Your SlideShare is downloading. ×
0
Academic library: a proposal
Academic library: a proposal
Academic library: a proposal
Academic library: a proposal
Academic library: a proposal
Academic library: a proposal
Academic library: a proposal
Academic library: a proposal
Academic library: a proposal
Academic library: a proposal
Academic library: a proposal
Academic library: a proposal
Academic library: a proposal
Academic library: a proposal
Academic library: a proposal
Academic library: a proposal
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Academic library: a proposal

295

Published on

Academic libraries' organization in the age of Three cultures (Jerome Kagan)

Academic libraries' organization in the age of Three cultures (Jerome Kagan)

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
295
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  1. La biblioteca accademica che cambia: problematiche ed opportunità per un ruolo rinnovato 27 settembre 2013 Firenze, Università degli Studi di Firenze Unità nella diversità: gli SBA e i rapporti tra biblioteche di area umanistica e di area scientifica Andrea Capaccioni Dipartimento di Lettere, Lingue, Letterature e Civiltà antiche e moderne Università degli Studi di Perugia
  2. due premesse 1/ le biblioteche universitarie e la loro organizzazione 2/ “In primo luogo la biblioteca universitaria dovrà impostare la sua trasformazione sulla piena adesione alla missione dell'ateneo nel quale opera e dimostrare di saper collegare i propri obiettivi con quelli dell'istituzione accademica” A. Capaccioni, Le biblioteche dell'università. Storia, modelli, tendenze, Milano, Apogeo, 2012 ► Megan Oakleaf, Value of academic libraries: a comprehensive research review and report, Chicago, Association of College and Research Libraries, 2010
  3. Le finalità di una biblioteca universitaria sono le stesse dell’ateneo di cui fa parte: l'apprendimento, la didattica e la ricerca. In altri termini la mission dei servizi bibliotecari costituisce una sola cosa con la mission dell’università Mauro Guerrini, La qualità dell’architettura delle biblioteche universitarie per la qualità del servizio e della didattica, 2007 integrazione delle BUR con altre strutture e servizi universitari (didattica online, valutazione della ricerca, sistemi informativi, portale di ateneo) AIB, Commissione Nazionale Università e Ricerca, Rilanciare le Biblioteche Universitarie e di Ricerca italiane, 2013
  4. Le finalità di una biblioteca universitaria sono le stesse dell’ateneo di cui fa parte: l'apprendimento, la didattica e la ricerca. In altri termini la mission dei servizi bibliotecari costituisce una sola cosa con la mission dell’università Mauro Guerrini, La qualità dell’architettura delle biblioteche universitarie per la qualità del servizio e della didattica, 2007 integrazione delle BUR con altre strutture e servizi universitari (didattica online, valutazione della ricerca, sistemi informativi, portale di ateneo) AIB, Commissione Nazionale Università e Ricerca, Rilanciare le Biblioteche Universitarie e di Ricerca italiane, 2013
  5. unità nella diversità SBA e i rapporti tra biblioteche di area umanistica e di area scientifica riforma dell'Università/ riorganizzazione dei SBA SBA ► infrastrutture basilari per la creazione, disseminazione e conservazione della ricerca scientifica e per la costruzione di servizi a sostegno e valorizzazione dell’attività didattica AIB Cnur 2013
  6. SBA sono stati concepiti per razionalizzare e rendere più efficiente i servizi bibliotecari degli atenei tale obiettivo sembra raggiunto solo in alcune realtà universitarie in molti casi gli SBA risultano caratterizzati da una certa rigidità gestionale
  7. gli organi accademici garantiscono la ripartizione dei fondi e delle risorse (professionali, finanziarie, strutturali, ecc.) sulla base di criteri prevalentemente organizzativi: numerosità di docenti e studenti, attrezzature, ecc. sono così premiate le aree che hanno conseguito i migliori risultati nell'ambito della didattica e della ricerca un metodo che fino a poco tempo fa sembrava essere un punto di forza presenta in realtà un limite
  8. garantisce gli equilibri interni degli atenei, ma è poco adatto a cogliere la complessità del mondo accademico contemporaneo emerge l'esigenza di prendere in considerazione nuovi criteri in grado di migliorare la qualità dei servizi bibliotecari uno in particolare ► tenere conto delle differenze nell'approccio allo studio e alla ricerca tra le aree: - scientifica - umanistica e delle scienze sociali (HSS)
  9. l'idea alla base di questo criterio è semplice* ► le differenze tra le aree si manifestano attraverso specifiche esigenze - gli SBA devono recepire queste differenze - elaborare di strategie organizzative e strumenti adeguati e diversificati * Jerome Kagan, Le tre culture. Scienze naturali, scienze sociali e discipline umanistiche nel XXI secolo, Milano, Feltrinelli, 2013
  10. due esempi la monografia [contenuto] gli spazi [contenitore] 1/la monografia - nel mondo è il prodotto editoriale di riferimento per molte discipline HSS - da tempo è ritenuta marginale per le scienze naturali
  11. 1/La monografia - superare i pregiudizi (es. “le M. sono obsolete”) - politiche di acquisto SBA collegate agli obiettivi strategici dell'ateneo - risorse per l'acquisto di prodotti editoriali rispondenti alle reali esigenze delle aree disciplinari
  12. due esempi: le monografie, gli spazi 2/gli spazi biblioteche come luogo di studio: non è più sufficiente gestire gli spazi di lettura e di studio solo con criteri di spartizione per garantire un servizio efficace si dovrà tenere conto anche in questo caso delle differenze tra le aree disciplinari
  13. 2/gli spazi - area HSS richiede prevalentemente spazi individuali per la lettura e per lo studio e la presenza di materiale anche cartaceo - aree scientifiche sono invece più orientate verso il lavoro di gruppo e la consultazione di banche dati
  14. 2/gli spazi - SBA una politica degli spazi che non sia solo spartizione di locali - soluzioni diversificate: sale lettura e di consultazione, aule studio (piccoli gruppi), laboratori (banche dati, collegamenti, computer), consulenza dei bibliotecari presso i docenti/studenti, ecc.
  15. una nuova visione strategica del servizio e del ruolo degli SBA passa attraverso un'adeguata attenzione verso ► - la complessità della missione degli atenei - le differenze tra aree disciplinari solo così contribuiranno a soddisfare le esigenze che emergono dalla comunità accademica e dalla comunicazione scientifica permettendo alle biblioteche di riconquistare un ruolo centrale all'interno degli atenei
  16. La biblioteca accademica che cambia: problematiche ed opportunità per un ruolo rinnovato 27 settembre 2013 Firenze, Università degli Studi di Firenze Unità nella diversità: gli SBA e i rapporti tra biblioteche di area umanistica e di area scientifica Andrea Capaccioni Dipartimento di Lettere, Lingue, Letterature e Civiltà antiche e moderne Università degli Studi di Perugia

×