelle schede erano inseriti tutti i dati anagrafici di ogni cittadino ed hanno assunto le dimensioni standard di un biglietto da un dollaro.
      • In seguito al successo della TABULATRICE (censimento in Norvegia, Austria e URSS nel 1896), Hollerit fondò la IBM (international business machine).
      • 1938. Viene costruito in casa dall'Ing. Konrad Zuse il primo CALCOLATORE ELETTROMECCANICO a relè con sistema binario, lo Z1. Tre anni dopo, l'Ing. Zuse realizzerà lo Z3, il primo calcolatore Elettromecc. Con migliaia di relè programmato con pellicola cinematog. preforata.
      • 1944. Viene inventato dal Prof. Howard H. Aiken in collaborazione con un gruppo di ingegneri della IBM il MARK 1 soprannominato Bessie. Era alto tre metri,lungo 17 e pesava 5 tonnellate. Bessie leggeva le istruzioni sul nastro e i dati sulle schede preforate con 78 calcolatrici collegate fra loro e 3300 relè che comandavano le parti meccaniche.
      • Sommava due numeri di 23 cifre in tre decimi di secondo e li moltiplicava tra loro in tre secondi. Fu usato per oltre 15 anni dalla marina USA e dall'artiglieria per il sistema di puntamento dei cannoni.
      • Durante la II guerra le necessità belliche fanno progredire molto le ricerche nel settore del calcolo automatico. Al termine del conflitto il computer entra nel mondo civile con l'inizio dell' ERA TECNOLOGICA.
      • I tubi a vuoto o VALVOLE introdotti nei calcolatori porta alla prima generazione e alla nascita del primo CALCOLATORE ELETTRONICO : l' ENIAC (Electronic Numeral Integrator and Computer).
      • Il WHIRLWIND progettato dal MIT di Boston fu il primo simulatore di volo per piloti. Era composto da 4500 valvole e 14800 diodi, occupava 288 mq.
      • Nel 1953 venne introdotta la MEMORIA A NUCLEI MAGNETICI. Questo sistema di memoria rendeva l'elaboratore più veloce ed affidabile e fu mantenuto fino all'introduzione dei semiconduttori negli anni '70.
      • 1945. realizzazione dell' EDVAC (electronic discrete variable automatic computer) da parte di John Von Neumann. L'EDVAC fu il primo calcolatore basato su un programma memorizzato . D'ora in poi l'evoluzione dell'informatica si sdoppierà nei settori dell'Hardware e del Software. L'EDVAC è il prototipo dei moderni elaboratori.
      • L'aumento del costo del lavoro e la realizzazione di modelli di elaboratore sempre più compatti e perfezionati rende possibile l'impiego dei primi computers nella P.A. con un carico di lavoro pesante ma ripetitivo. Il primo computer commerciale è l' UNIVAC-1 e segnò l'inizio dell'informatica gestionale.
      • Durante gli anni '50 esercito, marina e aviazione USA
      • diventano i principali utenti dei nuovi calcolatori.
      • Nel 1951 l'Air Force attivò il sistema di difesa SAGE che
      • controllava lo spazio aereo statunitense. Il sistema era
      • basato sul più grande computer mai costruito.
      • ( AN/FSQ-7) pesante 175 tonnellate.
      • Dal 1954 i calcolatori IBM e UNIVAC cominciarono a
      • entrare nel settore delle applicazioni gestionali. Si fece
      • uso di sistemi di memorizzazione delle informazioni
      • ausiliari su nastri o dischi magnetici. Parallelamente
      • acquista importanza il concetto di programma scritto in
      • linguaggio macchina. Uno dei primi fu il FORTRAN che
      • entrò in servizio su un IBM 704.
      • Con il PHILCO 2000 , primo computer a transistor disponibile commercialmente avviene il passaggio dalla prima alla seconda generazione.
      • Il transistor fu scoperto nel 1947 da Walter Brattain, John Bardeen e William Shockley nei laboratori della Bell. Rispetto alla valvola il transistor occupa pochi millimetri, costa poco e ha una velocità di lavoro dieci volte superiore . Il transistor è composto da cristalli di silicio o germanio e può far passare o meno la corrente rappresentando l'uno o lo zero del sistema binario.
      • Al Fortran seguirono altri linguaggi di programmazione
      • come il COBOL (Common Business Oriented
      • Language) sviluppato dal Pentagono nel 1960. Dello
      • stesso anno è il LISP creato da John McCarthy e del
      • 1964 il BASIC di Thomas Kurtz e John Kemeny, un
      • linguaggio di programmazione semplice da imparare.
      • Con la 2 a generazione nasce un nuovo tipo di
      • macchina: il minicomputer . Nel 1960 il Pdp-1, e successivamente il Pdp-8 , cominciano ad assumere
      • dimensioni di un frigorifero e un prezzo di 18 mila dollari
      • che permisero un'ampia diffusione tra utenti che non
      • avevano bisogno di una grande potenza. Comincia la
      • storia del mini.
      • 1964. Il balzo versa la terza generazione avvenne con
      • l'invenzione del circuito integrato quale supporto per
      • l'informazione: una sottile lamina di silicio (chip)
      • montata su un supporto di plastica sul quale sono
      • condensati i componenti elettronici miniaturizzati. I
      • circuiti integrati misero in soffitta i transistor per la
      • possibilità di condensare i componenti elettronici, il
      • minor costo e per l'aumentata velocità. Le prime macchine
      • ad adottare il circuito integrato furono il Pdp-11 della
      • Digital e il Sistema 360 dell'IBM.
      • Nella terza generazione le macchine hanno subìto
      • cambiamenti determinanti per gli anni successivi: si
      • consolida l'esistenza del terminale remoto , che si
      • collega all'unità centrale in rete tramite le linee
      • telefoniche.
      • Nasce il time-sharing (Una tecnica che permette a più utenti di accedere a un computer centrale tramite terminali in remoto).
      • Un elemento fondamentale della 3° generazione fu la nascita dei
      • sistemi operativi in grado di gestire la memoria
      • centrale e di far girare più programmi diversi tra loro.
      • La crescente integrazione di circuiti in un solo chip
      • determinò, all'inizio degli anni '70, l'avvento della quarta
      • generazione di calcolatori caratterizzati dall'impiego del
      • microprocessore , un'unità centrale di elaborazione
      • realizzata su un solo chip.
      • Nel 1968 nasce la INTEL con lo scopo di fabbricare chip di memoria. Alla fine del 1970 poté entrare in produzione il primo microprocessore della storia: l' Intel 4004.
      • I circuiti integrati della terza generazione eseguivano ognuno un compito specifico,
      • il microprocessore, invece, è il circuito integrato considerato il cervello del computer e realizza tutte le funzioni principali.
      • I computer, sempre più piccoli e meno cari, entrano nelle nostre case.
      • ?