• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Piano Di Riutilizzo Delle Acque Reflue per la Provincia di Rimini
 

Piano Di Riutilizzo Delle Acque Reflue per la Provincia di Rimini

on

  • 2,296 views

 

Statistics

Views

Total Views
2,296
Views on SlideShare
2,288
Embed Views
8

Actions

Likes
0
Downloads
11
Comments
0

1 Embed 8

http://www.slideshare.net 8

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Piano Di Riutilizzo Delle Acque Reflue per la Provincia di Rimini Piano Di Riutilizzo Delle Acque Reflue per la Provincia di Rimini Presentation Transcript

    • Piano di riutilizzo delle acque reflue Sistema depurativo Area Nord RIMINI
    • Articolazione del Piano (art. 73 Norme PTA)
      • caratteristiche territoriali dell’area di studio;
      • caratteristiche del sistema depurativo dell’area nord di Rimini;
      • analisi della disponibilità quali-quantitativa della risorsa con riferimento alle disposizioni del D.M. 185/2003;
      • caratteristiche delle utenze e i relativi fabbisogni idrici attuali e futuri;
      • criticità potenzialmente connesse al riutilizzo;
      • analisi di fattibilità degli scenari di utilizzo;
      • sistema di controllo e monitoraggio.
    • Impianto di Santa Giustina
      • Configurazione
      • attuale
      • Linea acque: 220.000 AE
      • Linea fanghi: 440.000 AE
      • Configurazione
      • futura
      • linea acque: 560.000 AE di cui 340.000 AE (MBR)
      • dismissione impianti di Bellaria-Igea Marina e Marecchiese
    • Impianto di Santa Giustina
      • TECNOLOGIA ADOTTATA
      • Sistema a membrane (MBR) – ultrafiltrazione
      • Elevato abbattimento della carica batterica e virale
      • Adeguata risposta alle significative oscillazioni di portata e carico, in tempo di pioggia e nel periodo estivo
      • Garanzia di maggiore tutela dei ricettori finali, (fiume Marecchia e Mare Adriatico)
    • Disponibilità della risorsa
      • Compatibilità acque reflue futuro impianto e requisiti
      • D. M.185/2003
      • usi irriguo e civile : OK ad eccezione dei cloruri.
      • uso industriale : requisiti di qualità concordati con le parti interessate, in relazione alle esigenze dei cicli produttivi, nel rispetto dei valori limite previsti per lo scarico in acque superficiali dalla tabella 3 dell'allegato 5 del d. lgs. 152/1999.
    • Disponibilità della risorsa
      • Compatibilità acque reflue futuro impianto e requisiti
      • D. M.185/2003
      • Santa Giustina: CLORURI concentrazione medie estive
      • Periodo 2005-2006 minimo 270 mg/l;
      • massimo 485 mg/l;
      • media 395 mg/l.
      • Periodo 2007 media 413 mg/l
      • Concentrazione massima per uso irriguo dal D. M. 185/2003 : 250 mg/l
      • Concentrazione massima consigliata per uso irriguo dalle norme PTA :
      • 100 mg/l e 150 mg/l per irrigazione con impianto a goccia.
    • Disponibilità della risorsa
      • Volumi annui erogabili dalla nuova linea a membrane
      • - situazione estiva: 11.435.700 m 3 (volume totale pari a 18.835.200 m 3 );
      • - situazione non estiva: 11.780.710 m 3 (volume totale pari a 16.764.840 m 3 ).
    • Utenze potenziali
      • Riutilizzo irriguo : Consorzio di Bonifica della Provincia di Rimini e Golf Club di Rimini;
      • Riutilizzo a scopo industriale e artigianale : Zona industriale di Viserba Monte a Rimini, Parco delle attività produttive della Valmarecchia, Area Frantoio, aziende di allevamento zootecnico;
      • Riutilizzo per servizi : Fiera di Rimini e Impianto di gestione di rifiuti speciali non pericolosi in località Santa Giustina.
    • Scenari di riutilizzo: Condizioni
      • Autorizzazione , da parte della Regione Emilia Romagna, di un valore allo scarico diverso, come previsto al punto 3 dell’Allegato del D.M. 185/2003, previo parere conforme del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio, per le specifiche destinazioni d'uso;
      • Riutilizzo, previo trattamento a membrane, unicamente delle acque reflue provenienti dall’attuale bacino afferente a Santa Giustina e Bellaria, le cui concentrazioni di cloruri sono più basse rispetto a acque reflue provenienti da impianto Via Marecchiese;
      • Esclusione dal riutilizzo le acque reflue impianto Via Marecchiese, caratterizzate da una concentrazione media di cloruri più elevata, convogliandole alla linea tradizionale dell’impianto;
    • Scenari di riutilizzo: Condizioni
      • Miscelazione delle acque reflue sottoposte al trattamento a membrane alla risorsa idrica che in futuro verrà resa disponibile dal Canale Emiliano Romagnolo, attraverso il prolungamento dell’asta principale. Riduzione del contenuto di cloruri fino a raggiungere la concentrazione richiesta dalla normativa nazionale, pari a 250 mg/l.
      • Concentrazione cloruri acque distribuite dal CER: min 5,7 mg/l; max 47,4 mg/l; media 20,6 mg/l;
      • Concentrazione cloruri uscita impianto: 395 mg/l (Bellaria + Santa Giustina)
      • Range diluizione: 0,6 – 0,7
      • Esclusione delle superfici dedicate alla coltivazione delle ortive a consumo fresco a causa delle implicazioni di carattere igienico-sanitario.
    • Scenario 1: breve termine
      • Descrizione: riutilizzo delle acque reflue per scopi di tipo industriale e di servizio
      • Utenze: zone industriali di Viserba Monte e del Parco industriale di Valmarecchia, area Frantoio e area di gestione dei rifiuti speciali non pericolosi
      • Condizioni:
      • - realizzazione della linea acque a membrane presso l’impianto di Santa Giustina allo scopo di garantire un elevato standard qualitativo ai reflui;
      • - convogliamento alla linea a membrane unicamente delle acque reflue provenienti dai collettori di Bellaria e Santa Giustina, caratterizzate da una concentrazione di cloruri più bassa rispetto a quelle provenienti dall’impianto di Via Marecchiese .
    • Scenario 2: medio termine
      • Descrizione: riutilizzo delle acque reflue per scopi irrigui (escluse le orticole), civili ed industriali
      • Utenze: Consorzio di bonifica della Provincia di Rimini (bacino IS1); CAAR, zone industriali di Viserba Monte e Parco industriale di Valmarecchia, area di gestione dei rifiuti speciali non pericolosi, Fiera, area Frantoio.
      • Condizioni:
      • - ottenimento di parere conforme del Ministero Ambiente e Tutela del territorio da parte della Regione Emilia Romagna
      • - realizzazione linea acque a membrane presso Santa Giustina;
      • - convogliamento alla linea a membrane unicamente delle acque reflue provenienti da Bellaria e Santa Giustina, caratterizzate da una concentrazione di cloruri più bassa rispetto a quelle provenienti dall’impianto di Via Marecchiese;
      • - concentrazione di cloruri nelle acque distribuite non superiore a 250 mg/l;
      • - completamento asta C.E.R. fino a vasca terminale in dx Uso (IS1) e realizzazione condotte di risalita e relative vasche di disconnessione (VD1 e VD2) al fine di consentire la miscelazione delle acque reflue con la risorsa erogabile dal CER .
    • Scenario 2: medio termine 1.918.988 1.830.647 1.962.841 3.064.776 Totale 40.745 38.760 41.731 66.500 Area Frantoio 106.272 106.272 106.272 106.272 Area smaltimento rifiuti 76.327 72.607 78.173 124.571 Fiera 82.716 78.685 84.717 135.000 Valmarecchia 82.716 78.685 84.717 135.000 Viserba Monte (esclusa Fiera) 166.484 158.371 170.512 271.716 Valmarecchia 75.677 71.989 77.508 123.511 Viserba Monte (esclusa Fiera) 1.669 1.587 1.709 2.724 CAAR 1.286.381 1.223.691 1.317.502 2.099.482 Consorzio Bonifica - IS1 Area F-V Sinistra Uso Conc media Cl Conc max Cl Conc min Cl Volumi utilizzabili dopo diluizione c/ risorsa CER (m 3 /anno) Valore limite D.M. 185/2003 (250 mg/l) Fabbisogno totale (m 3 /anno) Utenza
    • Scenario 3: lungo termine
      • Descrizione: riutilizzo delle acque reflue per scopi irrigui (escluse le orticole), civili ed industriali
      • Utenze: Consorzio di bonifica della Provincia di Rimini (IS1 e parte di IS2); Golf Club di Rimini, Viserba Monte e Parco industriale di Valmarecchia , area di gestione dei rifiuti speciali non pericolosi, aziende di allevamento zootecnico; Fiera, Area Frantoio.
      • . Condizioni:
      • - ottenimento di parere conforme del MATT da parte della Regione Emilia Romagna
      • - realizzazione linea acque a membrane presso Santa Giustina;
      • - convogliamento alla linea a membrane unicamente delle acque reflue provenienti da Bellaria e Santa Giustina, caratterizzate da una concentrazione di cloruri più bassa rispetto a quelle provenienti dall’impianto di Via Marecchiese;
      • - concentrazione di cloruri nelle acque distribuite non superiore a 250 mg/l;
      • - completamento asta C.E.R. fino a vasca terminale in dx Uso (IS1) e realizzazione condotte di risalita e relative vasche di disconnessione (VD1 e VD2) al fine di consentire la miscelazione delle acque reflue con la risorsa erogabile dal CER .
    • Scenario 3: lungo termine 3.210.418 3.059.141 3.285.514 5.172.498 Totale 40.745 38.760 41.731 66.500 Area Frantoio 106.272 106.272 106.272 106.272 Area smaltimento rifiuti 76.327 72.607 78.173 124.571 Fiera 165.433 157.371 169.435 270.000 Valmarecchia 82.716 78.685 84.717 135.000 Viserba Monte (esclusa Fiera) 332.968 316.741 341.023 543.432 Valmarecchia 75.677 71.989 77.508 123.511 Viserba Monte (esclusa Fiera) 3.337 3.175 3.418 5.447 CAAR 198.519 188.845 203.322 324.000 Golf Club 611.153 581.369 625.938 997.453 Consorzio Bonifica - IS2 - Area F Marecchia 230.889 219.637 236.475 376.830 Consorzio Bonifica - IS1 Area F Sx Marecchia 1.286.381 1.223.691 1.317.502 2.099.482 Consorzio Bonifica - IS1 Area F-V Sx Uso Conc media Cl Conc max Cl Conc min Cl Volumi utilizzabili dopo diluizione c/ risorsa CER (m 3 /anno) Valore limite D.M. 185/2003 (250 mg/l) Fabbisogno totale (m 3 /anno) Utenza
    • Sintesi degli scenari 62 5.173.000 2.327.000 3.210.000 3 63 3.060.000 1.286.000 1.919.000 2 100 568.000 - 568.000 1 Solo uso irriguo Totale % riutilizzo Volume distribuito (m 3 /anno) Volume acque reflue riutilizzate (m 3 /anno) Scenario
    • Benefici ambientali
      • rendere disponibili risorse idriche aggiuntive con possibilità di ridurre i prelievi da acque sotterranee per uso irriguo e produttivo e, al tempo stesso, liberare risorse di maggior qualità verso usi più pregiati;
      • ridurre i carichi inquinanti sversati nei corpi idrici ricettori e offrire alternative allo scarico tradizionale;
      • razionalizzare i prelievi da falda e, quindi, ridurre l’impatto da essi esercitato sulla risorsa;
      • rendere disponibili risorse idriche con caratteristiche di continuità e affidabilità che svincolano, almeno parzialmente, dalle variazioni casuali che contraddistinguono il ciclo idrologico della risorsa idrica naturale.
    • Monitoraggio
      • controllo dell’impianto di depurazione;
      • controllo della rete di distribuzione e degli effetti del riutilizzo.
    • Riepilogo dei costi realizzazione 14.260.000,00 Scenario 3 7.979.000,00 Scenario 2 1.224.000,00 Scenario 1 Costi di realizzazione (in euro) Denominazione
    • Riepilogo dei costi esercizio 317.900,00 Scenario 3 190.300,00 Scenario 2 30.700,00 Scenario 1 Costi di esercizio (in euro) Denominazione
    • Conclusioni
      • Politiche di sostegno al riutilizzo delle acque reflue recuperate attivabili dalla Regione attraverso:
      • azioni e/o contributi per l’informazione e la formazione per il corretto uso della risorsa e per il recupero di immagine presso i consumatori;
      • contributi finanziari per la concreta realizzazione delle opere necessarie al riutilizzo;
      • incentivi e agevolazioni per il sostegno di politiche tariffarie che promuovano l’utilizzo del refluo depurato nelle situazioni in cui è prioritario l’obbiettivo del risparmio idrico;
      • accordi di programma tra la Regione e i titolari degli impianti di recupero delle acque reflue e i titolari delle reti di distribuzione anche al fine di prevedere agevolazioni e incentivazioni al riutilizzo del refluo depurato.
    • Conclusioni
      • Valutazioni specifiche
      • impatto socio-economico del riutilizzo nei confronti delle utenze interessate;
      • indice di gradimento del riutilizzo presso le utenze interessate;
      • titolarità e modalità di gestione delle reti di distribuzione;
      • tariffa relativa alla distribuzione delle acque reflue recuperate;
      • ricadute tariffarie per il territorio;
      • adempimenti amministrativo-procedurali connessi al riutilizzo.
    • Costi: Condotte Scenario 3 480 4.500 Impianto sollevamento n. 10: Canale Mulini - Golf (IS2 sud-ovest) E3 635 4.700 Impianto sollevamento n. 9: Santa Giustina - Canale Mulini (IS2 nord) E2 315 1.400 Impianto sollevamento n. 8: Santa Giustina - Palloni (IS2 est) E1 450 1.450 Impianto sollevamento n. 4: vasca VD1 C.E.R.- partitore S. Giustina D 500 3.700 Impianto sollevamento n.7: Raschi - Camerano C2b 800 3.000 Impianto sollevamento n. 6: Valmarecchia - Raschi (t. Uso) C2a 800 800 Impianto sollevamento n.5: Ca’ Spina - Parco Valmarecchia C1 600 3.200 Impianto sollevamento n.3: Santa Giustina - Ca’ Spina (CAAR) C 200 1.050 Area Frantoio Viserba B2 250 2.000 Impianto sollevamento n.2: Santa Giustina- Area Frantoio B1 125 550 Impianto sollevamento n.1: Santa Giustina – Area inerti A Diametro (mm) Lunghezza (m) Tratto Adduttrice
    • 10.933.200,00 TOTALE 2.100.000,00 1 Vasca di compensazione 40.000,00 2 Attraversamenti su ponte (Marecchia) 120.000,00 2 Stazioni di sollevamento tipo 3 (n.1-2) 600.000,00 3 Stazioni di sollevamento tipo 2 (n.3-4-8) 1.750.000,00 5 Stazioni di sollevamento tipo 5 (n.5-6-7-9-10) 191.100,00 210 Attraversamenti con spingitubo 778.500,00 480 4500 Impianto sollevamento n. 10: C. Mulini - Golf (IS2 sud-ovest) E3 1.128.000,00 635 4.700 Impianto sollevamento n. 9: S. Giustina – C. Mulini (IS2 nord) E2 193.200,00 315 1.400 Impianto sollevamento n. 8: S. Giustina - Palloni (IS2 est) E1 534.600,00 500 2.700 Impianto sollevamento n.7: Raschi - Camerano C2b 330.000,00 500 1.000 Impianto sollevamento n.7: Raschi - Camerano C2b 622.800,00 800 1.800 Impianto sollevamento n. 6: Valmarecchia - Raschi (t. Uso) C2a 576.000,00 800 1.200 Impianto sollevamento n. 6: Valmarecchia - Raschi (t. Uso) C2a 384.000,00 800 800 Impianto sollevamento n.5: Ca’ Spina - Parco Valmarecchia C1 480.000,00 600 2.000 Impianto sollevamento n.3: Santa Giustina e Ca’ Spina (CAAR) C 444.000,00 600 1.200 Impianto sollevamento n.3: Santa Giustina e Ca’ Spina (CAAR) C 250.850,00 450 1.450 Impianto sollevamento: n. 4 vasca VD1 C.E.R.- partitore Santa Giustina D 170.100,00 200 1.050 Area Frantoio Viserba B 2 212.000,00 250 2.000 Impianto sollevamento n.2: Santa Giustina- Area Frantoio B1 28.050,00 125 550 Impianto sollevamento n.1: Santa Giustina – Area inerti A Importo (in euro) Diametro (mm) Lunghezza (m) Tratto Condotta
    • Costi Nella Tabella è riportata la stima dei costi complessivi dell’intervento comprendente lavori e somme a disposizione che complessivamente ammonta a € 15.408.000,00. E’ necessario considerare che in caso di realizzazione da parte dei soggetti gestori l’importo dell’Iva non rappresenta un costo, ma soltanto una partita di giro, e quindi il costo effettivo dell’intervento risulta in tal caso pari alla differenza tra € 15.408.000,00 e € 1.147.986,00, per un valore arrotondato di € 14.260.000,00.
    • Costi di esercizio 317.900,00 TOTALE 124.600,00 Energia elettrica 25.200,00 Vasche 110.400,00 Condotte 49.500,00 Sollevamenti (opere elettromeccaniche) 8.200,00 Sollevamenti (opere edili) Importo (in euro) Categoria di opera