• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
L'Open Source nella Pubblica Amministrazione
 

L'Open Source nella Pubblica Amministrazione

on

  • 2,215 views

Perché gli enti pubblici ricorrono sempre più spesso al software open source? L'intervento di Paolo Subioli all'Università "La Sapienza" di Roma traccia un quadro complessivo del fenomeno, con i ...

Perché gli enti pubblici ricorrono sempre più spesso al software open source? L'intervento di Paolo Subioli all'Università "La Sapienza" di Roma traccia un quadro complessivo del fenomeno, con i dati più aggiornati, i casi e le iniziative più rilevanti.

Statistics

Views

Total Views
2,215
Views on SlideShare
2,183
Embed Views
32

Actions

Likes
0
Downloads
23
Comments
0

3 Embeds 32

http://www.slideshare.net 16
http://www.amelya.com 15
http://amelya.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    L'Open Source nella Pubblica Amministrazione L'Open Source nella Pubblica Amministrazione Presentation Transcript

    • L’Open Source nella Pubblica Amministrazione Una panoramica d’insieme Paolo Subioli – 23 giugno 2009
    • Amelya: la via dell’outsourcing Ieri: l’ufficio tradizionale Oggi: l’Assistente Personale Personale con competenze limitate , pagato anche quando non ha da fare o si assenta . Una persona competente , laureata, bilingue, sempre a disposizione, pagata solo per l’ utilizzo effettivo . Personale a disposizione limitato . Tutte le competenze necessarie, pagate a consumo. Molte incombenze gestionali di cui occuparsi. Possibilità di concentrarsi solo sul proprio lavoro . Costi fissi alti. Costi variabili , in base alle necessità. Studio con tanto spazio inutilizzato . Libertà di lavorare ovunque .
    • Cosa fa Amelya
      • Risponde al telefono
      • Si occupa dell’ amministrazione
      • Sostituisce la segretaria quando si assenta
      • Cerca fornitori su web
      • Paga bollette e fatture
      • Realizza traduzioni o assiste nelle telefonate all’estero
      • Sollecita pagamenti …
      • … e molto altro ancora!
    • Per i Comuni: URP condiviso
      • Amelya mette a disposizione dei Comuni un servizio URP condiviso , che consente loro di offrire servizi sofisticati ai cittadini ed alle imprese, pagando a consumo solo per il suo uso effettivo.
      • L’ URP condiviso è realizzato mediante una persona (sempre la stessa) che risponde al telefono per conto del Comune .
      Foto: Bradburyandco.com
    • L’ufficio virtuale
      • Accessibile da internet o dal cellulare .
      • Consente di assegnare attività alla propria Assistente, condividendo Rubrica e Agenda .
      • Basato su tecnologie Open Source
    • Una problematica complessa Fonte: Cnipa
    • Tipologie di software OS Fonte: M. Marchesi, 2007 Software di sistema (Linux, Apache,...) Componenti software (DBMS, linguaggi, CMS, portali, ...) Automazione d’ufficio Applicativi verticali (Document Management System, Protocollo informatico, sistemi per cartografia, ...)
    • Milestones
      • Legge 340/2000
      • Maggio 2003: Commissione per il software a codice sorgente aperto nella PA:
        • gli Enti non devono vietare né penalizzare l’utilizzo di pacchetti open source;
        • il criterio per la selezione del software deve essere il “value for money”.
      • Dicembre 2003: direttiva “Sviluppo ed utilizzazione dei programmi informatici da parte delle pubbliche amministrazioni”
      • Marzo 2005: Codice dell’Amministrazione digitale
    • La “Direttiva Stanca”
      • Effettuare l’ analisi comparativa delle soluzioni, per l’acquisto di programmi informatici
      • Privilegiare le soluzioni che assicurino l' interoperabilità e la cooperazione applicativa tra i diversi sistemi.
      • Rendere i sistemi informatici non dipendenti da un unico fornitore o da un'unica tecnologia proprietaria.
      • Garantire la disponibilità del codice sorgente per l'ispezione e la tracciabilità da parte delle PA.
      • Esportare dati e documenti in più formati , di cui almeno uno di tipo aperto.
    • Codice della PA digitale
      • Le PA che siano titolari di programmi applicativi realizzati su specifiche indicazioni del committente pubblico, hanno obbligo di darli in formato sorgente , completi della documentazione disponibile, in uso gratuito ad altre PA che li richiedono e che intendano adattarli alle proprie esigenze, salvo motivate ragioni. (Art. 69, c. 1, Dlgs. 4 aprile 2006, n. 159)
      • Il Cnipa , previo accordo con la Conferenza unificata […], valuta e rende note applicazioni tecnologiche realizzate dalle pubbliche amministrazioni, idonee al riuso da parte di altre pubbliche amministrazioni. (Art. 70, c. 1 , Dlgs. 4 aprile 2006, n. 159)
    • La legge regionale umbra
      • “ Norme in materia di pluralismo informatico” (2006)
      • Incentiva la diffusione e lo sviluppo del FLOSS
      • FLOSS richiesto per:
        • documenti sottoposti a Legge 241/1990
        • trattamento dati personali
      • Incentivazione del FLOSS x enti pubblici e scuole
      • Fondo per lo sviluppo del FLOSS
      • Centro di Competenza
    • Europa area leader
    • Il fenomeno - 1 Adozione di software Open Source nelle PA locali Fonte: Istat, 2007
    • Il fenomeno - 2 Soluzioni software Open Source adottate nelle PA locali Fonte: Istat, 2007
    • Il fenomeno - 3 Fonte: P.A.O.S., Maggio 2009
    • Adozioni inconsapevoli Nota: il dato è riferito alla sola Emilia-Romagna
    • Più server che client Nota: il dato è riferito alla sola Emilia-Romagna
    • I Comuni che usano il FLOSS
    • Gli ostacoli
    • Il caso Open Office
      • OpenOffice.org viene citato in Italia da una media di oltre 300 articoli al mese (simile a MS Office)
      • L'italiano è una delle lingue più utilizzate per le ricerche su OpenOffice.org (> di quelle su MS Office)
      • L'Italia è uno tra i Paesi che inviano più traffico al sito OpenOffice.org
      • La conferenza mondiale 2009 della comunità OpenOffice.org si terrà a Orvieto
      Fonte: PLIO, 2009
    • I vantaggi
      • Aderenza agli standard
      • Indipendenza dai singoli fornitori
      • Trasparenza
      • Adattabilità
      • Flessibilità
      • Bassi costi di acquisizione
      • Semplicità procedure acquisto
      • Sostegno industria locale
    • I rischi
      • Necessità di riorientare le competenze tecniche
      • Costi di gestione non chiari
      • Instabilità
      • Proliferazione di versioni disomogenee
      • Incertezza sulle responsabilità in caso di danni
      • Difficile individuazione dell’offerta
    • Migrazione al desktop Linux: i problemi da affrontare
      • Tecnici
      • Fruibilità del desktop
      • Gestione degli applicativi software esistenti
      • Interazione con software i terze parti
      • Gestione nuovi formati e compatibilità
      • Interscambio ed interoperabilità
      • Adeguatezza dell’hardware
      • Organizzativi
      • Gestione e pianificazione del cambiamento
      • Coinvolgimento di tutte le parti
      • Riorganizzazione dei processi
      • Qualificazione degli utenti e del supporto tecnico
      • Infrastruttura di supporto agli utenti
      • Umani
      • Motivazione degli utenti
      • Abbattimento della resistenza al cambiamento
      • Comunicazione verso tutte le parti coinvolte
      Fonte: Berti e Zappalà, 2009
    • Tendenze
      • Progetti OS finanziati dalla Regione Umbria (2009):
        • Alto numero progetti incentrati su GISS e dati geologici
        • Aumento di progetti focalizzati sull’ e-learning
        • Buon numero di progetti incentrati sulla migrazione di applicativi commerciali
        • Aumento della qualità complessiva dei progetti
    • Punti di riferimento www.osor.eu www.osspa.cnipa.it
      • 85 prodotti
      • 174 casi di studio
      • 64 fornitori
      • 89 progetti ospitati
      • 1.705 progetti collegati
      • linee guida per l’acquisto
      • casi di studio
      • news
    • Le ultime notizie
      • Il Comune di Modena promuove attività formative sull’open source nelle scuole
      • Il Comune di Trento adotta la telefonia VoIP Open Source (Asterisk)
      • Lanciata la comunità italiana di PloneGov
      • Proposta di legge di 2 senatori PD su neutralità della rete, free software e società dell’informazione
      • Successo del finanziamento di iniziative da parte della Regione Umbria
      • La Regione Veneto decide di adottare standard e formati aperti
    • Grazie dell’attenzione
      • Amelya è una start-up nata a Roma nel 2007.
      • Offriamo servizi di segreteria a consumo per piccole imprese, liberi professionisti e associazioni.
      • I nostri servizi vengono utilizzati anche per la gestione di eventi speciali.
      • Hanno parlato di noi:
      Amelya S.r.l. · Tel. 06 8349 6200 · P. IVA 09690171005 · www.amelya.com ecc… (vedi www.amelya.com/ rassegnastampa )